HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Rocco Tauro -FdI.Consorzio di Bonifica: Governo regionale imbranato!

20/07/2018

"Annus horribilis" questo anno 2018 per il governo regionale.
Dopo il ritardo nella approvazione del bilancio di previsione corrente, dopo il terremoto giudiziario, ancora nel suo momento più vivo, e tante altre disavventure, altra mazzata micidiale per loro.
La Corte Costituzione ha infatti bocciato la legge regionale n 1 del 2017, con la quale si facevano scomparire i tre consorzi di bonifica per farne nascere uno solo, con il nome di Consorzio di Bonifica di Basilicata.
Il Tar di Basilicata ha trasmesso alla Consulta la legge ritenendola illegittima in alcuni suoi passaggi, e alla fine, dopo poco più di un anno, l'Ente Custode della legittimità o meno delle leggi nazionali e regionali ha detto che la legge sul riordino dei consorzi di bonifica lucani va rifatta.
Cioè così come è stata elaborata e votata dal consiglio regionale non va bene.
In particolare, ha preso di mira l'art 33, comma 1, lettera d), ove tratta del passaggio dai tre consorzi soppressi al nuovo delle poste attive dei primi, "...introducendo cosi il legislatore regionale una limitazione al soddisfacimento delle ragioni dei creditori dei singoli consorzi, in contrasto con il principio generale della responsabilità patrimoniale...".
Ora alla luce di questo pronunciamento, la Regione deve avere il tempo di farne una nuova, ma non lo avrà, atteso tutta la caotica situazione politica e giudiziaria in atto, e la fine prossima della legislatura, tutto torna come prima. Ovvero riprenderanno ad operare i tre singoli consorzi, in cui è divisa la regione.
Se ne riparlerà nella prossima legislatura regionale, se ne avranno voglia.
Anche la novella assemblea consortile, eletta dagli stessi consorziati appena cinque giorni fa, dovrebbe decadere.
Così come tutti i provvedimenti presi in questi 18 mesi potrebbero essere oggetto di annullamento. Insomma, caos totale.
Lasciando stare per un attimo i politici imbranati che ci governano, le alte dirigenze dei viale Verrastro ci sono o ci fanno ad essere sconfessate e ridicolizzate ad ogni piè sospinto?
Dopotutto quello che sta accadendo dobbiamo obbligatoriamente dedurre che non solo in tanti decenni hanno governato la nostra regione con una micidiale intesa tra politica e pubblica amministrazione, distruggendo una intera regione, ma che siamo stati, e speriamo ancora per poco, nelle mani di gente non solamente corrotta e rapace, ma anche incapace finanche di elaborare atti amministrativi di normale valenza.
Dirigenti pagati con cifre stratosferiche, ma di ridottissima o zero professionalità.
Non ci stancheremo mai di ripetere in tutte le prossime settimane che se conservano ancora un minimo di dignità, abbandonino i posti di comando politici e burocrati, e vadano a pescare, senza fare più danni.



20/07/2018

Leonardo Rocco Tauro
Assemblea Nazionale
Fratelli d'Italia



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
16/08/2018 - La torre (FILCA CISL): 'strade lucane inadeguate ma lavori procedono a rilento'

Avviare un approfondito monitoraggio delle infrastrutture stradali lucane e accelerare i progetti di manutenzione e ammodernamento già approvati o in corso di realizzazione. A pochi giorni dalla tragedia di Genova il segretario generale della Filca Cisl Basilicata, Michele L...-->continua

16/08/2018 - Melfi, nessun pericolo per acque potabili area industriale

"Nel mese di luglio si è diffusa la convinzione che ci sarebbe stata la contaminazione o quanto meno il pericolo di contaminazione dell’acqua potabile, in collegamento con l’inceneritore ex Fenice, localizzato nell’area di San Nicola di Melfi.

La pres...-->continua

16/08/2018 - Crollo ponte Genova: Vaccaro (UIL) e Lombardi (feneal), basta polemiche

Basta pensare ad interventi a tragedia avvenuta. Anche in Basilicata c’è ancora molto da fare e subito per mettere in sicurezza strade, territorio, scuole, edifici pubblici e case. A sostenerlo sono i segretari regionali della Basilicata della Uil Carmine Vacc...-->continua

14/08/2018 - Crollo ponte Genova, geologi: necessaria una politica di prevenzione

“Il crollo del ponte autostradale Morandi avvenuto oggi a Genova, che si sarebbe verificato per cause di natura strutturale, conferma ancora una volta la necessità di dare avvio a una svolta culturale che veda finalmente l'adozione di un vero piano nazionale d...-->continua

14/08/2018 - Tragedia a Genova, Spera (Ugl): “Vicinanza e solidarietà”

“Una tragedia che ci sentiamo condividere nel dolore immenso quella che ha colpito la città di Genova per le tante persone colpite dal crollo del viadotto Polcevera”.
Con questo sentimento di tristezza, lo dichiara a nome di tutta la federazione nazionale ...-->continua

14/08/2018 - Genova, Crollo ponte: cordoglio dell’Ugl Matera

“Cordoglio dall’Ugl Matera per la grave tragedia che ha colpito il capoluogo ligure a seguito del crollo del ponte 'Morandi' sulla A10. Genova appartiene sentimentalmente e col cuore al territorio lucano, principalmente al territorio Tursitano (MT) da quando n...-->continua

14/08/2018 - Cordoglio Franconi per crollo ponte a Genova

In un messaggio indirizzato al presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, la vice presidente della Regione Basilicata, Flavia Franconi, ha espresso vicinanza e solidarietà alla comunità genovese, manifestando il cordoglio del popolo lucano per la grave t...-->continua






WEB TV
Dice che era un bel torrente ma non andava più al mare
di Mariapaola Vergallito

“Dice che era un bel progetto e serviva a creare/ la deviazione di un torrente per distrarlo dal mare; ma dall’idea alla realizzazione passarono 40 anni, giusto il tempo di essere deviata e l’acqua cominciò a far danni”.

Scusate, non ho resistito. E’ 4 marzo, del resto, e chiedo scusa a Lucio Dalla per questa scapestrata citazione. C’è qualcun altro, però, che dovrebbe chiedere scusa, oggi. Proprio oggi che il torrente Sarmento, deviato in parte dal suo corso naturale, immette un bottino idrico di 80 milioni di metri cubi in più all’anno nel grande invaso di Montecotugno. Serve a completare lo schema idrico del Sinni, per un progetto cominciato negli anni Settanta, quando la Democrazia Cristiana e il Partito Comunista erano i due grandi partit...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo