HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Braia:fragole, Basilicata in prima linea per sollecito al Ministero della Salute

15/07/2018

“Sostegno assoluto al comparto fragola e ai suoi operatori. Consegneremo entro domani, per i tramite del Presidente pro-tempore della Giunta Regionale Favia Franconi che martedì incontrerà il Ministro per la salute, una nota della Regione Basilicata. Presenteremo, inoltre, richiesta di approvare un ODG sul tema nella prossima Commissione Politiche Agricole prevista per il 24 luglio prossimo, da far veicolare ai Ministeri Ambiente e Salute per sottolineare la necessità di autorizzare il principio attivo utile a mantenere sostenibili e competitive sul mercato le fragole italiane.”


Lo comunica l’Assessore alle Politiche Agricole e Forestali, Luca Braia.


"L’allarme sul rischio tracollo - prosegue l’Assessore Braia - lanciato da Francesco Nicodemo coordinatore del Comitato di Prodotto Fragola istituito presso il Ministero delle Politiche Agricole a causa della preponderanza di fragole spagnole sul mercato è alto, dal momento che i paesi europei hanno già dato il via libera all’utilizzo della Cloropicrina, principio attivo essenziale per assicurare i livelli produttivi, utilizzato in diverse regioni, tra cui la nostra, per proteggere i terreni dai parassiti.


La questione non può farci rimanere inermi. La grande specializzazione che il comparto in Italia e in Basilicata, prima regione produttrice, ha visto in questi ultimi anni, vede il comparto in crescita. Sono 4000 mila gli ettari coltivati a fragola in Italia, concentrati soprattutto al sud, con la nostra Basilicata che ne conta oltre 1000 con 15 mila addetti impiegati e che ha visto oltre 60 milioni di euro investiti, una produzione stimata di 40 mila tonnellate al 2017 e che nel complesso oggi cuba 100 milioni di euro di fatturato totale.


I produttori sono, purtroppo, ancora in attesa che Ministero della Salute conceda, e si spera nell’immediato, la deroga per gli usi eccezionali consentiti della Cloropicrina, non essendoci al momento altre alternative. Nel corso degli ultimi 5 anni l’Italia ha sempre autorizzato tali impieghi per le colture della fragola ma che riguardano anche il pomodoro e le insalate.


Senza via libera, non saremo in grado di produrre gli stessi quantitativi di un prodotto riconosciuto come eccellenza e richiesto dai consumatori che oggi ci consentono di controllare anche il prezzo della fragola sul mercato, ledendo nel complesso all’intero comparto fragole Made in Italy.


Il comparto agricolo regionale e nazionale - conclude l’Assessore Luca Braia - ha necessità di utilizzare la sostanza attiva Cloropicrina per le produzioni ad alto reddito e per poter continuare a competere alla pari con l'agricoltura di altri Paesi europei, tra cui la Spagna, che ne hanno già autorizzato l’impiego. La mancata autorizzazione dal parte del Ministero della Salute, per la campagna 2018/2019, provocherebbe danni molto consistenti alla PLV agricola nazionale e al lavoro di migliaia di operatori che nel comparto fragola operano. La concorrenza con la Spagna diventerebbe realmente insostenibile. E l’agricoltura italiana questo non se lo può permettere, su produzioni caratterizzate e, nel nostro caso, anche identitarie del comparto ortofrutticolo regionale.”



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
22/10/2018 - Lega Basilicata: verso lo sblocco dei fondi per la diga del Rendina

Si va verso la soluzione della questione riguardante la problematica “Diga del Rendina” a Lavello, che da anni rimane una Cattedrale nel deserto. La Diga è importantissima per i tanti agricoltori che ne beneficerebbero per le loro coltivazioni.
All'incontro di giovedì sc...-->continua

21/10/2018 - Legge elettorale. Lacorazza: ha vinto il cambiamento

Con buona pace di tutti si vota con la riforma elettorale approvata dal Consiglio Regionale l'11 agosto.
Con buona pace di tanti con il cambiamento della legge elettorale non si sarebbe potuto votare a novembre. Adesso si definisca la data, si condivida l...-->continua

20/10/2018 - Rinnovato il Consiglio Regionale dei Tecnologi Alimentari

Nella sede di Potenza si sono tenute le votazioni per il rinnovo del Consiglio Regionale dell’Ordine dei Tecnologi Alimentari di Basilicata e Calabria, per il triennio 2018/2021.
La lista numero 2, capeggiata da Laura Mongiello (attuale presidente) ha prev...-->continua

20/10/2018 - Lucani in Usa grandi iniziative

Sottoscritto l’accordo con Ellis Island, inaugurata la sede della San Rocco Society di Montescaglioso, riconoscimenti a Ron Galella ed Arisa, testimonial del Festival della Musica Italiana con la Basilcata e Matera Capitale della Cultura Europea 2019 protagon...-->continua

20/10/2018 - La comunità del Parco del Pollino rinnova la fiducia al presidente Pappaterra

Rinnovata la fiducia al Presidente del Parco, Domenico Pappaterra. Con una votazione unanime dei 56 presenti su 61 rappresentanti, la Comunità del Parco Nazionale del Pollino, riunitasi a Castrovillari per una valutazione dell’attività dell’ Ente a seguito...-->continua

20/10/2018 - Parco Pollino: le dichiarazioni di Fiore alla comunità del parco

Si è riunita a Castrovillari la Comunità del Parco, durante la partecipata seduta sono state ricordate le vittime della tragedia del Raganello dello scorso 20 agosto.
Hanno partecipato alla seduta, accanto al presidente del Parco del Pollino Pappaterra, a...-->continua

19/10/2018 - Matera:richiesta risposte dalle Ass.ni Consumatori

Le Associazioni dei Consumatori della Basilicata: Unc, Adoc, Tutor, Adiconsum, Adusbef, Lega Consumatori, Acu, Federconsumatori, Codacons, Codici, Cittadinanzattiva, Casa del Consumatore, Altroconsumo, Polidream, Confconsumatori e i loro rappresentanti lega...-->continua






WEB TV
La vita raccolta in due ore e divisa in dieci scatoloni
di Mariapaola Vergallito

Chissà in che misura le nostre case sono fatte di oggetti accumulati che non guardiamo più e dei quali, forse, ci ricordiamo soltanto quando dobbiamo spolverare. Eppure c’è stato un momento, vicino o lontano non importa ma preciso, in cui la nostra mano ha posato quell’oggetto su quella mensola, nel cassetto, in un armadio, su un comò. Ci pensavo in queste ultime ore, guardandomi intorno nella casa in cui vivo appena da quattro anni; ma guardando anche i particolari della casa dei miei genitori, per esempio. O ricordando la stanza che ho vissuto a Roma da universitaria. Ci pensavo mentre ascoltavo le parole dei cittadini di Genova che sono costretti a fare inumana sintesi di quegli oggetti. Limitando una vita intera nel tempo e nello spazio. Il tempo ...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo