HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Festa della Liberazione, il messaggio di Patriciello

25/04/2018

“Il 25 aprile è una giornata di festa che appartiene a tutti gli italiani che tengono alla libertà. Una giornata di ricordo, certo, ma anche e soprattutto di impegno per il presente e per il futuro: l'emblema e la presa di coscienza dei valori fondanti della nostra Repubblica.
È dovere di ognuno di noi conservare, custodire e tramandare il ricordo degli avvenimenti storici che posero fine alla barbarie della guerra e che segnarono profondamente i destini della storia italiana. Essi costituiscono la base su cui si fondano i nostri valori di libertà, pace, democrazia e solidarietà: la memoria condivisa degli eventi che traghettarono la nostra società dall’orrore nazifascista verso una più compiuta sovranità popolare. Un passaggio che, non a caso, ha ispirato la scrittura del Manifesto di Ventotene, atto di nascita di un’Europa libera, solidale e finalmente unita. Ed è per questo che oggi, con partecipazione viva e convinta, occorre celebrare la ricorrenza della Liberazione, con lo sguardo al passato e la volontà rivolta al domani, rendendo omaggio a tutte le donne e gli uomini che hanno contribuito, anche a costo del sacrificio della propria vita, a fare dell'Italia una nazione libera, democratica e civile”.

Così Aldo Patriciello, parlamentare europeo e membro del Gruppo Ppe, nel giorno del 25 aprile, festa della Liberazione.




archivio

ALTRI

La Voce della Politica
21/01/2019 - Tragedia Genova, Ugl:” Sempre più formazione e prevenzione”

“È inaccettabile che ancora si continui a perdere la vita sul posto di lavoro nel 2019. L’ennesimo incidente mortale avvenuto quest’oggi in Ansaldo Energia, dove un operaio 42enne è rimasto schiacciato dal carico di una gru all’interno dello stabilimento di Genova, per l’Ugl...-->continua

21/01/2019 - Lezzi: 'tanti interventi per abbattere divario tra Nord e Sud

“Tra le questioni irrisolte che ha lasciato in eredità la vecchia politica c'è n'è una che mi riguarda in particolare e che considero La questione: quella del divario tra il Nord e il Sud. Noi la questione intendiamo affrontarla di petto e abbiamo già comincia...-->continua

21/01/2019 - Castelluccio: appena 24 unità in più previsti in Basilicata negli 8 Cpi

“Finalmente il Governo tira fuori i numeri dei nuovi addetti previsti negli otto Centri per l’Impiego aperti in Basilicata per avviare la “rivoluzione” annunciata: appena 24 in più in aggiunta agli attuali 114 a fronte di un’utenza che oggi registra 32mila ute...-->continua

21/01/2019 - Autonomia, Lezzi: ''non è nuovo nemico del sud''

“Oggi alcuni affermano che il divario tra Nord e Sud avrebbe un nuovo “nemico”: l’autonomia rafforzata. Allarmismi, catastrofismi, notizie prive di fondamento oggettivo che alimentano la contrapposizione nel Paese e non favoriscono il dialogo sereno che alcune...-->continua

21/01/2019 - Amendolara. Consiglio respinge trivelle. 'Governo ha il dovere di tutelare mare'

«Se è vero che una delle stelle del Movimento richiama la difesa dell'ambiente, ebbene, è ora che questa stella inizi a brillare». Il sindaco di Amendolara, Antonello Ciminelli mantiene alta l'attenzione sul rischio trivellazioni che minacciano il mare Mediter...-->continua

21/01/2019 - Fim Cisl, Verrascina eletto nella segreteria regionale lunedì 21 gennaio 2019 -

Il materano Vittorio Verrascina, dipendente di Fca, entra nella segreteria regionale della Fim Cisl. L'elezione è avvenuta stamane a Melfi durante i lavori del consiglio generale del sindacato alla presenza del coordinatore nazionale del settore automotive, R...-->continua

21/01/2019 - Industrie del Basento, Romaniello scrive a Marsico

Il Consigliere regionale Giannino Romaniello scrive al Direttore Generale della Giunta Vito Marsico e, per conoscenza, alla Prefetto Dottoressa Giovanna Stefania Cagliostro in relazione alla vertenza “Industrie del Basento”. In particolare, il Consigliere di A...-->continua






WEB TV
La vita raccolta in due ore e divisa in dieci scatoloni
di Mariapaola Vergallito

Chissà in che misura le nostre case sono fatte di oggetti accumulati che non guardiamo più e dei quali, forse, ci ricordiamo soltanto quando dobbiamo spolverare. Eppure c’è stato un momento, vicino o lontano non importa ma preciso, in cui la nostra mano ha posato quell’oggetto su quella mensola, nel cassetto, in un armadio, su un comò. Ci pensavo in queste ultime ore, guardandomi intorno nella casa in cui vivo appena da quattro anni; ma guardando anche i particolari della casa dei miei genitori, per esempio. O ricordando la stanza che ho vissuto a Roma da universitaria. Ci pensavo mentre ascoltavo le parole dei cittadini di Genova che sono costretti a fare inumana sintesi di quegli oggetti. Limitando una vita intera nel tempo e nello spazio. Il tempo ...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo