HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

FDI, Metapontino: cittadini assetati di giustizia

16/05/2018

La regione Basilicata come l'Italia. Terra di misteri. Dove si conosce poco o niente. Non sappiamo quanti barili di petrolio, a distanza di vent'anni dall'inizio dell'estrazione, vengono riempiti giornalmente. I dati li trasmettono direttamente le compagnie petrolifere, figuriamoci.
Inquinano acqua e aria e suolo, e non sappiamo né come né chi lo faccia. Fiumi e mari che cambiano colore come i camaleonti. Nave affondate con i suoi loschi carichi a poca distanza dalle nostre spiagge, e canali nucleari che finiscono senza filtri in mare.
L'ultima di queste "perle" riguarda l'acqua da bere, che dalle dighe arriva direttamente sulle tavole. Grandi invasi in cui si sversa di tutto: rifiuti industriali, acqua di fogna, carcasse di animali. Che per renderla potabile miscelano cloro, che poi a sua volta produce un elemento di sottoprodotto diventato familiare ed allo stesso tempo inquietante: il trialometano.
Infatti, resta alta la sua concentrazione nei serbatoi di diversi centri del Metapontino (entra o esce con i valori sopra la norma? ancora non è dato saperlo), per una popolazione interessata di circa cinquantamila cittadini solamente ad oggi, e in aumento esponenziale fra qualche settimana; e poco importa ai cittadini del palleggio di responsabilità tra Acquedotto Lucano e ARPAB che si contendono, ognuno, la bontà delle proprie analisi (e contrastanti tra loro). A tal proposito, si potrebbe ricorrere ad un laboratorio terzo, e se è straniero ancora meglio, visto i condizionamenti di cui siamo tutti maestri in Italia.
In via incidentale la vicina Puglia per non avere problemi ha innalzato il valore di potabilità dell'acqua fino a 50 microgrammi a litro. Da noi, e giustamente, è a 30 THMs, come previsto dal Decreto Legislativo 31/2201.
La pericolosità per la salute di questi composti derivanti da processi di disinfezione delle acque è ormai arcinota in quanto classificati come cancerogeni dall’IARC.
Questa emergenza sta comportando innumerevoli disagi per tutti i residenti e forti danni agli operatori dei settori agricolo e turistico. Quest’ultimi sono tra i più colpiti dall’emergenza perché denunciano già disdette nelle prenotazioni con conseguente compromissione della stagione estiva. Vogliamo pensare anche agli anziani e ai diversamente abili che, impossibilitati all’approvvigionamento autonomo di questo bene di prima necessità, hanno bisogno di aiuto esterno, con conseguente ulteriore perdita di autonomia.
Ci si muova dunque subito e in maniera decisa, affinché l’emergenza non solo rientri ma venga risolta in maniera definitiva. Bisogna limitare la poc'anzi citata compromissione della stagione estiva, che vede tantissimi lavoratori stagionali impegnati nel settore, e che potrebbero perdere quel poco di lavoro che le istituzioni ci hanno lasciato.
Insomma piove sul bagnato, visto che siamo in tema.
Popolo inquinato senza essere diventato ricco. Il danno e la beffa. Grazie soprattutto ad amministratori, incapaci e pinocchi, che dovrebbero essere mandati all'esilio perenne per tutto il danno provocato in circa cinquant'anni di vita politica, con comportamenti da padroni delle ferriere.

15/05/2018


Alessandro Caprara
Leonardo Rocco Tauro
Fratelli d'Italia



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
21/01/2019 - Tragedia Genova, Ugl:” Sempre più formazione e prevenzione”

“È inaccettabile che ancora si continui a perdere la vita sul posto di lavoro nel 2019. L’ennesimo incidente mortale avvenuto quest’oggi in Ansaldo Energia, dove un operaio 42enne è rimasto schiacciato dal carico di una gru all’interno dello stabilimento di Genova, per l’Ugl...-->continua

21/01/2019 - Lezzi: 'tanti interventi per abbattere divario tra Nord e Sud

“Tra le questioni irrisolte che ha lasciato in eredità la vecchia politica c'è n'è una che mi riguarda in particolare e che considero La questione: quella del divario tra il Nord e il Sud. Noi la questione intendiamo affrontarla di petto e abbiamo già comincia...-->continua

21/01/2019 - Castelluccio: appena 24 unità in più previsti in Basilicata negli 8 Cpi

“Finalmente il Governo tira fuori i numeri dei nuovi addetti previsti negli otto Centri per l’Impiego aperti in Basilicata per avviare la “rivoluzione” annunciata: appena 24 in più in aggiunta agli attuali 114 a fronte di un’utenza che oggi registra 32mila ute...-->continua

21/01/2019 - Autonomia, Lezzi: ''non è nuovo nemico del sud''

“Oggi alcuni affermano che il divario tra Nord e Sud avrebbe un nuovo “nemico”: l’autonomia rafforzata. Allarmismi, catastrofismi, notizie prive di fondamento oggettivo che alimentano la contrapposizione nel Paese e non favoriscono il dialogo sereno che alcune...-->continua

21/01/2019 - Amendolara. Consiglio respinge trivelle. 'Governo ha il dovere di tutelare mare'

«Se è vero che una delle stelle del Movimento richiama la difesa dell'ambiente, ebbene, è ora che questa stella inizi a brillare». Il sindaco di Amendolara, Antonello Ciminelli mantiene alta l'attenzione sul rischio trivellazioni che minacciano il mare Mediter...-->continua

21/01/2019 - Fim Cisl, Verrascina eletto nella segreteria regionale lunedì 21 gennaio 2019 -

Il materano Vittorio Verrascina, dipendente di Fca, entra nella segreteria regionale della Fim Cisl. L'elezione è avvenuta stamane a Melfi durante i lavori del consiglio generale del sindacato alla presenza del coordinatore nazionale del settore automotive, R...-->continua

21/01/2019 - Industrie del Basento, Romaniello scrive a Marsico

Il Consigliere regionale Giannino Romaniello scrive al Direttore Generale della Giunta Vito Marsico e, per conoscenza, alla Prefetto Dottoressa Giovanna Stefania Cagliostro in relazione alla vertenza “Industrie del Basento”. In particolare, il Consigliere di A...-->continua






WEB TV
La vita raccolta in due ore e divisa in dieci scatoloni
di Mariapaola Vergallito

Chissà in che misura le nostre case sono fatte di oggetti accumulati che non guardiamo più e dei quali, forse, ci ricordiamo soltanto quando dobbiamo spolverare. Eppure c’è stato un momento, vicino o lontano non importa ma preciso, in cui la nostra mano ha posato quell’oggetto su quella mensola, nel cassetto, in un armadio, su un comò. Ci pensavo in queste ultime ore, guardandomi intorno nella casa in cui vivo appena da quattro anni; ma guardando anche i particolari della casa dei miei genitori, per esempio. O ricordando la stanza che ho vissuto a Roma da universitaria. Ci pensavo mentre ascoltavo le parole dei cittadini di Genova che sono costretti a fare inumana sintesi di quegli oggetti. Limitando una vita intera nel tempo e nello spazio. Il tempo ...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo