HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Forum “Stefano Gioia” su Osservatorio per Centrale del Mercure

11/07/2018

Un chimico in pensione e un ingegnere in conflitto di interessi con ENEL. Queste le persone incaricate di compiere uno studio sulla centrale del Mercure. Di medici neanche l’ombra. Eppure era, ed è, evidente che quello che interessa alla gente è di sapere se e quali siano i rischi per la salute legati alle emissioni –certe!- di sostanze tossiche e cancerogene derivanti dalla combustione delle biomasse. D’altra parte, non ci si poteva aspettare nulla di diverso, considerando che il committente del cosiddetto “studio” era quell’Osservatorio Ambientale finanziato da ENEL, governato da rappresentanti di Enti ed Istituzioni sovvenzionati da ENEL e presieduto dal Presidente del Parco del Pollino, Ente che da ENEL riceve 500.000 euro l’anno. Per non parlare dell’altra imbarazzante situazione che vede l’Osservatorio e il Parco del Pollino condividere la stessa sede: quella del Parco a Castrovillari. Quasi plastica dimostrazione di una commistione grave e censurabile.
Conflitto di interessi, dicevamo. La Fondazione di Sviluppo Sostenibile, che ha svolto lo studio, ha, infatti, incredibilmente, ENEL tra i “Soci Fondatori”. Ed è ininfluente quello che un imbarazzato e imbarazzante Edo Ronchi –Presidente della Fondazione- sostiene al riguardo. L’unico fatto certo è che al momento della presentazione ufficiale del rapporto, ENEL e Fondazione erano legate da un accordo economico, accuratamente taciuto dal relatore! L’on.le Ronchi, da parte sua, non può sperare che si possa vivere di credito per cose messe in cantiere oltre vent’anni fa (e che, poi, i problemi non li hanno risolti…). Sul risultato tecnico-scientifico del rapporto, meglio stendere, per ora, un velo pietoso. Non si dimostra nulla di fondato, non si dice nulla di sensato!
Per quanto riguarda l’on.le Pappaterra, poi, il cui ruolo si è dimostrato, nei fatti, noi crediamo, decisivo per la riapertura della centrale dell’ENEL –nei confronti della quale, invece, l’Organo tecnico, cioè il Direttore dello stesso Ente Parco, aveva dato valutazione assolutamente negativa-, è forse il caso che continui a fare il Presidente. Ma dell’Osservatorio, non del Parco!
Sabato scorso abbiamo consegnato al Ministro dell’Ambiente, generale Sergio Costa, una documentazione su questa scandalosa vicenda della centrale del Mercure. Vicenda in cui la malapolitica ha, noi crediamo, violato e violentato diritti ed interessi delle popolazioni della valle del Mercure e il Bene Comune rappresentato dal prezioso e delicato Parco del Pollino. E come la malapolitica ha agito a tutela di interessi speculativi e predatori, ci aspettiamo che chi voglia cambiare strada lo dimostri concretamente e rapidamente. E’ tempo che Legalità e Giustizia ritornino anche nella valle del Mercure.

Forum “Stefano Gioia”
delle Associazioni e Comitati calabresi e lucani
per la Tutela della Legalità e del Territorio



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
24/09/2018 - Federmanager Basilicata chiama i propri iscritti per l’Assemblea annuale

Federmanager Basilicata è una delle 57 sedi territoriali di Federmanager l’associazione maggiormente rappresentativa nel mondo del management che cura gli aspetti contrattuali, istituzionali, sociali, professionali e culturali di oltre 200.000 dirigenti, quadri apicali e alt...-->continua

24/09/2018 - Chiusure domenicali in FCA, preoccupazioni della Fismic

La Fismic Basilicata esprime grande preoccupazione per il prolungarsi delle domeniche senza lavoro nel mese di settembre decise da FCA. “Non bastavano le chiusure forzate nel turno pomeridiano nelle domeniche del 9 e del 16 scorso – afferma il segretario gener...-->continua

24/09/2018 - Leggieri (M5S): Trielina nelle acque minerali di Fonte Itala,occorre chiarezza

Ho presentato un’interrogazione all’Assessore regionale alla Salute, nonché presidente della Regione facente funzione, dopo il rinvenimento di trielina (tricloroetilene) in alcuni lotti di acqua imbottigliata nello stabilimento Fonte Itala di Atella (Pz). La m...-->continua

24/09/2018 - Frutta nelle scuole:il ministero al lavoro per migliorare qualità del progetto

Dopo gli scandali degli anni passati, il M5S mantiene alta l’attenzione sul programma che coinvolge circa 870.000 alunni in tutta Italia. Il deputato L’Abbate (M5S): “le scuole potranno segnalare al Ministero eventuali anomalie”

Nato da un’idea dell’U...-->continua

24/09/2018 - Atto aziendale San Carlo 2018: altra distribuzione di postazioni?

Nonostante lo scandalo giudiziario, nella sanità lucana l'aria che tira è sempre la stessa. Pare infatti che il presidente reggente, Flavia Franconi (peraltro assessore alla sanità di fiducia di Pittella), sia in procinto di adottare l'atto aziendale 2018 dell...-->continua

24/09/2018 - Elezioni dei Presidenti della Provincia di Potenza e Matera il 31 ottobre 2018

Il Presidente della Provincia di Potenza, Nicola Valluzzi, e il Presidente della Provincia di Matera, Franco De Giacomo, con apposito decreto, hanno indetto i Comizi elettorali per mercoledì 31 ottobre 2018 per l’elezione del Presidente della Provincia di Pote...-->continua

24/09/2018 - Confcommercio: nasce Federazione di settore Confcommercio-Professioni

È stato sottoscritto presso la sede di Confcommercio nazionale l'atto costitutivo della Federazione di settore Confcommercio-Professioni. Nata nel 2016 come articolazione organizzativa interna di Confcommercio-Imprese per l'Italia, in questi tre anni Confcomme...-->continua






WEB TV
L'eredità di Angela
di Mariapaola Vergallito

Angela Ferrara viveva in un paese, Cersosimo, che siamo abituati a raccontare soltanto spulciando le colonnine infinite dei dati sullo spopolamento. Un paese incastonato tra le montagne del Pollino, in una valle bellissima; uno di quei borghi che non vedi da lontano, ma solo quando esci dalla statale per aggrapparti nei tornanti che collegano l’entroterra lucano a quello calabrese. Negli anni saranno stati tanti i giovani che hanno guardato questo paese con un presentimento di sconfitta. Angela Ferrara no. Lo dimostrava con i fatti, non con le parole. Anche se le parole erano compagne preziose. Quelle con le quali Angela amava giocare per raccontare il mondo attraverso la bellezza della poesia e attraverso i suoi racconti. Quelle che, in queste ore, ...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo