HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

G.Rosa sulle consulenze interaziendali sospette

10/08/2018

Un ‘Sistema’ malato non può che generare dei ‘mostri’. Possiamo sintetizzare così la strana commistione tra Arpab e Aziende Sanitarie lucane, nell’ordine: Asm, Asp e Irccs-Crob, che ha generato un lungo scambio di consulenze e convenzioni. Convenzioni che non avrebbero ragione di esistere se non per alimentare il reciproco scambio di favori e regalie utile a tenere in piedi, per anni, un sistema malato e clientelare.

Questi i fatti: almeno dal 2016, l’Arpab attiva una serie di convenzioni interaziendali con l’Asm, con l’Asp e con il Crob, richiedendo il supporto di funzionari esterni per il settore personale e per il settore approvvigionamenti e patrimonio. Ne citiamo solo alcune: la delibera n. 150 del 13 marzo 2017 dell’Irccs-Crob, approvava una convenzione per ‘prestare’ all’Arpab un Dirigente che avrebbe svolto funzioni di supporto nel settore risorse umane. Convenzione puntualmente prorogata e per cui l’Arpab ha pagato oltre 7 mila euro solo da gennaio a marzo 2018.

Le “indispensabili prestazioni” del Dirigente sono state interrotte dal coinvolgimento di quest’ultimo nell’inchiesta ‘Sanitopoli’ lucana. Da quel momento le funzioni sono passate al personale interno dell’Agenzia, precisamente a una Dirigente amministrativa. Quindi se esisteva già qualcuno qualificato a svolgere queste prestazioni, perché ricorrere a un supporto esterno?

E ancora, con la deliberazione dell’A.S.P. n.167 del 15703/2017, si approvava altra convenzione interaziendale per assicurare all’Arpab una figura di supporto per il settore approvvigionamenti e patrimonio.

Ci sfugge la stringente necessità di un consulente esterno quando le gare di appalto più importanti vengono svolte dalla SUARB. Se poi si aggiunge che, anche ad una lettura approssimativa dell’albo on-line, le procedure per gli approvvigionamenti svolte sono sempre state dichiarate urgenti e indifferibili ma sempre frazionate per le tre sedi Arpab lucane, evidentemente il consulente non è stato molto utile.

L’Agenzia regionale per la protezione ambientale, ormai l’abbiamo imparato da tempo, versa in un perenne stato di affanno, non dispone mai di personale interno qualificato per espletare le normali funzioni tecniche e amministrative, anche se da pianta organica gli amministrativi sono proprio le figure che non mancano, giustificando questa ricerca di esperti esterni con la necessità di avviare speditamente le attività straordinarie previste dal Masterplan. Proprio il Masterplan, che doveva essere lo strumento per il rilancio delle attività proprie dell’Agenzia, è finito per diventare la copertura per giustificare tutte queste storture.

Diventa lecito chiedersi: perché questi consulenti vengono sempre e solo da aziende sanitarie? Perché in amministrazione trasparente non ci sono i nomi dei consulenti? Perché, guarda caso, alcune delle figure che abbiamo indicato sono finite nell’inchiesta Sanitopoli lucana?

Non ci è sfuggito che proprio queste convenzioni sono state oggetto di una delle numerose conversazioni intercettate nell’ambito dell’inchiesta sullo scandalo sanità e trascritte nero su bianco nell’Ordinanza che ha chiuso le indagini preliminari.

Non può essere un caso. Lo abbiamo detto all’inizio: convenzioni e legami che non hanno ragione di esistere. Appartengono a un Sistema consolidato e distorto che ha manipolato per anni, a proprio uso e consumo, tutto ciò che era pubblico: Enti, Istituzioni, risorse; distruggendo la legalità.

Potenza, 10 Agosto 2018

Gianni Rosa, Fratelli d’Italia Basilicata





archivio

ALTRI

La Voce della Politica
16/08/2018 - La torre (FILCA CISL): 'strade lucane inadeguate ma lavori procedono a rilento'

Avviare un approfondito monitoraggio delle infrastrutture stradali lucane e accelerare i progetti di manutenzione e ammodernamento già approvati o in corso di realizzazione. A pochi giorni dalla tragedia di Genova il segretario generale della Filca Cisl Basilicata, Michele L...-->continua

16/08/2018 - Melfi, nessun pericolo per acque potabili area industriale

"Nel mese di luglio si è diffusa la convinzione che ci sarebbe stata la contaminazione o quanto meno il pericolo di contaminazione dell’acqua potabile, in collegamento con l’inceneritore ex Fenice, localizzato nell’area di San Nicola di Melfi.

La pres...-->continua

16/08/2018 - Crollo ponte Genova: Vaccaro (UIL) e Lombardi (feneal), basta polemiche

Basta pensare ad interventi a tragedia avvenuta. Anche in Basilicata c’è ancora molto da fare e subito per mettere in sicurezza strade, territorio, scuole, edifici pubblici e case. A sostenerlo sono i segretari regionali della Basilicata della Uil Carmine Vacc...-->continua

14/08/2018 - Crollo ponte Genova, geologi: necessaria una politica di prevenzione

“Il crollo del ponte autostradale Morandi avvenuto oggi a Genova, che si sarebbe verificato per cause di natura strutturale, conferma ancora una volta la necessità di dare avvio a una svolta culturale che veda finalmente l'adozione di un vero piano nazionale d...-->continua

14/08/2018 - Tragedia a Genova, Spera (Ugl): “Vicinanza e solidarietà”

“Una tragedia che ci sentiamo condividere nel dolore immenso quella che ha colpito la città di Genova per le tante persone colpite dal crollo del viadotto Polcevera”.
Con questo sentimento di tristezza, lo dichiara a nome di tutta la federazione nazionale ...-->continua

14/08/2018 - Genova, Crollo ponte: cordoglio dell’Ugl Matera

“Cordoglio dall’Ugl Matera per la grave tragedia che ha colpito il capoluogo ligure a seguito del crollo del ponte 'Morandi' sulla A10. Genova appartiene sentimentalmente e col cuore al territorio lucano, principalmente al territorio Tursitano (MT) da quando n...-->continua

14/08/2018 - Cordoglio Franconi per crollo ponte a Genova

In un messaggio indirizzato al presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, la vice presidente della Regione Basilicata, Flavia Franconi, ha espresso vicinanza e solidarietà alla comunità genovese, manifestando il cordoglio del popolo lucano per la grave t...-->continua






WEB TV
Dice che era un bel torrente ma non andava più al mare
di Mariapaola Vergallito

“Dice che era un bel progetto e serviva a creare/ la deviazione di un torrente per distrarlo dal mare; ma dall’idea alla realizzazione passarono 40 anni, giusto il tempo di essere deviata e l’acqua cominciò a far danni”.

Scusate, non ho resistito. E’ 4 marzo, del resto, e chiedo scusa a Lucio Dalla per questa scapestrata citazione. C’è qualcun altro, però, che dovrebbe chiedere scusa, oggi. Proprio oggi che il torrente Sarmento, deviato in parte dal suo corso naturale, immette un bottino idrico di 80 milioni di metri cubi in più all’anno nel grande invaso di Montecotugno. Serve a completare lo schema idrico del Sinni, per un progetto cominciato negli anni Settanta, quando la Democrazia Cristiana e il Partito Comunista erano i due grandi partit...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo