HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Sanità, Ugl Matera: “Continueremo ad abbaiare alla luna”

20/07/2018

“La sanità lucana risulta fanalino di coda tra le Regioni italiane, come evidenziato da un Rapporto de la Repubblica in riferimento ai tempi di risposta alle chiamate del 118. Questo dato negativo si aggiunge ai lunghi tempi di attesa per l’erogazione delle prestazione sanitarie e alla non corretta gestione delle cronicità. Tutto ciò, nonostante il grande lavoro svolto dai professionisti Sanitari, rende inefficace il corretto funzionamento del Sistema Sanitario Regionale. Questo accade nonostante la Grande Riforma del SSR un libro dei sogni notevole ma che si sta dimostrando di difficile attuazione”.
Lo hanno discusso nell’ambito dell’esecutivo riunitosi oggi a Matera presieduto dal segretario generale Ugl Matera Pino Giordano, il segretario provinciale dell’Ugl Sanità, Gianni Sciannarella, il dirigente aziendale Sanità, Marco Bigherati e vari dirigenti della federazione.
“Per l’Ugl – dichiarano i sindacalisti - uno dei principali punti della Riforma era, appunto, la rete dell’Emergenza Urgenza che ne prevedeva l’ampliamento è il potenziamento. Da qui le domande: perché in Basilicata non si riescono a rispettare gli Standard Nazionali? Quali sono i veri ostacoli per cui una regione, definita piccola e ancor più spesso disorganizzata, non persegue una strategia di miglioramento? In un ambito siamo i primi: nel creare precariato e sprechi. Questi quindi non sono gli unici interrogativi che ci poniamo; come mai l’Asm ha impiegato due anni per completare il Concorso per Tecnici di Radiologia con relativa graduatoria? E perché l’Azienda Ospedaliera San Carlo di Potenza ha deliberato per un identico concorso per 7 posti di Tecnico di Radiologia? Ma per evitare spreco di danaro pubblico e i precari perché non si assumono i vincitori della graduatoria appena formulata? L’Ugl che ‘abbaia alla luna’ – tuonano forte Sciannarella, Bigherati e Giordano, ora si chiede se anche la Magistratura abbia preso ‘abbagli’: Secondo il gip esisteva, per le raccomandazioni ai concorsi, ‘una lista di nominativi’ sponsorizzati e segnalati ai dirigenti sanitari direttamente dal governatore Pittella. In riferimento a questo vorremo citare la legge del DL n.101/2013 (L.125/2013), dove il Legislatore ribadisce all’articolo 4 tutte le complete disposizioni urgenti in tema di immissione in servizio di idonei e vincitori di concorsi. Vogliamo ancora graduatorie eterne che creino solamente precari (vedi graduatoria concorso OSS 2009)? Questo è il motivo che l’Ugl Matera chiede le loro dimissioni in massa, da Pittella fino all’ultimo indagato: c’è di mezzo la dignità del cittadino lucano per bene. Se è cosi, dove l’Ugl pone massima ed incondizionata fiducia nell’operato della Magistratura, tornerebbero i conti sempre denunciati dalla nostra o.s.: per spiegare il comportamento dei soggetti coinvolti, viene fatto l'esempio del concorso pubblico per la copertura di otto posti di assistente amministrativo riservato ai disabili ‘in concorso morale’ con il Governatore della Regione Basilicata Marcello Pittella e il dg dell'Asm Pietro Quinto, due componenti della commissione esaminatrice avrebbero attestato falsamente, nel maggio del 2017, l'attribuzione di punteggi all'esito di una valutazione collegiale degli elaborati effettuata senza conoscerne l'autore, laddove invece gli stessi erano stati artatamente 'gonfiati' nei confronti dei candidati precedentemente identificati e 'raccomandati' dallo stesso presidente della Regione Basilicata (ricompresi nella cosiddetta 'lista dei verdi') e da altre autorità civili e religiose, per mezzo di Quinto, quali il senatore Filippo Bubbico, il direttore sanitario Asm Domenico Adduci e vescovi non meglio identificati. Questo – concludono i sindacalisti Ugl – qualche yes man dirigente Asm lo deve ben comprendere, non lo dice chi abbaia alla luna ma, è la conferma sull'indagine della Procura di Matera su illeciti e irregolarità legate a concorsi, nomine e ad altre procedure amministrative dell'Azienda sanitaria che ha portato alla luce un sistema di corruzione e di asservimento della funzione pubblica a interessi di parte di singoli malversatori su sollecitazione di una moltitudine di questuanti espressione per lo più anch'essi di pubblici poteri apicali che si interfacciavano tra loro in uno scambio reciproco di richieste illegittime e promesse o dazioni indebite. Qualcuno oggi dovrebbe vergognarsi e chiedere pubblicamente scusa all’Ugl per le offese che abbiamo ricevuto, ci auguriamo per il rispetto dei tanti cittadini che sperano ancora nello scorrimento delle graduatorie legittime, che la lista dei raccomandati venga pubblicamente fatta conoscere. E’ vergognoso, la Magistratura vada avanti a 360°, faccia chiarezza anche su le tante missioni di elisoccorso, da luglio a ottobre 2017, che sono state effettuate ‘mediante l'impiego di elicotteri equipaggiati con peso massimo al decollo superiore alla soglia consentito’. Un plauso alla Procura della Repubblica di Potenza ed alla Guardia di Finanza disponendo un nuovo provvedimento d'urgenza sequestrando preventivamente due elicotteri della ditta Babcoock, utilizzati dal Dipartimento interaziendale regionale emergenza sanitaria (Dires) della Regione Basilicata e in dotazione alle piste di elisoccorso di Potenza e Matera. Coloro che avrebbero pensato di fare business a spese dei cittadini, è giunto giusto il momento che vadano a casa, unitamente alle dimissioni di tutta la giunta Pittella”.




archivio

ALTRI

La Voce della Politica
16/08/2018 - La torre (FILCA CISL): 'strade lucane inadeguate ma lavori procedono a rilento'

Avviare un approfondito monitoraggio delle infrastrutture stradali lucane e accelerare i progetti di manutenzione e ammodernamento già approvati o in corso di realizzazione. A pochi giorni dalla tragedia di Genova il segretario generale della Filca Cisl Basilicata, Michele L...-->continua

16/08/2018 - Melfi, nessun pericolo per acque potabili area industriale

"Nel mese di luglio si è diffusa la convinzione che ci sarebbe stata la contaminazione o quanto meno il pericolo di contaminazione dell’acqua potabile, in collegamento con l’inceneritore ex Fenice, localizzato nell’area di San Nicola di Melfi.

La pres...-->continua

16/08/2018 - Crollo ponte Genova: Vaccaro (UIL) e Lombardi (feneal), basta polemiche

Basta pensare ad interventi a tragedia avvenuta. Anche in Basilicata c’è ancora molto da fare e subito per mettere in sicurezza strade, territorio, scuole, edifici pubblici e case. A sostenerlo sono i segretari regionali della Basilicata della Uil Carmine Vacc...-->continua

14/08/2018 - Crollo ponte Genova, geologi: necessaria una politica di prevenzione

“Il crollo del ponte autostradale Morandi avvenuto oggi a Genova, che si sarebbe verificato per cause di natura strutturale, conferma ancora una volta la necessità di dare avvio a una svolta culturale che veda finalmente l'adozione di un vero piano nazionale d...-->continua

14/08/2018 - Tragedia a Genova, Spera (Ugl): “Vicinanza e solidarietà”

“Una tragedia che ci sentiamo condividere nel dolore immenso quella che ha colpito la città di Genova per le tante persone colpite dal crollo del viadotto Polcevera”.
Con questo sentimento di tristezza, lo dichiara a nome di tutta la federazione nazionale ...-->continua

14/08/2018 - Genova, Crollo ponte: cordoglio dell’Ugl Matera

“Cordoglio dall’Ugl Matera per la grave tragedia che ha colpito il capoluogo ligure a seguito del crollo del ponte 'Morandi' sulla A10. Genova appartiene sentimentalmente e col cuore al territorio lucano, principalmente al territorio Tursitano (MT) da quando n...-->continua

14/08/2018 - Cordoglio Franconi per crollo ponte a Genova

In un messaggio indirizzato al presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, la vice presidente della Regione Basilicata, Flavia Franconi, ha espresso vicinanza e solidarietà alla comunità genovese, manifestando il cordoglio del popolo lucano per la grave t...-->continua






WEB TV
Dice che era un bel torrente ma non andava più al mare
di Mariapaola Vergallito

“Dice che era un bel progetto e serviva a creare/ la deviazione di un torrente per distrarlo dal mare; ma dall’idea alla realizzazione passarono 40 anni, giusto il tempo di essere deviata e l’acqua cominciò a far danni”.

Scusate, non ho resistito. E’ 4 marzo, del resto, e chiedo scusa a Lucio Dalla per questa scapestrata citazione. C’è qualcun altro, però, che dovrebbe chiedere scusa, oggi. Proprio oggi che il torrente Sarmento, deviato in parte dal suo corso naturale, immette un bottino idrico di 80 milioni di metri cubi in più all’anno nel grande invaso di Montecotugno. Serve a completare lo schema idrico del Sinni, per un progetto cominciato negli anni Settanta, quando la Democrazia Cristiana e il Partito Comunista erano i due grandi partit...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo