HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Geosat.Falabella:"due vittorie consecutive sono importanti"

10/12/2018



Mister Montagnani sceglie la diagonale Jovanovic- De Sanctis, schiacciatori Zonca-Wojcik, centrali Maccarone e Paoli ed infine Pochini libero.
Mister Falabella sceglie il solito sestetto dovendo ancora fare a meno di Galabinov quindi sceglie Pedron-Boswinkel, Barreto e Del Vecchio schiacciatori, Fortunato libero.


I primo set molto equilibrato: a turno conducono per due lunghezze prima il Lagonegro poi il Livorno. Nel finale sono più bravi i lagonegresi ad riagganciare gli ospiti e a chiudere il set

Cronaca del match
Inizio equilibrato con la Geosat Geovertical che conduce il gioco seppur di sole due lunghezze. Il pareggio arriva sul 11mo punto . Quando provano ad andare in vantaggio gli ospiti (13-15) mister Falabella chiama il tempo ma al rientro i lagonegresi devono rincorrere ancora il Livorno. Al centro si fanno sentire sia Marra che Colonico (18-19) e il vantaggio si assottiglia nuovamente. Riprovano a portarsi in vantaggio i livornesi ma prima Del vecchio (22-23) e poi Boswinkel (24-23) trova il vantaggio è il primo set è dei biancorossi in un pala Alberti letteralmente infuocato.
Secondo set inizia con due ace prima di Barreto (3-1) e poi di Marra (5-2) che portano i lagonegresi in vantaggio. Incrementa la distanza tra le due formazioni e mister Montagnani è costretto a chiamare il tempo (11-8): al rientro la Geosat subisce un break e gli ospiti con un ace di De Santis si portano a-1. Ora è Falabella a chiamare i 30’ e al rientro riprende l’avanzata … biancorossa : il solito Boswinkel ci prova con un pallonetto (14-12) poi Barreto con la pipe allunga nuovamente (16-13)ed il palaAlberti è completamente in delirio. Galvanizzati dall’ottima prestazione i lagonegresi chiudono il set, lasciando ben poco agli uomini di Montagnani.
Nel terzo set arriva la reazione del Livorno che , dopo un iniziale parzialità trova il primo importante vantaggio che costringe Falabella a chiamare il tempo (10-13). Non riescono rimettere in campo la prestazione vista nei set precedenti gli uomini di Falabella che chiama nuovamente i 30’ . Prosegue però il vantaggio ospite e Falabella sceglie di fare il solito cambio della diagonale palleggiatore opposto, con Maccabruni eDi Coste al posto di Boswinkel e Pedron. Sul 15-22 entra in gara al posto di Del vecchio anche Galabinov che dopo il periodo di recupero, ritorna a giocare al PalalAlberti. Nulla può assottigliare il vantaggio livornese e il set scorre facilmente nelle mani degli uomini di Montagnani che accorciano le distanze.
Il quarto si rivede ben presto la Geosat Geovertical combattiva di inizio gara con lo stesso sestetto e Barreto che porta i suoi sul 5-1 con un ace che fa esplodere ancora una volta il Pala Alberti. Ritornano in parità (6-6) gli ospiti, ma più per gli errori dei lagonegresi . Il solito Boswinkel si fa carica di riportare i suoi in vantaggio : l’ace del 9-6 rimette il set nella mani della Geovertical. Sul 13-8 il tecnico livornese chiama il tempo ma al rientro è sempre la Geosat a scandire il gioco: attacchi precisi, muri che bloccano gli avversari, ace che allungano il vantaggio si va sul 18-9. Il finale ormai è solo biancorosso Del vecchio sigla il +10 (23-10) Boswinkel prima il 24 e poi chiude la gara nel delirio
“ottima la reazione nel primo e nel quarto- dichiara un soddisfatto Falabella a fine gara- due vittorie consecutive sono importanti , continuiamo cosi a lavorare e a giocare , ci prenderemo altre soddisfazioni”.

Geosat-Geovertical Lagonegro: Maccabruni, Fortunato, Calonico 9, Del Vecchio 14 , Pedron 1, Boswinkel 19, Turano, Di Coste , Maiorana, Sardanelli, Marra 7, Barreto 14, Galabinov. All. Falabella

Acqua Fonteviva Apuana Livorno: Briglia, Loglisci 2, Grieco, Paoli 8, Zonca 16, Bacci , Minuti, Wojcik 14, Pochini, Jovanovic 2, De Sanctis 5, Facchini, Maccarone 5. All Montagnani

Lagonegro 7 muri, 8 ace, 15 err in battuta, 53% in attacco, 46% (25%)in ricezione
Livorno 8 muri, 6 ace, 14 errori in battuta, 43% in attacco, 33% (17%) in ricezione

25-23- 25-19- 18-25,
26’, 28’, 28’, 22’
tot 1 h 44 ‘


ALTRE NEWS

CRONACA

22/03/2019 - Rionero in Vulture: un cinghiale da salvare
22/03/2019 - Carabinieri Forestali sequestrano stazione di servizio dismessa a Tolve
22/03/2019 - Furto in abitazione nel Materano, due arresti a Zagarolo
22/03/2019 - Il progetto di superamento de 'La Fellandina' ha l'ok delle parti sociali

SPORT

22/03/2019 - Matera,iI concentramento camp. hockey su pista femminile
22/03/2019 - Grumentum Val d'Agri: ad un passo dal sogno
22/03/2019 - Serie D, G/H: al Fittipaldi il Francavilla anticipa contro il Sorrento
22/03/2019 - Bernalda Futsal,verso l'Altamura. Il dg Mazzei:“attenzione alle loro ripartenze"

Sommario Cronaca                        Sommario Sport






    

NEWS BREVI

22/03/2019 Sospensione idrica a Matera

Maratea: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica in zona Fiumicello sarà sospesa dalle ore 14:30 di oggi fino al termine dei lavori.

21/03/2019 Basilicata: al voto 573.970 elettori

Sono 573.970 gli elettori che domenica prossima, 24 marzo, voteranno in Basilicata - in 681 sezioni, dalle ore 7 alle 23 - per eleggere il presidente della Regione e i 20 componenti del consiglio regionale. E' quanto emerge dai dati forniti dalle prefetture di Potenza e Matera. Il comune della provincia di Potenza dove vi sono meno elettori è San Paolo Albanese (310); in provincia di Matera il comune con meno elettori è Cirigliano (387).Ansa

20/03/2019 Vito Pace confermato presidente Consiglio Notarile

Il Consiglio Notarile Distrettuale di Potenza, Lagonegro, Melfi e Sala Consilina ha riconfermato, all'unanimità, per il triennio 2019/2021, quale Presidente il Notaio Vito Pace e quale Segretario il Notaio Francesco Carretta. Gli altri componenti sono i Notai : Adele De Bonis Cristalli (tesoriere); Antonio Di Lizia, Annamaria Racioppi, Angelo Pasquariello e Agostino Rizzo.

EDITORIALE

Noi e quella sacrosanta ''cultura del territorio''
di Mariapaola Vergallito

“I lucani conoscono la frana. I contadini lucani sono vissuti da sempre con la frana, l’orecchio teso a quel fremito oscuro, l’occhio attento a scrutare le rughe della terra. Ma un tempo nessuno la violentava la terra. La temevano, la rispettavano. Istintivamente si tramandavano quella che modernamente si è poi chiamata “cultura del territorio”. Oggi, nell’era della scienza, è proprio quella cultura che è venuta meno. Dalle paure ancestrali si è passati al s...-->continua





Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo