HOME Contatti Direttore WebTv News News Sport Cultura ed Eventi
 
''E' giunta l'ora della giustizia per i morti di amianto all' ITALSIDER- ILVA ''

12/06/2019

“Attendiamo da quasi 10 anni anni che ci sia un atto tangibile di giustizia per 'i morti di amianto'
all'ex ITALSIDER-ILVA di Taranto e ci auguriamo vivamente che questa sia la volta buona, con la
conferma in Cassazione delle condanne per gli ex dirigenti aziendali, imputati della morte per
mesotelioma di numerosi lavoratori!”: è quanto ha dichiarato Maura Crudeli, presidente nazionale
di AIEA, Associazione Italiana Esposti Amianto, parte civile nella lunga e dolorosa vicenda
processuale il cui ultimo atto, è previsto giovedì 13 giugno presso la Suprema Corte di Cassazione,
IV Sezione Penale (piano 2).
Un atto che arriva a due anni esatti dalla sentenza del 23 giugno 2017 della Corte d'Appello di
Lecce, Sezione Distaccata di Taranto: furono tre gli ex dirigenti dello stabilimento ex ITALSIDERILVA
di Taranto condannati con l'accusa di omicidio colposo e di omissione dolosa di cautele, ma
che adesso sono rimasti in due, in seguito del decesso di Giambattista Spallanzani, condannato in
appello a 2 anni e 8 mesi (9 anni in primo grado). Rimangono quindi Sergio Noce, condannato a 2
anni e 4 mesi (9 anni e 6 mesi in primo grado) e Attilio Angelini a 2 anni (9 anni e 2 mesi), mentre
Fabio Riva, ex vicepresidente di Riva Fire, e Luigi Capogrosso erano stati precedentemente assolti
dalla Corte d'Appello.
Preoccupazione ampiamente giustificata perchè quella di giovedì 13 giugno è infatti la seconda
convocazione del processo in Cassazione, dopo il rinvio improvviso del febbraio scorso per
“omessa notifica agli imputati non ricorrenti”. L'AIEA sarà presente con il proprio avvocato,
Stefano Palmisano, del foro di Brindisi e con i rappresentanti di Medicina Democratica e del CNA,
Coordinamento Nazionale Amianto, con cui condivide innumerevoli battaglie da un capo all'altro
della Penisola, isole comprese. Sono 11 i lavoratori deceduti per mesotelioma pleurico per i quali si
attende giustizia: Simonelli Domenico, Tillilli Antonio, De Carlo Paolo, De Marco Dalmasso,
Carrieri Marcello, Cito Sante, Russo Angelo, Mariano Vittorio, Casamassima Giuseppe, Lanzo
Antonio, Pisoni Arcangelo.
" Si tratta di una questione fondamentale di principi- ha detto Maura Crudeli- nonostante l'esiguità
della pena, la sentenza della Corte d'Appello di Taranto del 2017 ha riconosciuto il nesso di
causalità fra l'esposizione all'amianto e il mesotelioma e quindi il nesso fra l'amianto e la
morte della gran parte degli operai per mesotelioma e patologie asbesto correlate. E' questa la nostra
battaglia: il riconoscimento penale delle responsabilità, contro tutti i tentativi in atto per arrivare
sostanzialmente ad un nulla di fatto, fra prescrizioni, lungaggini burocratiche infinite e cavilli
giuridici!" Una battaglia di principio che si inscrive in uno scenario drammatico, la cui evidenza è
quotidianamente sotto gli occhi di tutti: Taranto è la provincia con il più alto numero di morti per
malattie professionali, con un aumento preoccupante di patologie tumorali anche fra i giovani e
dove è stato davvero vano il sacrficio dei troppi morti per i lavoro, passati e presenti vista
l'ennesima crisi all'ILVA con i 1.400 operai messi improvvisamente in cassa integrazione.
Questa che arriva in Cassazione a Roma, è infatti vicenda processuale, complessa e dolorosa come
troppe ormai in Italia, cominciata nel 2012 al Tribunale di Taranto: erano 31 in tutto gli operai
dell'ITALSIDER-lLVA di Taranto morti per mesotelioma pleurico ed altre patologie asbesto
correlate, per cui furono 27 gli ex dirigenti dello stabilimento ITALSIDER-ILVA di Taranto,
imputati a vario titolo per la loro morte. E questo è quanto è accaduto: nel processo di 1°grado
furono condannati per complessivi 189 anni di reclusione, ma nel processo del giugno 2017 presso
la Corte di Appello di Lecce, Sezione distaccata di Taranto, furono tutti assolti, tranne tre: una
sentenza clamorosa, che ribaltò in buona parte la sentenza di condanna a varie pene emessa dal
Tribunale di Taranto nel maggio 2014.
Di fatto la Corte d'Appello dichiarò l’estinzione del reato di "omissione dolosa di cautele
antinfortunistiche per intervenuta prescrizione" già alla data del primo processo.
Una storia che si ripete troppo spesso, quella del tentativo di "negazionismo", di "abolizionismo"
rispetto alle patologie causate dall'amianto. La solita ennesima "beffa" per chi è morto per il lavoro
e non potrà mai più difendersi contro chi ne ha provocato la morte e contro i meccanismi "perversi"
di una "giustizia, ballerina", che a volte condanna e a volte assolve, e dove tempi elefantiaci e
meandri burocratici vincono troppo spesso sui diritti fondamentali delle persone.

 

 

ALTRE NEWS


Notizie dall'Italia e dall'Estero - Lasiritide OUT -
26/06/2019 -  Whirlpool,Spera (Ugl):“Resta oscuro il destino di Napoli, pronti al confronto

“Alla luce di quanto dichiarato da Whirlpool e nonostante alcune rassicurazioni, resta oscuro il destino del sito di Napoli e, di conseguenza di tutte le aziende e delle centinaia lavoratori dell’indotto preoccupati, poiché non si riesce neanche a capire se la fabbrica conti...-->continua

25/06/2019 - La Vacanza del Sorriso “DinAmica”,conferenza stampa di presentazione

Il giorno 25 giugno 2019, alle ore 17,30 si terrà la conferenza stampa di presentazione dell’evento solidale e sociosanitario denominato “La Vacanza del Sorriso” in Vallo di Diano, dedicato ai bambini oncoematologici di tutt’Italia.
L'evento sarà svolto p...-->continua

25/06/2019 - il ministro Costa su atto intimidatorio Parco Circeo

“Un atto intimidatorio è stato compiuto oggi al Parco del Circeo, dove sono state trovate delle taniche di benzina e una lettera indirizzata ai colleghi del Comando dei carabinieri forestali, e che in queste ore sarà esaminata anche dai Ris. Si tratta di un g...-->continua

24/06/2019 - Praia a Mare: un uomo muore investito da un treno

Questa mattina un treno “Frecciabianca” ha travolto e ucciso un uomo che si trovava, per cause in fase di accertamento, sui binari della ferrovia di Praia a Mare lungo la linea Paola – Sapri.
Sul posto sono giunti i Vigili del Fuoco di Scalea, i carabinier...-->continua

24/06/2019 - Torano Nuovo, la situazione di stallo della ProLoco

La situazione di stallo in cui si trova il direttivo della ProLoco è imbarazzante.
Per anni gli amministratori comunali hanno nascosto la polvere sotto al tappeto fino al punto che, a meno di due mesi dalla cinquantesima edizione della sagra, non si sa be...-->continua

23/06/2019 - Terremoto 3.7 nei pressi di Roma. Epicentro Colonna

Un terremoto di magnitudo ML 3.7 è avvenuto nella zona: 3 km NE Colonna (RM), il

23-06-2019 20:43:48 (UTC) 21 minuti, 59 secondi fa
23-06-2019 22:43:48 (UTC +02:00) ora italiana
con coordinate geografiche (lat, lon) 41.86, 12.77 ad una profond...-->continua

23/06/2019 - Semifinale Prima Divisione - Giants vs Guelfi 39-42

Fine dei giochi. I Giants Bolzano dicono addio ai propri sogni di gloria con la sconfitta per 39-42 nella semifinale playoff dello stadio Europa. All'Italian Bowl del 6 luglio ci vanno i Guelfi Firenze di uno straordinario Silas Nacita, indiscusso mvp della sf...-->continua


CRONACA BASILICATA

26/06/2019 - Basilicata: in un anno scoperti 122 evasori totali
25/06/2019 - Latronico diventa un paradiso fiscale per immigrati in pensione
25/06/2019 - Pignola (PZ): Evade dai domiciliari. Arrestato dai Carabinieri
25/06/2019 - Melfi. Furti: intercettato furgone con 110 pannelli fotovoltaici rubati

SPORT BASILICATA

26/06/2019 - Serie C, Picerno: dalla Turris arriva Vacca
26/06/2019 - Serie C, Picerno: resta anche il bomber Santaniello
26/06/2019 - Elettra Marconia incontra tifosi e imprenditori per presentare la nuova stagione
26/06/2019 - FIPAV Basilicata:TDR 2019, ottimi risultati per la selezione maschile

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI
26/06/2019 Sospensione idrica a Senise

Senise: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica nella zona industriale sarà sospesa dalle ore 08:30 di oggi fino al termine dei lavori.

25/06/2019 Sospensione idrica a Rapone

Rapone: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica in contrada Pediglione resterà sospesa fino al termine dei lavori di riparazione.

25/06/2019 Sospensione idrica a Muro Lucano

Muro Lucano: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 18:30 di oggi alle ore 07:30 di domani mattina, salvo imprevisti, nelle seguenti zone: Raia dei Monaci, via Roma, via don Minzoni, via Appia (alta e bassa), via Serra.





Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo