HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Ospedale Melfi: Navazio 'il direttore sanitario non dovrebbe dimettersi?'

14/09/2018

In un Paese normale questo dovrebbe succedere !
Ma noi abbiamo poco di normale anzi nulla, altre vicende lo stanno tristemente a testimoniare, e quindi tutto procede come nulla fosse !
Circa una settimana fa a gran voce abbiamo denunciato la gravissima situazione che stava vivendo il reparto di ostetricia dell’ospedale di Melfi e le sue degenti, un reparto che, per gli atavici ritardi nella ristrutturazione di quello di pediatria, ha dovuto accogliere i suoi piccoli ospiti.

Una scelta quella presa dalla dirigenza sanitaria dell’ospedale non supportata da alcun fondamento né scientifico né di prassi, eppure un Direttore sanitario dovrebbe conoscere i protocolli e le regole con cui alcuni temi andrebbero trattati!

La nostra preoccupazione per la condivisione di un reparto che mette a rischio sia le gravide che i neonati (per esempio per la contrazione da parte di uno dei soggetti di malattie infettive) è risultata così fondata da indurre gli addetti ai lavori a un susseguirsi di frenetiche riunioni che come oramai è consuetudine finiscono sempre con l’interessare i vertici della politica sia essa locale che regionale.

Risultato: il NULLA !

La sanità della Basilicata, parte attrice di quel sistema che si così ben radicato nella nostra Regione e che non a caso è al vaglio della magistratura, non è riuscita a trovare la soluzione più idonea per la soluzione del problema ma ha trovato solo il tempo per confrontarsi con la politica, per definire soluzioni tampone, per incutere timore a chi osa far fuoriuscire le notizie, insomma per sopravvivere aspettando che il tutto cada nel dimenticatoio!

Le contrarietà all’interno del management e personale sanitario rispetto alla decisione presa, infatti ci sono state, le posizioni degli addetti ai lavori non sono state univoche e alla fine ha vinto chi aveva le spalle più coperte e protette!

Stiamo ancora farneticando?

No assolutamente no, siamo certi di quello che dichiariamo e che è stato dimostrato dalle azioni repentine poste in essere all’indomani della nostra denuncia ma è gravissimo che ogni volta che sorgono intoppi o problemi da risolvere, la dirigenza si rivolga alla politica, naturalmente quella a cui per ragioni di certo non edificanti risponde, per trovare la soluzione!

E’ gravissimo che il commissario con poteri da direttore generale, Rocco Maglietta, snobbi l’ospedale di Melfi relegando le questioni periferiche a dirigenti che i fatti hanno dimostrato di essere insicuri e niente affatto preparati!

La disposizione di trasferimento, infatti, è avvenuta in barba a qualsiasi considerazione tecnica-scientifica o di semplice opportunità e solo per questo in Paesi normali il Direttore sanitario sarebbe stato rimosso!

Al contrario il personale è ritenuto delatore, i sindacati i soliti aizzatori (per la verità ai nostri occhi semplicemente dormienti), i degenti gli incontentabili ... incontentabili che però di fatto scappano dal nostro ospedale e riferiscono!

Le massime valgono sempre: solo quello che non si fa non si sa!

Melfi, 14 settembre 2018



Gruppo consiliare Noi per Melfi

Il capogruppo

Alfonso Ernesto Navazio



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
23/02/2019 - Pisticci: variante urbanistica per riqualificare Rione Dirupo

La variante urbanistica del Rione Dirupo, approvata in Consiglio Comunale, rappresenta il primo importantissimo passo di un percorso che porterà alla redazione di un piano di recupero dettagliato e puntuale dell'intero centro storico.
La variante urbanistica del Piano Re...-->continua

22/02/2019 - Regionali: finora presentate sette liste

Si è conclusa alle ore 20, nei Palazzi di giustizia di Potenza e Matera, la prima giornata delle operazioni per la presentazione delle liste per le Regionali che in Basilicata si terranno il prossimo 24 marzo. A Potenza sono state presentate tre liste (Movime...-->continua

22/02/2019 - Modarelli (FI) sull’affidamento del servizio di assistenza educativa specialisti

La Provincia di Matera – dichiara il Consigliere Provinciale di Forza Italia Gianluca Modarelli – ha accolto in tempi ragionevoli la richiesta da me inoltrata, in data 03 Settembre 2018, nella quale sollecitavo l’espletamento della procedura di gara per l’affi...-->continua

22/02/2019 - A Matera un convegno su tecnologie e ricerca per la decarbonizzazione

La Basilicata è la regione con la produzione pro capite di energia rinnovabile più alta ed è l’unica in Italia ad avere una legge sulla decarbonizzazione

Si è discusso di tecnologie e cambiamenti climatici, di politiche pubbliche e trasferimento della...-->continua

22/02/2019 - UGL su Contratto FCA, CNHI e Ferrari

“In questi ultimi due giorni di trattativa è proseguito il confronto con FCA, CNHI e Ferrari su tutti i temi della parte normativa. Si sono fatti passi avanti su relazioni sindacali, orario di lavoro e sul welfare aziendale, dove è emersa la disponibilità a el...-->continua

22/02/2019 - Donatella Pascale (San Fele): 'Io come Trerotola 5 anni fa'

Donatella Pascale, già Assessore e attuale Consigliere comunale San Fele: “Io come Trerotola 5 anni fa”. Di seguito la nota integrale.
Quando ho visto le immagini e letto la notizia della candidatura del Dott. Trerotola, è stato per me come tornare al pass...-->continua

22/02/2019 - Bolognetti: comunque vada avrete perso

Puoi vincere perdendo e puoi perdere anche se pensi di aver vinto. Il centro-sinistra lucano comunque vada ha già perso. Ha perso innanzitutto un'anima che probabilmente non ha mai avuto. Stiamo assistendo ad un indecente suk, un mercato delle vacche, che ha...-->continua







WEB TV
Noi e quella sacrosanta ''cultura del territorio''
di Mariapaola Vergallito

“I lucani conoscono la frana. I contadini lucani sono vissuti da sempre con la frana, l’orecchio teso a quel fremito oscuro, l’occhio attento a scrutare le rughe della terra. Ma un tempo nessuno la violentava la terra. La temevano, la rispettavano. Istintivamente si tramandavano quella che modernamente si è poi chiamata “cultura del territorio”. Oggi, nell’era della scienza, è proprio quella cultura che è venuta meno. Dalle paure ancestrali si è passati al saccheggio dell’ambiente naturale”.
All’indomani della frana che si è portata via mezzo quartiere nell’antico borgo di Pomarico e che, per fortuna, non ha causato vittime, ho recuperato un editoriale che la Gazzetta pubblicò quasi 33 anni fa, il 27 luglio del 1986. Ventiquattrore prima collina T...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo