HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Bocce: svanisce il sogno della Gialloverde

16/04/2018



I bocciofili della “Gialloverde” di Melfi ci hanno creduto fino alla fine in una possibile rimonta con la bocciofila “Italia” di Cosenza. Dopo lo scomodo risultato di 7 a 1 subito all’andata, ai vulturini non rimaneva che ribaltare completamente il risultato, per superare il terzo turno delle fasi interregionali dei Campionati di bocce di 2’ categoria.
E così, nell’incontro di ritorno, che si è disputato lo scorso sabato 14 aprile sulle piste del bocciodromo comunale di Rionero in Vulture (PZ), ogni set è stato combattuto strenuamente: vinta la terna, pareggiato l’individuale, vinta la prima a coppia. È stata l’ultima sfida a coppia, finita 8 a 3 per l’Italia, a tenere col fiato sospeso sia il pubblico che gli avversari, per le varie bocciate del punto decisivo da parte dei melfitani. L’incontro, quindi, pur essendo finito complessivamente 6 a 2 per la “Gialloverde” non è valso a superare il turno.
Un applauso va ugualmente agli atleti Antonio Acucella e Mario Atzori (in prestito dalla bocciofila “Rionerese”), Gerardo Lombardi, Michele Sassone, Gaetano Pastore, al dirigente Salvatore Viggiani e al direttore tecnico Giuseppe Gala, per aver dimostrato capacità tecniche e un forte spirito agonistico, a dimostrazione che nello sport delle bocce la lucidità e la determinazione sono delle componenti fondamentali.
Finisce così l'esperienza dei Campionati di categoria, non solo per la squadra di Melfi, ma per tutta la Basilicata bocciofila che aveva portato sui campi interregionali ben tre squadre: “Montereale” di Potenza per la 1’ categoria, “Gialloverde” di Melfi per la 2’ e “Amici delle bocce” di Trecchina per la 3’. Ora l’appuntamento con i Campionati di categoria per società è rimandato al prossimo anno agonistico, mentre per atleti e appassionati sono in programma altre attività, quali le iniziative promozionali del Comitato in agenda nei prossimi mesi e le gare domenicali delle società, come per esempio quella individuale organizzata dalla bocciofila di Montereale la prossima domenica 22 aprile.



ALTRE NEWS

CRONACA

22/03/2019 - Rionero in Vulture: un cinghiale da salvare
22/03/2019 - Carabinieri Forestali sequestrano stazione di servizio dismessa a Tolve
22/03/2019 - Furto in abitazione nel Materano, due arresti a Zagarolo
22/03/2019 - Il progetto di superamento de 'La Fellandina' ha l'ok delle parti sociali

SPORT

22/03/2019 - Matera,iI concentramento camp. hockey su pista femminile
22/03/2019 - Grumentum Val d'Agri: ad un passo dal sogno
22/03/2019 - Serie D, G/H: al Fittipaldi il Francavilla anticipa contro il Sorrento
22/03/2019 - Bernalda Futsal,verso l'Altamura. Il dg Mazzei:“attenzione alle loro ripartenze"

Sommario Cronaca                        Sommario Sport






    

NEWS BREVI

22/03/2019 Sospensione idrica a Matera

Maratea: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica in zona Fiumicello sarà sospesa dalle ore 14:30 di oggi fino al termine dei lavori.

21/03/2019 Basilicata: al voto 573.970 elettori

Sono 573.970 gli elettori che domenica prossima, 24 marzo, voteranno in Basilicata - in 681 sezioni, dalle ore 7 alle 23 - per eleggere il presidente della Regione e i 20 componenti del consiglio regionale. E' quanto emerge dai dati forniti dalle prefetture di Potenza e Matera. Il comune della provincia di Potenza dove vi sono meno elettori è San Paolo Albanese (310); in provincia di Matera il comune con meno elettori è Cirigliano (387).Ansa

20/03/2019 Vito Pace confermato presidente Consiglio Notarile

Il Consiglio Notarile Distrettuale di Potenza, Lagonegro, Melfi e Sala Consilina ha riconfermato, all'unanimità, per il triennio 2019/2021, quale Presidente il Notaio Vito Pace e quale Segretario il Notaio Francesco Carretta. Gli altri componenti sono i Notai : Adele De Bonis Cristalli (tesoriere); Antonio Di Lizia, Annamaria Racioppi, Angelo Pasquariello e Agostino Rizzo.

EDITORIALE

Noi e quella sacrosanta ''cultura del territorio''
di Mariapaola Vergallito

“I lucani conoscono la frana. I contadini lucani sono vissuti da sempre con la frana, l’orecchio teso a quel fremito oscuro, l’occhio attento a scrutare le rughe della terra. Ma un tempo nessuno la violentava la terra. La temevano, la rispettavano. Istintivamente si tramandavano quella che modernamente si è poi chiamata “cultura del territorio”. Oggi, nell’era della scienza, è proprio quella cultura che è venuta meno. Dalle paure ancestrali si è passati al s...-->continua





Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo