HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

In Basilicata buona crescita occupazione (+0,8%), meno quella del valore aggiunt

19/03/2019

In Basilicata, tra il 2019 e il 2023, crescerà dello 0,5% all’anno il valore aggiunto e dello 0,8% l’occupazione, a fronte di un incremento medio nel Mezzogiorno per entrambi gli indicatori dello 0,6%. A prevederlo le stime del rapporto dell’Osservatorio Banche e Imprese di Economia e Finanza su tutte le province meridionali presentato in Senato. Nel dettaglio saranno Calabria, Campania e Sardegna a registrare la crescita annua maggiore del valore aggiunto (+0,7%) e Calabria, oltre alla Basilicata, quella dell’occupazione (+0,8%) (Fonte: stime OBI elaborate sulla base di dati disponibili a ottobre 2018). A livello di province, Matera supera Potenza sia nella crescita del valore aggiunto (+1,4% contro la crescita nulla nel Potentino) che nel livello occupazionale (+0,9% contro lo 0,7%). Grazie ai benefici derivanti dalla sua designazione a Capitale Europea della Cultura per l’anno 2019, si prevede che la crescita del valore aggiunto di Matera rappresenti la più alta di tutto il Mezzogiorno, seguita da Crotone, che dovrebbe attestarsi su una crescita intorno al punto percentuale.

A livello di macro-area continuerà a scendere il contributo del Mezzogiorno all’economia italiana; se nel 2000 il 24,7% del valore aggiunto nazionale era prodotto nelle regioni del Sud Italia, nel 2018 questo contributo si è fermato al 22,8% con una stima per il 2023 fissata al 22,6%. Un crollo di oltre due punti percentuali in 20 anni, causa, ma anche effetto, delle negative dinamiche socioeconomiche registrate nel Mezzogiorno in questi anni, tra le quali il calo dell’occupazione (dal 46,3% del 2004 al 44,5% del 2018) e la crescente migrazione di giovani del Sud (negli ultimi 16 anni quasi 600.000).

“Il divario tra l’economia del Nord e quella del Sud che emerge dal rapporto - dichiara Salvatore Matarrese presidente dell’OBI - è destinato a crescere poiché, da sempre, le crisi impattano maggiormente sull’economia più debole del Paese, il Mezzogiorno, mentre le fasi di crescita premiano di più il Centro-Nord Italia. In un contesto economico così sperequato, la realizzazione delle autonomie regionali rafforzate avrebbe un impatto devastante, disgregando il Paese e lasciando la parte più debole senza futuro. Piuttosto, visto che tutte le politiche adottate finora per ridurre il gap sono risultate inefficaci, si cambi logica e passo: il Sud va posto al centro degli obiettivi economici dell’Italia, attuando un programma coordinato ed integrato di investimenti con un’unica cabina di regia, che potrebbe essere l’Agenzia di Coesione. Alla luce degli ultimi pessimi dati sulla spesa delle risorse del Fondo Sviluppo e Coesione, meno del 5% a due anni dalla scadenza del programma, si conduca una ricognizione su tutti i finanziamenti stanziati e disponibili per le infrastrutture nel Mezzogiorno per sbloccarli e attuarli con leggi speciali, come già fatto al Nord per altre opere”.

Infatti, il rapporto evidenzia il gap che continua ad allargarsi tra le regioni del Nord e quelle del Sud, sia nei periodi di crescita che in quelli di crisi: le previsioni dell’Osservatorio per il periodo 2019-2023, infatti, fissano la crescita media annua del valore aggiunto italiano allo 0,8%, con il Nord Est a +0,8%, Nord Ovest +0,7%, Centro +0,9% e Sud fanalino di coda con +0,6%. Analoga dinamica negativa fu registrata per il Mezzogiorno nel periodo di crisi 2008-2013 quando fece registrare un calo medio annuo del valore aggiunto del 2% (a fronte del -1% del Nord Ovest, -1,1% del Nord Est e -1,5%, del Centro) e in quello della successiva ripresa dal 2014 al 2018 con una crescita media annua dello 0,7% (contro il +1,1% del Nord Est, il +0,9% del Nord Ovest e il +0,8% del Centro).



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
26/04/2019 - Perdita idrocarburi, Bolognetti: basta con le processioni dolenti di farisei

Vedo in giro tanta bella gente che si affretta, spintona e che smania dalla voglia di mettere i chiodi sulla bara. Processioni dolenti di farisei e impostori, sciacalli e avvoltoi.
Sono gli stessi che non ho mai avuto il piacere di sentire o di vedere quando, non oggi, ...-->continua

26/04/2019 - Elezioni europee, europa verde presenta i candidati per il sud

Si terrà sabato 27 aprile alle ore 11.00, presso il circolo fotografico “Il Castello” in via Plinio 85, la presentazione ufficiale dei candidati al Parlamento Europeo di Europa Verde (nata dall’unione di “Possibile” e “Verdi”) per la circoscrizione Meridionale...-->continua

25/04/2019 - Frana strada statale Sinnica, M5s: ‘Regione e Comune si attivino’

L’interruzione della strada statale Sinnica, a causa della frana occorsa l’11 febbraio scorso, aggiunge un ulteriore motivo di preoccupazione in un’area già segnata da molte probl...-->continua

25/04/2019 - ''Caro presidente Bardi intervenga sui disagi dei malati oncologici'

Caro Presidente Bardi,
le scrivo questa lettera aperta con la speranza che nei prossimi mesi, dopo essersi pienamente impossessato della macchina politica e amministrativa del...-->continua

25/04/2019 - Silvana Arbia si candida alle prossime elezioni Europee

Silvana Arbia, già cancelliere della Corte Penale Internazionale, magistrato e attivista in tema di tutela dei diritti umani, ha annunciato la sua candidatura alle prossime elezio...-->continua

24/04/2019 - Festa della Liberazione, il messaggio di Patriciello

“Il 25 aprile appartiene a tutti gli italiani, a tutti coloro che anelano alla libertà ed alla democrazia. Quella del 25 aprile non è solo una data cerchiata in rosso: è il giorno del ricordo, del coraggio e dell’impegno di uomini e donne che con tenacia hanno...-->continua

24/04/2019 - Tramutoli (LBP): ‘25 Aprile, noi in campo per la Liberazione di Potenza’

“Il 25 Aprile è il fondamento Costituzionale della nostra Repubblica Democratica: non si tratta di commemorare il passato, si tratta di rinsaldare, giorno dopo giorno, i valori stessi che ci tengono insieme. Oggi, l’Italia è attraversata da un vento di destra ...-->continua







WEB TV



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo