HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Med NoTriv su emendamento Mise

11/01/2019

Il giorno 9 maggio 2019 sul sito del Ministero dello Sviluppo Economico è comparso l'annuncio di un emendamento per fermare le trivelle. Il Sottosegretario allo Sviluppo Economico con delega all’Energia Davide Crippa ha dichiarato che l'emendamento prevede l'introduzione del Piano per la Transizione Energetica Sostenibile delle Aree Idonee (PTESAI), strumento già in programma da tempo, e la rideterminazione di alcuni canoni concessori. L'annuncio ha creato attenzione e in alcuni casi entusiasmo soprattutto dopo le proteste provocate dalla notizia dei tre decreti di autorizzazione di ricerca di idrocarburi nel Mar Iono e rilasciati proprio dal Ministero dello Sviluppo Economico. In merito alla notizia dell'emendamento, che dovrà essere discusso e votato passando per ben tre Commissioni Parlamentari e che potrebbe essere sostanzialmente modificato prima di essere approvato e che potrebbe anche essere bocciato, Mediterraneo no triv ritiene di non poter ancora esprimere alcuna opinione. Prima di tutto nessuna opinione tecnica può essere espressa perché il testo dell'emendamento non è stato ancora reso noto e al riguardo ne sollecitiamo la divulgazione atteso che si tratta di questione ambientale e quindi, di grande interesse per i cittadini. Inoltre, nei giorni scorsi in merito ai tre decreti firmati dal Mise di autorizzazione di ricerca con air-guns, abbiamo sentito dire di tutto e di più ma tra tutte le affermazioni, alcune anche variopinte, quella che ci lascia più perplessi è aver sostenuto che il Ministero non poteva non firmare e che, avendo l'iter autorizzativo già ottenuto la compatibilità ambientale dal precedente governo, la firma del decreto era atto dovuto. L'affermazione è falsa perché le conclusioni degli atti amministrativi non sono mai atti dovuti. Ma non siamo di certo noi a dirlo e a sostenerlo ma, piuttosto, è il nostro legislatore che con l'art. 2 Legge 241/1990 dispone che le amministrazioni hanno il dovere di concludere il procedimento avviato con istanza mediante l'adozione di un provvedimento. In sostanza si precisa che l'obbligatorietà non è certo il tipo di decisione che l'amministrazione deve adottare, e ci mancherebbe altro se fosse così, ma piuttosto è riferita alla conclusione del procedimento. In sostanza il legislatore si è preoccupato di precisare che tutti gli iter amministrativi che hanno impulso con un'istanza devono concludersi con una decisione che può essere di autorizzazione oppure di rifiuto, e mai può sussistere il silenzio e l'inerzia della pubblica amministrazione. Il Ministro dello Sviluppo Economico quando dice che i tre decreti di autorizzazione della ricerca di airg guns sono atti dovuti quindi, avrà frainteso questi concetti anche se, a onor del vero, l'art. 2 della legge 241/1990 precisa che le pubbliche amministrazioni se ravvisano la manifesta irricevibilità, inammissibilità, improcedibilità o infondatezza della domanda, concludono il procedimento con un provvedimento espresso redatto in forma semplificata, la cui motivazione può consistere in un sintetico riferimento al punto di fatto o di diritto ritenuto risolutivo. In sostanza, le pubbliche amministrazioni e di certo i Ministeri, possono concludere un procedimento amministrativo come è quello di autorizzazione al rilascio di permessi di ricerca di idrocarburi, anche con un rigetto avendo naturalmente cura di spiegare i motivi. Per quanto concerne l'emendamento per il blocco delle trivelle, oltre alle valutazioni di diritto che non possiamo quindi esprimere in assenza del testo-bozza e che dovrà ancora approvato, è opportuno dire che la comunciazione è sempre importante e dev'essere particolarmente seria. Se l'emendamento in quanto tale, non è legge, perché dovrà appunto essere discusso e approvato, non è possibile dire che le trivelle sono state bloccate. Resta ancora da percorrere tutto l'iter parlamentare di approvazione. La partita è ancora tutta aperta e dire il contrario vuol dire veicolare ai cittadini un messaggio furviante.



Mediterraneo no triv




archivio

ALTRI

La Voce della Politica
15/01/2019 - Basilicata. Prima runione centro sinistra per primarie

Presso la sede del Psi di Basilicata a Potenza si è svolta la prima riunione del tavolo tecnico del centrosinistra chiamato a redigere la proposta di regolamento per le Primarie. Tra gli aspetti discussi emerge unanime convergenza nel fissare al 26 Gennaio 2019 la data ultim...-->continua

15/01/2019 - Franconi: “Oggi al Crob celebrazione importante per la sanità lucana”

La vicepresidente della giunta regionale ha partecipato all’evento organizzato per i 10 anni dal conseguimento, da parte del centro oncologico di Rionero in Vulture, del titolo di Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico (Irccs)

“E’ questa...-->continua

15/01/2019 - Lavoro, Ugl:”Anche per il 2019 detassata la quota di premio trimestrale”

Palumbo e Costanzo (Ugl):”Ai lavoratori dipendenti, nella prossima busta paga gli arretrati”.

“La scelta compiuta nell’accordo del 2015 di puntare su un robusto sistema premiale si sta’ rivelando giusta anche al fine di approfittare delle opportunità ...-->continua

15/01/2019 - Ordine degli avvocati di Lagonegro: plebiscito per la lista di Cappelli

Gherardo Cappelli, originario di Sala Consilina, è stato eletto presidente dell’Ordine degli Avvocati di Lagonegro: rimarrà in carica fino al 2022. La sua lista ha ottenuto un vero e proprio plebiscito, tanto da riuscire ad eleggere 8 consiglieri su un totale ...-->continua

15/01/2019 - PD. Domani Ascani a Potenza

Mercoledì 16 gennaio 2019, alle ore 16,30, presso la sede regionale del Partito democratico di Potenza, in piazza Gianturco, interverrà la deputata Anna Ascani, candidata insieme a Roberto Giachetti alla segreteria nazionale del Pd. La presentazione della mozi...-->continua

15/01/2019 - Fca: Vaccaro (UIL), non sottovalutiamo annuncio ad Manley

“Non si possono ulteriormente sottovalutare le conseguenze del ripetuto annuncio dell’ad di Fca, Mike Manley, questa volta venuto alla vigilia del Salone dell'Auto di Detroit, sul cosiddetto adeguamento del piano di investimenti della Fca in Italia a seguito d...-->continua

15/01/2019 - Braia: 2,2 meuro per danni da trombe d’aria estate 2017 alla Basilicata

“Il Dipartimento Agricoltura procederà con l’istruttoria delle 158 domande presentate per pubblicare, nelle prossime settimane, la graduatoria provvisoria delle aziende che beneficeranno del sostegno nazionale”

“Finalmente buone notizie per gli agrico...-->continua






WEB TV
La vita raccolta in due ore e divisa in dieci scatoloni
di Mariapaola Vergallito

Chissà in che misura le nostre case sono fatte di oggetti accumulati che non guardiamo più e dei quali, forse, ci ricordiamo soltanto quando dobbiamo spolverare. Eppure c’è stato un momento, vicino o lontano non importa ma preciso, in cui la nostra mano ha posato quell’oggetto su quella mensola, nel cassetto, in un armadio, su un comò. Ci pensavo in queste ultime ore, guardandomi intorno nella casa in cui vivo appena da quattro anni; ma guardando anche i particolari della casa dei miei genitori, per esempio. O ricordando la stanza che ho vissuto a Roma da universitaria. Ci pensavo mentre ascoltavo le parole dei cittadini di Genova che sono costretti a fare inumana sintesi di quegli oggetti. Limitando una vita intera nel tempo e nello spazio. Il tempo ...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo