HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Mercato – Promozione: colpaccio dell’Atletico Lauria, preso Fabio Pioggia

7/12/2018



La capolista Atletico Lauria fa davvero sul serio e, per provare a vincere il campionato, ecco che i valnocini hanno piazzato il colpo Fabio Pioggia: centrocampista classe ‘89 proveniente dall’Eccellenza, dove ha giocato nel Real Metapontino. Ma è a tutti nota la sua militanza per un decennio in Serie D, con indosso la maglia del Francavilla. “Sono rimasto colpito e meravigliato dall’entusiasmo con cui sono stato accolto da tutto l’ambiente”, ci ha detto Pioggia. “Mi trovo nella situazione ideale per chi decide di cambiare squadra e il desiderio di provare a vincere il campionato per me rappresenta uno stimolo davvero forte”. Talmente forte da fargli decidere di scendere di categoria. “Sono qui per il progetto e perché c’è una società seria, solida e che crede in me, e me lo ha dimostrato cercandomi già durante la scorsa estate”. Ma le aspettative nei suoi riguardi saranno altissime. “Io dico che nel calcio si vince e si perde in undici – ha puntualizzato il fantasista –, sono stato davvero felice di come mi hanno accolto i miei compagni e della fiducia che mi hanno dimostrato. Ho trovato un gruppo molto coeso, cui posso solo dire che cercherò di dare sempre il 100% per raggiungere l’obiettivo che ci siamo prefissati. Per cui, adesso devo cercare di fare di tutto per inserirmi nei nuovi schemi il prima possibile”.
“Con lui faremo indubbiamente un ulteriore salto di qualità”, ha commentato con noi il tecnico Biagio Riccio. Un arrivo che cade proprio alla vigilia della partitissima di domenica al “Mignone” contro il Brienza secondo a 2 punti di distanza. “Ci arriviamo in emergenza – ha proseguito l’allenatore – per via delle assenze di Cersosimo (ne avrà per un paio di mesi, ndr) e dello squalificato Puoli. Ma sento che il pubblico ci darà una grossa mano”.
“Quello di Pioggia è un arrivo in linea con i programmi della società, che vuole provare a vincere il campionato”, ha commentato il presidente lauriota Franco Atzori. “Domenica – ha auspicato – incontreremo un’altra squadra che come noi punta alla vittoria finale, mi auguro davvero possa essere una grande giornata di sport e di festa”.

Gianfranco Aurilio
lasiritide.it


ALTRE NEWS

CRONACA

23/03/2019 - Aliano. Coltelli e armi nello zaino, denunciato
23/03/2019 - Irsina: sorpresi a rubare rame. Arrestato 20enne e denunciato un minorenne
23/03/2019 - Lavello: Arrestati autori di un furto ai danni di una azienda agricola in Puglia
23/03/2019 - Le poesie di Cascini alla Casa circondariale di Potenza

SPORT

23/03/2019 - Geosat Geovertical Lagonegro,gli ultimi appuntamenti della regular season
23/03/2019 - Terza giornata del campionato lucano di tennis di serie C
23/03/2019 - Serie D, G/H: la capolista Picerno sul difficile campo della Sarnese
22/03/2019 - Matera,iI concentramento camp. hockey su pista femminile

Sommario Cronaca                        Sommario Sport






    

NEWS BREVI

23/03/2019 Sospensioni idriche 23 marzo 2019

Francavilla in Sinni: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 10:00 di oggi fino al termine dei lavori.

22/03/2019 Sospensione idrica a Matera

Maratea: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica in zona Fiumicello sarà sospesa dalle ore 14:30 di oggi fino al termine dei lavori.

21/03/2019 Basilicata: al voto 573.970 elettori

Sono 573.970 gli elettori che domenica prossima, 24 marzo, voteranno in Basilicata - in 681 sezioni, dalle ore 7 alle 23 - per eleggere il presidente della Regione e i 20 componenti del consiglio regionale. E' quanto emerge dai dati forniti dalle prefetture di Potenza e Matera. Il comune della provincia di Potenza dove vi sono meno elettori è San Paolo Albanese (310); in provincia di Matera il comune con meno elettori è Cirigliano (387).Ansa

EDITORIALE

Noi e quella sacrosanta ''cultura del territorio''
di Mariapaola Vergallito

“I lucani conoscono la frana. I contadini lucani sono vissuti da sempre con la frana, l’orecchio teso a quel fremito oscuro, l’occhio attento a scrutare le rughe della terra. Ma un tempo nessuno la violentava la terra. La temevano, la rispettavano. Istintivamente si tramandavano quella che modernamente si è poi chiamata “cultura del territorio”. Oggi, nell’era della scienza, è proprio quella cultura che è venuta meno. Dalle paure ancestrali si è passati al s...-->continua





Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo