HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Potenza vs Reggina, scontro a viso aperto

17/10/2018



La gara dell'Alfredo Viviani, in programma questa sera alle ore 20:30, sarà più che mai uno scontro a viso aperto. Da una parte troviamo il Potenza rigenerato dalla "cura" Raffaele e dall'altra troviamo la Reggina che tra mille difficoltà extra campo sembra aver reagito bene, e la dimostrazione è la vittoria contro il Siracusa sul terreno neutro del "Lorenzon". In casa rossoblu c’è fiducia nonostante i pochi giorni a disposizione. Si partirà dalle conferme, e la prima sarà il modulo: vedremo ancora una volta il 4-3-3 con Genchi, França e Guaita in attacco. In mezzo al campo ci sarà Dettori in ruolo di play-maker. In mezzo ai pali come al solito presente Ioime. Presente in difesa l'ex di turno Emerson.
Gli amaranto sono un'incognita in ambito formazione. Cevoli ha sorpreso tutti nel match scorso affidandosi ad un modulo completamente rivoluzionario per le sue idee di gioco. Abbandonato il 4-3-3, spazio al 4-4-1-1, schieramento che potrebbe ripetersi anche oggi. A causa della perdita di Maritato (out almeno 6 mesi), e senza una vera e propria prima punta, il tecnico ex Renate si è trovato costretto a rinunciare alla sua ideologia. Con ogni probabilità nel match odierno vedremo una formazione molto simile a quella dell'ultimo match con Confente in porta, Kirwan , Conson, Solini e Mastrippolito in difesa. In mezzo al campo ballottaggio Zibert-Petermann con quest'ultimo che scalpita un posto tra i titolari. Per il resto solo Marino mette pressione a Salandria, il quale potrebbe partire dalla panchina. Sugli esterni confermati Sandomenico e Tulissi. Rebus in attacco con possibile partenza a sorpresa dal primo minuto di Franchini alle spalle di Tassi.
Queste le probabili formazioni:

Potenza (4-3-3): Ioime, Sales, Di Somma, Emerson, Coccia; Coppola, Dettori, Piccinni; Guaita, França, Genchi. A disp.: Mazzoleni, Musco, Matino, Panico, Caiazza, Strambelli, Pepe, Matera, Giron, Salvemini, Fanelli, Leveque. All.: Giuseppe Raffaele.

Reggina (4-4-1-1): Confente; Kirwan, Conson, Solini, Mastrippolito; Tulissi, Zibert, Marino, Sandomenico; Franchini, Tassi. A disp.: Vidovsek, Ungaro, Emmausso, Viola, Ciavattini, Salandria, Pogliano, Petermann, Navas, Redolfi, Bonetto, Zivkov. All.: Roberto Cevoli.

Arbitro: Fabio Pasciuta di Ravenna (Politi-Lombardi)



ALTRE NEWS

CRONACA

25/03/2019 - Ecco il ''nuovo Consiglio Regionale''
24/03/2019 - Elezioni regionali Basilicata. Affluenza sopra il 50%. I dati dello scrutinio
24/03/2019 - Elezioni regionali Basilicata. Alle 19 l'affluenza intorno al 40%
24/03/2019 - Rionero in Vulture. Due donne tentano furto in auto, ma vengono arrestate

SPORT

25/03/2019 - Futsal: la Venus Lauria vince il campionato e sale in A2
25/03/2019 - Comitato Provinciale Us Acli di Matera,selezione della Rappresentativa 2019
24/03/2019 - Serie D, G/H: il Picerno vince ancora e vola in classifica
24/03/2019 - Atletico Lauria, Riccio: ‘Vinto sempre nel rispetto degli avversari’

Sommario Cronaca                        Sommario Sport






    

NEWS BREVI

25/03/2019 Sospensione Idrica a Picerno

Picerno: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 10:00 alle ore 17:00 di domani, salvo imprevisti, nelle seguenti zone: piazza Plebiscito, via Tasso, via X Maggio, via San Nicola, via Cavour, via Santa Lucia e piazza Forlenza.

24/03/2019 Calcio 2^ Ctg./C: risultati 17^ giornata

ACS =9 – Real Chiaromonte 1-1
Lanese – Real Grumento 2-1
Sanseverinese – Sporting Lucania 6-2
Proloco Spinoso – City Sport Agromonte 2-3

24/03/2019 Calcio 1^ Ctg./B: risultati 23^ giornata

Peppino Campagna – A.Montalbano 3-0
VR Episcopia – Città Dei Sassi Matera 1-1
Tramutola – Elettra Marconia 1-1
Irsina – L.Montescaglioso 4-1
Salandra – Montemurro 3-0
Castelsaraceno – Tursi 0-1
Tricarico – Viggianello 6-3

EDITORIALE

Noi e quella sacrosanta ''cultura del territorio''
di Mariapaola Vergallito

“I lucani conoscono la frana. I contadini lucani sono vissuti da sempre con la frana, l’orecchio teso a quel fremito oscuro, l’occhio attento a scrutare le rughe della terra. Ma un tempo nessuno la violentava la terra. La temevano, la rispettavano. Istintivamente si tramandavano quella che modernamente si è poi chiamata “cultura del territorio”. Oggi, nell’era della scienza, è proprio quella cultura che è venuta meno. Dalle paure ancestrali si è passati al s...-->continua





Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo