HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Ospedale Melfi: Navazio 'il direttore sanitario non dovrebbe dimettersi?'

14/09/2018

In un Paese normale questo dovrebbe succedere !
Ma noi abbiamo poco di normale anzi nulla, altre vicende lo stanno tristemente a testimoniare, e quindi tutto procede come nulla fosse !
Circa una settimana fa a gran voce abbiamo denunciato la gravissima situazione che stava vivendo il reparto di ostetricia dell’ospedale di Melfi e le sue degenti, un reparto che, per gli atavici ritardi nella ristrutturazione di quello di pediatria, ha dovuto accogliere i suoi piccoli ospiti.

Una scelta quella presa dalla dirigenza sanitaria dell’ospedale non supportata da alcun fondamento né scientifico né di prassi, eppure un Direttore sanitario dovrebbe conoscere i protocolli e le regole con cui alcuni temi andrebbero trattati!

La nostra preoccupazione per la condivisione di un reparto che mette a rischio sia le gravide che i neonati (per esempio per la contrazione da parte di uno dei soggetti di malattie infettive) è risultata così fondata da indurre gli addetti ai lavori a un susseguirsi di frenetiche riunioni che come oramai è consuetudine finiscono sempre con l’interessare i vertici della politica sia essa locale che regionale.

Risultato: il NULLA !

La sanità della Basilicata, parte attrice di quel sistema che si così ben radicato nella nostra Regione e che non a caso è al vaglio della magistratura, non è riuscita a trovare la soluzione più idonea per la soluzione del problema ma ha trovato solo il tempo per confrontarsi con la politica, per definire soluzioni tampone, per incutere timore a chi osa far fuoriuscire le notizie, insomma per sopravvivere aspettando che il tutto cada nel dimenticatoio!

Le contrarietà all’interno del management e personale sanitario rispetto alla decisione presa, infatti ci sono state, le posizioni degli addetti ai lavori non sono state univoche e alla fine ha vinto chi aveva le spalle più coperte e protette!

Stiamo ancora farneticando?

No assolutamente no, siamo certi di quello che dichiariamo e che è stato dimostrato dalle azioni repentine poste in essere all’indomani della nostra denuncia ma è gravissimo che ogni volta che sorgono intoppi o problemi da risolvere, la dirigenza si rivolga alla politica, naturalmente quella a cui per ragioni di certo non edificanti risponde, per trovare la soluzione!

E’ gravissimo che il commissario con poteri da direttore generale, Rocco Maglietta, snobbi l’ospedale di Melfi relegando le questioni periferiche a dirigenti che i fatti hanno dimostrato di essere insicuri e niente affatto preparati!

La disposizione di trasferimento, infatti, è avvenuta in barba a qualsiasi considerazione tecnica-scientifica o di semplice opportunità e solo per questo in Paesi normali il Direttore sanitario sarebbe stato rimosso!

Al contrario il personale è ritenuto delatore, i sindacati i soliti aizzatori (per la verità ai nostri occhi semplicemente dormienti), i degenti gli incontentabili ... incontentabili che però di fatto scappano dal nostro ospedale e riferiscono!

Le massime valgono sempre: solo quello che non si fa non si sa!

Melfi, 14 settembre 2018



Gruppo consiliare Noi per Melfi

Il capogruppo

Alfonso Ernesto Navazio



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
25/09/2018 - UilFpl: Regione in ritardo per il pagamento della produttività 2017

Sul tema della produttività l’amministrazione non riesce proprio a fare tesoro degli errori del passato e, anche quest’anno, si stanno registrando ritardi nell’espletamento delle procedure per il pagamento della produttività 2017.
La Regione non riesce a superare le crit...-->continua

25/09/2018 - Di Nubila: 'Migrazioni e Migranti'

La storia delle emigrazioni è la storia della umanità. Qui vogliamo soffermarci sulle vicende migratorie,che hanno caratterizzato, in particolare, l’Italia, per secoli,con implicazioni umane,sociali, politiche ,economiche. Giova ricordare che le prime rilevazi...-->continua

25/09/2018 - Anisap; incrementare risorse su spesa strutture ambulatoriali

Le strutture sanitarie private-accreditate di Basilicata hanno ormai esaurito i tetti di spesa assegnati con DGR 316/2018. La domanda di prestazioni da parte dei cittadini va ben oltre la pseudo-programmazione regionale che fissa il limite di spesa massima al ...-->continua

24/09/2018 - Federmanager Basilicata chiama i propri iscritti per l’Assemblea annuale

Federmanager Basilicata è una delle 57 sedi territoriali di Federmanager l’associazione maggiormente rappresentativa nel mondo del management che cura gli aspetti contrattuali, istituzionali, sociali, professionali e culturali di oltre 200.000 dirigenti, quadr...-->continua

24/09/2018 - Chiusure domenicali in FCA, preoccupazioni della Fismic

La Fismic Basilicata esprime grande preoccupazione per il prolungarsi delle domeniche senza lavoro nel mese di settembre decise da FCA. “Non bastavano le chiusure forzate nel turno pomeridiano nelle domeniche del 9 e del 16 scorso – afferma il segretario gener...-->continua

24/09/2018 - Leggieri (M5S): Trielina nelle acque minerali di Fonte Itala,occorre chiarezza

Ho presentato un’interrogazione all’Assessore regionale alla Salute, nonché presidente della Regione facente funzione, dopo il rinvenimento di trielina (tricloroetilene) in alcuni lotti di acqua imbottigliata nello stabilimento Fonte Itala di Atella (Pz). La m...-->continua

24/09/2018 - Frutta nelle scuole:il ministero al lavoro per migliorare qualità del progetto

Dopo gli scandali degli anni passati, il M5S mantiene alta l’attenzione sul programma che coinvolge circa 870.000 alunni in tutta Italia. Il deputato L’Abbate (M5S): “le scuole potranno segnalare al Ministero eventuali anomalie”

Nato da un’idea dell’U...-->continua






WEB TV
L'eredità di Angela
di Mariapaola Vergallito

Angela Ferrara viveva in un paese, Cersosimo, che siamo abituati a raccontare soltanto spulciando le colonnine infinite dei dati sullo spopolamento. Un paese incastonato tra le montagne del Pollino, in una valle bellissima; uno di quei borghi che non vedi da lontano, ma solo quando esci dalla statale per aggrapparti nei tornanti che collegano l’entroterra lucano a quello calabrese. Negli anni saranno stati tanti i giovani che hanno guardato questo paese con un presentimento di sconfitta. Angela Ferrara no. Lo dimostrava con i fatti, non con le parole. Anche se le parole erano compagne preziose. Quelle con le quali Angela amava giocare per raccontare il mondo attraverso la bellezza della poesia e attraverso i suoi racconti. Quelle che, in queste ore, ...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo