HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Fronte democratico: 'rimettiamo il mandato, non sono dimissioni dal Pd'

13/03/2018

Rimettere il mandato in assemblea non significa dimettersi; non si esce dal Partito Democratico ma si chiede, con forza, di attuare un cambiamento alla luce dello schiaffo elettorale del 4 marzo e della insoddisfacente reazione del segretario lucano Mario Polese. E’ questo il senso del documento diffuso ieri da Riscatto-Fronte Democratico. Che è come dire: se della sconfitta di una squadra non prende atto il capitano, ci pensano i giocatori costretti, spesso, alla panchina. “Abbiamo dato il nostro contributo per far ripartire, dopo anni di assenza, gli organismi dirigenti- si legge nel documento- pur denunciando forzature regolamentari e azzeramento del pluralismo interno, nonostante i congressi avessero emesso verdetti netti. Da maggio 2016, dalla inutile e sbagliata sostituzione della presidenza del consiglio con l'allargamento di maggioranza, si è operato sistematicamente per chiudere ogni spazio, per soffocare ogni diversità di opinione su rilevanti scelte politiche e di governo. Nonostante tutto abbiamo deciso di restare. Ma il risultato del 4 marzo, circa 5 mila voti in meno rispetto ai 55 mila delle primarie del 3 dicembre, è un segno evidente che ci porta ad interrogarci sulla piena legittimazione che ancora abbiamo nel rappresentare tanti democratici lucani”. Una discussione, quella del Fronte Democratico, che, pare, sia appoggiata anche da diversi renziani lucani. Sulle ragioni di questa scelta abbiamo parlato con la portavoce Vittoria Purtusiello.
Non siete soddisfatti di come il segretario Polese ha affrontato il post voto?
Le dichiarazioni del segretario regionale Polese sono troppo deboli a fronte di una sconfitta così grande. Non bastava dire “approfondiremo la discussione alla direzione regionale” ma bisognava avere una presa di posizione un po’ più netta e più dura.
D- Qual è il segnale che intendete dare ora?
Prima di tutto rimettiamo il nostro mandato all’assemblea regionale di Fronte Democratico che si terrà mercoledì (domani, ndr), perché io al Congresso ho raccolto un numero consistente di voti, 10mila, e quindi è giusto dar conto al nostro elettorato e ai nostri sostenitori. E’ giusto far capire soprattutto a loro che noi abbiamo compreso quello che è accaduto il 4 marzo e che non vogliamo assolutamente minimizzarlo. Ne discuteremo in assemblea come abbiamo sempre fatto e poi assumeremo una linea definitiva.

D- Ma vi dimettete?
No e questo sia chiaro: non vuol dire che lasciamo il Partito Democratico ma chiediamo un cambiamento.
Al di là delle dichiarazioni ufficiali degli ultimi giorni, c’è stato un contatto o un tentativo di dialogo da parte di Polese? Vi siete parlati?
Assolutamente no. Ho scambiato con lui alcuni messaggi in cui lo avvertivo dell’uscita del nostro documento. Tutto qui.
Cosa vi aspettate dall’assemblea?
Come siamo abituati a fare discuteremo, ci confronteremo, Fronte Democratico ha una base elettorale molto ampia fatta da amministratori, da sindaci, segretari di circoli. Prima di tutto ascolteremo loro e decideremo insieme come affrontare la direzione regionale. La discussione sull’analisi del voto va affrontata davvero seriamente anche in vista dell’appuntamento con le elezioni regionali. La nostra è una presa di posizione forte perché vogliamo che si apra una discussione per costruire un centrosinistra largo che possa competere alle prossime elezioni regionali. Ma tutto deve partire dalla presa d’atto della sconfitta.

Mariapaola Vergallito



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
12/12/2018 - Precisazione Syndial (Eni): nessuna rinuncia all’impianto Blue Water a Viggiano

Syndial, società ambientale di Eni, precisa che le notizie circa l’impianto Blue Water di Viggiano riportate dai media in questi giorni vanno integrate e completate alla luce della presentazione della nuova istanza del 27 novembre scorso.
Infatti, Syndial non ha rinunci...-->continua

11/12/2018 - Bolognetti sul 'Caso Pittella'

Alla luce di quanto afferma la Suprema Corte di cassazione, verrebbe nuovamente da chiedersi su quale base sia stato disposto l’arresto del Presidente della Giunta regionale di Basilicata, Marcello Pittella.
Per quanto mi riguarda, posso solo ribadire qua...-->continua

11/12/2018 - Servizi socioassistenziali, gestione associata al via entro primi mesi 2019

Nel corso di un incontro con i comuni capofila dei nuovi Ambiti Socio-Territoriali è stato fatto il punto sullo stato di avanzamento dell’implementazione degli Uffici di Piano Sociale previsti dalla nuova governance. Notevole l’impegno finanziario profuso dall...-->continua

11/12/2018 - Centro agroarcheologia Metaponto: Castelluccio, accogliere appello prof. Carter

Il Consiglio e la Giunta raccolgano l’appello del prof. Joseph Coleman Carter per mantenere in vita e potenziare il Centro di Agroarcheologia di Metaponto, un prestigioso centro di ricerca archeologica che fornisce una base per studiosi italiani e stranieri c...-->continua

11/12/2018 - Tempa Rossa, Cgil Cisl Uil bacchettano Total:'Confronto sia senza pregiudiziali'

Total torni al tavolo di confronto senza porre condizioni e pregiudiziali. È la richiesta che Cgil, Cisl e Uil di Basilicata recapitano alla compagnia petrolifera francese dopo la decisione di quest’ultima di disertare il negoziato in corso sulle problematich...-->continua

11/12/2018 - Quirinale: inaugurazione presepe, incontro tra Mattarella e Franconi

Sarà inaugurato oggi, alle ore 18, nella Sala D’Ercole del Palazzo del Quirinale, alla presenza del Capo dello Stato, Sergio Mattarella, il presepe dell’artista lucano Franco Artese.

A rappresentare la Regione Basilicata sarà la vice presidente Flavia...-->continua

11/12/2018 - FdI:riunione del Coordinamento provinciale di Matera

Si è riunito, ieri, il Coordinamento provinciale di Matera con la presenza del Coordinatore regionale, Gianni Rosa.

Il voto a Maggio non ferma Fratelli d’Italia dal programmare le prossime mosse per le elezioni regionali ed europee. Anzi, la nuova fas...-->continua






WEB TV
La vita raccolta in due ore e divisa in dieci scatoloni
di Mariapaola Vergallito

Chissà in che misura le nostre case sono fatte di oggetti accumulati che non guardiamo più e dei quali, forse, ci ricordiamo soltanto quando dobbiamo spolverare. Eppure c’è stato un momento, vicino o lontano non importa ma preciso, in cui la nostra mano ha posato quell’oggetto su quella mensola, nel cassetto, in un armadio, su un comò. Ci pensavo in queste ultime ore, guardandomi intorno nella casa in cui vivo appena da quattro anni; ma guardando anche i particolari della casa dei miei genitori, per esempio. O ricordando la stanza che ho vissuto a Roma da universitaria. Ci pensavo mentre ascoltavo le parole dei cittadini di Genova che sono costretti a fare inumana sintesi di quegli oggetti. Limitando una vita intera nel tempo e nello spazio. Il tempo ...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo