HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Raganello, Bussone (UNCEM): sistemi di allerta vanno rivisti

13/09/2018

"La notizia delle ultime ore relativa all'iscrizione nel registro degli indagati dei sindaci di Civita, San Lorenzo Bellizzi e Cerchiara di Calabria, Alessandro Tocci, Antonio Cersosimo e Antonio Carlomagno e del presidente del Parco Nazionale del Pollino, Domenico Pappaterra, a seguito del grave incidente avvenuto nelle gole del torrente Raganello il 20 agosto, lascia perplessi Uncem e i colleghi Sindaci di tutto il Paese. Le accuse sono molto gravi, omicidio colposo e lesioni colpose, inondazione colposa ed omissione di atti d'ufficio. La magistratura si rispetta sempre, sia nella fase delle indagini, sia nelle sentenze. Ma non è la prima volta che i Sindaci finiscono in un'indagine a seguito di eventi calamitosi che coinvolgono la comunità e il territorio. È vero, sono responsabili della protezione civile, sono un pezzo dello Stato. Ma riteniamo non possano essere accusati di non aver dato in tempo allarmi, come peraltro dovrebbero dare ogni due, tre, quattro giorni, viste le molteplici, forse troppe, allerte gialle che ricevono. C'è chi ne ha contate anche quindici in un mese, ricevute dal Sindaco via fax in municipio o via sms il venerdi pomeriggio per il week end. Secondo la logica per la quale, con un allerta gialla un Sindaco deve applicare misure e interventi preventivi, l'Amministrazione sarebbe costretta a chiudere strade, accessi, ponti, versanti, pezzi di bosco o di parco, scogliere e aree lungo fiumi e torrenti per quindici giorni o più al mese al mese. È questa la tutela che vogliamo? E chi lo farebbe nei piccoli Comuni o nelle Unioni dove non vi è personale? Direttamente il Sindaco? Il vicesindaco? Il tecnico comunale che fa anche il vigile? È ovviamente impossibile e assurdo. In un sistema sussidiario, è invece necessario rivedere i sistemi di allerta e le conseguenti responsabilità. Come avevamo già detto all'indomani dell'incidente, non possono essere i Sindaci il parafulmine e l'anello debole della catena dello Stato, chi decide e chi ha tutte le grandi responsabilità da gestire. Serve una revisione del sistema di allerta che tuteli gli Amministratori locali in modo adeguato. Ne parlerò nelle prossime ore con il Capo della Protezione Civile Borrelli. Le persone che scelgono questo o quel percorso escursionistico o sportivo, in un canyon, su un versante montano, innevato o no, si assumono le responsabilità. Ne rispondono. I Comuni devono ovviamente avere chiari piani di Protezione civile, ancor meglio se fatti a livello sovracomunale con l'unione o la Comunità Montana. Il centro, il sistema centrale della Protezione civile non deve e non può far cadere tutte le responsabilità sui piccoli Comuni delle aree più fragili dell'Italia, Alpi e Appennini. Il rischio vero di tutto questo, anche di queste accuse, è che nei prossimi anni, dalle elezioni amministrative 2019, troveremo sempre meno persone disposte a fare i Sindaci, sempre meno disposte a prendersi, senza alcuna indennità, delle enormi responsabilità che, come questa volta e come a Genova anni fa per Marta Vincenzi, possono portare gli Amministratori locali, con tutta la loro buona volontà, l'impegno, la determinazione, anche nelle aule dei tribunali".
Lo afferma Marco Bussone, Presidente nazionale Uncem.



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
25/09/2018 - UilFpl: Regione in ritardo per il pagamento della produttività 2017

Sul tema della produttività l’amministrazione non riesce proprio a fare tesoro degli errori del passato e, anche quest’anno, si stanno registrando ritardi nell’espletamento delle procedure per il pagamento della produttività 2017.
La Regione non riesce a superare le crit...-->continua

25/09/2018 - Di Nubila: 'Migrazioni e Migranti'

La storia delle emigrazioni è la storia della umanità. Qui vogliamo soffermarci sulle vicende migratorie,che hanno caratterizzato, in particolare, l’Italia, per secoli,con implicazioni umane,sociali, politiche ,economiche. Giova ricordare che le prime rilevazi...-->continua

25/09/2018 - Anisap; incrementare risorse su spesa strutture ambulatoriali

Le strutture sanitarie private-accreditate di Basilicata hanno ormai esaurito i tetti di spesa assegnati con DGR 316/2018. La domanda di prestazioni da parte dei cittadini va ben oltre la pseudo-programmazione regionale che fissa il limite di spesa massima al ...-->continua

24/09/2018 - Federmanager Basilicata chiama i propri iscritti per l’Assemblea annuale

Federmanager Basilicata è una delle 57 sedi territoriali di Federmanager l’associazione maggiormente rappresentativa nel mondo del management che cura gli aspetti contrattuali, istituzionali, sociali, professionali e culturali di oltre 200.000 dirigenti, quadr...-->continua

24/09/2018 - Chiusure domenicali in FCA, preoccupazioni della Fismic

La Fismic Basilicata esprime grande preoccupazione per il prolungarsi delle domeniche senza lavoro nel mese di settembre decise da FCA. “Non bastavano le chiusure forzate nel turno pomeridiano nelle domeniche del 9 e del 16 scorso – afferma il segretario gener...-->continua

24/09/2018 - Leggieri (M5S): Trielina nelle acque minerali di Fonte Itala,occorre chiarezza

Ho presentato un’interrogazione all’Assessore regionale alla Salute, nonché presidente della Regione facente funzione, dopo il rinvenimento di trielina (tricloroetilene) in alcuni lotti di acqua imbottigliata nello stabilimento Fonte Itala di Atella (Pz). La m...-->continua

24/09/2018 - Frutta nelle scuole:il ministero al lavoro per migliorare qualità del progetto

Dopo gli scandali degli anni passati, il M5S mantiene alta l’attenzione sul programma che coinvolge circa 870.000 alunni in tutta Italia. Il deputato L’Abbate (M5S): “le scuole potranno segnalare al Ministero eventuali anomalie”

Nato da un’idea dell’U...-->continua






WEB TV
L'eredità di Angela
di Mariapaola Vergallito

Angela Ferrara viveva in un paese, Cersosimo, che siamo abituati a raccontare soltanto spulciando le colonnine infinite dei dati sullo spopolamento. Un paese incastonato tra le montagne del Pollino, in una valle bellissima; uno di quei borghi che non vedi da lontano, ma solo quando esci dalla statale per aggrapparti nei tornanti che collegano l’entroterra lucano a quello calabrese. Negli anni saranno stati tanti i giovani che hanno guardato questo paese con un presentimento di sconfitta. Angela Ferrara no. Lo dimostrava con i fatti, non con le parole. Anche se le parole erano compagne preziose. Quelle con le quali Angela amava giocare per raccontare il mondo attraverso la bellezza della poesia e attraverso i suoi racconti. Quelle che, in queste ore, ...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo