HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Ancora avvelenati i rapporti tra Bruno e Grande. Parla il presidente del Rotonda

17/02/2017



L'incontro dello scorso turno del campionato di Promozione tra la Fides e il Rotonda, conclusosi a reti inviolate continua ad avere strascichi. Il match ha avuto una lunga coda polemica a colpi di post al veleno, tra il presidente Grande e alcuni tifosi rotondesi, dovuti al prezzo del biglietto e al settore riservato agli ospiti.
A parlare è Franco Bruno, presidente onorario del club della valle del Mercure, che ha imputato a Grande innanzitutto l'inasprimento dei rapporti con le compagini di cui fa o ha fatto parte dopo la chiusura della sua parentesi alla guida dei pollinei. «Dispiace - esordisce - che una società come lo Scalera, accolta a Rotonda come tutte le altre e cioè con i guanti bianchi, con terzo tempo e buffet al termine di un match da loro vinto, e nel quale ai loro dirigenti era stato concesso di assistere alla partita accomodati nella tribunetta stampa e non nelle gradinate in mezzo ai tifosi, lo abbia dimenticato cadendo nella trappola del presidente ‘emiGrande’ - ironizza giocando con le parole – che, dopo aver tentato di fare in modo che il Rotonda scomparisse dal calcio, impedendogli di iscriversi a questo campionato, aveva deciso di accasarsi a Viggianello come presidente onorario cambiando immediatamente i colori del pulmino di “Stranamore” da biancoverdi a gialloverdi (mezzo usato per gli spostamenti dei giocatori ndr). E ne approfitto per complimentarmi con i dirigenti viggianellesi che prontamente hanno capito i suoi propositi costringendolo a ridipingere il furgoncino stavolta di rossoblu e ad emigrare a Scalera. Forse non tanto per fare calcio ma per postare selfie su Facebook».
I dissidi tra Mario Grande e Franco Bruno hanno avuto origine da quanto accaduto nella scorsa estate, quando l'ex numero uno biancoverde, ora alla Fides, si dimise a malincuore da presidente del sodalizio. Ne seguirono una serie di messaggi in chat private poi trapelati nei quali lo stesso Grande aveva espresso tutto il suo disappunto per l'accaduto, usando parole pesanti nei confronti di chi riteneva responsabile della fine del suo ciclo con i lupi, orchestrato, secondo lui, proprio da Franco Bruno. E in una lettera aperta indirizzata ai cittadini emergeva questo suo convincimento.
«Io sono rutunnaro e me ne vanto - continua il leader onorario - Ho il cuore biancoverde e ricordo, a chi non lo sapesse, che questi colori sono stati dati a questo sodalizio dal sottoscritto nel lontano 1983, facendolo rinascere dopo dieci anni di inattività».
«Noi - conclude - abbiamo fatto la storia del calcio, lui non è nemmeno il presente. Domenica scorsa la squadra è stata seguita in trasferta da tre pullman di tifosi con le famiglie e da 15 autovetture. E ad ogni partita in casa il coinvolgimento è enorme. Nessuno a questi livelli può vantare una simile cornice di pubblico. Questo è il calcio che piace a noi e questo era l’obiettivo che ci eravamo prefissati e che abbiamo raggiunto, per cui noi il nostro campionato lo abbiamo già vinto».


Gianfranco Aurilio
lasiritide.it


ALTRE NEWS

CRONACA

12/12/2017 - Senza stipendio da settembre:la storia di un autista lucano,il calvario di tanti
12/12/2017 - Ospedali. Domani chiusura anticipata delle casse per upgrade informatico
12/12/2017 - Crollo ponte 'Stefano Gioia': intervista al presidente del Consorzio di Bonifica
12/12/2017 - Trovati in possesso di 52 bombe carta: ultrà Matera arrestato e 33 denunciati

SPORT

12/12/2017 - Taviano vs Geosat Geovertical,per un altro scontro salvezza
12/12/2017 - Eccellenza: per il Rotonda Calcio ecco Leone e due argentini
11/12/2017 - Damore lascia il Rotonda Calcio e torna alla corte di Cimicata
11/12/2017 - Basket Serie B, Olimpia Matera travolge Recanati all’overtime

Sommario Cronaca                        Sommario Sport



    

NEWS BREVI

12/12/2017 Comunicazione 12 dicembre delle sospensioni idriche

San Fele: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 21:00 di oggi alle ore 06:30 di domani mattina salvo imprevisti.
Fardella: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 21:00 di oggi alle ore 07:00 di domani mattina salvo imprevisti.
Marsico Nuovo: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica nel rione San Donato sarà sospesa dalle ore 09:00 alle ore 13:00 di oggi salvo imprevisti.
Corleto Perticara: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 10:30 alle ore 18:00 di oggi salvo imprevisti.
Bernalda: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa a Metaponto Lido dalle ore 08:00 alle ore 23:30 di domani, salvo imprevisti.

11/12/2017 Sospensioni idriche comunicazioni del 11 dicembre 2017

Maschito: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 16:00 di oggi alle ore 07:00 di domani mattina salvo imprevisti.
Montalbano Jonico: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 15:00 di oggi alle ore 07:00 di domani mattina salvo imprevisti.
Baragiano: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idricanell'abitato, Scalo e contrade rurali sarà sospesa dalle ore 15:00 di oggi alle ore 06:00 di domani mattina, salvo imprevisti.
Sant'Angelo Le Fratte: per lavori urgenti sulla rete idrica, l'erogazione dell'acqua potabile in contrada Isca sarà sospesa dalle ore 10:00 alle ore 18:00 di oggi, salvo imprevisti.
San Fele: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 21:00 di oggi alle ore 06:30 di domani mattina salvo imprevisti.

10/12/2017 Promozione: risultati 12^ giornata

Avigliano – CandidaMelfi 1-4
Bella – Santarcangiolese 0-0
Brienza – Anzi 2-1
Fortuna Potentia – Paternicum 3-3
Miglionico – Ruoti 7-0
Oraziana Venosa – Rotunda Maris 2-1
Ferrandina – Pomarico 0-3

Se la tecnologia aumenta il baratro tra le generazioni
di Mariapaola Vergallito

Poco tempo fa mi ha fatto riflettere lo slogan usato a chiosa di una pubblicità della Samsung sulla realtà virtuale. Per intenderci: quello spot (molto bello, per la verità) in cui si vedono alcuni studenti correre su una pianura in mezzo ai dinosauri ma, in realtà, sono nella loro classe. Alla fine di quello spot lo slogan recitava più o meno così: quello che per la generazione precedente era impossibile, la generazione successiva lo ha già realizzato. Vero...-->continua





Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo