HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Fronte democratico: 'rimettiamo il mandato, non sono dimissioni dal Pd'

13/03/2018

Rimettere il mandato in assemblea non significa dimettersi; non si esce dal Partito Democratico ma si chiede, con forza, di attuare un cambiamento alla luce dello schiaffo elettorale del 4 marzo e della insoddisfacente reazione del segretario lucano Mario Polese. E’ questo il senso del documento diffuso ieri da Riscatto-Fronte Democratico. Che è come dire: se della sconfitta di una squadra non prende atto il capitano, ci pensano i giocatori costretti, spesso, alla panchina. “Abbiamo dato il nostro contributo per far ripartire, dopo anni di assenza, gli organismi dirigenti- si legge nel documento- pur denunciando forzature regolamentari e azzeramento del pluralismo interno, nonostante i congressi avessero emesso verdetti netti. Da maggio 2016, dalla inutile e sbagliata sostituzione della presidenza del consiglio con l'allargamento di maggioranza, si è operato sistematicamente per chiudere ogni spazio, per soffocare ogni diversità di opinione su rilevanti scelte politiche e di governo. Nonostante tutto abbiamo deciso di restare. Ma il risultato del 4 marzo, circa 5 mila voti in meno rispetto ai 55 mila delle primarie del 3 dicembre, è un segno evidente che ci porta ad interrogarci sulla piena legittimazione che ancora abbiamo nel rappresentare tanti democratici lucani”. Una discussione, quella del Fronte Democratico, che, pare, sia appoggiata anche da diversi renziani lucani. Sulle ragioni di questa scelta abbiamo parlato con la portavoce Vittoria Purtusiello.
Non siete soddisfatti di come il segretario Polese ha affrontato il post voto?
Le dichiarazioni del segretario regionale Polese sono troppo deboli a fronte di una sconfitta così grande. Non bastava dire “approfondiremo la discussione alla direzione regionale” ma bisognava avere una presa di posizione un po’ più netta e più dura.
D- Qual è il segnale che intendete dare ora?
Prima di tutto rimettiamo il nostro mandato all’assemblea regionale di Fronte Democratico che si terrà mercoledì (domani, ndr), perché io al Congresso ho raccolto un numero consistente di voti, 10mila, e quindi è giusto dar conto al nostro elettorato e ai nostri sostenitori. E’ giusto far capire soprattutto a loro che noi abbiamo compreso quello che è accaduto il 4 marzo e che non vogliamo assolutamente minimizzarlo. Ne discuteremo in assemblea come abbiamo sempre fatto e poi assumeremo una linea definitiva.

D- Ma vi dimettete?
No e questo sia chiaro: non vuol dire che lasciamo il Partito Democratico ma chiediamo un cambiamento.
Al di là delle dichiarazioni ufficiali degli ultimi giorni, c’è stato un contatto o un tentativo di dialogo da parte di Polese? Vi siete parlati?
Assolutamente no. Ho scambiato con lui alcuni messaggi in cui lo avvertivo dell’uscita del nostro documento. Tutto qui.
Cosa vi aspettate dall’assemblea?
Come siamo abituati a fare discuteremo, ci confronteremo, Fronte Democratico ha una base elettorale molto ampia fatta da amministratori, da sindaci, segretari di circoli. Prima di tutto ascolteremo loro e decideremo insieme come affrontare la direzione regionale. La discussione sull’analisi del voto va affrontata davvero seriamente anche in vista dell’appuntamento con le elezioni regionali. La nostra è una presa di posizione forte perché vogliamo che si apra una discussione per costruire un centrosinistra largo che possa competere alle prossime elezioni regionali. Ma tutto deve partire dalla presa d’atto della sconfitta.

Mariapaola Vergallito



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
26/09/2018 - Di Sanzo (M5S) su femminicidio:''Da donna a donna, delle istituzioni''

E’ già passata una settimana dai funerali di Angela Ferrara e, da quel caldo pomeriggio di metà settembre, nei cuori dei tanti che come me, hanno partecipato, è rimasto il silenzio. Un silenzio che turba e scuote l’animo, come quello che si sentiva sulla pelle varcato l’ingr...-->continua

25/09/2018 - Indagine conoscitiva xylella

Dall’audizione emerge che, nonostante possano essere attuati metodi di convivenza, alcune piante diventeranno un miraggio. Inoltre, viene ribadito come gli olivi in salute contrastano meglio l’avanzata del batterio che ha proliferato dove le buone pratiche agr...-->continua

25/09/2018 - Matera 2019: Piazza della Visitazione tornerà al Comune

Si è svolto oggi presso la Sala verde di palazzo Chigi il secondo Cis (Tavolo del Contratto istituzionale di Sviluppo) su Matera Capitale della cultura 2019. Al confronto, presieduto dal ministro per il Sud Barbara Lezzi hanno preso parte tra gli altri il Sind...-->continua

25/09/2018 - Convention Donne Impresa: Gentile Confartigianato, 'Diamoci credito'

Imprenditrici informate e consapevoli nella gestione finanziaria della propria azienda: è l’obiettivo che Donne Impresa Confartigianato si è posto con la Convention dedicata quest’anno ad analizzare le nuove regole del sistema del credito, gli effetti sull’att...-->continua

25/09/2018 - Ministro Lezzi incontra i sindaci delle aree interne

Fare il punto sullo stato di avanzamento dei lavori sul territorio con i sindaci impegnati con il Governo e le Regioni nella Strategia Nazionale per le aree interne: con questo obiettivo il Ministro per il Sud Barbara Lezzi ha incontrato questa mattina, presso...-->continua

25/09/2018 - Giannizzari M5s:richiesta segnaletica sulla Potenza-Avigliano

In qualità di capogruppo consiliare del Movimento 5 Stelle intendo richiedere nuovamente, con massima urgenza, l’istituzione di segnaletica verticale idonea per la sicurezza, compreso un passaggio pedonale per attraversare la carreggiata, sulla ex strada provi...-->continua

25/09/2018 - Montescaglioso:ultimi aggiornamenti sulla questione Cementeria

Con sentenza del Tar Basilicata pubblicata in data 22 settembre si è pronunciata sentenza sfavorevole al ricorso presentato dal WWF – Matera con l’intervento del Comune di Ginosa contro la Regione Basilicata nei confronti di Italcementi Spa. Nello specifico il...-->continua






WEB TV
L'eredità di Angela
di Mariapaola Vergallito

Angela Ferrara viveva in un paese, Cersosimo, che siamo abituati a raccontare soltanto spulciando le colonnine infinite dei dati sullo spopolamento. Un paese incastonato tra le montagne del Pollino, in una valle bellissima; uno di quei borghi che non vedi da lontano, ma solo quando esci dalla statale per aggrapparti nei tornanti che collegano l’entroterra lucano a quello calabrese. Negli anni saranno stati tanti i giovani che hanno guardato questo paese con un presentimento di sconfitta. Angela Ferrara no. Lo dimostrava con i fatti, non con le parole. Anche se le parole erano compagne preziose. Quelle con le quali Angela amava giocare per raccontare il mondo attraverso la bellezza della poesia e attraverso i suoi racconti. Quelle che, in queste ore, ...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo