HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Winfly il 18 marzo dice addio alla Pista Mattei

12/03/2018

Il 18 marzo, giorno di consegna delle chiavi della struttura, si avvicina e del bando di gara per l’affidamento della Pista Mattei nessuna traccia. L’ennesima occasione mancata per Matera e la Basilicata. Eppure le condizioni per dotare la Basilicata di un suo aeroporto nel 2019 c’erano tutte. Evidentemente ci si accontenta del “favore” dei vicini pugliesi, di aggiungere il nome Matera a quello di Bari per ritenere risolta la questione infrastrutture. Per Winfly, che si era aggiudicata la gestione dell’aviosuperficie nel 2014, a questo punto, non ci sono altre vie che quelle legali per richiamare Regione Basilicata e Consorzio industriale alle proprie responsabilità. “Il loro lassismo - denuncia l’ingegner Alfredo Carmine Cestari - vanifica il lungo e faticoso percorso compiuto da Winfly per arrivare alla trasformazione dell’aviosuperficie Mattei in aeroporto di III livello”.
Dopo aver negato il rinnovo di altri tre anni, previsto dal contratto di gestione, senza la necessaria proroga per garantire la continuità del servizio, infatti, si determinerà la decadenza immediata di ogni requisito che la struttura ha ottenuto dall’Enac, tra cui la Part 145 per l’organizzazione di manutenzione aeronautica, manutenzioni programmate, non programmate e servicing, ispezioni di linea ed ispezioni speciali, il COA (Certificato di Operatore Aereo), la Licenza di vettore aereo e il TPP autorizzazione al trasporto pubblico passeggeri.
Un danno, insomma, non solo per la società Winfly, ma per l’intera area che rischia di vedere sfumata così l’opportunità storica di dotarsi finalmente di un’infrastruttura di vitale importanza per il reale sviluppo non solo dell’area industriale ma anche del distretto del turismo lucano.
“Invece di dare risposte al territorio - sottolinea Cestari - si continuano a regalare soldi per l’aeroporto di Pontecagnano. D’altra parte, certe cambiali elettorali vanno pagate ma non certo a spese dei lucani. Dalla pista aeroportuale di Pisticci, che dista da Potenza 85 km e 40 km da Matera, con le stesse somme date a Pontecagnano, si potrebbero garantire oltre 3000 ore di volo  e il trasporto di 120.000 passeggeri; con una sosta media di 3 giorni si otterrebbe un volume di affari di circa 36 milioni di euro, con un costo medio a carico del cittadino per raggiungere Roma e Milano di circa 60 euro, vale a dire più economico del biglietto per il Frecciarossa, e una ricaduta occupazionale di almeno 50 posti diretti e oltre 3500 indiretti tra  turismo, agricoltura e attività produttive e sociali”.
A questo si aggiunga che l’aeroporto di Pisticci, per la sua posizione strategica permette un veloce raggiungimento aereo delle aree periferiche dell’intero territorio e può essere fondamentale per la prevenzione e repressione degli incendi boschivi, oltre che per il trasporto sanitario (eliambulanza e aeroambulanza). Winfly, essendo titolare di certificato di operatore aereo IT.AOC.156, avrebbe potuto garantire servizi di aeroambulanza e trasporto organi, attraverso l’utilizzo di due aeromobili disponibili H24 ,pronti ad assicurare voli notturni da Napoli e Bari, e diurni da Pisticci. “Siamo costretti a lasciare e - dichiara l’amministratore di Winfly - a rinunciare a un progetto in cui abbiamo creduto, forse da soli, fino in fondo. Adesso Regione e Consorzio paghino tutte le fatture sospese e togliamo il disturbo. Tanto il conto più salato, dopo il primo acconto del 4 marzo, glielo presenteranno i lucani a novembre. E’ ai cittadini che questi incompetenti politicanti dovranno spiegare lo sperpero di denaro pubblico e la mala gestione di questi anni“.



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
23/06/2018 - Il parco risponde all’ennesimo attacco di Legambiente

“L’attenzione riservata da Legambiente Basilicata, e dal responsabile delle aree protette, al Parco Nazionale dell’Appennino Lucano è giunta ormai ai livelli della insostenibilità, sia per le falsità con le quali si riempiono giornali e dossier (nei quali l’associazione dime...-->continua

22/06/2018 - L’Ordine dei Giornalisti della Basilicata su scomparsa di Leonardo Sacco

La scomparsa di Leonardo Sacco lascia un vuoto enorme nel mondo della cultura in Basilicata.
Studioso, giornalista, ma soprattutto memoria storica e coscienza critica di Matera, della Basilicata, del Mezzogiorno d’Italia, Sacco è stato un grande testimone ...-->continua

22/06/2018 - Comitato Metasiris: parte anche la raccolta firme su Change.org

“Ciò che è emerso dalla risposta della Rai al Consigliere Regionale Gianni Leggieri è una verità che da tempo stiamo evidenziando. Tante persone, senza ragione ma per voci non fondate e non sancite da alcun atto formale, davano per scontato il Capodanno a Veno...-->continua

22/06/2018 - Psr: due milioni di euro ai Comuni, firmati i decreti della misura 7.4

“Si parte con l’attuazione delle 21 progettualità finanziabili con le risorse appostate relative ai servizi nei comuni. Firmati oggi i decreti di concessione della Misura 7.4 del Psr Basilicata 2014-2020”.
Lo comunica l’assessore regionale alle Politiche a...-->continua

22/06/2018 - ‘La Provincia di Potenza non dimentichi la periferia dell'impero’

E' la storia di sempre che si ripete. Più lontani si è dal sole e meno ci si conta. E la Provincia di Potenza e suoi comuni di competenza non sfuggono a questa ferrea legge del "sole che scalda chi è più vicino".
Se poi mettiamo che Terranova del Pollino è...-->continua

21/06/2018 - Policoro: Modarelli (Fi) su accesso spiagge diversamente abili

Mare, sole e spiaggia, durante le stagione estiva, sono sinonimo di riposo e divertimento, ma non per tutti è così. La stagione estiva è ormai iniziata ma per le persone diversamente abili sembra solo un’utopia. Le persone con difficoltà motorie ed affette d...-->continua

21/06/2018 - Melfi:Angela Bisogno (M5s) su "Variazione nome piazza Craxi"

Nella giornata di oggi (21/06/2018) il Movimento 5 Stelle di Melfi ha depositato una richiesta per la modifica del nome di Piazza Bettino Craxi.
La piazza è interessata, da alcune settimane, da lavori di rifacimento di parte del manto per la realizzazione,...-->continua






WEB TV
Dice che era un bel torrente ma non andava più al mare
di Mariapaola Vergallito

“Dice che era un bel progetto e serviva a creare/ la deviazione di un torrente per distrarlo dal mare; ma dall’idea alla realizzazione passarono 40 anni, giusto il tempo di essere deviata e l’acqua cominciò a far danni”.

Scusate, non ho resistito. E’ 4 marzo, del resto, e chiedo scusa a Lucio Dalla per questa scapestrata citazione. C’è qualcun altro, però, che dovrebbe chiedere scusa, oggi. Proprio oggi che il torrente Sarmento, deviato in parte dal suo corso naturale, immette un bottino idrico di 80 milioni di metri cubi in più all’anno nel grande invaso di Montecotugno. Serve a completare lo schema idrico del Sinni, per un progetto cominciato negli anni Settanta, quando la Democrazia Cristiana e il Partito Comunista erano i due grandi partit...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo