HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Intervista a Maurizio Bolognetti, candidato al Senato con 'Insieme'

12/02/2018

Maurizio Bolognetti, segretario dei Radicali Lucani, è capolista al Senato per e con la lista ‘Insieme’. Lo abbiamo raggiunto telefonicamente per comprendere le ragioni di questa sua candidatura. Bolognetti è in sciopero della fame dalle ore 23.59 dello scorso 26 gennaio. Una battaglia non violenta “per l'attuazione della riforma dell'Ordinamento penitenziario. Per il diritto di tutti e di ciascuno a poter conoscere per deliberare”. Una battaglia, quella di Bolognetti, a cui dall’8 febbraio si è aggiunto anche lo sciopero della sete, ogni 48 ore alternato a quello della fame.
Bolognetti, sta affrontando questa campagna elettorale con la sua ennesima battaglia non violenta e, quindi, anche debilitato fisicamente. Come fa?
Sono un pazzo malinconico, per citare Salvemini. Ecco, forse in questo periodo bisognerebbe leggere un po’ più Salvemini, un po’ più Rosselli e un po’ meno Salvini o Di Maio. E tutto il resto della politica dovrebbe chiedersi perché monta l’anti-democrazia e l’anti-politica. Perché è oggi, anzi, era ieri il tempo di rivendicare il rispetto della Costituzione più bella del mondo. Verrebbe da dire: se non ora, quando? Non Le sembra che questo sia un tema da campagna elettorale? Come lo è il rispetto dello Stato di Diritto, della legge. Invece, ahimè, ci appassioniamo a ben altre vicende, anche drammatiche di cui è giusto riferire in cronaca ma non possono diventare il centro di una campagna elettorale, perché altrimenti questo è sintomo di un Paese in decomposizione dove la politica diventa il medico legale che fa l’autopsia al cadavere della democrazia.

Lei ha giudicato aspramente questa campagna elettorale perchè manca il confronto e ci si ferma, come ha detto più volte, ai tagli dei nastri delle inaugurazioni dei circoli. Ma siamo a questo punto anche a causa di una legge elettorale che Lei stesso ha criticato

Sulla legge elettorale dico che per l’ennesima volta abbiamo violato il codice di buona condotta in materia elettorale che l’Italia ha sottoscritto e che prevedrebbe che a meno di un anno dal voto non si deve e non si può cambiare la legge. Questo perché gli italiani dovrebbero avere la possibilità di familiarizzare con le leggi elettorali. Anche se lascio a lei valutare quanto sia possibile familiarizzare con una siffatta legge elettorale.

Però candidarsi non è un po’ come accettare e legittimare le regole del gioco?
Io entro nelle regole del gioco anche per tentare di parlare di queste regole, che sono truccate. E’ una possibilità che voglio offrire anche a tutti i miei interlocutori. Anche a Di Maio che si lamenta che non c’è equilibrio e al quale dico: di cosa vi lamentate se state sempre in televisione? Mi diranno: loro hanno il 25 %. Ma è possibile che le percentuali dipendano anche dall’esposizione mediatica e che, al contrario, ci siano altri ai quali non è concesso questo tipo di esposizione? Nel momento elettorale occorre anche il tentativo di suscitare un momento necessario di riflessione sullo stato della democrazia. Questo tentativo di innescare un dibattito al momento sembra abortito. Temo che se non si dovesse tornare presto alla nobiltà vera della politica dovremo rassegnarci a riflettere sui programmi di Salvini e CasaPound e su fatti di cronaca nera dei quali la politica dovrebbe occuparsi fino a un certo punto. Spero non accada.
Cosa risponde a chi dice che porta voti al Pd?
Siamo in una coalizione, ne faccio parte ma non porto voti al Pd. Porto voti alla lista nella quale ho ritenuto di candidarmi.
Perché ha scelto ‘Insieme’?
Dovendo scegliere una collocazione elettorale era l’unica praticabile perché nel programma ci sono cose che mi appartengono da una vita, anche sul fronte ambientale. Perché nel 2006 eravamo socialisti e radicali insieme nella Rosa nel Pugno. Perché abbiamo una storia comune che, volendo andare indietro nel tempo, è quella di Loris Fortuna e di un certo socialismo che sicuramente appartiene anche a me; è la storia del Club di Roma di Aurelio Peccei che negli anni Settanta parlava di limiti dello sviluppo e studi sul futuro avendo una visione lungimirante. Quella stessa lungimiranza che dovrebbe appartenere anche alla politica.

Mariapaola Vergallito



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
17/08/2018 - Ospedale Villa D’agri diventerà succursale di Lagonegro

Con la bozza di atto aziendale da parte del commissario dell’Azienda Ospedaliera San Carlo si conferma la volontà di penalizzare e, a medio termine, di chiudere l’ospedale di Villa d’Agri.
Ad affermarlo è una nota del CSAIL a firma del portavoce Filippo Massaro sottoline...-->continua

17/08/2018 - Simonetti (coord. Politiche migranti) su incidente Tramutola

Il responsabile del Coordinamento Politiche Migranti Regione Basilicata, Pietro Simonetti, si è così espresso, in un comunicato, in merito al recente incidente stradale avvenuto nei pressi di Tramutola:

"Ieri, Ferragosto, attorno alle ore 12, un pulm...-->continua

16/08/2018 - Antonio Tajani cittadino onorario di Francavilla in Sinni

Il presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, è ufficialmente cittadino di Francavilla in Sinni. La cerimonia di conferimento della cittadinanza onoraria si è svolta in piazza Viceconte alla presenza di numerosi cittadini, oltre che di rappresentanti i...-->continua

16/08/2018 - La torre (FILCA CISL): 'strade lucane inadeguate ma lavori procedono a rilento'

Avviare un approfondito monitoraggio delle infrastrutture stradali lucane e accelerare i progetti di manutenzione e ammodernamento già approvati o in corso di realizzazione. A pochi giorni dalla tragedia di Genova il segretario generale della Filca Cisl Basili...-->continua

16/08/2018 - Melfi, nessun pericolo per acque potabili area industriale

"Nel mese di luglio si è diffusa la convinzione che ci sarebbe stata la contaminazione o quanto meno il pericolo di contaminazione dell’acqua potabile, in collegamento con l’inceneritore ex Fenice, localizzato nell’area di San Nicola di Melfi.

La pres...-->continua

16/08/2018 - Crollo ponte Genova: Vaccaro (UIL) e Lombardi (feneal), basta polemiche

Basta pensare ad interventi a tragedia avvenuta. Anche in Basilicata c’è ancora molto da fare e subito per mettere in sicurezza strade, territorio, scuole, edifici pubblici e case. A sostenerlo sono i segretari regionali della Basilicata della Uil Carmine Vacc...-->continua

14/08/2018 - Crollo ponte Genova, geologi: necessaria una politica di prevenzione

“Il crollo del ponte autostradale Morandi avvenuto oggi a Genova, che si sarebbe verificato per cause di natura strutturale, conferma ancora una volta la necessità di dare avvio a una svolta culturale che veda finalmente l'adozione di un vero piano nazionale d...-->continua






WEB TV
Dice che era un bel torrente ma non andava più al mare
di Mariapaola Vergallito

“Dice che era un bel progetto e serviva a creare/ la deviazione di un torrente per distrarlo dal mare; ma dall’idea alla realizzazione passarono 40 anni, giusto il tempo di essere deviata e l’acqua cominciò a far danni”.

Scusate, non ho resistito. E’ 4 marzo, del resto, e chiedo scusa a Lucio Dalla per questa scapestrata citazione. C’è qualcun altro, però, che dovrebbe chiedere scusa, oggi. Proprio oggi che il torrente Sarmento, deviato in parte dal suo corso naturale, immette un bottino idrico di 80 milioni di metri cubi in più all’anno nel grande invaso di Montecotugno. Serve a completare lo schema idrico del Sinni, per un progetto cominciato negli anni Settanta, quando la Democrazia Cristiana e il Partito Comunista erano i due grandi partit...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo