HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Potere al Popolo alla manifestazione antifascista e antirazzista di Macerata

12/02/2018

“Agitatevi , perché avremo bisogno di tutto il vostro entusiasmo. Organizzatevi, perché avremo bisogno di tutta la vostra fiducia. Studiate, perché avremo bisogno di tutta la vostra intelligenza” – Antonio Gramsci –

Lo scorso 10 febbraio si è svolto a Macerata un corteo antifascista e antirazzista, colorato, pacifico, e soprattutto molto numeroso. Tutti coloro che vi hanno preso parte hanno condiviso l’idea di mandare un segnale forte, a pochi giorni dal vile attacco di Luca Traini a sei ragazzi di colore. Circa ventimila persone hanno sfilato per la città per ribadire quali siano i valori fondanti della nostra Repubblica, e per dimostrare solidarietà nei confronti dei colpiti, la cui unica colpa è stata quella di avere la pelle di un altro colore. Come è ben noto, il responsabile dell’attentato terroristico indossava la bandiera tricolore e ha fatto il saluto romano mentre veniva arrestato dalle forze dell’ordine. Nella sua casa sono stati trovati una copia del Mein Kampf di Hitler ed una bandiera con la croce celtica. Questo quadro è reso ancor più drammatico dal fatto che lo scorso anno Luca Traini si fosse candidato con la Lega alle elezioni comunali di Corridonia, mostrando una continuità morale e politica tra ambienti neofascisti e destra parlamentare. L’attentato terroristico è stato condannato anche dall’Unione Europea che lo ha definito, infatti, come un “episodio di inquietante razzismo e nazismo”.

La totalità delle forze politiche presenti attualmente in Parlamento si sono limitate a trattare il caso con indifferenza, bollando semplicemente Traini come un folle. Al contrario, Potere al Popolo è stata l’unica forza politica che ha parlato fin da subito e con fermezza di “atto di eversione di estrema destra” e di “terrorismo”, facendosi così promotore della manifestazione antifascista. Potere al Popolo è un movimento nato dal basso, dall’unione di comitati, associazioni, centri sociali, partiti e sindacati, i quali non sentendosi più rappresentati da nessuna forza politica hanno deciso di unirsi e di presentarsi alle elezioni politiche del 4 marzo, per contrastare le barbarie che oggi hanno mille volti: il lavoro che sfrutta e umilia, la povertà e l’ineguaglianza, i migranti lasciati annegare in mare, i disastri ambientali, i nuovi fascismi, la violenza sulle donne, la crescente repressione, i diritti negati. Tutti coloro i quali oggi aderiscono a Potere al Popolo sentono il dovere di combattere la crisi economica, sociale e culturale che vive la nostra società, il cui emblema è la guerra tra i poveri, il razzismo, la xenofobia. Potere al Popolo è sostenuto da personalità come il vignettista Vauro, la giornalista Francesca Fornario, e la partigiana e femminista Lidia Menapace, candidata nel collegio dell’Alto Adige al Senato.

A prendere parte alla manifestazione di Macerata vi era anche una delegazione di Potere al popolo - Basilicata, composta sia da alcuni militanti e candidati alle prossime elezioni politiche, come Antonella Rubino (candidata al seggio uninominale della Camera, nel collegio di Potenza-Lauria) e Fabio Faggi (candidato al seggio plurinominale della Camera). Quest’ultimo ha affermato che “la manifestazione è stata un atto necessario per fare in modo che l’antifascismo militante potesse riprendersi le strade che qualcuno voleva in balìa della destra più becera. Il prossimo passo deve essere quello di riportare il 4 marzo in Parlamento l’unica compagine politica, ovvero Potere al Popolo, che sia senza se e senza ma contro il razzismo e il neofascismo”. Antonella Rubino ha invece dichiarato che “Mai come oggi il razzismo è solo una delle facce del fascismo e non si può essere antirazzisti senza essere e soprattutto antifascisti. È una questione politica rilevante, posta già dalla Costituzione settant’anni fa”.

Potere al Popolo - Basilicata



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
17/08/2018 - Ospedale Villa D’agri diventerà succursale di Lagonegro

Con la bozza di atto aziendale da parte del commissario dell’Azienda Ospedaliera San Carlo si conferma la volontà di penalizzare e, a medio termine, di chiudere l’ospedale di Villa d’Agri.
Ad affermarlo è una nota del CSAIL a firma del portavoce Filippo Massaro sottoline...-->continua

17/08/2018 - Simonetti (coord. Politiche migranti) su incidente Tramutola

Il responsabile del Coordinamento Politiche Migranti Regione Basilicata, Pietro Simonetti, si è così espresso, in un comunicato, in merito al recente incidente stradale avvenuto nei pressi di Tramutola:

"Ieri, Ferragosto, attorno alle ore 12, un pulm...-->continua

16/08/2018 - Antonio Tajani cittadino onorario di Francavilla in Sinni

Il presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, è ufficialmente cittadino di Francavilla in Sinni. La cerimonia di conferimento della cittadinanza onoraria si è svolta in piazza Viceconte alla presenza di numerosi cittadini, oltre che di rappresentanti i...-->continua

16/08/2018 - La torre (FILCA CISL): 'strade lucane inadeguate ma lavori procedono a rilento'

Avviare un approfondito monitoraggio delle infrastrutture stradali lucane e accelerare i progetti di manutenzione e ammodernamento già approvati o in corso di realizzazione. A pochi giorni dalla tragedia di Genova il segretario generale della Filca Cisl Basili...-->continua

16/08/2018 - Melfi, nessun pericolo per acque potabili area industriale

"Nel mese di luglio si è diffusa la convinzione che ci sarebbe stata la contaminazione o quanto meno il pericolo di contaminazione dell’acqua potabile, in collegamento con l’inceneritore ex Fenice, localizzato nell’area di San Nicola di Melfi.

La pres...-->continua

16/08/2018 - Crollo ponte Genova: Vaccaro (UIL) e Lombardi (feneal), basta polemiche

Basta pensare ad interventi a tragedia avvenuta. Anche in Basilicata c’è ancora molto da fare e subito per mettere in sicurezza strade, territorio, scuole, edifici pubblici e case. A sostenerlo sono i segretari regionali della Basilicata della Uil Carmine Vacc...-->continua

14/08/2018 - Crollo ponte Genova, geologi: necessaria una politica di prevenzione

“Il crollo del ponte autostradale Morandi avvenuto oggi a Genova, che si sarebbe verificato per cause di natura strutturale, conferma ancora una volta la necessità di dare avvio a una svolta culturale che veda finalmente l'adozione di un vero piano nazionale d...-->continua






WEB TV
Dice che era un bel torrente ma non andava più al mare
di Mariapaola Vergallito

“Dice che era un bel progetto e serviva a creare/ la deviazione di un torrente per distrarlo dal mare; ma dall’idea alla realizzazione passarono 40 anni, giusto il tempo di essere deviata e l’acqua cominciò a far danni”.

Scusate, non ho resistito. E’ 4 marzo, del resto, e chiedo scusa a Lucio Dalla per questa scapestrata citazione. C’è qualcun altro, però, che dovrebbe chiedere scusa, oggi. Proprio oggi che il torrente Sarmento, deviato in parte dal suo corso naturale, immette un bottino idrico di 80 milioni di metri cubi in più all’anno nel grande invaso di Montecotugno. Serve a completare lo schema idrico del Sinni, per un progetto cominciato negli anni Settanta, quando la Democrazia Cristiana e il Partito Comunista erano i due grandi partit...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo