HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

FDI, Metapontino: cittadini assetati di giustizia

16/05/2018

La regione Basilicata come l'Italia. Terra di misteri. Dove si conosce poco o niente. Non sappiamo quanti barili di petrolio, a distanza di vent'anni dall'inizio dell'estrazione, vengono riempiti giornalmente. I dati li trasmettono direttamente le compagnie petrolifere, figuriamoci.
Inquinano acqua e aria e suolo, e non sappiamo né come né chi lo faccia. Fiumi e mari che cambiano colore come i camaleonti. Nave affondate con i suoi loschi carichi a poca distanza dalle nostre spiagge, e canali nucleari che finiscono senza filtri in mare.
L'ultima di queste "perle" riguarda l'acqua da bere, che dalle dighe arriva direttamente sulle tavole. Grandi invasi in cui si sversa di tutto: rifiuti industriali, acqua di fogna, carcasse di animali. Che per renderla potabile miscelano cloro, che poi a sua volta produce un elemento di sottoprodotto diventato familiare ed allo stesso tempo inquietante: il trialometano.
Infatti, resta alta la sua concentrazione nei serbatoi di diversi centri del Metapontino (entra o esce con i valori sopra la norma? ancora non è dato saperlo), per una popolazione interessata di circa cinquantamila cittadini solamente ad oggi, e in aumento esponenziale fra qualche settimana; e poco importa ai cittadini del palleggio di responsabilità tra Acquedotto Lucano e ARPAB che si contendono, ognuno, la bontà delle proprie analisi (e contrastanti tra loro). A tal proposito, si potrebbe ricorrere ad un laboratorio terzo, e se è straniero ancora meglio, visto i condizionamenti di cui siamo tutti maestri in Italia.
In via incidentale la vicina Puglia per non avere problemi ha innalzato il valore di potabilità dell'acqua fino a 50 microgrammi a litro. Da noi, e giustamente, è a 30 THMs, come previsto dal Decreto Legislativo 31/2201.
La pericolosità per la salute di questi composti derivanti da processi di disinfezione delle acque è ormai arcinota in quanto classificati come cancerogeni dall’IARC.
Questa emergenza sta comportando innumerevoli disagi per tutti i residenti e forti danni agli operatori dei settori agricolo e turistico. Quest’ultimi sono tra i più colpiti dall’emergenza perché denunciano già disdette nelle prenotazioni con conseguente compromissione della stagione estiva. Vogliamo pensare anche agli anziani e ai diversamente abili che, impossibilitati all’approvvigionamento autonomo di questo bene di prima necessità, hanno bisogno di aiuto esterno, con conseguente ulteriore perdita di autonomia.
Ci si muova dunque subito e in maniera decisa, affinché l’emergenza non solo rientri ma venga risolta in maniera definitiva. Bisogna limitare la poc'anzi citata compromissione della stagione estiva, che vede tantissimi lavoratori stagionali impegnati nel settore, e che potrebbero perdere quel poco di lavoro che le istituzioni ci hanno lasciato.
Insomma piove sul bagnato, visto che siamo in tema.
Popolo inquinato senza essere diventato ricco. Il danno e la beffa. Grazie soprattutto ad amministratori, incapaci e pinocchi, che dovrebbero essere mandati all'esilio perenne per tutto il danno provocato in circa cinquant'anni di vita politica, con comportamenti da padroni delle ferriere.

15/05/2018


Alessandro Caprara
Leonardo Rocco Tauro
Fratelli d'Italia



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
16/10/2018 - ''Incontro urgente con i parlamentari lucani sul caso “Masseria La Rocca”

“I paesi si salvano con gli occhi. Prima bisogna guardarli come un uomo giovane guarda una donna bellissima. Poi viene il resto…”. Per noi è stato il contrario, è stato il “resto” che ci ha fatto aprire gli occhi e guardare al nostro paese con gli occhi incantati per salvarl...-->continua

16/10/2018 - Air Guns-Lega:sì a Taranto no a Venezia?

Sono ormai anni che denunciamo la differenza di applicazione della normativa italiana in tema di tutela ambientale tra nord e sud sullo sfruttamento petrolifero dei nostri mari. In particolare il trattamento e l’applicazione della legge che ha escluso come are...-->continua

16/10/2018 - Zullino Lega: convocato al ministero tavolo tecnico su infrastrutture Basilicata

Qualche settimana fa, Massimo Zullino, Segretario regionale Vicario Lega Basilicata, consegnava a Roma, presso il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, un dossier riguardante le criticità sulle infrastrutture della Basilicata.
L' impegno del Vicario ...-->continua

15/10/2018 - Giordano (Ugl) su emergenza ungulati

“Il disgusto è il sentimento che si prova di fronte alla distruzione di intere coltivazioni ad opera dei cinghiali che imperversano e il rammarico aumenta perché gli appelli ormai disperati ottengono scarsi risultati. Di questo passo non saranno gli ungulati a...-->continua

15/10/2018 - Modarelli (FI) su servizio trasporti diversamenti abili di Policoro

Dopo la nota protocollata in data 11 Settembre u.s. dal consigliere provinciale di Forza Italia Gianluca Modarelli ed i vari incontri consumatisi presso la Provincia di Matera è stato affidato all’associazione Anffas di Policoro il servizio del trasporto scola...-->continua

15/10/2018 - Braia: Corilus, modello operativo per incentivare diffusione nocciolo

“Un progetto caratterizzato innanzitutto dall’approccio scientifico, grazie all’apporto in termini di conoscenze e competenze degli enti di ricerca Unibas - Safe, Unisa-Difarma e Cnr-Ibam”


“Il finanziamento di 260mila euro del progetto del Go Cor...-->continua

15/10/2018 - G.Rosa su impianto a biomasse a Tito

Abbiamo incontrato, sabato scorso, alcuni cittadini di Tito scalo preoccupati per la notizia della prossima costruzione di un impianto a biomasse per la produzione di biometano in una zona particolarmente vicina al centro abitato.

In effetti, come abb...-->continua






WEB TV
L'eredità di Angela
di Mariapaola Vergallito

Angela Ferrara viveva in un paese, Cersosimo, che siamo abituati a raccontare soltanto spulciando le colonnine infinite dei dati sullo spopolamento. Un paese incastonato tra le montagne del Pollino, in una valle bellissima; uno di quei borghi che non vedi da lontano, ma solo quando esci dalla statale per aggrapparti nei tornanti che collegano l’entroterra lucano a quello calabrese. Negli anni saranno stati tanti i giovani che hanno guardato questo paese con un presentimento di sconfitta. Angela Ferrara no. Lo dimostrava con i fatti, non con le parole. Anche se le parole erano compagne preziose. Quelle con le quali Angela amava giocare per raccontare il mondo attraverso la bellezza della poesia e attraverso i suoi racconti. Quelle che, in queste ore, ...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo