HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Braia: 2,4 Meuro per produrre energia rinnovabile, Bando Mis. 7.2 Psr

16/11/2018

La Giunta regionale ha approvato l’Avviso pubblico relativo alla sottomisura 7.2 del Psr Basilicata 2014/2020 per la realizzazione di impianti pubblici per la produzione di energia da fonti rinnovabili, pubblicato sul Bur del 16 novembre 2018.

“Bioeconomia, energia pulita, gestione sostenibile delle risorse naturali, ambiente. Con una dotazione finanziaria di oltre 2,4 milioni di euro, il Bando della sottomisura 7.2 finanziare il miglioramento e l’espansione delle infrastrutture su piccola scala finalizzato alla produzione, approvvigionamento e utilizzo di fonti di energia rinnovabili, sottoprodotti, materiali di scarto, residui e altre materie grezze non alimentari ai fini della bioeconomia e al risparmio energetico.”
Lo rende noto l’assessore alle Politiche agricole e forestali, Luca Braia.
“Saranno valorizzati - prosegue Braia - i sottoprodotti e gli scarti delle lavorazioni agricole, alimentari e forestali ai fini energetici tutelando al contempo la diversificazione della struttura dei soprassuoli forestali per favorire l’incremento della resilienza e della biodiversità attraverso forme di gestione sostenibile.
Si prevede la realizzazione di impianti pubblici destinati alla produzione di energia fino a 1 MW di potenza, da fonti rinnovabili che utilizzino le risorse naturali presenti nelle aree rurali, per auto approvvigionamento.
Gli interventi energetici possono avere carattere locale o coinvolgere più territori comunali, con la finalità di migliorare le condizioni ambientali e ridurre gli oneri di consumo energetico per i beneficiari del bando che saranno i Comuni singoli o associati, gli Enti gestori di Aree Protette, il Consorzio di Bonifica.
Gli impianti - conclude Luca Braia - dovranno essere infatti a servizio esclusivo delle utenze pubbliche e dimensionati per l’esclusiva alimentazione della struttura pubblica e per il solo autoconsumo. Sono ammissibili investimenti, fino a un massimo di 150mila euro (o 450mila euro per associazioni di più enti pubblici) per acquisto e messa in opera di impianti pubblici destinati a energia fino a 1 MW di potenza nominale complessiva, da fonti rinnovabili biomassa eolico e solare, reti di teletermia di distribuzione del calore generato dall’impianto, spese per opere edili e impiantistiche, realizzazione di piattaforme di stoccaggio, realizzazione e adeguamento della viabilità di accesso agli impianti.”

Tutte le informazioni saranno disponibili sul portale http://europa.basilicata.it/feasr/




archivio

ALTRI

La Voce della Politica
23/02/2019 - Pisticci: variante urbanistica per riqualificare Rione Dirupo

La variante urbanistica del Rione Dirupo, approvata in Consiglio Comunale, rappresenta il primo importantissimo passo di un percorso che porterà alla redazione di un piano di recupero dettagliato e puntuale dell'intero centro storico.
La variante urbanistica del Piano Re...-->continua

22/02/2019 - Regionali: finora presentate sette liste

Si è conclusa alle ore 20, nei Palazzi di giustizia di Potenza e Matera, la prima giornata delle operazioni per la presentazione delle liste per le Regionali che in Basilicata si terranno il prossimo 24 marzo. A Potenza sono state presentate tre liste (Movime...-->continua

22/02/2019 - Modarelli (FI) sull’affidamento del servizio di assistenza educativa specialisti

La Provincia di Matera – dichiara il Consigliere Provinciale di Forza Italia Gianluca Modarelli – ha accolto in tempi ragionevoli la richiesta da me inoltrata, in data 03 Settembre 2018, nella quale sollecitavo l’espletamento della procedura di gara per l’affi...-->continua

22/02/2019 - A Matera un convegno su tecnologie e ricerca per la decarbonizzazione

La Basilicata è la regione con la produzione pro capite di energia rinnovabile più alta ed è l’unica in Italia ad avere una legge sulla decarbonizzazione

Si è discusso di tecnologie e cambiamenti climatici, di politiche pubbliche e trasferimento della...-->continua

22/02/2019 - UGL su Contratto FCA, CNHI e Ferrari

“In questi ultimi due giorni di trattativa è proseguito il confronto con FCA, CNHI e Ferrari su tutti i temi della parte normativa. Si sono fatti passi avanti su relazioni sindacali, orario di lavoro e sul welfare aziendale, dove è emersa la disponibilità a el...-->continua

22/02/2019 - Donatella Pascale (San Fele): 'Io come Trerotola 5 anni fa'

Donatella Pascale, già Assessore e attuale Consigliere comunale San Fele: “Io come Trerotola 5 anni fa”. Di seguito la nota integrale.
Quando ho visto le immagini e letto la notizia della candidatura del Dott. Trerotola, è stato per me come tornare al pass...-->continua

22/02/2019 - Bolognetti: comunque vada avrete perso

Puoi vincere perdendo e puoi perdere anche se pensi di aver vinto. Il centro-sinistra lucano comunque vada ha già perso. Ha perso innanzitutto un'anima che probabilmente non ha mai avuto. Stiamo assistendo ad un indecente suk, un mercato delle vacche, che ha...-->continua







WEB TV
Noi e quella sacrosanta ''cultura del territorio''
di Mariapaola Vergallito

“I lucani conoscono la frana. I contadini lucani sono vissuti da sempre con la frana, l’orecchio teso a quel fremito oscuro, l’occhio attento a scrutare le rughe della terra. Ma un tempo nessuno la violentava la terra. La temevano, la rispettavano. Istintivamente si tramandavano quella che modernamente si è poi chiamata “cultura del territorio”. Oggi, nell’era della scienza, è proprio quella cultura che è venuta meno. Dalle paure ancestrali si è passati al saccheggio dell’ambiente naturale”.
All’indomani della frana che si è portata via mezzo quartiere nell’antico borgo di Pomarico e che, per fortuna, non ha causato vittime, ho recuperato un editoriale che la Gazzetta pubblicò quasi 33 anni fa, il 27 luglio del 1986. Ventiquattrore prima collina T...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo