HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Intervista a Maurizio Bolognetti, candidato al Senato con 'Insieme'

12/02/2018

Maurizio Bolognetti, segretario dei Radicali Lucani, è capolista al Senato per e con la lista ‘Insieme’. Lo abbiamo raggiunto telefonicamente per comprendere le ragioni di questa sua candidatura. Bolognetti è in sciopero della fame dalle ore 23.59 dello scorso 26 gennaio. Una battaglia non violenta “per l'attuazione della riforma dell'Ordinamento penitenziario. Per il diritto di tutti e di ciascuno a poter conoscere per deliberare”. Una battaglia, quella di Bolognetti, a cui dall’8 febbraio si è aggiunto anche lo sciopero della sete, ogni 48 ore alternato a quello della fame.
Bolognetti, sta affrontando questa campagna elettorale con la sua ennesima battaglia non violenta e, quindi, anche debilitato fisicamente. Come fa?
Sono un pazzo malinconico, per citare Salvemini. Ecco, forse in questo periodo bisognerebbe leggere un po’ più Salvemini, un po’ più Rosselli e un po’ meno Salvini o Di Maio. E tutto il resto della politica dovrebbe chiedersi perché monta l’anti-democrazia e l’anti-politica. Perché è oggi, anzi, era ieri il tempo di rivendicare il rispetto della Costituzione più bella del mondo. Verrebbe da dire: se non ora, quando? Non Le sembra che questo sia un tema da campagna elettorale? Come lo è il rispetto dello Stato di Diritto, della legge. Invece, ahimè, ci appassioniamo a ben altre vicende, anche drammatiche di cui è giusto riferire in cronaca ma non possono diventare il centro di una campagna elettorale, perché altrimenti questo è sintomo di un Paese in decomposizione dove la politica diventa il medico legale che fa l’autopsia al cadavere della democrazia.

Lei ha giudicato aspramente questa campagna elettorale perchè manca il confronto e ci si ferma, come ha detto più volte, ai tagli dei nastri delle inaugurazioni dei circoli. Ma siamo a questo punto anche a causa di una legge elettorale che Lei stesso ha criticato

Sulla legge elettorale dico che per l’ennesima volta abbiamo violato il codice di buona condotta in materia elettorale che l’Italia ha sottoscritto e che prevedrebbe che a meno di un anno dal voto non si deve e non si può cambiare la legge. Questo perché gli italiani dovrebbero avere la possibilità di familiarizzare con le leggi elettorali. Anche se lascio a lei valutare quanto sia possibile familiarizzare con una siffatta legge elettorale.

Però candidarsi non è un po’ come accettare e legittimare le regole del gioco?
Io entro nelle regole del gioco anche per tentare di parlare di queste regole, che sono truccate. E’ una possibilità che voglio offrire anche a tutti i miei interlocutori. Anche a Di Maio che si lamenta che non c’è equilibrio e al quale dico: di cosa vi lamentate se state sempre in televisione? Mi diranno: loro hanno il 25 %. Ma è possibile che le percentuali dipendano anche dall’esposizione mediatica e che, al contrario, ci siano altri ai quali non è concesso questo tipo di esposizione? Nel momento elettorale occorre anche il tentativo di suscitare un momento necessario di riflessione sullo stato della democrazia. Questo tentativo di innescare un dibattito al momento sembra abortito. Temo che se non si dovesse tornare presto alla nobiltà vera della politica dovremo rassegnarci a riflettere sui programmi di Salvini e CasaPound e su fatti di cronaca nera dei quali la politica dovrebbe occuparsi fino a un certo punto. Spero non accada.
Cosa risponde a chi dice che porta voti al Pd?
Siamo in una coalizione, ne faccio parte ma non porto voti al Pd. Porto voti alla lista nella quale ho ritenuto di candidarmi.
Perché ha scelto ‘Insieme’?
Dovendo scegliere una collocazione elettorale era l’unica praticabile perché nel programma ci sono cose che mi appartengono da una vita, anche sul fronte ambientale. Perché nel 2006 eravamo socialisti e radicali insieme nella Rosa nel Pugno. Perché abbiamo una storia comune che, volendo andare indietro nel tempo, è quella di Loris Fortuna e di un certo socialismo che sicuramente appartiene anche a me; è la storia del Club di Roma di Aurelio Peccei che negli anni Settanta parlava di limiti dello sviluppo e studi sul futuro avendo una visione lungimirante. Quella stessa lungimiranza che dovrebbe appartenere anche alla politica.

Mariapaola Vergallito



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
23/03/2019 - Bolognetti continua ad oltranza lo sciopero della fame

“Insistenza per la verità”, è questo il significato della parola Satyagraha. In queste ore di lotta, in cui sto provando ad alimentare con la nonviolenza un necessario dialogo, mi è capitato di rileggere alcune lettere dal carcere di Ernesto Rossi, in particolare una missiva...-->continua

22/03/2019 - Sala Stampa Carlo Trerotola | 24 Marzo 2019

La segreteria del candidato Presidente per la Coalizione di Centro Sinistra Carlo Trerotola, ha predisposto per domenica 24 Marzo, in occasione dello spoglio elettorale, la propria sala stampa presso il Park Hotel di Potenza - Raccordo Autostradale, Strada St...-->continua

22/03/2019 -  CILLIS (M5S) sulle sostanze chimiche utilizzate nelle trivellazioni

Ho interpellato il Ministro dell'Ambiente e della Tutela del Territorio, per valutare lo stato dell'arte riguardo l'eventuale esistenza del “segreto industriale” sulle sostanze chimiche utilizzate nelle trivellazioni.

Nei video integrali pubblicati su...-->continua

22/03/2019 - Elezioni, domani presentazione della sala stampa della Regione Basilicata

Domani mattina alle ore 10.30 al piano terra del palazzo della giunta regionale (Sala Azzarà) si terrà un incontro con i giornalisti per la presentazione della sala stampa appositamente allestita in vista delle elezioni regionali del 24 marzo in Basilicata. -->continua

22/03/2019 - Provincia: lavori pavimentazione su SP 18

Prosegue l’azione della Provincia di Potenza per la viabilità. Nuovi interventi di rifacimento della pavimentazione stradale sulla S.P. 18 “Ofantina” saranno realizzate nella prossima settimana. Riguarderanno una estensione di circa 1,5 chilometri, tra la SS “...-->continua

22/03/2019 - Leggieri M5ssulla corruzione in Basilicata

Secondo l’indagine del Quality of Government Institute dell’Università svedese di Goteborg la Basilicata è al terzultimo posto nella classifica delle regioni più corrotte in Europa, deve far riflettere l’intera classe politica. Le tante storielle raccontateci...-->continua

22/03/2019 - Matera 2019, siglato un protocollo per potenziare il Corpo dei Vigili del Fuoco

Franconi: “In città è previsto l’arrivo di migliaia di visitatori, soprattutto per assistere a determinati eventi, e tale intesa servirà a sventare qualsiasi pericolo che ogni affollamento di persone può generare”

Sarà potenziato il Corpo Nazionale de...-->continua







WEB TV



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo