HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Forum “Stefano Gioia” su Osservatorio per Centrale del Mercure

11/07/2018

Un chimico in pensione e un ingegnere in conflitto di interessi con ENEL. Queste le persone incaricate di compiere uno studio sulla centrale del Mercure. Di medici neanche l’ombra. Eppure era, ed è, evidente che quello che interessa alla gente è di sapere se e quali siano i rischi per la salute legati alle emissioni –certe!- di sostanze tossiche e cancerogene derivanti dalla combustione delle biomasse. D’altra parte, non ci si poteva aspettare nulla di diverso, considerando che il committente del cosiddetto “studio” era quell’Osservatorio Ambientale finanziato da ENEL, governato da rappresentanti di Enti ed Istituzioni sovvenzionati da ENEL e presieduto dal Presidente del Parco del Pollino, Ente che da ENEL riceve 500.000 euro l’anno. Per non parlare dell’altra imbarazzante situazione che vede l’Osservatorio e il Parco del Pollino condividere la stessa sede: quella del Parco a Castrovillari. Quasi plastica dimostrazione di una commistione grave e censurabile.
Conflitto di interessi, dicevamo. La Fondazione di Sviluppo Sostenibile, che ha svolto lo studio, ha, infatti, incredibilmente, ENEL tra i “Soci Fondatori”. Ed è ininfluente quello che un imbarazzato e imbarazzante Edo Ronchi –Presidente della Fondazione- sostiene al riguardo. L’unico fatto certo è che al momento della presentazione ufficiale del rapporto, ENEL e Fondazione erano legate da un accordo economico, accuratamente taciuto dal relatore! L’on.le Ronchi, da parte sua, non può sperare che si possa vivere di credito per cose messe in cantiere oltre vent’anni fa (e che, poi, i problemi non li hanno risolti…). Sul risultato tecnico-scientifico del rapporto, meglio stendere, per ora, un velo pietoso. Non si dimostra nulla di fondato, non si dice nulla di sensato!
Per quanto riguarda l’on.le Pappaterra, poi, il cui ruolo si è dimostrato, nei fatti, noi crediamo, decisivo per la riapertura della centrale dell’ENEL –nei confronti della quale, invece, l’Organo tecnico, cioè il Direttore dello stesso Ente Parco, aveva dato valutazione assolutamente negativa-, è forse il caso che continui a fare il Presidente. Ma dell’Osservatorio, non del Parco!
Sabato scorso abbiamo consegnato al Ministro dell’Ambiente, generale Sergio Costa, una documentazione su questa scandalosa vicenda della centrale del Mercure. Vicenda in cui la malapolitica ha, noi crediamo, violato e violentato diritti ed interessi delle popolazioni della valle del Mercure e il Bene Comune rappresentato dal prezioso e delicato Parco del Pollino. E come la malapolitica ha agito a tutela di interessi speculativi e predatori, ci aspettiamo che chi voglia cambiare strada lo dimostri concretamente e rapidamente. E’ tempo che Legalità e Giustizia ritornino anche nella valle del Mercure.

Forum “Stefano Gioia”
delle Associazioni e Comitati calabresi e lucani
per la Tutela della Legalità e del Territorio



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
20/07/2018 - Basilicata.Coldiretti: la bandiera del gusto per 114 prodotti

Con 114 prodotti la Basilicata si piazza al diciassettesimo posto nella classifica delle "bandiere del gusto" di Coldiretti, assegnate alle specialità censite dalle regioni che sono ottenute sul territorio nazionale secondo regole tradizionali protratte per almeno 25 anni....-->continua

20/07/2018 - Sanità, Ugl Matera: “Continueremo ad abbaiare alla luna”

“La sanità lucana risulta fanalino di coda tra le Regioni italiane, come evidenziato da un Rapporto de la Repubblica in riferimento ai tempi di risposta alle chiamate del 118. Questo dato negativo si aggiunge ai lunghi tempi di attesa per l’erogazione delle pr...-->continua

20/07/2018 - Rocco Tauro -FdI.Consorzio di Bonifica: Governo regionale imbranato!

"Annus horribilis" questo anno 2018 per il governo regionale.
Dopo il ritardo nella approvazione del bilancio di previsione corrente, dopo il terremoto giudiziario, ancora nel suo momento più vivo, e tante altre disavventure, altra mazzata micidiale per lo...-->continua

19/07/2018 - Fca, Spera (Ugl): “Importante accordo per Pomigliano d’Arco e Nola”

“Oggi, presso il ministero del Lavoro, è stato raggiunto un importante accordo per la proroga degli ammortizzatori sociali di ulteriori 12 mesi per gli stabilimenti FCA di Pomigliano D’Arco e Nola”.
Lo afferma il Segretario Generale Ugl Metalmeccanici, An...-->continua

19/07/2018 - Sequestro eliambulanze: riunione operativa presieduta da Franconi

La vice presidente e assessore alle Politiche della Persona della Regione Basilicata, Flavia Franconi, ha presieduto questo pomeriggio a Potenza una riunione operativa convocata d’urgenza a seguito del sequestro preventivo disposto dalla Procura della Repubbli...-->continua

19/07/2018 - L’Abbate (M5S) su direttiva UE pratiche commerciali sleali

Audizione del vicepresidente della Commissione Agricoltura Ue De Castro alla Camera dei Deputati. L’Abbate (M5S): direttiva che va nella giusta direzione di difesa della parte debole della filiera alimentare, gli agricoltori

Si è tenuta nelle commissi...-->continua

19/07/2018 - Valvano (Melfi)-inceneritore Rendina ex Fnice: forse siamo di fronte a una svolt

“Finalmente una buona notizia sull’inceneritore di Melfi. Dopo numerosi scontri, contenziosi, denunce e richieste di sequestro che Io stesso ho presentato all’autorità giudiziaria (l’ultima segnalazione risale al 04/05/2018), il provvedimento di sequestro disp...-->continua






WEB TV
Dice che era un bel torrente ma non andava più al mare
di Mariapaola Vergallito

“Dice che era un bel progetto e serviva a creare/ la deviazione di un torrente per distrarlo dal mare; ma dall’idea alla realizzazione passarono 40 anni, giusto il tempo di essere deviata e l’acqua cominciò a far danni”.

Scusate, non ho resistito. E’ 4 marzo, del resto, e chiedo scusa a Lucio Dalla per questa scapestrata citazione. C’è qualcun altro, però, che dovrebbe chiedere scusa, oggi. Proprio oggi che il torrente Sarmento, deviato in parte dal suo corso naturale, immette un bottino idrico di 80 milioni di metri cubi in più all’anno nel grande invaso di Montecotugno. Serve a completare lo schema idrico del Sinni, per un progetto cominciato negli anni Settanta, quando la Democrazia Cristiana e il Partito Comunista erano i due grandi partit...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo