HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Serie D, G/H: il Picerno fuori dalla Coppa Italia

9/01/2019



Al “Donato Curcio” il Picerno, capolista del Girone H, è stato eliminato agli ottavi di finale di Coppa Italia dall’Acr Messina, compagine che lotta per non retrocedere nel Girone I. I peloritani si sono imposti per 4 a 2. Giacomarro ha fatto ricorso a un massiccio turn – over, costretto anche dai tanti infortuni e dalla squalifica di Vanacore: di quelli che potremmo definire titolarissimi, sono scesi in campo dall’inizio solamente Pitarresi, Impagliazzo e D’Alessandro. Biagioni, invece, eccetto che su Marzullo, poteva contare su tutti i suoi effettivi. Ospiti in vantaggio già al 7’ grazie a un’inzuccata di Siny Ba. I rossoblu spingono e, dopo aver battuto 7 tiri dalla bandierina in appena 20 minuti, impattano al 25’ grazie a un’autorete dello stesso Siny Ba, che infila la propria porta nel tentativo di anticipare il centravanti avversario Gallon. Ma al 38’ i siciliani tornano in vantaggio per merito di Tedesco. La prima frazione si chiude sul punteggio di 1 a 2. In avvio di ripresa Giacomarro fa entrare Kosovan ed Esposito e all’ottavo Gallon acciuffa il nuovo pareggio. Ma con due reti in una finale sotto la neve al 36’ di Catalano, e in pieno recupero di Cocimano, i giallorossi vincono e agguantano la qualificazione ai quarti: dove ad attenderli ci sarà l’Albalonga.

Gianfranco Aurilio
lasiritide.it
(Foto da pagina ufficiale Facebook Polisportiva AZ Picerno)

AZ PICERNO-ACR MESSINA 2 – 4

Picerno: Fusco, Spinelli, Cesarano (42′ st De Santis), Impagliazzo, Pitarresi, Bassini, D’Alessandro (34′ st Sambou), Lordi (1’ st Kosovan), Camara (1’ st Esposito), Ianniello (42′ st Conte), Gallon. A disp.: Coletta, Cerase, Cristiano, Ligorio. All.: Giacomarro.

Messina: Lourencon, Dascoli (19′ st Biondi), Barbera, Traditi (30′ st Janse), Ba, Sambinha, Tedesco, Bossa (35′ st Amadio), Genevier, Cocimano, Catalano (41′ st Selvaggio). A disp.: Meo, Zappalà, Aldrovandi, Lundqvist, Arcidiacono. All.: Biagioni.

Arbitro: Grasso di Ariano Irpino (Fedele-De Palma).
Reti: 7’ pt Ba, 25’ pt aut. Ba (P), 37’ pt Tedesco, 8’ st Gallon (P), 36′ st Catalano, 49′ st Cocimano
Note: giornata fredda e con neve. Ammoniti: Sambinha (M); 5’ st Kosovan (P). Angoli: 9-1. Rec.: o’ pt; 5′ st.


ALTRE NEWS

CRONACA

23/03/2019 - Aliano. Coltelli e armi nello zaino, denunciato
23/03/2019 - Irsina: sorpresi a rubare rame. Arrestato 20enne e denunciato un minorenne
23/03/2019 - Lavello: Arrestati autori di un furto ai danni di una azienda agricola in Puglia
23/03/2019 - Le poesie di Cascini alla Casa circondariale di Potenza

SPORT

23/03/2019 - Futsal Senise: vittoria casalinga contro lo Shaolin
23/03/2019 - Bernalda Futsal vs Futsal Altamura:10-4. I rossoblu emergono nella ripresa
23/03/2019 - La PM Asci Potenza sarà di scena a Molfetta per la sfida contro Asdam Pegaso 93
23/03/2019 - Serie D, G/H: il Francavilla sconfitto in casa dal Sorrento

Sommario Cronaca                        Sommario Sport






    

NEWS BREVI

23/03/2019 Calcio a 5-C1/g.UNICO: risultati 20^ giornata

Comp.Sport Pisticci-Futsal Marsico 5-2
Futsal Potenza – Real Potenza 11-4
Castrum Byanelli – San Gerardo 3-8
Maschito – Essedisport 11-5
Senise – Shaolin Soccer 11-4

23/03/2019 Basilicata: insediati i seggi elettorali

Sono stati insediati alle ore 16 i seggi elettorali in vista delle elezioni Regionali di domani in Basilicata. Nei seggi si provvederà quindi alla autenticazione delle schede per la votazione, mediante apposizione della firma dello scrutatore, alla apertura del plico contenente il bollo della sezione ed all'apposizione del timbro nell'apposito spazio. Sono 573.970 gli elettori che domani voteranno in 681 sezioni, dalle ore 7 alle 23.Ansa

23/03/2019 Sospensioni idriche 23 marzo 2019

Francavilla in Sinni: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 10:00 di oggi fino al termine dei lavori.

EDITORIALE

Noi e quella sacrosanta ''cultura del territorio''
di Mariapaola Vergallito

“I lucani conoscono la frana. I contadini lucani sono vissuti da sempre con la frana, l’orecchio teso a quel fremito oscuro, l’occhio attento a scrutare le rughe della terra. Ma un tempo nessuno la violentava la terra. La temevano, la rispettavano. Istintivamente si tramandavano quella che modernamente si è poi chiamata “cultura del territorio”. Oggi, nell’era della scienza, è proprio quella cultura che è venuta meno. Dalle paure ancestrali si è passati al s...-->continua





Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo