HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

G.Rosa sulle consulenze interaziendali sospette

10/08/2018

Un ‘Sistema’ malato non può che generare dei ‘mostri’. Possiamo sintetizzare così la strana commistione tra Arpab e Aziende Sanitarie lucane, nell’ordine: Asm, Asp e Irccs-Crob, che ha generato un lungo scambio di consulenze e convenzioni. Convenzioni che non avrebbero ragione di esistere se non per alimentare il reciproco scambio di favori e regalie utile a tenere in piedi, per anni, un sistema malato e clientelare.

Questi i fatti: almeno dal 2016, l’Arpab attiva una serie di convenzioni interaziendali con l’Asm, con l’Asp e con il Crob, richiedendo il supporto di funzionari esterni per il settore personale e per il settore approvvigionamenti e patrimonio. Ne citiamo solo alcune: la delibera n. 150 del 13 marzo 2017 dell’Irccs-Crob, approvava una convenzione per ‘prestare’ all’Arpab un Dirigente che avrebbe svolto funzioni di supporto nel settore risorse umane. Convenzione puntualmente prorogata e per cui l’Arpab ha pagato oltre 7 mila euro solo da gennaio a marzo 2018.

Le “indispensabili prestazioni” del Dirigente sono state interrotte dal coinvolgimento di quest’ultimo nell’inchiesta ‘Sanitopoli’ lucana. Da quel momento le funzioni sono passate al personale interno dell’Agenzia, precisamente a una Dirigente amministrativa. Quindi se esisteva già qualcuno qualificato a svolgere queste prestazioni, perché ricorrere a un supporto esterno?

E ancora, con la deliberazione dell’A.S.P. n.167 del 15703/2017, si approvava altra convenzione interaziendale per assicurare all’Arpab una figura di supporto per il settore approvvigionamenti e patrimonio.

Ci sfugge la stringente necessità di un consulente esterno quando le gare di appalto più importanti vengono svolte dalla SUARB. Se poi si aggiunge che, anche ad una lettura approssimativa dell’albo on-line, le procedure per gli approvvigionamenti svolte sono sempre state dichiarate urgenti e indifferibili ma sempre frazionate per le tre sedi Arpab lucane, evidentemente il consulente non è stato molto utile.

L’Agenzia regionale per la protezione ambientale, ormai l’abbiamo imparato da tempo, versa in un perenne stato di affanno, non dispone mai di personale interno qualificato per espletare le normali funzioni tecniche e amministrative, anche se da pianta organica gli amministrativi sono proprio le figure che non mancano, giustificando questa ricerca di esperti esterni con la necessità di avviare speditamente le attività straordinarie previste dal Masterplan. Proprio il Masterplan, che doveva essere lo strumento per il rilancio delle attività proprie dell’Agenzia, è finito per diventare la copertura per giustificare tutte queste storture.

Diventa lecito chiedersi: perché questi consulenti vengono sempre e solo da aziende sanitarie? Perché in amministrazione trasparente non ci sono i nomi dei consulenti? Perché, guarda caso, alcune delle figure che abbiamo indicato sono finite nell’inchiesta Sanitopoli lucana?

Non ci è sfuggito che proprio queste convenzioni sono state oggetto di una delle numerose conversazioni intercettate nell’ambito dell’inchiesta sullo scandalo sanità e trascritte nero su bianco nell’Ordinanza che ha chiuso le indagini preliminari.

Non può essere un caso. Lo abbiamo detto all’inizio: convenzioni e legami che non hanno ragione di esistere. Appartengono a un Sistema consolidato e distorto che ha manipolato per anni, a proprio uso e consumo, tutto ciò che era pubblico: Enti, Istituzioni, risorse; distruggendo la legalità.

Potenza, 10 Agosto 2018

Gianni Rosa, Fratelli d’Italia Basilicata





archivio

ALTRI

La Voce della Politica
22/10/2018 - Lega Basilicata: verso lo sblocco dei fondi per la diga del Rendina

Si va verso la soluzione della questione riguardante la problematica “Diga del Rendina” a Lavello, che da anni rimane una Cattedrale nel deserto. La Diga è importantissima per i tanti agricoltori che ne beneficerebbero per le loro coltivazioni.
All'incontro di giovedì sc...-->continua

21/10/2018 - Legge elettorale. Lacorazza: ha vinto il cambiamento

Con buona pace di tutti si vota con la riforma elettorale approvata dal Consiglio Regionale l'11 agosto.
Con buona pace di tanti con il cambiamento della legge elettorale non si sarebbe potuto votare a novembre. Adesso si definisca la data, si condivida l...-->continua

20/10/2018 - Rinnovato il Consiglio Regionale dei Tecnologi Alimentari

Nella sede di Potenza si sono tenute le votazioni per il rinnovo del Consiglio Regionale dell’Ordine dei Tecnologi Alimentari di Basilicata e Calabria, per il triennio 2018/2021.
La lista numero 2, capeggiata da Laura Mongiello (attuale presidente) ha prev...-->continua

20/10/2018 - Lucani in Usa grandi iniziative

Sottoscritto l’accordo con Ellis Island, inaugurata la sede della San Rocco Society di Montescaglioso, riconoscimenti a Ron Galella ed Arisa, testimonial del Festival della Musica Italiana con la Basilcata e Matera Capitale della Cultura Europea 2019 protagon...-->continua

20/10/2018 - La comunità del Parco del Pollino rinnova la fiducia al presidente Pappaterra

Rinnovata la fiducia al Presidente del Parco, Domenico Pappaterra. Con una votazione unanime dei 56 presenti su 61 rappresentanti, la Comunità del Parco Nazionale del Pollino, riunitasi a Castrovillari per una valutazione dell’attività dell’ Ente a seguito...-->continua

20/10/2018 - Parco Pollino: le dichiarazioni di Fiore alla comunità del parco

Si è riunita a Castrovillari la Comunità del Parco, durante la partecipata seduta sono state ricordate le vittime della tragedia del Raganello dello scorso 20 agosto.
Hanno partecipato alla seduta, accanto al presidente del Parco del Pollino Pappaterra, a...-->continua

19/10/2018 - Matera:richiesta risposte dalle Ass.ni Consumatori

Le Associazioni dei Consumatori della Basilicata: Unc, Adoc, Tutor, Adiconsum, Adusbef, Lega Consumatori, Acu, Federconsumatori, Codacons, Codici, Cittadinanzattiva, Casa del Consumatore, Altroconsumo, Polidream, Confconsumatori e i loro rappresentanti lega...-->continua






WEB TV
La vita raccolta in due ore e divisa in dieci scatoloni
di Mariapaola Vergallito

Chissà in che misura le nostre case sono fatte di oggetti accumulati che non guardiamo più e dei quali, forse, ci ricordiamo soltanto quando dobbiamo spolverare. Eppure c’è stato un momento, vicino o lontano non importa ma preciso, in cui la nostra mano ha posato quell’oggetto su quella mensola, nel cassetto, in un armadio, su un comò. Ci pensavo in queste ultime ore, guardandomi intorno nella casa in cui vivo appena da quattro anni; ma guardando anche i particolari della casa dei miei genitori, per esempio. O ricordando la stanza che ho vissuto a Roma da universitaria. Ci pensavo mentre ascoltavo le parole dei cittadini di Genova che sono costretti a fare inumana sintesi di quegli oggetti. Limitando una vita intera nel tempo e nello spazio. Il tempo ...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo