HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Manifestazione ambientalisti: da IDV attenzione e ascolto

16/05/2018

La scelta di tenere domenica prossima a Corleto una manifestazione congiunta tra le associazioni ambientaliste della Basilicata, della Puglia, della Calabria e della Campania merita grande attenzione e innanzitutto un atteggiamento di ascolto delle rivendicazioni dell’associazionismo militante impegnato da sempre perché la politica tutta adegui il proprio comportamento ed atteggiamento in tema di rapporto petrolio-territorio-salute. A sostenerlo è il segretario regionale di IdV Angelo Rosella per il quale è pregiudiziale, innanzitutto, colmare il gap di confronto con associazioni e movimenti popolari e civici che sinora è stato occasionale ed inefficace anche sul piano istituzionale con la composizione del Tavolo della Trasparenza. Oggi più che di Tavoli c’è bisogno – aggiunge – di garantire nei fatti la trasparenza sulle attività estrattive del progetto Tempa Rossa, e del Centro Olio della Total di Corleto Perticara sollecitata con la manifestazione di domenica.
La tutela dell’ambiente, della salute dei cittadini della Val d’Agri e del Sauro come delle rilevanti risorse dei due comprensori da ogni tipo di rischio rappresentato dalle attività petrolifere è un obiettivo prioritario che non si può raggiungere solo con impegni formali o a colpi di diffide nei confronti dell’Eni dettate forse più dalla necessità di fare cassa. Le associazioni ambientaliste e i cittadini sollecitano e da tempo l’individuazione di un “soggetto di garanzia” che svolga un monitoraggio scientifico su tutti gli indicatori riferiti all’impatto petrolio perché non si ripeta quanto sta accadendo da settimane intorno ai trialometani nell’acqua dei comuni del Metapontino con divergenze, non certo di poco conto, tra enti responsabili di assicurare la salubrità dell’acqua che hanno l’effetto di sfiduciare i cittadini.
Rispetto ad una situazione sempre più convulsa con l’accavallarsi di servizi televisivi nazionali, inchieste giornalistiche, notizie spesso incontrollate che girano attraverso i social, a parere di IdV – continua la nota – diventa urgente tranquillizzare le comunità della Val d’Agri, del Sauro e in generale dell’intera regione. Si tratta di ridare piena credibilità agli strumenti di controllo sui fattori di potenziale contaminazione riferiti al Cova di Viggiano, a quello che entrerà in funzione a Corleto, allo smaltimento dei reflui della lavorazione, di trasporto del greggio, alle attività di ricerca ed estrazione, in modo da assicurare un “punto di riferimento” certo, trasparente e scientificamente autorevole che, purtroppo sinora è mancato anche a causa delle note vicende che hanno interessato l’Arpab. 

Se l’acciaio tarantino come il petrolio lucano continuano a rimanere strategici per gli interessi economici del Paese – dice Rosella – deve essere il Governo nazionale che ci auguriamo si costituisca a breve a fare una operazione verità anche sulle cifre che realmente occorrono per il risanamento e la riconversione degli impianti tarantini e per i danni provocati alle aziende agricole e alle pmi della Val d’Agri. E’ intollerabile che Taranto e la Val d’Agri siano in cima alle preoccupazioni della politica quando si tratta di calcolare quanto strategica siano l’area industriale pugliese e il distretto petrolifero Eni rispetto al Pil nazionale, ma i suoi abitanti scompaiano quando invece si tratta di affrontare e sanare situazioni di disastro ambientale e sanitario.  Ciò perché  esistono materie strategiche, come salute, ambiente, acqua, petrolio che vanno affrontate anche al di fuori di ogni possibile mediazione, che la politica usa come normale e legittimo “strumento”, nell’affrontare i diversi problemi. E come andiamo ripetendo da tempo la questione merita attenzione nazionale.




archivio

ALTRI

La Voce della Politica
16/10/2018 - ''Incontro urgente con i parlamentari lucani sul caso “Masseria La Rocca”

“I paesi si salvano con gli occhi. Prima bisogna guardarli come un uomo giovane guarda una donna bellissima. Poi viene il resto…”. Per noi è stato il contrario, è stato il “resto” che ci ha fatto aprire gli occhi e guardare al nostro paese con gli occhi incantati per salvarl...-->continua

16/10/2018 - Air Guns-Lega:sì a Taranto no a Venezia?

Sono ormai anni che denunciamo la differenza di applicazione della normativa italiana in tema di tutela ambientale tra nord e sud sullo sfruttamento petrolifero dei nostri mari. In particolare il trattamento e l’applicazione della legge che ha escluso come are...-->continua

16/10/2018 - Zullino Lega: convocato al ministero tavolo tecnico su infrastrutture Basilicata

Qualche settimana fa, Massimo Zullino, Segretario regionale Vicario Lega Basilicata, consegnava a Roma, presso il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, un dossier riguardante le criticità sulle infrastrutture della Basilicata.
L' impegno del Vicario ...-->continua

15/10/2018 - Giordano (Ugl) su emergenza ungulati

“Il disgusto è il sentimento che si prova di fronte alla distruzione di intere coltivazioni ad opera dei cinghiali che imperversano e il rammarico aumenta perché gli appelli ormai disperati ottengono scarsi risultati. Di questo passo non saranno gli ungulati a...-->continua

15/10/2018 - Modarelli (FI) su servizio trasporti diversamenti abili di Policoro

Dopo la nota protocollata in data 11 Settembre u.s. dal consigliere provinciale di Forza Italia Gianluca Modarelli ed i vari incontri consumatisi presso la Provincia di Matera è stato affidato all’associazione Anffas di Policoro il servizio del trasporto scola...-->continua

15/10/2018 - Braia: Corilus, modello operativo per incentivare diffusione nocciolo

“Un progetto caratterizzato innanzitutto dall’approccio scientifico, grazie all’apporto in termini di conoscenze e competenze degli enti di ricerca Unibas - Safe, Unisa-Difarma e Cnr-Ibam”


“Il finanziamento di 260mila euro del progetto del Go Cor...-->continua

15/10/2018 - G.Rosa su impianto a biomasse a Tito

Abbiamo incontrato, sabato scorso, alcuni cittadini di Tito scalo preoccupati per la notizia della prossima costruzione di un impianto a biomasse per la produzione di biometano in una zona particolarmente vicina al centro abitato.

In effetti, come abb...-->continua






WEB TV
L'eredità di Angela
di Mariapaola Vergallito

Angela Ferrara viveva in un paese, Cersosimo, che siamo abituati a raccontare soltanto spulciando le colonnine infinite dei dati sullo spopolamento. Un paese incastonato tra le montagne del Pollino, in una valle bellissima; uno di quei borghi che non vedi da lontano, ma solo quando esci dalla statale per aggrapparti nei tornanti che collegano l’entroterra lucano a quello calabrese. Negli anni saranno stati tanti i giovani che hanno guardato questo paese con un presentimento di sconfitta. Angela Ferrara no. Lo dimostrava con i fatti, non con le parole. Anche se le parole erano compagne preziose. Quelle con le quali Angela amava giocare per raccontare il mondo attraverso la bellezza della poesia e attraverso i suoi racconti. Quelle che, in queste ore, ...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo