HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Votare a destra, votare Fratelli d’Italia, mai come ora, una garanzia

12/01/2018

Nel disordinato bazar della politica made in Italy, il 4 marzo, il popolo italiano dovrà scegliere attentamente il proprio futuro.

Le elezioni politiche sono sempre più vicine e le proposte elettorali dei vari partiti riecheggiano incessantemente nei salotti televisivi e sul web.

Si presentano, dunque, forze politiche "innovative" e altre già ben note: alla prima categoria dicono di appartenere i rigattieri della sinistra scissionista che, forti della freschezza anti sistema di D'Alema e Bersani, propongono di abolire le tasse universitarie fingendo di non conoscere la saturazione del mercato lavorativo e l'inadeguatezza della proposta in un Paese dove i ricchi e i fannulloni sono sempre più privilegiati; i banditori a 5 stelle che, affacciandosi ora al mondo della politica, riescono ad accontentare ogni capriccio momentaneo e decontestualizzato evitando di assumere posizioni chiare e definitive (come sulla questione euro) incarnando così un populismo pigliatutto, camaleontico e ambiguo; i soliti ignoti del PD che concentreranno i loro sforzi sul salario minimo dopo aver inflitto dei colpi letali alla condizione del lavoratore italiano operando liberalizzazioni selvagge e imposizioni fiscali disumane su imprenditori e cittadini pur di non disobbedire ai diktat di Bruxelles.

Infine c'è la destra di Fratelli d'Italia, erede della fiamma tricolore e portatrice di una cultura politica dimenticata da tutti ma simbolo di garanzia e di fedeltà all'Idea (concetto difficile da spiegare a chi è abituato ai vaffa ma non è abituato alla lettura), che garantisce agli italiani: una importantissima e attesissima riduzione fiscale poiché, da troppi anni, la fiscalità ammazza la tanto invidiata economia produttiva del Bel Paese; una seria politica di sostegno alla natalità che è l'unica risposta certa allo spopolamento ed all’invecchiamento oltre che alla crisi del mercato interno; una razionalizzazione necessaria del fenomeno migratorio che in questi ultimi anni è stato affrontato superficialmente, causando ingenti problematiche sia nei paesi di partenza dove i criminali diventano sempre più ricchi, che in Italia dove, complice l'indifferenza dell'UE, aumentano le difficoltà legate all'accoglienza e all'integrazione di immigrati spesso irregolari che, in alcune città, contribuiscono al rafforzamento della criminalità e del degrado.

Fratelli d'Italia, a prescindere dalla coalizione in cui rientrerà per governare, sosterrà a testa alta queste priorità senza scendere a compromessi con nessuno poiché sintesi non significa sottomissione e rinnegamento di sé stessi.

In un paese in cui da troppo tempo la stabilità politica è la grande assente bisognerebbe iniziare a riflettere sul serio, affidandosi a chi da garanzie, quindi evitando di disperdere il proprio voto scegliendo partiti sterili la cui unica abilità è quella di ammaliare l'elettorato con proposte demagogiche.

Potenza, 12 Gennaio 2018

Mario Migliaccio, Coordinatore regionale Gioventù Nazionale Basilicata



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
23/04/2018 - Energia rinnovabile, accordo tra Comune di Tito e Società energetica lucana

È stato sottoscritto nella mattina del 23 aprile l'accordo di partenariato tra Comune di Tito e Società energetica lucana per la realizzazione e la gestione di un impianto mini eolico da 60 Kw in località Santa Loja.
La realizzazione del piccolo impianto di produzione e...-->continua

23/04/2018 - Nasce il Comitato pro Metapontino

“Le tante criticità di questo ultimo periodo nel Metapontino tutto, la confusione che alcune di esse hanno creato, vedi la questione dell'acqua potabile, la non risposta che esse hanno ricevuto, ci hanno indotto a creare un comitato intercomunale affinchè i c...-->continua

23/04/2018 - RSU, Gambardella: “Cisl sindacato di riferimento in Basilicata”

“Le recenti elezioni per il rinnovo delle Rsu nel pubblico impiego, nella scuola, nelle università e negli enti di ricerca consegnano alla Cisl il ruolo di sindacato di riferimento, un risultato che premia il coraggio delle scelte e la capacità di rigenerarsi...-->continua

23/04/2018 - Ugl e Cittadinanzattiva su emergenza idrica nel Metapontino

“È vietato in tutto il territorio di Policoro, Nova Siri, Scanzano Ionico, parte di Montescaglioso e Metaponto, a circa 50mila abitanti i cui paesi si affacciano sul Mar Ionio e sino a nuovo ordine, l'uso e il consumo del'acqua a scopo potabile e di cottura de...-->continua

23/04/2018 - Matera 2019, resoconto CS su monitoraggio Bruxelles e bandi Cava del Sole

Si è svolta questa mattina a Matera presso la sede di Open Design School a Casino Padula, la conferenza stampa di resoconto sull’incontro di monitoraggio tenutosi presso la Commissione Europea lo scorso 18 aprile a Bruxelles e sui bandi legati a Cava del Sole....-->continua

23/04/2018 - Cosimo Latronico (Noi con l'Italia) su prezzo carburante

“Otto milioni di italiani si preparano a partire per i ponti di primavera mentre il costo della benzina e del gasolio continua a salire. Le principali compagnie petrolifere hanno aumentato almeno di dieci centesimi il costo alla pompa della benzina e del pet...-->continua

23/04/2018 - M5s Péisticci sul comunicato di Antonio Gatto

“Chi vuole leggere gli atti troverà conforto in quanto da me affermato, ma non intendo più prestarmi a strumentalizzazioni ed illazioni di alcun tipo, che affronterò nelle sedi opportune, per cui rinuncio ad un mio diritto con profonda amarezza ma con la cosci...-->continua






WEB TV
Dice che era un bel torrente ma non andava più al mare
di Mariapaola Vergallito

“Dice che era un bel progetto e serviva a creare/ la deviazione di un torrente per distrarlo dal mare; ma dall’idea alla realizzazione passarono 40 anni, giusto il tempo di essere deviata e l’acqua cominciò a far danni”.

Scusate, non ho resistito. E’ 4 marzo, del resto, e chiedo scusa a Lucio Dalla per questa scapestrata citazione. C’è qualcun altro, però, che dovrebbe chiedere scusa, oggi. Proprio oggi che il torrente Sarmento, deviato in parte dal suo corso naturale, immette un bottino idrico di 80 milioni di metri cubi in più all’anno nel grande invaso di Montecotugno. Serve a completare lo schema idrico del Sinni, per un progetto cominciato negli anni Settanta, quando la Democrazia Cristiana e il Partito Comunista erano i due grandi partit...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo