HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

‘Aree interne e sviluppo locale.La Regione tarda ad elaborare strategia’

12/01/2018

Una riunione promossa a Senise il 24.11.2017 dall’Associazione “Voci del Pollino”, guidata da Annibale Formica, già Sindaco di San Paolo Albanese e storico Direttore dell’ Ente Parco Nazionale del Pollino, ha riaperto, dopo anni di torpore e di assenza della politica, il dibattito circa il destino di un’area marginale e decentrata della Regione Basilicata, il Medio-Sinni-Pollino-Sarmento-Mercure, sempre più a rischio di spopolamento demografico e di perdita delle “ condizioni di cittadinanza”.In assenza di un dibattito politico e di prospettive programmatiche elaborate dal programmatore regionale, con i partiti relegati a ratificare decisioni non partecipate, frutto spesso dell’estemporaneità di una oligarchia disinformata e disinteressata alle reali condizioni socio-economiche delle aree più marginalizzate della regione, i territori cercano di organizzarsi e propongono “idee di sviluppo”, insieme agli organi istituzionali locali, per coinvolgere i rappresentanti delle istituzioni regionali, affinchè invertano il modo di far politica ed elaborino una strategia di sviluppo ed un progetto per le aree interne, condivisi dal basso, “in grado di arrestare l’abbandono dei paesi e dei territori , attraverso un’azione di sviluppo locale e, contestualmente, iniziative di miglioramento e di potenziamento dei “servizi di cittadinanza”.Lo sforzo compiuto dall’Associazione “Voci del Pollino”,in collaborazione con l’Unione dei Comuni della Valle del Sinni e l’Unione dei Comuni della Val Sarmento,con il coinvolgimento dell’Area Programma del Lagonegrese, è considerevole e merita apprezzamento per la metodologia instaurata, per la visione realistica delle criticità territoriali, nonché per gli obiettivi e le finalità prefissi, sostanzialmente riconducibili “alla tutela, la valorizzazione e la fruizione del “paesaggio identitario”, la sperimentazione di forme di tutela attiva del patrimonio naturale e culturale, la rilettura della tradizione, lo stimolo ed il protagonismo degli abitanti, la visione integrata del territorio, lo sviluppo delle conoscenze dei caratteri, dei significati e dei valori naturali, culturali e scientifici del patrimonio”.In fondo, ciò che il territorio sollecita è la riapertura di un dialogo tra cittadini e potere politico centrale, una maggiore attenzione verso un’area marginale e disattesa dalle politiche centralistiche della Regione Basilicata e scelte strategiche condivise, che arrestino il fenomeno dello spopolamento, la migrazione intellettuale e giovanile, il depauperamento delle notevoli risorse che il territorio offre. Purtroppo le legittime richieste dei territori incontrano alcuni limiti, che solo la Regione può rimuovere, sposando una nuova strategia di sviluppo, dandosi essa stessa per prima obiettivi, finalità e programmazione congruenti con le sue peculiarità e le sue risorse, indirizzando ed utilizzando programmi nazionali ed europei a tale disegno strategico. Mancano, infatti, strumenti di programmazione regionale di medio e lungo termine, mancano gli strumenti di pianificazione regionale, che consentano la realizzazione di azioni infrastrutturali e non, in un regime di compatibilità giuridica ( a tal proposito sarebbe utile far luce sulla mancata adozione da parte della Regione del Piano del Parco del Pollino, essendo l’area oggetto di studio ricompresa nel Parco Nazionale del Pollino), manca l’organicità di una visione “ identitaria” della regione, che sembra affidare il suo futuro più ad azioni sollecitate dall’esterno ( vedi i programmi europei), piuttosto che ricondurre tali programmi nell’ambito di una propria articolata ed autonoma visione dello sviluppo. Eppure il futuro della Basilicata”interna” non può essere un tema periferico nel dibattito pubblico, perché in quest’area i beni pubblici sono spesso poco funzionali ed inutilizzati, le scuole si svuotano, lo spopolamento non è solo una nefasta prospettiva, ma un processo quasi inarrestabile, la migrazione intellettuale e giovanile rafforza una visione pessimistica circa il futuro di questi territori. La Strategia Nazionale delle aree interne, promossa nel 2014 dall’allora Ministro Barca, è una risposta seria a tale problematica, perché punta ad una logica di riequilibrio e di promozione dello sviluppo e del lavoro. Il problema reale in questi territori è anche quello di implementare le occasioni di lavoro e di mettere in piedi politiche di attrazione per vecchi e nuovi abitanti. Bisogna, cioè, invertire le politiche finora perseguite, mettendo in piedi politiche che mettano al centro i giovani, la formazione mirata, favorire l’accesso al credito, mantenere vivo il legame con la comunità dei giovani che affrontano gli studi lontano. Bisogna, infine restituire ai cittadini “la sovranità”, di cui, in presenza di deficit di rappresentanza, i cittadini si sentono espropriati. Saprà la Regione Basilicata cogliere tale opportunità? Noi speriamo di si, ma ci vuole una inversione delle politiche e della metodologia utilizzata, indulgendo di più all’ascolto dei bisogni e delle criticità,per poi risolverli, piuttosto a proclami ed autocelebrazioni che non portano alcun vantaggio, né risolvono i tanti problemi sinteticamente qui rappresentati.
Antonio Amatucci
( Già Sindaco di Francavilla in Sinni )



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
21/04/2018 - Di Giacomo (s.pp.): Allarme criminalita’ minorile

Reati sempre più gravi commessi da ragazzini che hanno alle spalle famiglie disgregate e percorsi scolastici disastrosi. E' l'ultima fotografia delle baby-gang che rilancia l’allarme: la criminalità minorile in tutto il Paese ha già superato ogni livello di guardia e va affr...-->continua

21/04/2018 - Documento unico dei sindacati Cgil Cisl Uil sulla sicurezza

Il susseguirsi in breve tempo di due eventi tragici di infortunio sul posto del lavoro in poco meno di un mese, costati la vita a due giovani operai, ci chiama a una riflessione seria sul tema della sicurezza sui posti di lavoro.
Non solo la cronaca, ma an...-->continua

21/04/2018 - Cariello:Sull'acqua si faccia immediatamente chiarezza

“La questione dell'acqua potabile sta diventando davvero imbarazzante e vede purtroppo vittime i cittadini che si ritrovano a non sapere più a cosa credere.”

Lo dichiara il consigliere di minoranza del Comune di Scanzano Jonico, Pasquale Cariello. -->continua

20/04/2018 - Potenza. Ugl, morti bianche: segretari Nazionali a sostegno sicurezza sul lavoro

“Tutta l’Ugl è solidale manifestando a Potenza sulla sicurezza sul lavoro dopo le ultime morti bianche avvenute nella regione”.
E’quanto dichiara il Segretario Confederale Ugl con delega alle politiche del lavoro, Stefano Conti, presente al sit-in di quest...-->continua

20/04/2018 - Montescaglioso: finanziamento di € 262.160,00 per interventi di sicurezza

Con Determina Dirigenziale Regionale del 13 aprile 2018 recante in oggetto “Eccezionali eventi metereologici verificatisi nei giorni 7 e 8 ottobre 2013. Piano utilizzo economie – Attuazione”, la Città di Montescaglioso si è vista riconoscere un finanziamento c...-->continua

20/04/2018 - Legambiente su divieto uso acqua potabile nel Metapontino

Sono tre i comuni delle costa Jonica che in questi giorni hanno emesso ordinanze che vietano l’uso e consumo dell’acqua a scopo potabile, a seguito di un superamento dei valori di trialometani oltre i valori consentiti.Ordinanze che hanno determinato nelle pop...-->continua

20/04/2018 - Castelluccio, emergenza acqua nel Metapontino da affrontare adeguatamente

Si prenda atto che siamo di fronte ad una vera e propria emergenza che, purtroppo, ha troppi elementi oscuri al punto che sono gli stessi sindaci a chiedere trasparenza e chiarezza. Lo afferma il consigliere regionale Paolo Castelluccio in riferimento all’int...-->continua






WEB TV
Dice che era un bel torrente ma non andava più al mare
di Mariapaola Vergallito

“Dice che era un bel progetto e serviva a creare/ la deviazione di un torrente per distrarlo dal mare; ma dall’idea alla realizzazione passarono 40 anni, giusto il tempo di essere deviata e l’acqua cominciò a far danni”.

Scusate, non ho resistito. E’ 4 marzo, del resto, e chiedo scusa a Lucio Dalla per questa scapestrata citazione. C’è qualcun altro, però, che dovrebbe chiedere scusa, oggi. Proprio oggi che il torrente Sarmento, deviato in parte dal suo corso naturale, immette un bottino idrico di 80 milioni di metri cubi in più all’anno nel grande invaso di Montecotugno. Serve a completare lo schema idrico del Sinni, per un progetto cominciato negli anni Settanta, quando la Democrazia Cristiana e il Partito Comunista erano i due grandi partit...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo