HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Consiglio regionale, l’intervento dell’assessore Cifarelli

10/07/2018

L’assessore alle Politiche di Sviluppo della Regione Basilicata Roberto Cifarelli è intervenuto a conclusione del dibattito sviluppatosi questo pomeriggio in aula consiliare a seguito delle comunicazioni del Vicepresidente Flavia Franconi.

Di seguito il contenuto dell’intervento:

“Intervengo per riportare la discussione alla ragione per cui come Giunta, con le dichiarazioni della vicepresidente Flavia Franconi, abbiamo fatto la doverosa comunicazione a questo Consiglio. Ho raccolto il senso del dibattito su una vicenda non bella che deve, però, spingerci ad operare sempre di più, senza risparmio, per una maggiore trasparenza nell’azione amministrativa e per una netta distinzione tra compiti di indirizzo e compiti di gestione.

In tale ottica, potrei citare tantissimi esempi di qualità e trasparenza nell’azione del Governo regionale. Ne cito solo due, che mi vedono protagonista e che sono stati concordati con il Presidente Pittella e con i colleghi della Giunta.

Proprio richiamando i giovani, a cui più volte si è fatto riferimento nel dibattito consiliare, cito il bando destinazione giovani rivolto agli “under 35” per mettere un freno all’emorragia di cervelli nella nostra regione; un bando rispetto al quale la politica sta dieci passi indietro, favorendo il protagonismo delle imprese e dei giovani, e lasciando al “matching” tra domanda ed offerta di lavoro la possibilità di incontrarsi per dare un’opportunità ai nostri ragazzi. O ancora si può citare il bando ricettività di qualità, che proprio ieri ha visto la convocazione degli 87 ammessi a finanziamento.

Ogni giorno, dunque, operiamo nella totale trasparenza e nella distinzione tra compiti di indirizzo politico e compiti di gestione amministrativa.

I provvedimenti della magistratura, ai quali guardiamo con rispetto, vanno attesi ai riscontri del contraddittorio. Nutriamo rispetto per il lavoro che fanno i magistrati, ma al tempo stesso avvertiamo la solidarietà, non potrebbe essere altrimenti, per il Presidente della Regione al cui fianco abbiamo operato, condividendone progetto e azioni mirate a servire la comunità lucana.

Chiediamo solo che si proceda celermente nell’accertamento dei fatti, così da sottrarre una vicenda talmente delicata e sensibile alla speculazione politica, soprattutto in una vigilia elettorale che si preannuncia inquieta e polemica.

La tempestività e la trasparenza degli atti processuali rappresentano la garanzia contro i tentativi di inquinare il dibattito politico e di compromettere l’azione del Governo regionale all’atto del completamento del programma. La determinazione della Giunta di proseguire nell’azione finora guidata dal Presidente Pittella risponde ad un dovere istituzionale, intende rassicurare la comunità circa la forte volontà con cui si intende adempiere a tutti gli obiettivi programmatici.

Fra questi di particolare rilievo la determinazione di assicurare alla Sanità la gestione di una fase straordinaria di provata autorevolezza e professionalità che cooperi con la Magistratura, provvedendo nel contempo ad individuare tutte le misure di salvaguardia, trasparenza ed efficienza in un settore vitale della vita regionale. Condivido quanto detto in aula circa la sanità nel suo complesso. La sanità lucana non è marcia, ci sono lavoratori e lavoratrici che ogni giorno operano con abnegazione e impegno per fare in modo che il sistema mantenga i conti in equilibrio e non sia assimilato al sistema sanitario di regioni limitrofe. Molti sono inoltre gli sforzi che abbiamo messo in campo per mantenere presidi territoriali e garantire, per quanto possibile, una sanità vicina al cittadino.

Altro obiettivo è il completamento del lavoro avviato sulla ricerca e l’implementazione di azioni già avviate ed antesignane delle politiche cui dichiara di ispirarsi il Governo nazionale. Ci riferiamo al reddito di inserimento che vorremmo si estendesse ad aree più vaste di bisogno e povertà. Ed ancora è necessario assicurare il migliore coordinamento delle politiche di sviluppo e l’efficacia dei servizi alla persona.

L’efficienza dell’azione di governo e l’attenzione ai territori costituiscono la premessa per l’azione di rinnovamento cui la politica è chiamata, soprattutto in un tempo che pretende coraggio e determinazione.

Un rinnovamento che dovrà partire dal basso, dalla specificità dei territori, selezionando qualità e competenze e sottraendosi a politicismi e trasformismi inaccettabili.

Il punto di approdo non è dato conoscere. Sarà il giudizio degli elettori, del popolo sovrano, a dirci come dovrà essere guidata la Basilicata nel prossimo futuro. Non saremo noi qui oggi. Noi dobbiamo, con senso di responsabilità e nella consapevolezza della difficile fase che vive la nostra regione, alzare il livello dell’attenzione e dell’impegno che gli elettori ci hanno consegnato nel novembre 2013. Lo dobbiamo a loro, così come a loro, ai giovani e ai nostri figli, dobbiamo l’impegno per costruire una Basilicata diversa, inclusiva, migliore”.



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
22/09/2018 - Atreju 2018, la Lucania presente negli incontri: politica, potere e Petrolio

È iniziata ieri la tre giorni di Atreju, la festa della destra italiana. Nata con l’intento di essere la fucina di idee della nuova generazione dell’alternativa alla sinistra, Atreju è da sempre l’occasione per riunire il centrodestra e parlare di programmi.

Non è m...-->continua

22/09/2018 - Il Parco Appennino Lucano risponde all’ennesimo attacco da parte di Legambiente

Continua il tentativo sistematico da parte di Legambiente di screditare l’operato del Parco Nazionale dell’Appennino Lucano e dei suoi vertici. È ormai sotto gli occhi di tutti il fatto che l’associazione ambientalista ha come unico scopo in Basilicata la lott...-->continua

22/09/2018 - COVELLA (VenosaPensa): su “Masseria La Rocca" il M5S si gioca la faccia

Dopo la sentenza del Consiglio di Stato che annulla i provvedimenti con cui la Regione Basilicata aveva bloccato l’iter autorizzativo del permesso di ricerca di idrocarburi denominato “Masseria La Rocca”, si apre una partita molto significativa per la politica...-->continua

22/09/2018 - Leggieri M5s su nuovo pericolo FORSU a San Nicola di Melfi

Un nuovo impianto per il trattamento della frazione organica di rifiuti solidi urbani potrebbe essere realizzato nella zona industriale di San Nicola di Melfi.

Come ho denunciato più volte in questi anni, l'area del Vulture e l'intera Basilicata hanno...-->continua

22/09/2018 - Castelluccio:su annuncio Salvini stazione carabinieri Scanzano

L’auspicio è che l’annuncio del Ministro Salvini di dotare Scanzano Jonico, finalmente, della stazione dei carabinieri, non faccia la fine di quello del precedente viceministro all’Interno Bubbico dei Governi Renzi-Gentiloni. E’ il commento del consigliere reg...-->continua

22/09/2018 - Braia: #GustoBasilicata da Terra Madre il buon cibo verso Matera 2019

“Cibo, turismo e salute sono le direttrici dell’agroalimentare del futuro. Sarà proprio la Capitale Europea della cultura 2019 ospitata a Matera il luogo prioritario dove veicolare i messaggi forti che abbiamo voluto far partire proprio dalla riflessione sulla...-->continua

22/09/2018 - Fame di DIRITTI, DEMOCRAZIA, CONOSCENZA, DIBATTITO, STATO DI DIRITTO, GIUSTIZIA.

Di Maurizio Bolognetti, segretario di Radicali Lucani (in sciopero della fame dalle ore 23.59 dell’11 settembre)

Dialogo, questo è la nonviolenza (non staccato). Io non minaccio "estreme conseguenze", non ricatto, provo solo a dar corpo alla mia fame ...-->continua






WEB TV
L'eredità di Angela
di Mariapaola Vergallito

Angela Ferrara viveva in un paese, Cersosimo, che siamo abituati a raccontare soltanto spulciando le colonnine infinite dei dati sullo spopolamento. Un paese incastonato tra le montagne del Pollino, in una valle bellissima; uno di quei borghi che non vedi da lontano, ma solo quando esci dalla statale per aggrapparti nei tornanti che collegano l’entroterra lucano a quello calabrese. Negli anni saranno stati tanti i giovani che hanno guardato questo paese con un presentimento di sconfitta. Angela Ferrara no. Lo dimostrava con i fatti, non con le parole. Anche se le parole erano compagne preziose. Quelle con le quali Angela amava giocare per raccontare il mondo attraverso la bellezza della poesia e attraverso i suoi racconti. Quelle che, in queste ore, ...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo