HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Caos Tari: il governo produce fake news e alimenta caos sulla tassa rifiuti

6/12/2017

Ancora nessuna chiarezza sulle seconde case sfitte nel medesimo Comune con il Governo che utilizza sentenze della Cassazione che non c’entrano nulla con ciò che i 5 Stelle richiedono. Mentre si attende il decreto che permetterebbe uno sconto del 20% della tassa rifiuti per i cittadini

“Le vere fake news continuano ad arrivare dal Governo che alimenta ancora il caos. Quando, nell’interpellanza di pochi giorni fa, chiedemmo lumi sul pagamento della quota variabile della Tari relativo a una seconda casa sfitta nello stesso comune di residenza, l’Esecutivo ci rispose con il riferimento a una sentenza della Cassazione, la 8383 del 2013, che è risultato del tutto errato. Quel pronunciamento, infatti, è relativo alla vicenda di un contribuente che in realtà aveva due immobili in due città diverse. Insomma, le magre figuracce del Governo Gentiloni sul caos Tari continuano”. A dichiararlo è il deputato Giuseppe L’Abbate che con il collega Alberto Zolezzi è tornato ad interrogare il Ministero dell’Ambiente sulla tassa rifiuti durante il question time tenutosi oggi, mercoledì 6 dicembre, a Montecitorio.

“Si tratta di condizioni non assimilabili. Infatti, un conto è il comportamento di un comune che conosce anche la mia situazione residenziale e familiare. Un altro è la condotta del Sindaco che impone la Tari sulla seconda casa senza avere contezza del mio nucleo e dunque parte da un calcolo presuntivo degli occupanti in base ai metri quadri – spiega L’Abbate (M5S) – Oggi il Governo, ancora una volta, non ci ha detto nulla di concreto su un pasticcio che invece ha bisogno di chiarezza, magari anche con un intervento normativo. L’unico aspetto di merito confermato – prosegue il deputato pugliese 5 Stelle – è che Tari e Tares funzionano sulle stesse regole, ecco perché presenteremo un’interrogazione in commissione per far pressione sull’estensione dei rimborsi anche al 2013”.

Un altro salasso per i cittadini deriva poi dall’atavico inadempimento del ministero dell’Ambiente per cui accade che sia in vigore un’errata applicazione del regime di assimilazione di rifiuti industriali ai rifiuti urbani e relativa spalmatura delle detrazioni Tari riconosciute ai soggetti economici sulle utenze civili. “Una vetreria e un appartamento con gli stessi metri quadri pagano la stessa tariffa dei rifiuti. Ma si può ben capire che la produzione e il relativo costo del servizio siano molto differenti – dichiara il deputato Alberto Zolezzi (M5S), membro della Commissione di inchiesta sul ciclo dei rifiuti – Il Governo dovrebbe varare un apposito Decreto assimilazione: anche il Tar Lazio si è espresso in tal senso, ma sono trascorsi i 120 giorni del termine imposto e il ministero dell’Ambiente tace ancora. I contribuenti potrebbero risparmiare ben il 20% della tassa!”.




archivio

ALTRI

La Voce della Politica
23/06/2018 - I lavori del consiglio comunale di Pisticci

Il Consiglio Comunale di Pisticci si è riunito a Marconia per una seduta ordinaria incentrata su ben nove punti all’ordine del giorno: la massima assise cittadina si è aperta con un minuto di silenzio per la prematura scomparsa di un giovane pisticcese, travolto da un tir su...-->continua

23/06/2018 - Il parco risponde all’ennesimo attacco di Legambiente

“L’attenzione riservata da Legambiente Basilicata, e dal responsabile delle aree protette, al Parco Nazionale dell’Appennino Lucano è giunta ormai ai livelli della insostenibilità, sia per le falsità con le quali si riempiono giornali e dossier (nei quali l’as...-->continua

22/06/2018 - L’Ordine dei Giornalisti della Basilicata su scomparsa di Leonardo Sacco

La scomparsa di Leonardo Sacco lascia un vuoto enorme nel mondo della cultura in Basilicata.
Studioso, giornalista, ma soprattutto memoria storica e coscienza critica di Matera, della Basilicata, del Mezzogiorno d’Italia, Sacco è stato un grande testimone ...-->continua

22/06/2018 - Comitato Metasiris: parte anche la raccolta firme su Change.org

“Ciò che è emerso dalla risposta della Rai al Consigliere Regionale Gianni Leggieri è una verità che da tempo stiamo evidenziando. Tante persone, senza ragione ma per voci non fondate e non sancite da alcun atto formale, davano per scontato il Capodanno a Veno...-->continua

22/06/2018 - Psr: due milioni di euro ai Comuni, firmati i decreti della misura 7.4

“Si parte con l’attuazione delle 21 progettualità finanziabili con le risorse appostate relative ai servizi nei comuni. Firmati oggi i decreti di concessione della Misura 7.4 del Psr Basilicata 2014-2020”.
Lo comunica l’assessore regionale alle Politiche a...-->continua

22/06/2018 - ‘La Provincia di Potenza non dimentichi la periferia dell'impero’

E' la storia di sempre che si ripete. Più lontani si è dal sole e meno ci si conta. E la Provincia di Potenza e suoi comuni di competenza non sfuggono a questa ferrea legge del "sole che scalda chi è più vicino".
Se poi mettiamo che Terranova del Pollino è...-->continua

21/06/2018 - Policoro: Modarelli (Fi) su accesso spiagge diversamente abili

Mare, sole e spiaggia, durante le stagione estiva, sono sinonimo di riposo e divertimento, ma non per tutti è così. La stagione estiva è ormai iniziata ma per le persone diversamente abili sembra solo un’utopia. Le persone con difficoltà motorie ed affette d...-->continua






WEB TV
Dice che era un bel torrente ma non andava più al mare
di Mariapaola Vergallito

“Dice che era un bel progetto e serviva a creare/ la deviazione di un torrente per distrarlo dal mare; ma dall’idea alla realizzazione passarono 40 anni, giusto il tempo di essere deviata e l’acqua cominciò a far danni”.

Scusate, non ho resistito. E’ 4 marzo, del resto, e chiedo scusa a Lucio Dalla per questa scapestrata citazione. C’è qualcun altro, però, che dovrebbe chiedere scusa, oggi. Proprio oggi che il torrente Sarmento, deviato in parte dal suo corso naturale, immette un bottino idrico di 80 milioni di metri cubi in più all’anno nel grande invaso di Montecotugno. Serve a completare lo schema idrico del Sinni, per un progetto cominciato negli anni Settanta, quando la Democrazia Cristiana e il Partito Comunista erano i due grandi partit...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo