HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Il Parco Appennino Lucano risponde all’ennesimo attacco da parte di Legambiente

22/09/2018

Continua il tentativo sistematico da parte di Legambiente di screditare l’operato del Parco Nazionale dell’Appennino Lucano e dei suoi vertici. È ormai sotto gli occhi di tutti il fatto che l’associazione ambientalista ha come unico scopo in Basilicata la lotta a questo Ente e che i suoi rappresentanti, nell’impeto di una guerra senza senso, perdono di vista le più elementari norme del rispetto delle regole che sovrintendono alle attività degli organi direttivi, così come stabilito dai regolamenti.
A tal proposito è persino superfluo ricordare che il provvedimento di decadenza della dottoressa Susanna D’Antoni dal consiglio direttivo dell’Ente Parco, contestato nell’ultimo comunicato dell’associazione ambientalista, era stato un atto conseguente all’applicazione del regolamento di nomina ministeriale dei suddetti membri. Tale regolamento stabilisce che la decadenza del componente dell’organo direttivo si applichi in conseguenza di tre assenze prive di giustificazione. Il consiglio direttivo altro non ha fatto che osservare tale norma.
Il reintegro della dottoressa D’Antoni è motivato dalla presentazione da parte della stessa dei giustificativi delle assenze, riconosciuti legittimi da parte del ministero. Fantasiosa e priva di alcun fondamento giuridico, oltre che ai limiti della risibilità, è la richiesta fatta da Legambiente dell’annullamento degli atti emessi dall’Ente Parco durante la sospensione della D’Antoni, periodo durante il quale il consiglio direttivo ha operato nella piena legittimità e con la presenza della maggioranza dei suoi membri in ogni seduta.
Evidentemente la richiesta di annullamento di tutti gli atti emanati dal consiglio direttivo, conseguente a tale originale interpretazione dello stesso decreto di nomina dei suoi membri, è espressa a cuor leggero da parte di Legambiente, che avrà considerato circostanza poco dannosa per sé tale eventualità visto che il periodo incriminato non vede provvedimenti a favore dei suoi circoli.
È ben strano, infatti, che tale accanimento nei confronti della dirigenza dell’Ente Parco riguardi solo questo ultimo anno. È dalla sua istituzione che l’Ente Parco opera sotto il continuo controllo ministeriale e mai sono ricorsi i termini o le circostanze per un commissariamento. Questo dimostra quanto sia fantasiosa e faziosa l’interpretazione del diritto da parte dei soliti noti di Legambiente, altrimenti la loro attenzione si sarebbe rivolta anche altrove, magari a circostanze che vedono al centro dell’attenzione proprio coloro che continuano a inveire contro il Parco.
Sarebbe bene che i legali di Legambiente, piuttosto che perdere le proprie energie contro un Parco che già vive molte criticità esterne e che avrebbe bisogno di maggiore solidarietà e sostegno, prendessero in esame ricorsi che riguardano l’idoneità alla funzione di direttore di parco nei quali sono espressamente citati i propri dirigenti. Ci riferiamo al ricorso presentato al TAR del Lazio da un professionista che contesta proprio a Ennio Di Lorenzo i titoli presentati per l’iscrizione all’albo dei direttori di parco. Abbiamo avuto modo di sottolineare già in altri comunicati quanto Di Lorenzo sia interessato al ruolo di direttore del Parco dell’Appennino Lucano, del quale insieme alla sua associazione chiede continuamente le dimissioni, ma oggi scopriamo che proprio la iscrizione a tale albo è oggetto di ricorso di un professionista che ritiene di essere stato discriminato, al punto di chiedere l’annullamento del decreto di aggiornamento dell’albo dei direttori, basando il proprio ricorso proprio sulla contestazione a Di Lorenzo di quella “indiscussa competenza” che lui chiede ad altri.
In ultimo va considerato che il fumoso, più che famoso, dossier di Legambiente sul Parco dell’Appennino Lucano è nelle mani del ministero dell’ambiente già da tempo, ma lo stesso ministero non ha ritenuto di prendere provvedimenti in seguito alla valutazione dello stesso. È dunque oltremodo superfluo e dannoso per l’immagine dell’area protetta continuare ad agitare ombre di malagestione e di contiguità con multinazionali che operano sul territorio da decenni, e rischia di vanificare il lavoro quotidiano che guide, esperti e naturalisti svolgono a favore del Parco e non certo dei suoi organi dirigenti, che hanno dimostrato la propria indipendenza opponendosi, quando le norme lo permettono, ad attività dannose per la biodiversità. Lo dimostrano le osservazioni che esprimono parere sfavorevole alla recente richiesta di ENI di perforazione del pozzo “ALLI5”.
Dobbiamo concludere che la logica del “tanto peggio tanto meglio” ha pervaso ormai completamente Legambiente di Basilicata e qualche suo dirigente nazionale, in spregio del reale lavoro che si svolge a vantaggio del territorio.




archivio

ALTRI

La Voce della Politica
20/02/2019 - Mattia M5s:i 10 punti della svolta in distribuzioni alle famiglie

È in corso in tutti i comuni lucani la distribuzione di un pieghevole di quattro facciate e la presentazione nel corso di eventi pubblici, dei 10 punti principali del programma regionale del M5S.

La campagna di comunicazione del candidato presidente Antonio Mattia s...-->continua

20/02/2019 - Dissesto, Lezzi: da Regioni collaborazione per cooperazione rafforzata

“Oggi a Roma ho incontrato tutte le Regioni per avviare, insieme al Ministro Costa, una cooperazione rafforzata con la Commissione europea. Questo strumento è stato già efficacemente adottato per accelerare la spesa dei fondi strutturali europei e sono certa c...-->continua

20/02/2019 - Agricoltura sociale, coltivare valori e offrire servizi

Al lavoro per l’integrazione delle varie competenze al fine di creare percorsi virtuosi in Basilicata

L’articolazione della Legge regionale n. 53 "Disposizioni in materia di agricoltura sociale” è stata presentata presso la Coop. Sociale "Fratello Sol...-->continua

19/02/2019 - Consiglio regionale, riunione rinviata a mercoledì 27/2

La riunione del Consiglio regionale prevista per le ore 15,00 di oggi è stata rinviata a mercoledì 27 febbraio 2019, alle ore 10,00, e si svolgerà come sempre nell’aula Dinardo al piano terra del palazzo della Giunta regionale (Viale Verrastro n. 4 – Potenza)....-->continua

19/02/2019 - Po-Fse, a Potenza incontro su trattamento dati personali nel welfare

Il Workshop dal titolo “L’impatto del regolamento (GDPR) UE n.679/2016 sul trattamento dei dati nella gestione degli avvisi pubblici con valenza sociale del PO FSE Basilicata 2014/2020” si è tenuto oggi nella sala Inguscio della Regione


Il tratt...-->continua

19/02/2019 - ROSPI M5S.: Nuovi modelli di sviluppo sociale ed economico per costa ionica

Sabato prossimo 23 febbraio alle 10, nella Sala Consiliare del Comune di Policoro (Mt), il convegno “Nuovi modelli di sviluppo sociale ed economico per il rilancio della costa ionica lucana”. Sarà l’occasione per rimarcare che la Basilicata, negli ultimi due a...-->continua

19/02/2019 - Appalti, la Cisl propone un protocollo d'intesa alla Regione

La Cisl Basilicata lancia l'idea di un protocollo d'intesa con le stazioni appaltanti per la qualità e la tutela del lavoro negli appalti di lavori, servizi e forniture. La proposta sarà presentata venerdì 22 febbraio alle 9:30 nella sala Ugo Bianchi della Cis...-->continua







WEB TV
Noi e quella sacrosanta ''cultura del territorio''
di Mariapaola Vergallito

“I lucani conoscono la frana. I contadini lucani sono vissuti da sempre con la frana, l’orecchio teso a quel fremito oscuro, l’occhio attento a scrutare le rughe della terra. Ma un tempo nessuno la violentava la terra. La temevano, la rispettavano. Istintivamente si tramandavano quella che modernamente si è poi chiamata “cultura del territorio”. Oggi, nell’era della scienza, è proprio quella cultura che è venuta meno. Dalle paure ancestrali si è passati al saccheggio dell’ambiente naturale”.
All’indomani della frana che si è portata via mezzo quartiere nell’antico borgo di Pomarico e che, per fortuna, non ha causato vittime, ho recuperato un editoriale che la Gazzetta pubblicò quasi 33 anni fa, il 27 luglio del 1986. Ventiquattrore prima collina T...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo