HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Protocollo d’intesa per la legalità, soddisfatto il sindaco di Tito

6/12/2017

“Siamo soddisfatti che la Regione Basilicata e la Prefettura di Potenza abbiano incluso il territorio di Tito tra le aree strategiche di sviluppo economico da presidiare e controllare con maggiore attenzione, viste le attenzioni criminali a cui purtroppo è sottoposto con frequenza e che sono oggi arginate solo grazie all’incessante impegno della polizia e dell’arma dei carabinieri”. È questo il commento del sindaco di Tito, Graziano Scavone, al Protocollo d’intesa per la realizzazione di azioni nei settori della legalità e sicurezza sottoscritto stamattina a Potenza tra Regione Basilicata, Ministero dell’Interno, Presidenza del Consiglio dei ministri, Agenzia per la coesione territoriale, Agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata e i Comuni di Tito, Potenza, Melfi e Matera.
“È nostra intenzione proseguire e intensificare la proficua collaborazione con il prefetto di Potenza e con le forze dell'ordine per assicurare all'intera comunità le migliori condizioni di sicurezza, consolidando e rafforzando i presidi di sicurezza sul nostro territorio”, aggiunge Scavone. In questi anni l’amministrazione comunale di Tito ha investito risorse sulla sicurezza, potenziando le strumentazioni di videosorveglianza nel centro abitato, che intende implementare ulterioremente, e dotando la polizia locale di maggiore personale e di strumenti avanzati quali, ad esempio, lo street control. Nei prossimi giorni, inoltre, il Comune di Tito aderirà al protocollo "Mille occhi sulla città”, promosso dal Ministero dell'interno per il tramite delle stesse prefetture.
“Agli interventi strumentali come i sistemi avanzati di videosorveglianza vanno in ogni caso affiancate azioni di protezione sociale che rafforzino la coesione territoriale”, sottolinea il sindaco di Tito. Il programma degli interventi del Protocollo d’intesa per la legalità appena stipulato non a caso si pone come ulteriori obiettivi strategici, oltre al rafforzamento sociale attraverso il recupero dei patrimoni pubblici anche confiscati, l’inclusione sociale e la diffusione della legalità, posizionando ulteriori risorse sulla gestione del fenomeno migratorio. “Misure legate al reddito minimo e al reddito d’inclusione, oltre a rappresentare azioni di contrasto alla povertà, devono tradursi in processi di reinserimento sociale e lavorativo per contribuire a questo scopo”, conclude Scavone. “Innalzando i livelli di protezione e coesione si produce automaticamente un avanzamento sul terreno di una società solidale nei confronti di tutti, sempre più civile e inclusiva”.



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
22/09/2018 - Atreju 2018, la Lucania presente negli incontri: politica, potere e Petrolio

È iniziata ieri la tre giorni di Atreju, la festa della destra italiana. Nata con l’intento di essere la fucina di idee della nuova generazione dell’alternativa alla sinistra, Atreju è da sempre l’occasione per riunire il centrodestra e parlare di programmi.

Non è m...-->continua

22/09/2018 - Il Parco Appennino Lucano risponde all’ennesimo attacco da parte di Legambiente

Continua il tentativo sistematico da parte di Legambiente di screditare l’operato del Parco Nazionale dell’Appennino Lucano e dei suoi vertici. È ormai sotto gli occhi di tutti il fatto che l’associazione ambientalista ha come unico scopo in Basilicata la lott...-->continua

22/09/2018 - COVELLA (VenosaPensa): su “Masseria La Rocca" il M5S si gioca la faccia

Dopo la sentenza del Consiglio di Stato che annulla i provvedimenti con cui la Regione Basilicata aveva bloccato l’iter autorizzativo del permesso di ricerca di idrocarburi denominato “Masseria La Rocca”, si apre una partita molto significativa per la politica...-->continua

22/09/2018 - Leggieri M5s su nuovo pericolo FORSU a San Nicola di Melfi

Un nuovo impianto per il trattamento della frazione organica di rifiuti solidi urbani potrebbe essere realizzato nella zona industriale di San Nicola di Melfi.

Come ho denunciato più volte in questi anni, l'area del Vulture e l'intera Basilicata hanno...-->continua

22/09/2018 - Castelluccio:su annuncio Salvini stazione carabinieri Scanzano

L’auspicio è che l’annuncio del Ministro Salvini di dotare Scanzano Jonico, finalmente, della stazione dei carabinieri, non faccia la fine di quello del precedente viceministro all’Interno Bubbico dei Governi Renzi-Gentiloni. E’ il commento del consigliere reg...-->continua

22/09/2018 - Braia: #GustoBasilicata da Terra Madre il buon cibo verso Matera 2019

“Cibo, turismo e salute sono le direttrici dell’agroalimentare del futuro. Sarà proprio la Capitale Europea della cultura 2019 ospitata a Matera il luogo prioritario dove veicolare i messaggi forti che abbiamo voluto far partire proprio dalla riflessione sulla...-->continua

22/09/2018 - Fame di DIRITTI, DEMOCRAZIA, CONOSCENZA, DIBATTITO, STATO DI DIRITTO, GIUSTIZIA.

Di Maurizio Bolognetti, segretario di Radicali Lucani (in sciopero della fame dalle ore 23.59 dell’11 settembre)

Dialogo, questo è la nonviolenza (non staccato). Io non minaccio "estreme conseguenze", non ricatto, provo solo a dar corpo alla mia fame ...-->continua






WEB TV
L'eredità di Angela
di Mariapaola Vergallito

Angela Ferrara viveva in un paese, Cersosimo, che siamo abituati a raccontare soltanto spulciando le colonnine infinite dei dati sullo spopolamento. Un paese incastonato tra le montagne del Pollino, in una valle bellissima; uno di quei borghi che non vedi da lontano, ma solo quando esci dalla statale per aggrapparti nei tornanti che collegano l’entroterra lucano a quello calabrese. Negli anni saranno stati tanti i giovani che hanno guardato questo paese con un presentimento di sconfitta. Angela Ferrara no. Lo dimostrava con i fatti, non con le parole. Anche se le parole erano compagne preziose. Quelle con le quali Angela amava giocare per raccontare il mondo attraverso la bellezza della poesia e attraverso i suoi racconti. Quelle che, in queste ore, ...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo