HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Prima Cat/B: grande Castronuovo ma Castelluccio a testa alta

20/03/2017



Il big match del 22^ turno del girone B del torneo di Prima Categoria ha visto il successo per 3 – 1 del Castronuovo sul Castelluccio. Con questa vittoria gli uomini di Ambrogio Pesce tornano al comando della classifica a quota 48 con una lunghezza di vantaggio sulla Santarcangiolese, fermata sul pari a Roccanova. L’incontro è stato anticipato da un minuto di raccoglimento osservato in ricordo dell’appena scomparso Giuseppe Lofiego, già dirigente e presidente dell’U.S. Castelluccio nonché suocero del tecnico Daniele De Marco (ieri ovviamente assente).
La partita prende subito una piega favorevole ai padroni di casa, che al secondo minuto passano grazie a una punizione capolavoro di Luca Ripa, che dal limite con il destro disegna una parabola perfetta che si insacca sotto l’incrocio non lasciando scampo a Milione. I rossoblu non riescono a giocare e si affidano alle ripartenze e ai lanci lunghi a scavalcare il centrocampo, mentre i locali tengono maggiormente il possesso palla. Al minuto 11 Mangieri fallisce clamorosamente il raddoppio, calciando fuori da posizione favorevolissima a portiere battuto. Gli ospiti ci provano con Melchionda di sinistro al volo, su servizio di Chiacchio, che finisce a lato. Ma al 23’ Erdogmus segna il secondo gol con una bella palombella dalla distanza, beffando Milione uscito fuori dai pali convinto di poter arrivare sul pallone, spazzato invece dalla difesa per un malinteso. Subito dopo tentativo di Chiacchio con un piatto destro indirizzato all’incrocio, ma Flavio Tanzi ci arriva compiendo il primo grande intervento della sua strepitosa partita. Il match continua ad essere molto intenso. Al 35’ ancora Melchionda si fa vivo nell’area avversaria ma viene fermato in angolo dopo essere entrato nei sedici metri in seguito a un doppio dribbling. La ripresa si apre con il Castelluccio che prova ad alzare il baricentro alla ricerca della rete che possa riaprire i giochi. Infatti, al quarto d’ora l’ottimo De Leo vede Melchionda che da destra taglia verso il centro, lo serve e il centravanti spalle alla porta incrocia al volo di esterno destro segnando un gran gol. I castelluccesi prendono coraggio, mentre il Castronuovo sembra accusare un po' il colpo e comincia ad arretrare. Tanto che si apre una fase della partita, a cavallo tra il 15’ e il 30’, favorevole agli ospiti. Chiacchio approfitta di un batti e ribatti in area per calciare verso la porta, ma il portiere para bene. Poco dopo, di nuovo Melchionda esplode un gran tiro da dentro l’area ma ancora Tanzi, con un vero prodigio, devia oltre la traversa. Il numero uno si ripete su di un bel calcio d’angolo teso battuto da Biagio Altieri, anticipando in uscita sempre il bomber di Nemoli ben appostato per ribadire in rete di testa. Alla mezz’ora altro miracolo dell’estremo difensore locale, stavolta su una bella punizione dal limite di Salvatore Altieri diretta verso l’angolo alto. Ma quando sembrava che il pareggio fosse maturo, al 35’ Mangieri si inventa un gol straordinario, chiudendo i conti con un gran destro assolutamente imparabile dai 25 metri, che si abbassa di colpo e si infila sotto la traversa. Ultimo tentativo ospite affidato ancora a Melchionda, su lancio di Gazzaneo, che gira in area ma senza sortire effetti. Anzi nel finale gli uomini di Pesce avrebbero l’opportunità di arrotondare ulteriormente il punteggio con La Neve, che dal limite dell’area scaglia un destro molto potente verso la porta scheggiando il palo esterno. Finisce con i tre punti meritati per il Castronuovo ma i castelluccesi tornano a casa a testa alta per aver disputato un grande match soprattutto nella ripresa, nonostante le condizioni non ottimali di Chiacchio e Di Gregorio (comunque buona la sua gara) e l’assenza iniziale di Fortunato. Solita grande partita in avanti di Luciano Melchionda.
Nelle fila della capolista, eccezionale la prova del portiere Tanzi. Ottima la prestazione anche del centrocampo e di Luca Ripa, autentica spina del fianco per la difesa nonostante i problemi ormai cronici all’inguine. Ma in generale il Castronuovo ha dimostrato di essere una grande squadra molto ben organizzata, che merita la posizione che occupa nella graduatoria.
Finisce in parità invece la sfida tra bomber: Melchionda e Ripa si confermano in testa a quota 17, sempre in condominio con Petrocelli.


G.A.
lasiritide.it
(Foto tratta da pagina ufficiale Facebook U.S. Castelluccio)




ALTRE NEWS

CRONACA

25/03/2019 - Ecco il ''nuovo Consiglio Regionale''
24/03/2019 - Elezioni regionali Basilicata. Affluenza sopra il 50%. I dati dello scrutinio
24/03/2019 - Elezioni regionali Basilicata. Alle 19 l'affluenza intorno al 40%
24/03/2019 - Rionero in Vulture. Due donne tentano furto in auto, ma vengono arrestate

SPORT

25/03/2019 - Futsal: la Venus Lauria vince il campionato e sale in A2
25/03/2019 - Comitato Provinciale Us Acli di Matera,selezione della Rappresentativa 2019
24/03/2019 - Serie D, G/H: il Picerno vince ancora e vola in classifica
24/03/2019 - Atletico Lauria, Riccio: ‘Vinto sempre nel rispetto degli avversari’

Sommario Cronaca                        Sommario Sport






    

NEWS BREVI

25/03/2019 Sospensione Idrica a Picerno

Picerno: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 10:00 alle ore 17:00 di domani, salvo imprevisti, nelle seguenti zone: piazza Plebiscito, via Tasso, via X Maggio, via San Nicola, via Cavour, via Santa Lucia e piazza Forlenza.

24/03/2019 Calcio 2^ Ctg./C: risultati 17^ giornata

ACS =9 – Real Chiaromonte 1-1
Lanese – Real Grumento 2-1
Sanseverinese – Sporting Lucania 6-2
Proloco Spinoso – City Sport Agromonte 2-3

24/03/2019 Calcio 1^ Ctg./B: risultati 23^ giornata

Peppino Campagna – A.Montalbano 3-0
VR Episcopia – Città Dei Sassi Matera 1-1
Tramutola – Elettra Marconia 1-1
Irsina – L.Montescaglioso 4-1
Salandra – Montemurro 3-0
Castelsaraceno – Tursi 0-1
Tricarico – Viggianello 6-3

EDITORIALE

Noi e quella sacrosanta ''cultura del territorio''
di Mariapaola Vergallito

“I lucani conoscono la frana. I contadini lucani sono vissuti da sempre con la frana, l’orecchio teso a quel fremito oscuro, l’occhio attento a scrutare le rughe della terra. Ma un tempo nessuno la violentava la terra. La temevano, la rispettavano. Istintivamente si tramandavano quella che modernamente si è poi chiamata “cultura del territorio”. Oggi, nell’era della scienza, è proprio quella cultura che è venuta meno. Dalle paure ancestrali si è passati al s...-->continua





Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo