HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Caporalato, Giordano (Ugl): 'Ogni lavoro deve essere dignitoso'

11/07/2018

“Il lavoro sommerso e il caporalato sono un problema oltre che per lo Stato e per i lavoratori dipendenti, anche per le imprese in regola che adempiono puntualmente agli obblighi burocratici ed economici connessi ai rapporti di lavoro”. 
L’ha detto il segretario provinciale dell’Ugl Matera, Pino Giordano con riferimento all’esito dei controlli nel quadro delle azioni ispettive, svolte in questo fine settimana estivo, dagli uomini dell'Ispettorato del Lavoro del Nil - nucleo ispettorato speciale dell'Arma dei Carabinieri, affiancati dalle unità delle stazioni territoriali dell'Arma dei Carabinieri, operanti nel territorio di Matera e Provincia, nell'ambito dei controlli nel settore edile e delle costruzioni dove, hanno attenzionato, attraverso le verifiche ispettive, complessive 9 aziende, delle quali ben 4 sono risultate irregolari. 
Per il sindacalista, “va subito affermato che gli organi di controllo non hanno riscontrato nel territorio lucano evidenti situazioni di sfruttamento della manodopera durante l'operazione se pur deferite, all'Autorità giudiziaria, in stato di libertà, 3 persone, di cui 1 di nazionalità albanese e controllati in totale 27 lavoratori, di cui trovati irregolari 5 oltre a 1 lavoratore al nero. Nel territorio materano – aggiunge il segretario Ugl - , in special modo nella fascia ionica/metapontina proposte e progetti continui andrebbero propagandati per trovare una soluzione. Il caporalato è un problema nel problema, fenomeno da combattere all’origine, colpendo le aziende che violano le norme sul lavoro come avvenuto in questo caso specifico. Creare una ‘Rete del lavoro di qualità’, un osservatorio specialmente nei settori agricoli e manifatturieri, sarebbe importante. L’Ugl Matera ha sempre prestato attenzione al deprecabile fenomeno del lavoro sommerso. In materia di vigilanza, la nostra o.s. non si sottrae all’introduzione di nuove sanzioni, oltre a quelle, numerose, che già esistono: in questo caso nel controllo dell’attività di vigilanza ispettiva sono state impartite 4 prescrizioni penali in materia di sicurezza ed levate ammende per oltre 15.000 euro e sanzioni amministrative per circa 4.000 euro. Per l’Ugl sarebbe auspicabile che la politica in materia del lavoro introducesse elementi di premialità per le aziende più virtuose. Ogni lavoro deve essere dignitoso. Allora – conclude Giordano – per l’Ugl è sacrosanto rafforzare il profilo sanzionatorio, chiediamo che le attività di controllo si concentrino sulle aziende che inquinano il mercato, mentre per le aziende sane bisognerebbe garantire tutti gli eventuali supporti previsti dalle norme in tema di servizi e trasporto. La lotta all’illegalità, problema sul quale siamo intervenuti ripetutamente, si fa con i fatti e non con la solita e fallimentare politica dell’attuale governo lucano che ha avuto a pensare di ben altro”. 



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
20/07/2018 - Basilicata.Coldiretti: la bandiera del gusto per 114 prodotti

Con 114 prodotti la Basilicata si piazza al diciassettesimo posto nella classifica delle "bandiere del gusto" di Coldiretti, assegnate alle specialità censite dalle regioni che sono ottenute sul territorio nazionale secondo regole tradizionali protratte per almeno 25 anni....-->continua

20/07/2018 - Sanità, Ugl Matera: “Continueremo ad abbaiare alla luna”

“La sanità lucana risulta fanalino di coda tra le Regioni italiane, come evidenziato da un Rapporto de la Repubblica in riferimento ai tempi di risposta alle chiamate del 118. Questo dato negativo si aggiunge ai lunghi tempi di attesa per l’erogazione delle pr...-->continua

20/07/2018 - Rocco Tauro -FdI.Consorzio di Bonifica: Governo regionale imbranato!

"Annus horribilis" questo anno 2018 per il governo regionale.
Dopo il ritardo nella approvazione del bilancio di previsione corrente, dopo il terremoto giudiziario, ancora nel suo momento più vivo, e tante altre disavventure, altra mazzata micidiale per lo...-->continua

19/07/2018 - Fca, Spera (Ugl): “Importante accordo per Pomigliano d’Arco e Nola”

“Oggi, presso il ministero del Lavoro, è stato raggiunto un importante accordo per la proroga degli ammortizzatori sociali di ulteriori 12 mesi per gli stabilimenti FCA di Pomigliano D’Arco e Nola”.
Lo afferma il Segretario Generale Ugl Metalmeccanici, An...-->continua

19/07/2018 - Sequestro eliambulanze: riunione operativa presieduta da Franconi

La vice presidente e assessore alle Politiche della Persona della Regione Basilicata, Flavia Franconi, ha presieduto questo pomeriggio a Potenza una riunione operativa convocata d’urgenza a seguito del sequestro preventivo disposto dalla Procura della Repubbli...-->continua

19/07/2018 - L’Abbate (M5S) su direttiva UE pratiche commerciali sleali

Audizione del vicepresidente della Commissione Agricoltura Ue De Castro alla Camera dei Deputati. L’Abbate (M5S): direttiva che va nella giusta direzione di difesa della parte debole della filiera alimentare, gli agricoltori

Si è tenuta nelle commissi...-->continua

19/07/2018 - Valvano (Melfi)-inceneritore Rendina ex Fnice: forse siamo di fronte a una svolt

“Finalmente una buona notizia sull’inceneritore di Melfi. Dopo numerosi scontri, contenziosi, denunce e richieste di sequestro che Io stesso ho presentato all’autorità giudiziaria (l’ultima segnalazione risale al 04/05/2018), il provvedimento di sequestro disp...-->continua






WEB TV
Dice che era un bel torrente ma non andava più al mare
di Mariapaola Vergallito

“Dice che era un bel progetto e serviva a creare/ la deviazione di un torrente per distrarlo dal mare; ma dall’idea alla realizzazione passarono 40 anni, giusto il tempo di essere deviata e l’acqua cominciò a far danni”.

Scusate, non ho resistito. E’ 4 marzo, del resto, e chiedo scusa a Lucio Dalla per questa scapestrata citazione. C’è qualcun altro, però, che dovrebbe chiedere scusa, oggi. Proprio oggi che il torrente Sarmento, deviato in parte dal suo corso naturale, immette un bottino idrico di 80 milioni di metri cubi in più all’anno nel grande invaso di Montecotugno. Serve a completare lo schema idrico del Sinni, per un progetto cominciato negli anni Settanta, quando la Democrazia Cristiana e il Partito Comunista erano i due grandi partit...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo