HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Intervista a Maurizio Bolognetti, candidato al Senato con 'Insieme'

12/02/2018

Maurizio Bolognetti, segretario dei Radicali Lucani, è capolista al Senato per e con la lista ‘Insieme’. Lo abbiamo raggiunto telefonicamente per comprendere le ragioni di questa sua candidatura. Bolognetti è in sciopero della fame dalle ore 23.59 dello scorso 26 gennaio. Una battaglia non violenta “per l'attuazione della riforma dell'Ordinamento penitenziario. Per il diritto di tutti e di ciascuno a poter conoscere per deliberare”. Una battaglia, quella di Bolognetti, a cui dall’8 febbraio si è aggiunto anche lo sciopero della sete, ogni 48 ore alternato a quello della fame.
Bolognetti, sta affrontando questa campagna elettorale con la sua ennesima battaglia non violenta e, quindi, anche debilitato fisicamente. Come fa?
Sono un pazzo malinconico, per citare Salvemini. Ecco, forse in questo periodo bisognerebbe leggere un po’ più Salvemini, un po’ più Rosselli e un po’ meno Salvini o Di Maio. E tutto il resto della politica dovrebbe chiedersi perché monta l’anti-democrazia e l’anti-politica. Perché è oggi, anzi, era ieri il tempo di rivendicare il rispetto della Costituzione più bella del mondo. Verrebbe da dire: se non ora, quando? Non Le sembra che questo sia un tema da campagna elettorale? Come lo è il rispetto dello Stato di Diritto, della legge. Invece, ahimè, ci appassioniamo a ben altre vicende, anche drammatiche di cui è giusto riferire in cronaca ma non possono diventare il centro di una campagna elettorale, perché altrimenti questo è sintomo di un Paese in decomposizione dove la politica diventa il medico legale che fa l’autopsia al cadavere della democrazia.

Lei ha giudicato aspramente questa campagna elettorale perchè manca il confronto e ci si ferma, come ha detto più volte, ai tagli dei nastri delle inaugurazioni dei circoli. Ma siamo a questo punto anche a causa di una legge elettorale che Lei stesso ha criticato

Sulla legge elettorale dico che per l’ennesima volta abbiamo violato il codice di buona condotta in materia elettorale che l’Italia ha sottoscritto e che prevedrebbe che a meno di un anno dal voto non si deve e non si può cambiare la legge. Questo perché gli italiani dovrebbero avere la possibilità di familiarizzare con le leggi elettorali. Anche se lascio a lei valutare quanto sia possibile familiarizzare con una siffatta legge elettorale.

Però candidarsi non è un po’ come accettare e legittimare le regole del gioco?
Io entro nelle regole del gioco anche per tentare di parlare di queste regole, che sono truccate. E’ una possibilità che voglio offrire anche a tutti i miei interlocutori. Anche a Di Maio che si lamenta che non c’è equilibrio e al quale dico: di cosa vi lamentate se state sempre in televisione? Mi diranno: loro hanno il 25 %. Ma è possibile che le percentuali dipendano anche dall’esposizione mediatica e che, al contrario, ci siano altri ai quali non è concesso questo tipo di esposizione? Nel momento elettorale occorre anche il tentativo di suscitare un momento necessario di riflessione sullo stato della democrazia. Questo tentativo di innescare un dibattito al momento sembra abortito. Temo che se non si dovesse tornare presto alla nobiltà vera della politica dovremo rassegnarci a riflettere sui programmi di Salvini e CasaPound e su fatti di cronaca nera dei quali la politica dovrebbe occuparsi fino a un certo punto. Spero non accada.
Cosa risponde a chi dice che porta voti al Pd?
Siamo in una coalizione, ne faccio parte ma non porto voti al Pd. Porto voti alla lista nella quale ho ritenuto di candidarmi.
Perché ha scelto ‘Insieme’?
Dovendo scegliere una collocazione elettorale era l’unica praticabile perché nel programma ci sono cose che mi appartengono da una vita, anche sul fronte ambientale. Perché nel 2006 eravamo socialisti e radicali insieme nella Rosa nel Pugno. Perché abbiamo una storia comune che, volendo andare indietro nel tempo, è quella di Loris Fortuna e di un certo socialismo che sicuramente appartiene anche a me; è la storia del Club di Roma di Aurelio Peccei che negli anni Settanta parlava di limiti dello sviluppo e studi sul futuro avendo una visione lungimirante. Quella stessa lungimiranza che dovrebbe appartenere anche alla politica.

Mariapaola Vergallito



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
19/02/2018 - Matera, Ugl su voto rappresentanze istituzionali in CallMat

"L’Ugl Matera si prepara alla battaglia sindacale per l’elezioni delle Rappresentanze sindacali nella CallMat di Matera, azienda che occupa 382 addetti e gestisce la commessa Tim. Infatti, l’elezione sia delle RSA sia delle RLS nell’azienda su citata avverrà per due giorni, ...-->continua

19/02/2018 - Scanzano Libera su nomina scrutatori per 4 marzo

La Commissione Elettorale Comunale di Scanzano, composta dal Sindaco dall’assessora Sisto Rosanna (sostituta delegata dalla consigliera Loscalzo Luise) dal consigliere De Marco Silvio (Movimento Civico Scanzanese) e dal consigliere Musillo Nunzio Antonio (M5S)...-->continua

19/02/2018 - Potenza. Sileo (Pd) su strumentalizzazioni Galella e centrodestra

“E’ sconcertante l’ignoranza e l’incompetenza del centrodestra potentino che pur di strumentalizzare e attaccare il Pd non si prende nemmeno la briga di studiarsi le carte”. Lucia Sileo, consigliera comunale di Potenza e candidata alla Camera dei deputati per ...-->continua

19/02/2018 - Pittella e Viceconte: incontro a Francavilla in Sinni

Venerdì 23 febbraio alle ore 18:00 al Cineteatro Columbia di Francavilla in Sinni, si terrà un incontro con Gianni Pittella candidato al Senato della Repubblica alle prossime elezioni del 4 marzo e Guido Viceconte candidato alla camera dei deputati. All'incont...-->continua

18/02/2018 -  Domani, 19 febbraio, i candidati di FdI Basilicata a Genzano di Lucania

Tappa in Alto Bradano a Genzano di Lucania (Pz) per Fratelli d’Italia Basilicata. Si terrà domani pomeriggio, 19 febbraio, alle 18.30 presso lo stabile Regina Elena – Unitre in Piazza Roma. All’incontro parteciperanno il capolista al Senato Gianni Rosa e i can...-->continua

18/02/2018 - Domani il Tour di Alessandro Di Battista farà tappa a Lauria

Domani, lunedì 19 febbraio prossimo alle ore 19:00, Alessandro Di Battista presenterà a Lauria il programma di governo del MoVimento 5 Stelle per la qualità della vita degli italiani.
L'evento si svolgerà presso la villa comunale in piazza Plebiscito (Laur...-->continua

18/02/2018 - Rosella(Civica Popolare):a campagna virtuale preferisco il contatto con la gente

“In una campagna elettorale virtuale e con poco confronto io preferisco quel contatto con la gente di una volta”. Si esprime così Angelo Rosella, capolista al Senato per Civica Popolare, durante il suo tour di incontri nell’area sud della provincia di Potenza....-->continua







WEB TV

Warning: mysql_data_seek(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in D:\inetpub\webs\lasiritideit\canestro.php on line 628
Se la tecnologia aumenta il baratro tra le generazioni
di Mariapaola Vergallito

Poco tempo fa mi ha fatto riflettere lo slogan usato a chiosa di una pubblicità della Samsung sulla realtà virtuale. Per intenderci: quello spot (molto bello, per la verità) in cui si vedono alcuni studenti correre su una pianura in mezzo ai dinosauri ma, in realtà, sono nella loro classe. Alla fine di quello spot lo slogan recitava più o meno così: quello che per la generazione precedente era impossibile, la generazione successiva lo ha già realizzato. Vero e inquietante.

Sono nata all’inizio degli anni Ottanta. Ho vissuto la mia infanzia e la mia adolescenza, periodi cruciali per la vita di ognuno, tra gli anni Ottanta e gli anni Novanta, anni in cui gli strumenti che avevamo per approcciarci al mondo e, soprattutto, per far entrare il mon...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo