HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Potenza Calcio, gli strali di patron Caiata al direttore di gara

10/02/2019



Il risultato di 0 a 0 ha caratterizzato la sfida tra Potenza e Rende giocata allo stadio “Alfredo Viviani” e valevole per la 25^ giornata del Girone C. Il tecnico Raffaele rinnova la fiducia a Breza tra i pali, dopo l'ottima prestazione offerta in Coppa Italia in settimana. Il modulo dei rossoblu è il consueto 3-5-2. Rende schierato da Modesto con il 3-4-3 nel quale ci sono gli innesti di Bonetto in mediana e Leveque nel tridente offensivo. Prima frazione di gioco molto combattuta che ha procurato anche qualche momento di nervosismo. In evidenza dell’episodio del 31’:França colpisce Franco a palla lontana, rosso diretto per il capitano del Potenza, che lascia i compagni in inferiorità numerica per il resto della partita. Il Potenza,però, sembra non risentirne perché le occasioni migliori le hanno proprio i padroni di casa nel recupero del primo tempo. Prima Coccia approfitta di un retropassaggio errato della retroguardia del Rende, ma Savelloni chiude la saracinesca al rossoblù.Lo stesso estremo difensore del Rende si ripete poco dopo sulla conclusione dall'interno dell'area di rigore di Leveque. Nella ripresa la musica con cambia con il Potenza sempre attento in difesa ed il Rende che fatica molto ad impensierire Breza e così le porte restano inviolate fino alla fine. Un buon punto comunque, al termine di una gara combattuta, a tratti anche nervosa (sei gialli ed un rosso il computo totale) che permette alle squadre di muovere la classifica e di salire a quota 31 (Potenza) e 32 (Rende) in classifica. In sala stampa parla della direzione arbitrale il patron Caiata:
"Inutile parlare di calcio giocato moduli e tattiche perchè la partita di oggi non si è giocata.In campo l'unico protagonista in negativo è stato l'arbitro che con la sua pessima gestione della partita ha scontentato tutti ma soprattutto il Potenza.Ci hanno massacrato e non so più cosa fare dato che dopo i dossier e dopo l'aver parlato con tutti a livello calcistico ci ritroviamo qui a commentare questo scempio che è sotto gli occhi di tutti.Mi vergogno da consigliere di Lega a dover parlare di questo arbitro ma cosa possiamo dire o fare?...ditemi voi se possiamo parlare di calcio giocato.Sono 25 partite che ci massacrano con questo arbitro che non ha avuto rispetto dei tifosi,di tutte le persone che volevano passare un pomeriggio gradevole allo stadio ma noi cosa insegniamo ai bambini dopo uno spettacolo del genere?...siamo frustrati e spero che questo arbitro venga fermato per minimo due mesi...anzi non dovrebbe proprio più arbitrare."



ALTRE NEWS

CRONACA

22/02/2019 - Genzano di Lucania. In casa ha droga e denaro, arrestato
22/02/2019 - Roccanova: picchia la moglie, arrestato
22/02/2019 - Studentessa lucana si dà fuoco a Roma
22/02/2019 - Senise: il Comune risolve il contratto con ASD Montecotugno per decadenza

SPORT

22/02/2019 - Pallavolo maschile serie D,sfida tra la prima e la seconda della classe
22/02/2019 - Hockey su pista serie B – girone E, la HP Matera si impone 11-3 sul Giovinazzo
22/02/2019 - Atletica: Pasquale La Rocca vince la gara 'Idita Sport' in Alaska
21/02/2019 - Bisignano- Bernalda Futsal.Patron Plati:“assisteremo a un match di alto livello"

Sommario Cronaca                        Sommario Sport






    

NEWS BREVI

21/02/2019 Comunicazione acquedotto lucano SOSPENSIONE idrica

Cersosimo, San Paolo Albanese, San Costantino Albanese: a causa di un guasto sull'adduttrice oggi potrebbero verificarsi cali di pressione e/o mancata erogazione negli interi abitati di Cersosimo, San Paolo Albanese e San Costantino Albanese. Il ripristino dell'erogazione è previsto al termine dei lavori di riparazione.
Melfi, Rionero in Vulture, Atella, Barile, Ginestra, Ripacandida, Filiano, San Fele: in considerazione dell’andamento dei lavori condotti da Acquedotto Pugliese Spa, si comunica che la sospensione dell’erogazione idrica nei comuni di Melfi (tranne centro storico e zona industriale di San Nicola), Rionero in Vulture, Atella, Barile, Ginestra, Ripacandida, Filiano e nelle zone rurali Monteserico e Insertafumo di San Fele, si verificherà dalle ore 20:00 di oggi (anziché dalle ore 14:00) alle ore 7:00 di domani 22 febbraio 2019.
Senise: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica in via Tufarelli sarà sospesa dalle ore 10:00 di oggi fino al termine dei lavori di riparazione.
Barile: il ripristino dell'erogazione idrica, inizialmente previsto per le ore 7,00, avverrà alle ore 11:00, di oggi salvo imprevisti.
Marsico Nuovo: a causa di un guasto improvviso, l'erogazione idrica sarà sospesa nelle contrade Fontanelle, Cappuccini, Mandaresi e zone limitrofe dalle ore 11:00 fino ad ultimazione lavori

20/02/2019 Pallavolo maschile serie D, rinviata la gara tra Volley Academy Matera e Venosa

A causa della indisponibilità della squadra ospite, è stata rinviata la gara casalinga della Volley Academy Matera contro il Venosa valida per il recupero della prima giornata di ritorno del campionato di pallavolo maschile di serie D ed in programma nella serata di mercoledì alle 19:30. L’incontro è stato rinviato al prossimo 19 marzo alle 20:30.

20/02/2019 Conferito incarico di Direttore Sanitario F.F. dell’AOR San Carlo

Il Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera Regionale San Carlo di Potenza, Dottor. Massimo Barresi, ha affidato in via temporanea le funzioni di Direttore Sanitario F.F., alla Dottoressa Angela Bellettieri, Dirigente medico della stessa Direzione. Tali funzioni saranno esercitate fino alla nomina del nuovo Direttore Sanitario.
La Dottoressa Bellettieri subentra al Dottor Antonio Picerno, che ha rassegnato le dimissioni dall’incarico per motivi personali.
L’Azienda lo ringrazia per il contributo dato negli anni in cui ha ricoperto l’incarico di Direttore Sanitario.

EDITORIALE

Noi e quella sacrosanta ''cultura del territorio''
di Mariapaola Vergallito

“I lucani conoscono la frana. I contadini lucani sono vissuti da sempre con la frana, l’orecchio teso a quel fremito oscuro, l’occhio attento a scrutare le rughe della terra. Ma un tempo nessuno la violentava la terra. La temevano, la rispettavano. Istintivamente si tramandavano quella che modernamente si è poi chiamata “cultura del territorio”. Oggi, nell’era della scienza, è proprio quella cultura che è venuta meno. Dalle paure ancestrali si è passati al s...-->continua





Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo