HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Braia: investimenti tecnologici per l’agricoltura sostenibile e intelligente

10/10/2018



“Innovare con l’agricoltura di precisone per agganciare il futuro. Più redditività e produttività, con una riduzione dell’emissione di anidride carbonica e la riduzione del consumo di risorse naturali, in primis della risorsa idrica. Un importante investimento finanziato per 260mila euro di risorse del PSR Basilicata (Misura 16.1) sull’utilizzo delle tecnologie in agricoltura è quello che si avvia con la costituzione del Gruppo Operativo (GO) Agrotech.”



Lo ha dichiarato l’Assessore alle Politiche Agricole e Forestali Luca Braia intervenendo alla presentazione del Progetto GO Agrotech coordinato da Alsia, presentato oggi a Metaponto.



“Non c'è alternativa - proseguenl’Assessore Luca Braia - l'agricoltura del domani necessita di competitività, quella che l’agricoltura di precisione racchiude attraverso attività e tecnologie utili al raggiungimento di tali obiettivi verso i quali, senza dubbio, dobbiamo continuare a spingere anche in Basilicata. Nel prossimo futuro, la realizzazione di una smart farm in Alsia potrebbe rappresentare un punto centrale della sua nuova mission e diventare luogo di sperimentazione e incubatore di start up sul tema.



Nel Gruppo Operativo (GO) Agrotech si mettono insieme, sposando la logica dell’aggregazione, complessivamente 17 partner di cui 9 imprese agricole, 4 centri di ricerca pubblici, 2 imprese tecnologiche e 2 broker dell’innovazione e un grande potenziale di sviluppo nel campo ICT che essi possiedono.



Il progetto, che va esattamente in direzione della scelta politica a sostegno dell’innovazione anche tecnologica del comparto, ha il compito di trasferire, nei prossimi tre anni, alle imprese agricole lucane le innovazioni e le tecnologie del settore dell’Agricoltura di Precisione, sviluppando applicazioni di smart farming, o agricoltura intelligente, e soprattutto diffondendo i risultati all’intero territorio regionale, in collaborazione tra i cluster Aerospazio e Bioeconomia previsti dalla Smart Specialization Strategy (S3).



L’obiettivo è quello di rendere il sistema produttivo agricolo di Basilicata più sostenibile e attento all’ambiente, grazie alla ricerca applicata, ma anche più competitivo, grazie all’innovazione tecnologica che va a supporto ad esempio della razionalizzazione migliore dei trattamenti adeguati alle colture oppure della gestione virtuosa della risorsa idrica.



L’Agricoltura di precisione - conclude Braia - interessa il 40% dei terreni agricoli negli Stati Uniti, è in grande e progressivo utilizzo in Brasile e Argentina, tra i paesi emergenti dell’agricoltura del futuro, con la previsione che, proprio grazie all’utilizzo avanzato delle tecnologie in agricoltura, sarà la Cina ad essere leader del comparto tra dieci anni. In Europa a guidare l’innovazione sono la Francia e la Germania, mentre l'Italia ad oggi vede solo un utilizzo delle ICT pari all’1% dei terreni agricoli.”



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
20/02/2019 - Mattia M5s:i 10 punti della svolta in distribuzioni alle famiglie

È in corso in tutti i comuni lucani la distribuzione di un pieghevole di quattro facciate e la presentazione nel corso di eventi pubblici, dei 10 punti principali del programma regionale del M5S.

La campagna di comunicazione del candidato presidente Antonio Mattia s...-->continua

20/02/2019 - Dissesto, Lezzi: da Regioni collaborazione per cooperazione rafforzata

“Oggi a Roma ho incontrato tutte le Regioni per avviare, insieme al Ministro Costa, una cooperazione rafforzata con la Commissione europea. Questo strumento è stato già efficacemente adottato per accelerare la spesa dei fondi strutturali europei e sono certa c...-->continua

20/02/2019 - Agricoltura sociale, coltivare valori e offrire servizi

Al lavoro per l’integrazione delle varie competenze al fine di creare percorsi virtuosi in Basilicata

L’articolazione della Legge regionale n. 53 "Disposizioni in materia di agricoltura sociale” è stata presentata presso la Coop. Sociale "Fratello Sol...-->continua

19/02/2019 - Consiglio regionale, riunione rinviata a mercoledì 27/2

La riunione del Consiglio regionale prevista per le ore 15,00 di oggi è stata rinviata a mercoledì 27 febbraio 2019, alle ore 10,00, e si svolgerà come sempre nell’aula Dinardo al piano terra del palazzo della Giunta regionale (Viale Verrastro n. 4 – Potenza)....-->continua

19/02/2019 - Po-Fse, a Potenza incontro su trattamento dati personali nel welfare

Il Workshop dal titolo “L’impatto del regolamento (GDPR) UE n.679/2016 sul trattamento dei dati nella gestione degli avvisi pubblici con valenza sociale del PO FSE Basilicata 2014/2020” si è tenuto oggi nella sala Inguscio della Regione


Il tratt...-->continua

19/02/2019 - ROSPI M5S.: Nuovi modelli di sviluppo sociale ed economico per costa ionica

Sabato prossimo 23 febbraio alle 10, nella Sala Consiliare del Comune di Policoro (Mt), il convegno “Nuovi modelli di sviluppo sociale ed economico per il rilancio della costa ionica lucana”. Sarà l’occasione per rimarcare che la Basilicata, negli ultimi due a...-->continua

19/02/2019 - Appalti, la Cisl propone un protocollo d'intesa alla Regione

La Cisl Basilicata lancia l'idea di un protocollo d'intesa con le stazioni appaltanti per la qualità e la tutela del lavoro negli appalti di lavori, servizi e forniture. La proposta sarà presentata venerdì 22 febbraio alle 9:30 nella sala Ugo Bianchi della Cis...-->continua







WEB TV
Noi e quella sacrosanta ''cultura del territorio''
di Mariapaola Vergallito

“I lucani conoscono la frana. I contadini lucani sono vissuti da sempre con la frana, l’orecchio teso a quel fremito oscuro, l’occhio attento a scrutare le rughe della terra. Ma un tempo nessuno la violentava la terra. La temevano, la rispettavano. Istintivamente si tramandavano quella che modernamente si è poi chiamata “cultura del territorio”. Oggi, nell’era della scienza, è proprio quella cultura che è venuta meno. Dalle paure ancestrali si è passati al saccheggio dell’ambiente naturale”.
All’indomani della frana che si è portata via mezzo quartiere nell’antico borgo di Pomarico e che, per fortuna, non ha causato vittime, ho recuperato un editoriale che la Gazzetta pubblicò quasi 33 anni fa, il 27 luglio del 1986. Ventiquattrore prima collina T...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo