HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

‘Aree interne e sviluppo locale.La Regione tarda ad elaborare strategia’

12/01/2018

Una riunione promossa a Senise il 24.11.2017 dall’Associazione “Voci del Pollino”, guidata da Annibale Formica, già Sindaco di San Paolo Albanese e storico Direttore dell’ Ente Parco Nazionale del Pollino, ha riaperto, dopo anni di torpore e di assenza della politica, il dibattito circa il destino di un’area marginale e decentrata della Regione Basilicata, il Medio-Sinni-Pollino-Sarmento-Mercure, sempre più a rischio di spopolamento demografico e di perdita delle “ condizioni di cittadinanza”.In assenza di un dibattito politico e di prospettive programmatiche elaborate dal programmatore regionale, con i partiti relegati a ratificare decisioni non partecipate, frutto spesso dell’estemporaneità di una oligarchia disinformata e disinteressata alle reali condizioni socio-economiche delle aree più marginalizzate della regione, i territori cercano di organizzarsi e propongono “idee di sviluppo”, insieme agli organi istituzionali locali, per coinvolgere i rappresentanti delle istituzioni regionali, affinchè invertano il modo di far politica ed elaborino una strategia di sviluppo ed un progetto per le aree interne, condivisi dal basso, “in grado di arrestare l’abbandono dei paesi e dei territori , attraverso un’azione di sviluppo locale e, contestualmente, iniziative di miglioramento e di potenziamento dei “servizi di cittadinanza”.Lo sforzo compiuto dall’Associazione “Voci del Pollino”,in collaborazione con l’Unione dei Comuni della Valle del Sinni e l’Unione dei Comuni della Val Sarmento,con il coinvolgimento dell’Area Programma del Lagonegrese, è considerevole e merita apprezzamento per la metodologia instaurata, per la visione realistica delle criticità territoriali, nonché per gli obiettivi e le finalità prefissi, sostanzialmente riconducibili “alla tutela, la valorizzazione e la fruizione del “paesaggio identitario”, la sperimentazione di forme di tutela attiva del patrimonio naturale e culturale, la rilettura della tradizione, lo stimolo ed il protagonismo degli abitanti, la visione integrata del territorio, lo sviluppo delle conoscenze dei caratteri, dei significati e dei valori naturali, culturali e scientifici del patrimonio”.In fondo, ciò che il territorio sollecita è la riapertura di un dialogo tra cittadini e potere politico centrale, una maggiore attenzione verso un’area marginale e disattesa dalle politiche centralistiche della Regione Basilicata e scelte strategiche condivise, che arrestino il fenomeno dello spopolamento, la migrazione intellettuale e giovanile, il depauperamento delle notevoli risorse che il territorio offre. Purtroppo le legittime richieste dei territori incontrano alcuni limiti, che solo la Regione può rimuovere, sposando una nuova strategia di sviluppo, dandosi essa stessa per prima obiettivi, finalità e programmazione congruenti con le sue peculiarità e le sue risorse, indirizzando ed utilizzando programmi nazionali ed europei a tale disegno strategico. Mancano, infatti, strumenti di programmazione regionale di medio e lungo termine, mancano gli strumenti di pianificazione regionale, che consentano la realizzazione di azioni infrastrutturali e non, in un regime di compatibilità giuridica ( a tal proposito sarebbe utile far luce sulla mancata adozione da parte della Regione del Piano del Parco del Pollino, essendo l’area oggetto di studio ricompresa nel Parco Nazionale del Pollino), manca l’organicità di una visione “ identitaria” della regione, che sembra affidare il suo futuro più ad azioni sollecitate dall’esterno ( vedi i programmi europei), piuttosto che ricondurre tali programmi nell’ambito di una propria articolata ed autonoma visione dello sviluppo. Eppure il futuro della Basilicata”interna” non può essere un tema periferico nel dibattito pubblico, perché in quest’area i beni pubblici sono spesso poco funzionali ed inutilizzati, le scuole si svuotano, lo spopolamento non è solo una nefasta prospettiva, ma un processo quasi inarrestabile, la migrazione intellettuale e giovanile rafforza una visione pessimistica circa il futuro di questi territori. La Strategia Nazionale delle aree interne, promossa nel 2014 dall’allora Ministro Barca, è una risposta seria a tale problematica, perché punta ad una logica di riequilibrio e di promozione dello sviluppo e del lavoro. Il problema reale in questi territori è anche quello di implementare le occasioni di lavoro e di mettere in piedi politiche di attrazione per vecchi e nuovi abitanti. Bisogna, cioè, invertire le politiche finora perseguite, mettendo in piedi politiche che mettano al centro i giovani, la formazione mirata, favorire l’accesso al credito, mantenere vivo il legame con la comunità dei giovani che affrontano gli studi lontano. Bisogna, infine restituire ai cittadini “la sovranità”, di cui, in presenza di deficit di rappresentanza, i cittadini si sentono espropriati. Saprà la Regione Basilicata cogliere tale opportunità? Noi speriamo di si, ma ci vuole una inversione delle politiche e della metodologia utilizzata, indulgendo di più all’ascolto dei bisogni e delle criticità,per poi risolverli, piuttosto a proclami ed autocelebrazioni che non portano alcun vantaggio, né risolvono i tanti problemi sinteticamente qui rappresentati.
Antonio Amatucci
( Già Sindaco di Francavilla in Sinni )



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
21/01/2018 - Lettera ai cittadini dell'ex sindaco di Senise su attuale amministrazione

Sono trascorsi sette mesi dall'insediamento della nuova Amministrazione Comunale di Senise a guida Maria Rosa Spagnuolo e, non ho mai espresso un giudizio sull'operato di questi lunghissimi 210 giorni di attività amministrativa, sia per motivi personali, sia perchè pensavo s...-->continua

20/01/2018 - G.Rosa sulle dichiarazioni Pedicini sul M5s

Cordate, scambio di preferenze, segnalazioni, non parliamo di un partito ‘tradizionale’ ma del ‘non-partito’ con un ‘non statuto’. È lo sfogo o meglio il delirio dell’eurodeputato Pedicini che, invece, di spiegare chi e come ha selezionato i curriculum dei can...-->continua

20/01/2018 - Furti a Tito: il Sindaco Graziano Scavone chiede incontro al Prefetto di Potenza

"Le razzie delle ore scorse ad opera di ladri in diversi appartamenti, unitamente a quanto si sta registrando da alcune settimane nell'area industriale di Tito, scuote la regolare vita di cittadini e imprese della comunità titese e impone l'adozione di misure ...-->continua

20/01/2018 - Gentile (Confartigianato) su voucher digitalizzazione delle pmi

Un invito parte da Confartigianato ai titolari di pmi lucane ad utilizzare l’opportunità dei voucher digitalizzazione delle pmi, i contributi per l’innovazione digitale e l’ammodernamento tecnologico che il Ministero dello Sviluppo economico mette a disposizio...-->continua

19/01/2018 - G.Rosa:Leu è proprio una ‘cosa', un'accozzaglia di persone

Cosa ne pensa Grasso del ‘suo’ Liberi e Uguali che a Potenza governa con un Sindaco eletto dalla destra ancora non si sa. Troppo imbarazzante parlarne, anche per gli esponenti locali della nuova ‘cosa rossa’.

E Leu è proprio una ‘cosa’, un’accozzaglia...-->continua

19/01/2018 - Dipartimento Infrastrutture su interventi miglioramento trasporto ferroviario

Con riferimento al rapporto “Pendolaria 2017” e a quanto è stato riportato dagli organi di stampa interviene il Dipartimento Infrastrutture e Mobilità che in primo luogo evidenzia il rilevante impegno finanziario da parte della Regione Basilicata”.
In p...-->continua

19/01/2018 - Pittella su inaugurazione nuova sede Arpab a Matera

E’ stata inaugurata questa mattina a Matera, la nuova sede del Dipartimento provinciale dell’Agenzia regionale per la protezione ambientale della Basilicata (Arpab), situata nella zona Paip 1. Presenti alla cerimonia, tra gli altri, il presidente della Regione...-->continua







WEB TV

Warning: mysql_data_seek(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in D:\inetpub\webs\lasiritideit\canestro.php on line 628
Se la tecnologia aumenta il baratro tra le generazioni
di Mariapaola Vergallito

Poco tempo fa mi ha fatto riflettere lo slogan usato a chiosa di una pubblicità della Samsung sulla realtà virtuale. Per intenderci: quello spot (molto bello, per la verità) in cui si vedono alcuni studenti correre su una pianura in mezzo ai dinosauri ma, in realtà, sono nella loro classe. Alla fine di quello spot lo slogan recitava più o meno così: quello che per la generazione precedente era impossibile, la generazione successiva lo ha già realizzato. Vero e inquietante.

Sono nata all’inizio degli anni Ottanta. Ho vissuto la mia infanzia e la mia adolescenza, periodi cruciali per la vita di ognuno, tra gli anni Ottanta e gli anni Novanta, anni in cui gli strumenti che avevamo per approcciarci al mondo e, soprattutto, per far entrare il mon...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo