HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Braia: filiera cinghiale, controlli e tracciabilità carni dalla cattura al piatt

10/08/2018

Approvate dalla Giunta regionale le linee guida per il controllo e la sorveglianza sanitaria sui cinghiali selvatici

“Igiene, tracciabilità, sicurezza. È un altro tassello importante per la costruzione di una vera e propria filiera, considerato che in ambito regionale è sempre più crescente l’interesse relativo alla lavorazione delle carni dei cinghiali abbattuti e destinate all’alimentazione umana. La carne di cinghiale e i prodotti derivati sono infatti un prodotto di nicchia, che può generare economia e sviluppo nei territori - come accade in molte altre regioni che hanno saputo trasformare un problema in opportunità - e che, quindi, va garantito e preservato da tutti i rischi sanitari”.

Lo dichiara l’assessore regionale alle Politiche Agricole e Forestali, Luca Braia.

“La cattura, tra le strategie finalizzate a ridurre le densità della popolazione di cinghiale - prosegue l’assessore Braia - tra le tecniche di contenimento possibili e rese tutte operative con la possibilità di effettuare attività di controllo tutto l’anno, dopo l’approvazione avvenuta nei giorni scorsi del piano per il contenimento della presenza del cinghiale nelle aree protette della Basilicata da parte del Dipartimento Ambiente, è certamente la più efficace in rapporto allo sforzo profuso (rapporto ai costi-benefici) e che offre i migliori vantaggi dal punto di vista gestionale.

La Regione Basilicata con questo provvedimento sistematizza e semplifica le fasi di gestione di capi e carcasse nelle fasi successive ad abbattimenti e catture al fine di garantire, per le carni di cinghiale, l’obbligo che tutti i capi abbattuti siano sottoposti al controllo per la ricerca delle trichine prima di essere destinati al consumo.

Grazie al lavoro congiunto per arrivare alla definizione con il dott. Gerardo Salvatore dell’ufficio Veterinario e Igiene degli alimenti del Dipartimento Politiche della Persona, che ringrazio per il lavoro svolto, abbiamo oggi le linee guida per lo spostamento dei cinghiali catturati e per la destinazione delle carni dei cinghiali abbattuti.

Vengono definiti gli adempimenti che gli Enti Parco, gli Ambiti territoriali di caccia (Atc) e i Servizi veterinari delle Aziende sanitarie locali devono assicurare sui cinghiali selvatici, al fine di monitorare lo stato sanitario della popolazione animale e, nel contempo, assicurare il garantire la salubrità delle carni e dei prodotti derivati.

Vengono altresì definite le procedure operative che i Servizi Veterinari delle Aziende sanitarie della Regione Basilicata, gli Enti Parco, gli Enti gestori di strutture di cattura (Regione-Province-Atc) e i privati coinvolti devono rispettare dal momento della cattura dei cinghiali sino alla loro destinazione finale, prevista in Aziende agri-turistico-venatorie, allevamento o impianto di macellazione, al fine di arrivare al consumatore come prodotto del gusto lucano sicuro da ogni punto di vista.

Tutti i cinghiali abbattuti, nell’ambito delle modalità previste da norma, prima di qualunque trasferimento presso gli impianti di macellazione, Aziende agri-turistico-venatorie o allevamenti di fauna selvatica, vanno identificati, e fascettati con i sigilli identificativi forniti dagli Enti Parco/Atc.

Il campione delle parti di muscolo diaframmatico prelevato va conferito direttamente o per il tramite del Servizio Veterinario dell’Asl, all’Istituto Zooprofilattico Sperimentale competente per territorio o ad altro laboratorio autorizzato per la ricerca di trichinella, senza costi per il cacciatore o il selecontrollore come da convenzione stipulata da questo Assessorato con l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Puglia e Basilicata.

Selecontrollori e cacciatori hanno l’obbligo di partecipare ai corsi di formazione appositi, con relativo esame finale.

I cinghiali possono essere inviati, vivi, in allevamenti autorizzati presenti nel territorio della Regione Basilicata. I cinghiali catturati possono essere movimentati dai chiusini di cattura previa identificazione, ove possibile, e verso impianti autorizzati, per essere in seguito macellati.

Vanno - in tutti i casi - rispettate le regole per la preparazione, manipolazione e conservazione domestica delle carni, in caso di autoconsumo e per quelle destinate alla commercializzazione solo attraverso centri di lavorazione riconosciuti.

Definite, infine, sempre nelle linee guida - conclude Braia - anche le modalità di somministrazione delle carni di cinghiale, previo controllo trichinella, per gli esercizi di ristorazione, aprendo ad alcune possibilità che potrebbero aprire a occasioni di valorizzazione e promozione del consumo di Cinghiale lucano”.





archivio

ALTRI

La Voce della Politica
16/08/2018 - La torre (FILCA CISL): 'strade lucane inadeguate ma lavori procedono a rilento'

Avviare un approfondito monitoraggio delle infrastrutture stradali lucane e accelerare i progetti di manutenzione e ammodernamento già approvati o in corso di realizzazione. A pochi giorni dalla tragedia di Genova il segretario generale della Filca Cisl Basilicata, Michele L...-->continua

16/08/2018 - Melfi, nessun pericolo per acque potabili area industriale

"Nel mese di luglio si è diffusa la convinzione che ci sarebbe stata la contaminazione o quanto meno il pericolo di contaminazione dell’acqua potabile, in collegamento con l’inceneritore ex Fenice, localizzato nell’area di San Nicola di Melfi.

La pres...-->continua

16/08/2018 - Crollo ponte Genova: Vaccaro (UIL) e Lombardi (feneal), basta polemiche

Basta pensare ad interventi a tragedia avvenuta. Anche in Basilicata c’è ancora molto da fare e subito per mettere in sicurezza strade, territorio, scuole, edifici pubblici e case. A sostenerlo sono i segretari regionali della Basilicata della Uil Carmine Vacc...-->continua

14/08/2018 - Crollo ponte Genova, geologi: necessaria una politica di prevenzione

“Il crollo del ponte autostradale Morandi avvenuto oggi a Genova, che si sarebbe verificato per cause di natura strutturale, conferma ancora una volta la necessità di dare avvio a una svolta culturale che veda finalmente l'adozione di un vero piano nazionale d...-->continua

14/08/2018 - Tragedia a Genova, Spera (Ugl): “Vicinanza e solidarietà”

“Una tragedia che ci sentiamo condividere nel dolore immenso quella che ha colpito la città di Genova per le tante persone colpite dal crollo del viadotto Polcevera”.
Con questo sentimento di tristezza, lo dichiara a nome di tutta la federazione nazionale ...-->continua

14/08/2018 - Genova, Crollo ponte: cordoglio dell’Ugl Matera

“Cordoglio dall’Ugl Matera per la grave tragedia che ha colpito il capoluogo ligure a seguito del crollo del ponte 'Morandi' sulla A10. Genova appartiene sentimentalmente e col cuore al territorio lucano, principalmente al territorio Tursitano (MT) da quando n...-->continua

14/08/2018 - Cordoglio Franconi per crollo ponte a Genova

In un messaggio indirizzato al presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, la vice presidente della Regione Basilicata, Flavia Franconi, ha espresso vicinanza e solidarietà alla comunità genovese, manifestando il cordoglio del popolo lucano per la grave t...-->continua






WEB TV
Dice che era un bel torrente ma non andava più al mare
di Mariapaola Vergallito

“Dice che era un bel progetto e serviva a creare/ la deviazione di un torrente per distrarlo dal mare; ma dall’idea alla realizzazione passarono 40 anni, giusto il tempo di essere deviata e l’acqua cominciò a far danni”.

Scusate, non ho resistito. E’ 4 marzo, del resto, e chiedo scusa a Lucio Dalla per questa scapestrata citazione. C’è qualcun altro, però, che dovrebbe chiedere scusa, oggi. Proprio oggi che il torrente Sarmento, deviato in parte dal suo corso naturale, immette un bottino idrico di 80 milioni di metri cubi in più all’anno nel grande invaso di Montecotugno. Serve a completare lo schema idrico del Sinni, per un progetto cominciato negli anni Settanta, quando la Democrazia Cristiana e il Partito Comunista erano i due grandi partit...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo