HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

CILLIS (M5S) sulle sostanze chimiche utilizzate nelle trivellazioni

22/03/2019

Ho interpellato il Ministro dell'Ambiente e della Tutela del Territorio, per valutare lo stato dell'arte riguardo l'eventuale esistenza del “segreto industriale” sulle sostanze chimiche utilizzate nelle trivellazioni.

Nei video integrali pubblicati sulla mia pagina facebook, le premesse su cui si è basata la mia interpellanza così come la risposta del sottosegretario on. Micillo che ha colto compiutamente le nostre ragioni rispetto alla delicata questione delle sostanze chimiche usate nelle estrazioni petrolifere.

Interpreto la risposta come un segnale di grande attenzione alla problematica ed apprezzo particolarmente la parte della risposta che mette una volta per tutte la parola fine alla questione del segreto industriale che era diventato l'ostacolo insormontabile per i cittadini e le associazioni ogni volta che venivano richieste spiegazioni in merito alle sostanze chimiche utilizzate. Inoltre è apprezzabile che siano diversi i soggetti pubblici a cui la compagnia petrolifera deve comunicare entro 30 giorni dal rilascio del provvedimento autorizzativo e successivamente con cadenza annuale, i dati relativi ai prodotti chimici usati.

Nel merito della questione da me posta e fortemente “sentita” dai cittadini lucani, il sottosegretario on. Micillo ha così risposto <<... tenuto conto che non risulta che la normativa vigente preveda l’utilizzo di sostanze chimiche coperte da “segreto industriale” per le attività di trivellazione ed estrazione petrolifera, qualora nei siti interessati da tali attività siano utilizzate sostanze classificate come pericolose, le relative schede di sicurezza devono essere conservate dai datori di lavoro ed essere rese accessibili ai lavoratori operanti negli impianti, oltre che alle Autorità responsabili dei controlli ufficiali, effettuati, nel caso specifico, in base all’Accordo adottato in sede di Conferenza Stato-Regioni il 29 ottobre 2009.

Si richiama, infine, la disciplina sanzionatoria, stabilita dal D.lgs. n. 133/2009, per la mancata osservanza delle disposizioni previste dal REACH in materia di informazioni lungo la catena di approvvigionamento. Da ultimo si segnala che gli impianti di estrazione siti nella Regione Basilicata sono soggetti ad AIA e a VIA regionale.

A tal proposito, la Regione ha fatto presente che la documentazione tecnica presentata ai fini istruttori in tali procedure reca riferimenti alla composizione dei fanghi e alle modalità di gestione e smaltimento. Più nello specifico, l’Amministrazione regionale ha segnalato che le sole acque di processo derivanti dalla trattazione dell’olio sono, in parte, destinate alla reiniezione in unità geologiche profonde mediante il pozzo “Costa Molina 2”, mentre i fanghi prodotti dall’impianto di trattamento acqua di strato devono essere smaltiti, a norma di legge, come rifiuto in discariche autorizzate. L’impianto di trattamento delle acque di processo è stato allestito in funzione della reiniezione, in unità geologica profonda, delle acque di strato (associate al greggio e da esso separate).
Nel provvedimento di ratifica di modifica non sostanziale dell’AIA di cui alla D.G.R. n. 627/2011 è stato autorizzato il prosieguo dell’attività di scarico in unità geologiche profonde delle acque di strato mediante il pozzo “Costa Molina 2” con prescrizioni poste in capo alla società Eni. In particolare, la prescrizione 7 prevede che, ai fini della caratterizzazione delle sostanze additive impiegate, il gestore deve trasmettere, entro 30 giorni dal rilascio del predetto provvedimento, e successivamente con periodicità annuale, alla Regione Basilicata, alla Provincia di Potenza, all’ARPAB, all’Azienda Sanitaria di Potenza (ASP), ai Comune interessati e all’Osservatorio Ambientale Val d’Agri una dettagliata relazione tecnica dalla quale risulti:
a) l’elenco delle sostanze additive utilizzate (formula e denominazione secondo la nomenclatura chimica, specificazione del principio attivo) accompagnate dalle schede tecniche di sicurezza;
b) la concentrazione delle sostanze utilizzate nelle acque di strato, valutata su un numero significativo e rappresentativo di determinazioni analitiche;
c) le informazioni dei corrispondenti prodotti commerciali, che potranno anche essere modificati nell’arco di validità dell’autorizzazione purché rimangano inalterate le sostanze additive e i principi attivi ...>>

Il Ministero dell’Ambiente ha già provveduto, e provvederà per il futuro, a svolgere le attività e le valutazioni di competenza in materia, con il massimo grado di attenzione, e svolgerà un’attività di monitoraggio, tenendosi informato anche attraverso gli altri Enti istituzionali competenti.

Luciano CILLIS (M5S) Portavoce alla Camera
componente della XIII Commissione (Agricoltura)



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
24/06/2019 - Sanità, Giordano (Ugl):”Ottimo incontro con l’assessore Leone”

“Sosterremo la buona politica messa in atto dall’assessore regionale alla Salute e politiche sociali, dot. Rocco Luigi Leone (FI), vanno garantiti i centri d’eccellenza difendendo il diritto alla salute certamente non per una questione campanilistica: la salute è uguale da n...-->continua

24/06/2019 - Confagricoltura su approvazione emendamento agevolazioni IMU

“Confagricoltura esprime soddisfazione per l’approvazione, da parte della Camera dei deputati, dell’emendamento relativo all’applicazione delle agevolazioni Imu alle società in possesso della qualifica Iap (imprenditore agricolo professionale)”.
È quanto s...-->continua

24/06/2019 - ‘’La carenza di medici.Come affrontare la emergenza’’

Predendo lo spunto da un articolo apparso su CORRIERE SALUTE del 23 Maggio 2019”LO SPECIALIZZANDO IN SALA OPERATORIA”, mi sovvengono alla mente tanti problemi che noi giovani medici negli anni 60 abbiamo dovuto superare.
E’ attuale la proposta la quale inv...-->continua

24/06/2019 - ''Le illusioni del petrolio e il rischio di perdere l'acqua''

Mentre continuano le illusioni politiche decennali sul petrolio-risorsa, la Basilicata rischia di perdere il bene acqua (più prezioso e duraturo) se non segue in prima persona con le sue comunità e i suoi sindaci il percorso legislativo del decreto crescita s...-->continua

24/06/2019 - Castelluccio Superiore festeggia la nuova amministrazione

Sabato 22 giugno si è svolta la festa con i cittadini, organizzata dalla nuova amministrazione di Castelluccio Superiore, capeggiata dal sindaco Giovanni Ruggiero. I festeggiamenti si sono svolti in Piazza Plebiscito nel cuore del centro storico, all’ insegna ...-->continua

24/06/2019 - Castrovillari,progetti di valorizzazione delle Aree Protette calabresi

Il 26 giugno, presso il Parco Nazionale del Pollino nella sede di
Palazzo Gallo in Castrovillari alle ore 9.30 verranno illustrati gli
interventi, messi in campo dalla Regione Calabria, per la
realizzazione, tramite importanti progetti di valorizza...-->continua

23/06/2019 - Incidente Miglionico, Cavallo Fai Cisl: Intensificare informazione e prevenzione

"L'ennesimo sangue versato sui campi della Basilicata impone una seria e circostanziata riflessione sullo stato della sicurezza in agricoltura". È quanto afferma il segretario generale della Fai Cisl Basilicata, Vincenzo Cavallo, in riferimento all'incidente a...-->continua







WEB TV



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo