HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Consiglio regionale, l’intervento dell’assessore Cifarelli

10/07/2018

L’assessore alle Politiche di Sviluppo della Regione Basilicata Roberto Cifarelli è intervenuto a conclusione del dibattito sviluppatosi questo pomeriggio in aula consiliare a seguito delle comunicazioni del Vicepresidente Flavia Franconi.

Di seguito il contenuto dell’intervento:

“Intervengo per riportare la discussione alla ragione per cui come Giunta, con le dichiarazioni della vicepresidente Flavia Franconi, abbiamo fatto la doverosa comunicazione a questo Consiglio. Ho raccolto il senso del dibattito su una vicenda non bella che deve, però, spingerci ad operare sempre di più, senza risparmio, per una maggiore trasparenza nell’azione amministrativa e per una netta distinzione tra compiti di indirizzo e compiti di gestione.

In tale ottica, potrei citare tantissimi esempi di qualità e trasparenza nell’azione del Governo regionale. Ne cito solo due, che mi vedono protagonista e che sono stati concordati con il Presidente Pittella e con i colleghi della Giunta.

Proprio richiamando i giovani, a cui più volte si è fatto riferimento nel dibattito consiliare, cito il bando destinazione giovani rivolto agli “under 35” per mettere un freno all’emorragia di cervelli nella nostra regione; un bando rispetto al quale la politica sta dieci passi indietro, favorendo il protagonismo delle imprese e dei giovani, e lasciando al “matching” tra domanda ed offerta di lavoro la possibilità di incontrarsi per dare un’opportunità ai nostri ragazzi. O ancora si può citare il bando ricettività di qualità, che proprio ieri ha visto la convocazione degli 87 ammessi a finanziamento.

Ogni giorno, dunque, operiamo nella totale trasparenza e nella distinzione tra compiti di indirizzo politico e compiti di gestione amministrativa.

I provvedimenti della magistratura, ai quali guardiamo con rispetto, vanno attesi ai riscontri del contraddittorio. Nutriamo rispetto per il lavoro che fanno i magistrati, ma al tempo stesso avvertiamo la solidarietà, non potrebbe essere altrimenti, per il Presidente della Regione al cui fianco abbiamo operato, condividendone progetto e azioni mirate a servire la comunità lucana.

Chiediamo solo che si proceda celermente nell’accertamento dei fatti, così da sottrarre una vicenda talmente delicata e sensibile alla speculazione politica, soprattutto in una vigilia elettorale che si preannuncia inquieta e polemica.

La tempestività e la trasparenza degli atti processuali rappresentano la garanzia contro i tentativi di inquinare il dibattito politico e di compromettere l’azione del Governo regionale all’atto del completamento del programma. La determinazione della Giunta di proseguire nell’azione finora guidata dal Presidente Pittella risponde ad un dovere istituzionale, intende rassicurare la comunità circa la forte volontà con cui si intende adempiere a tutti gli obiettivi programmatici.

Fra questi di particolare rilievo la determinazione di assicurare alla Sanità la gestione di una fase straordinaria di provata autorevolezza e professionalità che cooperi con la Magistratura, provvedendo nel contempo ad individuare tutte le misure di salvaguardia, trasparenza ed efficienza in un settore vitale della vita regionale. Condivido quanto detto in aula circa la sanità nel suo complesso. La sanità lucana non è marcia, ci sono lavoratori e lavoratrici che ogni giorno operano con abnegazione e impegno per fare in modo che il sistema mantenga i conti in equilibrio e non sia assimilato al sistema sanitario di regioni limitrofe. Molti sono inoltre gli sforzi che abbiamo messo in campo per mantenere presidi territoriali e garantire, per quanto possibile, una sanità vicina al cittadino.

Altro obiettivo è il completamento del lavoro avviato sulla ricerca e l’implementazione di azioni già avviate ed antesignane delle politiche cui dichiara di ispirarsi il Governo nazionale. Ci riferiamo al reddito di inserimento che vorremmo si estendesse ad aree più vaste di bisogno e povertà. Ed ancora è necessario assicurare il migliore coordinamento delle politiche di sviluppo e l’efficacia dei servizi alla persona.

L’efficienza dell’azione di governo e l’attenzione ai territori costituiscono la premessa per l’azione di rinnovamento cui la politica è chiamata, soprattutto in un tempo che pretende coraggio e determinazione.

Un rinnovamento che dovrà partire dal basso, dalla specificità dei territori, selezionando qualità e competenze e sottraendosi a politicismi e trasformismi inaccettabili.

Il punto di approdo non è dato conoscere. Sarà il giudizio degli elettori, del popolo sovrano, a dirci come dovrà essere guidata la Basilicata nel prossimo futuro. Non saremo noi qui oggi. Noi dobbiamo, con senso di responsabilità e nella consapevolezza della difficile fase che vive la nostra regione, alzare il livello dell’attenzione e dell’impegno che gli elettori ci hanno consegnato nel novembre 2013. Lo dobbiamo a loro, così come a loro, ai giovani e ai nostri figli, dobbiamo l’impegno per costruire una Basilicata diversa, inclusiva, migliore”.



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
19/02/2019 - Consiglio regionale, riunione rinviata a mercoledì 27/2

La riunione del Consiglio regionale prevista per le ore 15,00 di oggi è stata rinviata a mercoledì 27 febbraio 2019, alle ore 10,00, e si svolgerà come sempre nell’aula Dinardo al piano terra del palazzo della Giunta regionale (Viale Verrastro n. 4 – Potenza).

Lo ha...-->continua

19/02/2019 - Po-Fse, a Potenza incontro su trattamento dati personali nel welfare

Il Workshop dal titolo “L’impatto del regolamento (GDPR) UE n.679/2016 sul trattamento dei dati nella gestione degli avvisi pubblici con valenza sociale del PO FSE Basilicata 2014/2020” si è tenuto oggi nella sala Inguscio della Regione


Il tratt...-->continua

19/02/2019 - ROSPI M5S.: Nuovi modelli di sviluppo sociale ed economico per costa ionica

Sabato prossimo 23 febbraio alle 10, nella Sala Consiliare del Comune di Policoro (Mt), il convegno “Nuovi modelli di sviluppo sociale ed economico per il rilancio della costa ionica lucana”. Sarà l’occasione per rimarcare che la Basilicata, negli ultimi due a...-->continua

19/02/2019 - Appalti, la Cisl propone un protocollo d'intesa alla Regione

La Cisl Basilicata lancia l'idea di un protocollo d'intesa con le stazioni appaltanti per la qualità e la tutela del lavoro negli appalti di lavori, servizi e forniture. La proposta sarà presentata venerdì 22 febbraio alle 9:30 nella sala Ugo Bianchi della Cis...-->continua

18/02/2019 - Pd, PSI, Realtà Italia e Verdi chiedono a Pittella la guida della coalizione

Il Partito democratico della Basilicata, il Psi lucano, Realtà Italia e Verdi della Basilicata, al termine del percorso di confronto e di interlocuzione politica al proprio interno e all’esterno con forze civiche e personalità di spicco della società civile e ...-->continua

18/02/2019 - M5S Basilicata su autonomia

Vogliamo essere molto chiari ed esprimere la nostra assoluta contrarietà alla creazione di un contesto in cui ci sono cittadini di serie A e cittadini di serie B, espressamente vietato dalla Costituzione. Il Movimento 5 Stelle è favorevole a un processo di aut...-->continua

18/02/2019 - Castelluccio Inf.: ‘A Bologna promossa la nostra identità culturale’

Si è appena concluso un fine settimana ricco di successi per Castelluccio Inferiore e le sue tante ricchezze in mostra al Teatro Guardassoni di Bologna.
A raccontarcelo è un fiero Sindaco Campanella, che al ritorno nell'amato paese lucano ci racconta della...-->continua







WEB TV
Noi e quella sacrosanta ''cultura del territorio''
di Mariapaola Vergallito

“I lucani conoscono la frana. I contadini lucani sono vissuti da sempre con la frana, l’orecchio teso a quel fremito oscuro, l’occhio attento a scrutare le rughe della terra. Ma un tempo nessuno la violentava la terra. La temevano, la rispettavano. Istintivamente si tramandavano quella che modernamente si è poi chiamata “cultura del territorio”. Oggi, nell’era della scienza, è proprio quella cultura che è venuta meno. Dalle paure ancestrali si è passati al saccheggio dell’ambiente naturale”.
All’indomani della frana che si è portata via mezzo quartiere nell’antico borgo di Pomarico e che, per fortuna, non ha causato vittime, ho recuperato un editoriale che la Gazzetta pubblicò quasi 33 anni fa, il 27 luglio del 1986. Ventiquattrore prima collina T...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo