HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Forum “Stefano Gioia” su Osservatorio per Centrale del Mercure

11/07/2018

Un chimico in pensione e un ingegnere in conflitto di interessi con ENEL. Queste le persone incaricate di compiere uno studio sulla centrale del Mercure. Di medici neanche l’ombra. Eppure era, ed è, evidente che quello che interessa alla gente è di sapere se e quali siano i rischi per la salute legati alle emissioni –certe!- di sostanze tossiche e cancerogene derivanti dalla combustione delle biomasse. D’altra parte, non ci si poteva aspettare nulla di diverso, considerando che il committente del cosiddetto “studio” era quell’Osservatorio Ambientale finanziato da ENEL, governato da rappresentanti di Enti ed Istituzioni sovvenzionati da ENEL e presieduto dal Presidente del Parco del Pollino, Ente che da ENEL riceve 500.000 euro l’anno. Per non parlare dell’altra imbarazzante situazione che vede l’Osservatorio e il Parco del Pollino condividere la stessa sede: quella del Parco a Castrovillari. Quasi plastica dimostrazione di una commistione grave e censurabile.
Conflitto di interessi, dicevamo. La Fondazione di Sviluppo Sostenibile, che ha svolto lo studio, ha, infatti, incredibilmente, ENEL tra i “Soci Fondatori”. Ed è ininfluente quello che un imbarazzato e imbarazzante Edo Ronchi –Presidente della Fondazione- sostiene al riguardo. L’unico fatto certo è che al momento della presentazione ufficiale del rapporto, ENEL e Fondazione erano legate da un accordo economico, accuratamente taciuto dal relatore! L’on.le Ronchi, da parte sua, non può sperare che si possa vivere di credito per cose messe in cantiere oltre vent’anni fa (e che, poi, i problemi non li hanno risolti…). Sul risultato tecnico-scientifico del rapporto, meglio stendere, per ora, un velo pietoso. Non si dimostra nulla di fondato, non si dice nulla di sensato!
Per quanto riguarda l’on.le Pappaterra, poi, il cui ruolo si è dimostrato, nei fatti, noi crediamo, decisivo per la riapertura della centrale dell’ENEL –nei confronti della quale, invece, l’Organo tecnico, cioè il Direttore dello stesso Ente Parco, aveva dato valutazione assolutamente negativa-, è forse il caso che continui a fare il Presidente. Ma dell’Osservatorio, non del Parco!
Sabato scorso abbiamo consegnato al Ministro dell’Ambiente, generale Sergio Costa, una documentazione su questa scandalosa vicenda della centrale del Mercure. Vicenda in cui la malapolitica ha, noi crediamo, violato e violentato diritti ed interessi delle popolazioni della valle del Mercure e il Bene Comune rappresentato dal prezioso e delicato Parco del Pollino. E come la malapolitica ha agito a tutela di interessi speculativi e predatori, ci aspettiamo che chi voglia cambiare strada lo dimostri concretamente e rapidamente. E’ tempo che Legalità e Giustizia ritornino anche nella valle del Mercure.

Forum “Stefano Gioia”
delle Associazioni e Comitati calabresi e lucani
per la Tutela della Legalità e del Territorio



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
12/12/2018 - Pedicini (M5S): 'Fermate le trivelle con la politica della decarbonizzazione'

Il Consiglio dei Ministri ha respinto l’autorizzazione per la ricerca sull’impianto di Masseria la Rocca in Basilicata. L’annuncio è stato dato dal vicepremier Luigi Di Maio che ha anche spiegato che il Governo lancerà a breve “un nuovo piano clima-energia che si baserà sull...-->continua

12/12/2018 - POLESE (Pd) su Menù dei colori e integrazione migranti

“Il ‘menù dei colori’ è la migliore risposta alla politica della chiusura di Salvini”. E’ quanto afferma il segretario regionale del Partito democratico della Basilicata, Mario Polese rispetto all’iniziativa della cooperativa ‘Il Sicomoro’ a Panecotto nel Sass...-->continua

12/12/2018 - Permesso Masseria La Rocca. Lacorazza: atto coerente

Il no al permesso di ricerca di idrocarburi “Masseria La Rocca – Montegrosso” è un atto forte e coerente che va riconosciuto al Governo Conte e in particolare al Ministro Di Maio. Aldilà delle posizioni e delle appartenenze politiche quando siamo di fronte a s...-->continua

12/12/2018 - Trasporti, Giordano (Ugl):'Marrese (Pres. Prov. MT) risolverà il problema?'

“Egregio Presidente della Provincia di Matera, Avv. Piero Marrese, apprezzando il suo impegno sull’annosa questione dei pullman di cui giornalmente gli utenti dei comuni della provincia usufruiscono, esterniamo le incresciose situazioni che attanagliano il sis...-->continua

12/12/2018 - Permesso di ricerca Masseria La Rocca, Mattia: smascherata la Regione Basilicata

Questa mattina, il Consiglio dei ministri ha respinto la richiesta di proroga al permesso di ricerca petrolifera Masseria La Rocca-Montegrosso ricadente nell'area Brindisi Montagna-comune di Potenza.
L'importantissimo risultato è stato raggiunto grazie all...-->continua

12/12/2018 - Tempa Rossa, Cisl: 'Basta ambiguità, ora servono atti concreti'

La Cisl torna sulla vertenza Tempa Rossa e auspica un confronto serio, costruttivo e senza pregiudiziali con Total e Tecnimont. Per il segretario generale aggiunto Giuseppe Amatulli e il segretario generale della Femca Cisl, Francesco Carella, “molti dei prob...-->continua

12/12/2018 - Il 17 dicembre sciopero Generale dei lavoratori Elettrico e Gas Acqua

70 mila posti di lavoro a rischio nel nostro paese e almeno un migliaio in Basilicata. Una cifra enorme ed un prezzo troppo salato da far pagare alle comunità di cittadini, imprese e lavoratori.
Un mix di misure governative e legislative che sta trovando l...-->continua






WEB TV
La vita raccolta in due ore e divisa in dieci scatoloni
di Mariapaola Vergallito

Chissà in che misura le nostre case sono fatte di oggetti accumulati che non guardiamo più e dei quali, forse, ci ricordiamo soltanto quando dobbiamo spolverare. Eppure c’è stato un momento, vicino o lontano non importa ma preciso, in cui la nostra mano ha posato quell’oggetto su quella mensola, nel cassetto, in un armadio, su un comò. Ci pensavo in queste ultime ore, guardandomi intorno nella casa in cui vivo appena da quattro anni; ma guardando anche i particolari della casa dei miei genitori, per esempio. O ricordando la stanza che ho vissuto a Roma da universitaria. Ci pensavo mentre ascoltavo le parole dei cittadini di Genova che sono costretti a fare inumana sintesi di quegli oggetti. Limitando una vita intera nel tempo e nello spazio. Il tempo ...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo