HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Raganello, Bussone (UNCEM): sistemi di allerta vanno rivisti

13/09/2018

"La notizia delle ultime ore relativa all'iscrizione nel registro degli indagati dei sindaci di Civita, San Lorenzo Bellizzi e Cerchiara di Calabria, Alessandro Tocci, Antonio Cersosimo e Antonio Carlomagno e del presidente del Parco Nazionale del Pollino, Domenico Pappaterra, a seguito del grave incidente avvenuto nelle gole del torrente Raganello il 20 agosto, lascia perplessi Uncem e i colleghi Sindaci di tutto il Paese. Le accuse sono molto gravi, omicidio colposo e lesioni colpose, inondazione colposa ed omissione di atti d'ufficio. La magistratura si rispetta sempre, sia nella fase delle indagini, sia nelle sentenze. Ma non è la prima volta che i Sindaci finiscono in un'indagine a seguito di eventi calamitosi che coinvolgono la comunità e il territorio. È vero, sono responsabili della protezione civile, sono un pezzo dello Stato. Ma riteniamo non possano essere accusati di non aver dato in tempo allarmi, come peraltro dovrebbero dare ogni due, tre, quattro giorni, viste le molteplici, forse troppe, allerte gialle che ricevono. C'è chi ne ha contate anche quindici in un mese, ricevute dal Sindaco via fax in municipio o via sms il venerdi pomeriggio per il week end. Secondo la logica per la quale, con un allerta gialla un Sindaco deve applicare misure e interventi preventivi, l'Amministrazione sarebbe costretta a chiudere strade, accessi, ponti, versanti, pezzi di bosco o di parco, scogliere e aree lungo fiumi e torrenti per quindici giorni o più al mese al mese. È questa la tutela che vogliamo? E chi lo farebbe nei piccoli Comuni o nelle Unioni dove non vi è personale? Direttamente il Sindaco? Il vicesindaco? Il tecnico comunale che fa anche il vigile? È ovviamente impossibile e assurdo. In un sistema sussidiario, è invece necessario rivedere i sistemi di allerta e le conseguenti responsabilità. Come avevamo già detto all'indomani dell'incidente, non possono essere i Sindaci il parafulmine e l'anello debole della catena dello Stato, chi decide e chi ha tutte le grandi responsabilità da gestire. Serve una revisione del sistema di allerta che tuteli gli Amministratori locali in modo adeguato. Ne parlerò nelle prossime ore con il Capo della Protezione Civile Borrelli. Le persone che scelgono questo o quel percorso escursionistico o sportivo, in un canyon, su un versante montano, innevato o no, si assumono le responsabilità. Ne rispondono. I Comuni devono ovviamente avere chiari piani di Protezione civile, ancor meglio se fatti a livello sovracomunale con l'unione o la Comunità Montana. Il centro, il sistema centrale della Protezione civile non deve e non può far cadere tutte le responsabilità sui piccoli Comuni delle aree più fragili dell'Italia, Alpi e Appennini. Il rischio vero di tutto questo, anche di queste accuse, è che nei prossimi anni, dalle elezioni amministrative 2019, troveremo sempre meno persone disposte a fare i Sindaci, sempre meno disposte a prendersi, senza alcuna indennità, delle enormi responsabilità che, come questa volta e come a Genova anni fa per Marta Vincenzi, possono portare gli Amministratori locali, con tutta la loro buona volontà, l'impegno, la determinazione, anche nelle aule dei tribunali".
Lo afferma Marco Bussone, Presidente nazionale Uncem.



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
20/02/2019 - Dissesto, Lezzi: da Regioni collaborazione per cooperazione rafforzata

“Oggi a Roma ho incontrato tutte le Regioni per avviare, insieme al Ministro Costa, una cooperazione rafforzata con la Commissione europea. Questo strumento è stato già efficacemente adottato per accelerare la spesa dei fondi strutturali europei e sono certa che aiuterà a me...-->continua

20/02/2019 - Agricoltura sociale, coltivare valori e offrire servizi

Al lavoro per l’integrazione delle varie competenze al fine di creare percorsi virtuosi in Basilicata

L’articolazione della Legge regionale n. 53 "Disposizioni in materia di agricoltura sociale” è stata presentata presso la Coop. Sociale "Fratello Sol...-->continua

19/02/2019 - Consiglio regionale, riunione rinviata a mercoledì 27/2

La riunione del Consiglio regionale prevista per le ore 15,00 di oggi è stata rinviata a mercoledì 27 febbraio 2019, alle ore 10,00, e si svolgerà come sempre nell’aula Dinardo al piano terra del palazzo della Giunta regionale (Viale Verrastro n. 4 – Potenza)....-->continua

19/02/2019 - Po-Fse, a Potenza incontro su trattamento dati personali nel welfare

Il Workshop dal titolo “L’impatto del regolamento (GDPR) UE n.679/2016 sul trattamento dei dati nella gestione degli avvisi pubblici con valenza sociale del PO FSE Basilicata 2014/2020” si è tenuto oggi nella sala Inguscio della Regione


Il tratt...-->continua

19/02/2019 - ROSPI M5S.: Nuovi modelli di sviluppo sociale ed economico per costa ionica

Sabato prossimo 23 febbraio alle 10, nella Sala Consiliare del Comune di Policoro (Mt), il convegno “Nuovi modelli di sviluppo sociale ed economico per il rilancio della costa ionica lucana”. Sarà l’occasione per rimarcare che la Basilicata, negli ultimi due a...-->continua

19/02/2019 - Appalti, la Cisl propone un protocollo d'intesa alla Regione

La Cisl Basilicata lancia l'idea di un protocollo d'intesa con le stazioni appaltanti per la qualità e la tutela del lavoro negli appalti di lavori, servizi e forniture. La proposta sarà presentata venerdì 22 febbraio alle 9:30 nella sala Ugo Bianchi della Cis...-->continua

18/02/2019 - Pd, PSI, Realtà Italia e Verdi chiedono a Pittella la guida della coalizione

Il Partito democratico della Basilicata, il Psi lucano, Realtà Italia e Verdi della Basilicata, al termine del percorso di confronto e di interlocuzione politica al proprio interno e all’esterno con forze civiche e personalità di spicco della società civile e ...-->continua







WEB TV
Noi e quella sacrosanta ''cultura del territorio''
di Mariapaola Vergallito

“I lucani conoscono la frana. I contadini lucani sono vissuti da sempre con la frana, l’orecchio teso a quel fremito oscuro, l’occhio attento a scrutare le rughe della terra. Ma un tempo nessuno la violentava la terra. La temevano, la rispettavano. Istintivamente si tramandavano quella che modernamente si è poi chiamata “cultura del territorio”. Oggi, nell’era della scienza, è proprio quella cultura che è venuta meno. Dalle paure ancestrali si è passati al saccheggio dell’ambiente naturale”.
All’indomani della frana che si è portata via mezzo quartiere nell’antico borgo di Pomarico e che, per fortuna, non ha causato vittime, ho recuperato un editoriale che la Gazzetta pubblicò quasi 33 anni fa, il 27 luglio del 1986. Ventiquattrore prima collina T...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo