HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Gioco azzardo in Val d’Agri: ass. Bene comune Viggiano riaccende l’allarme

12/01/2018

Dopo gli allarmanti dati diffusi sulla spesa nel 2016 dei cittadini della Val d’Agri per il gioco d’azzardo cosiddetto “legalizzato” rinnoviamo l’attenzione su questo tema che non si può assolutamente delegare ad organismi della magistratura come sta accadendo per il “caso” della sala giochi di Marsicovetere. Lo sostiene l’Associazione Bene Comune Viggiano che aggiunge: non è possibile ridurre la questione a qualche centinaia di metri in più o in meno di distanza di una sala giochi rispetto a strutture sociali. Se l’Agenzia Agipronews fa il suo mestiere per tutelare le imprese (in gran parte ditte individuali) che si occupano della gestione delle sale giochi, noi tutti – istituzioni locali e scolastiche, associazioni, famiglie, ecc. – dobbiamo occuparci di svuotare le sale di giocatori che, come riferiscono i dati ufficiali, hanno speso in Val d’Agri ben 23 milioni di euro con percentuali tra giocate che variano da qualche centinaio di euro pro-capite agli oltre 2.200 euro pro-capite di Marsicovetere-Villa d’Agri dove comunque si concentrano giocatori anche extraregionali. Dati che cozzano con la realtà socio-economica delle famiglie della valle, il rapporto giocate Pil famiglie e il fenomeno della povertà. Sarà la Corte Costituzionale a pronunciarsi sulla legittimità della legge regionale ma intanto – dichiara Vittorio Prinzi, presidente dell’Associazione – attiviamo ogni forma di prevenzione, specie nei confronti di anziani-pensionati e giovani – che sono le categorie sociali più esposte al Gioco d’Azzardo Patologico e contestualmente azioni di contrasto. Indipendentemente dalla pronuncia della Corte Costituzionale, il Piano presentato dalla Regione rappresenta uno strumento strategico per prevenire e contrastare il fenomeno secondo un’articolazione programmatica che consentirà di coordinare e integrare gli interventi su tutto il territorio regionale e sviluppare un’azione sinergica ai diversi livelli di responsabilità e competenza.
Attraverso il Piano la Regione recepisce i principi del Piano Nazionale, si impegna a conseguire gli obiettivi prefissati e a porre in essere le necessarie attività, in collaborazione con tutti gli attori (pubblici-Aziende sanitari e privati – Comunità terapeutiche e associazioni) che a vario titolo sono impegnati nella prevenzione e nel contrasto della diffusione del gioco d’azzardo e del fenomeno della dipendenza grave.
Ai fini del perseguimento degli obiettivi della legge regionale – è scritto nella nota – bisogna intensificare la collaborazione con Enti locali, Comuni prima di tutto, istituzioni scolastiche, Aziende del servizio sanitario regionale, associazioni riconosciute pubbliche o private, operanti nella lotta alle dipendenze del gioco di azzardo.




archivio

ALTRI

La Voce della Politica
21/01/2018 - Lettera ai cittadini dell'ex sindaco di Senise su attuale amministrazione

Sono trascorsi sette mesi dall'insediamento della nuova Amministrazione Comunale di Senise a guida Maria Rosa Spagnuolo e, non ho mai espresso un giudizio sull'operato di questi lunghissimi 210 giorni di attività amministrativa, sia per motivi personali, sia perchè pensavo s...-->continua

20/01/2018 - G.Rosa sulle dichiarazioni Pedicini sul M5s

Cordate, scambio di preferenze, segnalazioni, non parliamo di un partito ‘tradizionale’ ma del ‘non-partito’ con un ‘non statuto’. È lo sfogo o meglio il delirio dell’eurodeputato Pedicini che, invece, di spiegare chi e come ha selezionato i curriculum dei can...-->continua

20/01/2018 - Furti a Tito: il Sindaco Graziano Scavone chiede incontro al Prefetto di Potenza

"Le razzie delle ore scorse ad opera di ladri in diversi appartamenti, unitamente a quanto si sta registrando da alcune settimane nell'area industriale di Tito, scuote la regolare vita di cittadini e imprese della comunità titese e impone l'adozione di misure ...-->continua

20/01/2018 - Gentile (Confartigianato) su voucher digitalizzazione delle pmi

Un invito parte da Confartigianato ai titolari di pmi lucane ad utilizzare l’opportunità dei voucher digitalizzazione delle pmi, i contributi per l’innovazione digitale e l’ammodernamento tecnologico che il Ministero dello Sviluppo economico mette a disposizio...-->continua

19/01/2018 - G.Rosa:Leu è proprio una ‘cosa', un'accozzaglia di persone

Cosa ne pensa Grasso del ‘suo’ Liberi e Uguali che a Potenza governa con un Sindaco eletto dalla destra ancora non si sa. Troppo imbarazzante parlarne, anche per gli esponenti locali della nuova ‘cosa rossa’.

E Leu è proprio una ‘cosa’, un’accozzaglia...-->continua

19/01/2018 - Dipartimento Infrastrutture su interventi miglioramento trasporto ferroviario

Con riferimento al rapporto “Pendolaria 2017” e a quanto è stato riportato dagli organi di stampa interviene il Dipartimento Infrastrutture e Mobilità che in primo luogo evidenzia il rilevante impegno finanziario da parte della Regione Basilicata”.
In p...-->continua

19/01/2018 - Pittella su inaugurazione nuova sede Arpab a Matera

E’ stata inaugurata questa mattina a Matera, la nuova sede del Dipartimento provinciale dell’Agenzia regionale per la protezione ambientale della Basilicata (Arpab), situata nella zona Paip 1. Presenti alla cerimonia, tra gli altri, il presidente della Regione...-->continua







WEB TV

Warning: mysql_data_seek(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in D:\inetpub\webs\lasiritideit\canestro.php on line 628
Se la tecnologia aumenta il baratro tra le generazioni
di Mariapaola Vergallito

Poco tempo fa mi ha fatto riflettere lo slogan usato a chiosa di una pubblicità della Samsung sulla realtà virtuale. Per intenderci: quello spot (molto bello, per la verità) in cui si vedono alcuni studenti correre su una pianura in mezzo ai dinosauri ma, in realtà, sono nella loro classe. Alla fine di quello spot lo slogan recitava più o meno così: quello che per la generazione precedente era impossibile, la generazione successiva lo ha già realizzato. Vero e inquietante.

Sono nata all’inizio degli anni Ottanta. Ho vissuto la mia infanzia e la mia adolescenza, periodi cruciali per la vita di ognuno, tra gli anni Ottanta e gli anni Novanta, anni in cui gli strumenti che avevamo per approcciarci al mondo e, soprattutto, per far entrare il mon...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo