HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Fronte democratico: 'rimettiamo il mandato, non sono dimissioni dal Pd'

13/03/2018

Rimettere il mandato in assemblea non significa dimettersi; non si esce dal Partito Democratico ma si chiede, con forza, di attuare un cambiamento alla luce dello schiaffo elettorale del 4 marzo e della insoddisfacente reazione del segretario lucano Mario Polese. E’ questo il senso del documento diffuso ieri da Riscatto-Fronte Democratico. Che è come dire: se della sconfitta di una squadra non prende atto il capitano, ci pensano i giocatori costretti, spesso, alla panchina. “Abbiamo dato il nostro contributo per far ripartire, dopo anni di assenza, gli organismi dirigenti- si legge nel documento- pur denunciando forzature regolamentari e azzeramento del pluralismo interno, nonostante i congressi avessero emesso verdetti netti. Da maggio 2016, dalla inutile e sbagliata sostituzione della presidenza del consiglio con l'allargamento di maggioranza, si è operato sistematicamente per chiudere ogni spazio, per soffocare ogni diversità di opinione su rilevanti scelte politiche e di governo. Nonostante tutto abbiamo deciso di restare. Ma il risultato del 4 marzo, circa 5 mila voti in meno rispetto ai 55 mila delle primarie del 3 dicembre, è un segno evidente che ci porta ad interrogarci sulla piena legittimazione che ancora abbiamo nel rappresentare tanti democratici lucani”. Una discussione, quella del Fronte Democratico, che, pare, sia appoggiata anche da diversi renziani lucani. Sulle ragioni di questa scelta abbiamo parlato con la portavoce Vittoria Purtusiello.
Non siete soddisfatti di come il segretario Polese ha affrontato il post voto?
Le dichiarazioni del segretario regionale Polese sono troppo deboli a fronte di una sconfitta così grande. Non bastava dire “approfondiremo la discussione alla direzione regionale” ma bisognava avere una presa di posizione un po’ più netta e più dura.
D- Qual è il segnale che intendete dare ora?
Prima di tutto rimettiamo il nostro mandato all’assemblea regionale di Fronte Democratico che si terrà mercoledì (domani, ndr), perché io al Congresso ho raccolto un numero consistente di voti, 10mila, e quindi è giusto dar conto al nostro elettorato e ai nostri sostenitori. E’ giusto far capire soprattutto a loro che noi abbiamo compreso quello che è accaduto il 4 marzo e che non vogliamo assolutamente minimizzarlo. Ne discuteremo in assemblea come abbiamo sempre fatto e poi assumeremo una linea definitiva.

D- Ma vi dimettete?
No e questo sia chiaro: non vuol dire che lasciamo il Partito Democratico ma chiediamo un cambiamento.
Al di là delle dichiarazioni ufficiali degli ultimi giorni, c’è stato un contatto o un tentativo di dialogo da parte di Polese? Vi siete parlati?
Assolutamente no. Ho scambiato con lui alcuni messaggi in cui lo avvertivo dell’uscita del nostro documento. Tutto qui.
Cosa vi aspettate dall’assemblea?
Come siamo abituati a fare discuteremo, ci confronteremo, Fronte Democratico ha una base elettorale molto ampia fatta da amministratori, da sindaci, segretari di circoli. Prima di tutto ascolteremo loro e decideremo insieme come affrontare la direzione regionale. La discussione sull’analisi del voto va affrontata davvero seriamente anche in vista dell’appuntamento con le elezioni regionali. La nostra è una presa di posizione forte perché vogliamo che si apra una discussione per costruire un centrosinistra largo che possa competere alle prossime elezioni regionali. Ma tutto deve partire dalla presa d’atto della sconfitta.

Mariapaola Vergallito



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
24/06/2018 - Iallorenzi:i cittadini di Satriano sono un bancomat elettorale

I Cittadini di Satriano sono diventati un bancomat per la giunta che amministra il paese. Lo dico dal 2013, le scelte in materia finanziaria e contributiva su alcuni ambiti quali, Rifiuti e servizi a domanda semplice, hanno tassato i cittadini di Satriano piu’ di quanto acca...-->continua

23/06/2018 - I lavori del consiglio comunale di Pisticci

Il Consiglio Comunale di Pisticci si è riunito a Marconia per una seduta ordinaria incentrata su ben nove punti all’ordine del giorno: la massima assise cittadina si è aperta con un minuto di silenzio per la prematura scomparsa di un giovane pisticcese, travol...-->continua

23/06/2018 - Il parco risponde all’ennesimo attacco di Legambiente

“L’attenzione riservata da Legambiente Basilicata, e dal responsabile delle aree protette, al Parco Nazionale dell’Appennino Lucano è giunta ormai ai livelli della insostenibilità, sia per le falsità con le quali si riempiono giornali e dossier (nei quali l’as...-->continua

22/06/2018 - L’Ordine dei Giornalisti della Basilicata su scomparsa di Leonardo Sacco

La scomparsa di Leonardo Sacco lascia un vuoto enorme nel mondo della cultura in Basilicata.
Studioso, giornalista, ma soprattutto memoria storica e coscienza critica di Matera, della Basilicata, del Mezzogiorno d’Italia, Sacco è stato un grande testimone ...-->continua

22/06/2018 - Comitato Metasiris: parte anche la raccolta firme su Change.org

“Ciò che è emerso dalla risposta della Rai al Consigliere Regionale Gianni Leggieri è una verità che da tempo stiamo evidenziando. Tante persone, senza ragione ma per voci non fondate e non sancite da alcun atto formale, davano per scontato il Capodanno a Veno...-->continua

22/06/2018 - Psr: due milioni di euro ai Comuni, firmati i decreti della misura 7.4

“Si parte con l’attuazione delle 21 progettualità finanziabili con le risorse appostate relative ai servizi nei comuni. Firmati oggi i decreti di concessione della Misura 7.4 del Psr Basilicata 2014-2020”.
Lo comunica l’assessore regionale alle Politiche a...-->continua

22/06/2018 - ‘La Provincia di Potenza non dimentichi la periferia dell'impero’

E' la storia di sempre che si ripete. Più lontani si è dal sole e meno ci si conta. E la Provincia di Potenza e suoi comuni di competenza non sfuggono a questa ferrea legge del "sole che scalda chi è più vicino".
Se poi mettiamo che Terranova del Pollino è...-->continua






WEB TV
Dice che era un bel torrente ma non andava più al mare
di Mariapaola Vergallito

“Dice che era un bel progetto e serviva a creare/ la deviazione di un torrente per distrarlo dal mare; ma dall’idea alla realizzazione passarono 40 anni, giusto il tempo di essere deviata e l’acqua cominciò a far danni”.

Scusate, non ho resistito. E’ 4 marzo, del resto, e chiedo scusa a Lucio Dalla per questa scapestrata citazione. C’è qualcun altro, però, che dovrebbe chiedere scusa, oggi. Proprio oggi che il torrente Sarmento, deviato in parte dal suo corso naturale, immette un bottino idrico di 80 milioni di metri cubi in più all’anno nel grande invaso di Montecotugno. Serve a completare lo schema idrico del Sinni, per un progetto cominciato negli anni Settanta, quando la Democrazia Cristiana e il Partito Comunista erano i due grandi partit...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo