HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Chiaromonte,XII trofeo Correrepollino

28/05/2015



Domenica 31 maggio, a partire dalle ore 10:00 prenderà il via il XII Trofeo CorrerePollino. Una manifestazione che prende il nome dall'omonima associazione che durante l'anno partecipa a numerose gare podistiche, Mezze Maratone e Maratone in tutta italia e nel mondo. E' la prima delle due gare di corsa in montagna che i ragazzi dell'Atletica CorrerePollino organizzano ogni anno (la seconda è prevista a San Severino Lucano, il 12 luglio prossimo). Entrambe le gare sono valide come Campionato Regionale di Corsa in Montagna della Federazione Italiana di Atletica Leggera; quella di Chiaromonte è la prima di società e prova unica individuale, quella di San Severino è la seconda prova a squadre. In più, da quest'anno, entrambe le gare fanno parte dell'inedito Circuito Interregionale di Corsa in Montgana FIDAL SUD ed alla gara di domenica è possibile anche accumulare punti sia a livello individuale che di squadra per il Circuito Regionale Basilicata in Corsa. Ma l'Associazione con sede a Chiaromonte pensa proprio a tutti e non si è dimenticata dei più piccoli, per i quali sono previste gare Promozionali su strada per categorie Esordienti, Ragazzi e Cadetti che accumuleranno punti per il Circuito Regionale Promozionale "Gran Prix". La manifestazione che è patrocinata dall'AVIS, da quest'anno avrà anche l'obiettivo di "Correre per sostenere AIL, associazione italiana contro le leucemie".
La battaglia tra gli atleti in gara, professionisti e amatori, avrà vita in un percorso Trail Running di 11km misto tra strada asfaltata, sterrato e sentieri immersi nel cuore del Parco Nazionale del Pollino. Il tracciato è segnalato e controllato dai giudici di gara della FIDAL. Saranno presenti sul percorso un’ambulanza della Croce Rossa sez. di Chiaromonte, unità mobili di assistenza con Quad/Moto e volontari a cavallo dell’ASD Giacche Verdi. Gli organizzatori consigliano un abbigliamento appropriato al tipo di gara (calze lunghe da running e scarpe da trail running, o quanto meno con battistrada nuovo). Sono predisposti lungo il percorso: ristori, assistenza sanitaria, assistenza di Polizia Municipale, di Protezione Civile e di altre Associazioni di Volontariato. All'arrivo è previsto per i partecipanti un ristoro a base di frutta, mozzarelle, dolci, acqua/tè e gelati che in più potranno ritirare un ricco pacco gara composto da prodotti tipici locali, integratori e un gadget tecnico. In più sarà riconosciuto un rimborso spesa alle tre società più numerose provenienti dalla Basilicata e alle tre società più numerose provenienti da fuori regione con minimo 10 finisher. Saranno premiati con Trofei e Cesti i primi tre e le prime tre della classifica generale e con Coppe i primi tre e le prime tre appartenenti a società lucane di ogni categoria, in base all'età; in egual modo saranno premiati i primi tre e le prime tre appartenenti a società provenienti da fuori regione.
Negli ultimi anni il Trofeo CorrerePollino, seguendo l'esempio della gara sorella "Trofeo dei Briganti del Pollino", ha voluto prendere la strada del Trail Running per far vivere ai podisti concorrenti qualcosa di diverso e di particolare. Trail è il termine inglese per indicare un sentiero, un percorso immerso nella natura e non la solita strada che tutti i giorni si calpesta correndo in mezzo al traffico delle città; Trail è sinonimo di natura, di terra, pietre, alberi, foglie, un immergersi totalmente in ecosistemi naturali che ti trasportano anima e gambe in un’atmosfera ogni volta unica.

Stefano Sarubbi


ALTRE NEWS

CRONACA

21/04/2019 - Viggianello: una strada comunale interrotta per una frana - VIDEO
21/04/2019 - Senise: atti vandalici davanti a un bar
21/04/2019 - A Metaponto sequestrato un camping
21/04/2019 - Droga.Ferrandina: controllo antidroga in circolo privato. Arrestato un 27enne

SPORT

21/04/2019 - Karate: Pasqua d'oro a Rabat
20/04/2019 - Ritorna alla vittoria il Potenza Calcio
20/04/2019 - P2M En&Gas Potenza,ipoteca sul titolo regionale di Serie D maschile
20/04/2019 - Futsal Senise: i Giovanissimi bissano il primato regionale

Sommario Cronaca                        Sommario Sport






    

NEWS BREVI

21/04/2019 Riaperta al traffico la Strada Provinciale 5 (ex SS 176) nei pressi di Craco

È stata riaperta al transito la Strada Provinciale 5 (ex SS 176), all’altezza del km 4+100, lungo il tratto Pisticci - Craco.
Dopo l’immediata ordinanza di chiusura della strada disposta tre giorni fa a seguito di controlli che evidenziavano un cedimento di un muro andatore sui cui poggia la rampa di accesso al noto ponte Bailey, la Provincia di Matera si è tempestivamente adoperata per mettere in sicurezza quella zona e garantire così la pubblica incolumità degli utenti.
Già ieri mattina, infatti, dopo l’intervento di somma urgenza effettuato, si è proceduto alla riapertura della strada provinciale al transito dei mezzi.

20/04/2019 Sospensione idrica oggi 20 Aprile in Basilicata

Potenza: a causa deld protrarsi dei lavori di riparazione, l'erogazione idrica in contrada Poggio Cavallo, contrada Rossellino, via Rifreddo e via De Nicola resterà sospesa fino alla mezzanotte.

19/04/2019 Sospensione idrica a Rionero In Vulture

Rionero in Vulture: per consentire lavori di manutenzione straordinaria del serbatoio cittadino, martedì 23 aprile l’erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 14 alle ore 7 del mattino successivo, salvo imprevisti. La sospensione riguarderà l’intero abitato ad eccezione delle frazioni di Monticchio e delle seguenti zone: contrada Scascione, contrada Ventaruolo, contrada Colonnello, via del Brigantaggio, via Padre Tortorella, viale della Bramea, via della Ninfea Bianca, via Alborella Vulturina, via Fontana Castagno e strade limitrofe.

EDITORIALE

Noi e quella sacrosanta ''cultura del territorio''
di Mariapaola Vergallito

“I lucani conoscono la frana. I contadini lucani sono vissuti da sempre con la frana, l’orecchio teso a quel fremito oscuro, l’occhio attento a scrutare le rughe della terra. Ma un tempo nessuno la violentava la terra. La temevano, la rispettavano. Istintivamente si tramandavano quella che modernamente si è poi chiamata “cultura del territorio”. Oggi, nell’era della scienza, è proprio quella cultura che è venuta meno. Dalle paure ancestrali si è passati al s...-->continua





Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo