HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

M5S: su ennesima mancanza numero legale del consiglio regionale di Basilicata

6/12/2017

All’indomani delle elezioni del nuovo segretario del PD lucano, c’è l’ennesima dimostrazione della totale disattenzione e mancanza di rispetto della maggioranza pittelliana verso i lucani. Per Pittella, Polese e soci, evidentemente, contano solo i problemi interni al Partito Democratico lucano. Problemi di equilibri tra correnti e spartizione di poltrone che stanno paralizzando da mesi l’attività del Consiglio Regionale e la macchina amministrativa: uno spettacolo indegno e inaccettabile soprattutto quando in discussione ci sono atti che interessano i cittadini e non i sodali del sistema pittelliano. La Giunta regionale ritiene di poter procedere ancora nella navigazione a vista sotto la bandiera del “tutto a posto”: uno stile di governo che condanna la Basilicata alla deriva.

Esausti per la lotta interna al PD, gli esponenti della maggioranza hanno deciso di ridurre al minimo i lavori del Consiglio, privandoci della possibilità di discutere di provvedimenti importanti scritti solo nell’interesse del popolo lucano. Sul senso di responsabilità continua a prevalere l’ingordigia delle correnti e fazioni interne al PD e delle altre “microcomponenti” della maggioranza: si ripetono assenze tattiche che fanno mancare i numeri in aula consiliare, nel corso delle sedute, paralizzando le prerogative ispettive e legislative dei consiglieri soprattutto di opposizione.

Purtroppo, anche in questa seduta, non c’è stato il tempo per discutere e far votare la nostra mozione sul futuro di Fca di San Nicola di Melfi e la nostra proposta di legge c.d “Zero Privilegi”. Anche se a parole, tutti mostrano di essere sensibili verso queste tematiche care al Movimento 5 Stelle ma, nei fatti, la vecchia classe politica lucana appare essere interessata esclusivamente alla propria sopravvivenza.

I cittadini lucani con il fardello quotidiano, sempre più gravoso di problemi che portano sulle spalle, devono rassegnarsi ad attendere tempi migliori, mentre gli avvoltoi della politica nostrana terminano il loro pasto con quello che rimane della carcassa regionale.

Sarebbe probabilmente opportuno che, considerata la conclamata impossibilità di continuare a espletare compiutamente il proprio mandato, Pittella ne traesse le conseguenze, dimettendosi, e ponendo la parola “fine” a questo esasperante e puerile “gioco delle parti”. Per i lucani, vittime di decenni di malgoverno, sarebbe la sospirata liberazione dal giogo della malapolitica.

Solo con il M5S alla guida della Regione si avrà la possibilità di far governare la Basilicata ai cittadini, esautorando i ras di partito e le note e fameliche lobby e multinazionali di ogni sorta.



Gianni Perrino

Gianni Leggieri

Portavoce M5S Basilicata – Consiglio Regionale



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
13/12/2017 - Leggieri e Perrino (M5S): contenti per l’approvazione della risoluzione su FCA

Lieti del risultato raggiunto in aula quest’oggi, rappresentato dall’approvazione della risoluzione su FCA Melfi. Al netto delle stucchevoli discussioni di inizio seduta, la risoluzione approvata appare molto importante anche se, ora, occorre passare dalle parole ai fatti e ...-->continua

13/12/2017 - 'Masseria La Rocca', Regione presenta ricorso al Consiglio di Stato

“Non abbiamo mai abbassato la guardia sulla delicata vicenda delle estrazioni petrolifere nella zona di Masseria La Rocca a Brindisi Montagna. Al contrario manteniamo alta l’attenzione e continueremo a farlo anche venerdì prossimo nel corso di un incontro a Ro...-->continua

13/12/2017 - Cifarelli in Consiglio su situazione Fca Melfi

“Non possiamo fermarci al rituale tavolo tecnico regionale, le strategie Fca hanno un profilo sovranazionale che per forza di cose deve vedere il governo centrale interlocutore diretto del gruppo: non sono la Regione Basilicata o la Regione Campania a chiedere...-->continua

13/12/2017 - G.Rosa sull’individuazione delle ZES

Continua l’incessante delegittimazione del Consiglio regionale da parte di Pittella&Co.. Lo abbiamo ribadito oggi durante la seduta consiliare chiedendo che la individuazione delle zone economiche speciali lucane passi attraverso il dibattito nella massima Ass...-->continua

13/12/2017 - Presentazione del coordinamento cittadino FdI di Filiano

Si svolgerà a Filiano, presso il Centro sociale ‘Prof. Lorusso’ della biblioteca comunale, giovedì 14 dicembre alle ore 18, la presentazione del coordinamento cittadino filianese di Fratelli d’Italia.

Sarà altresì l’occasione per discutere, con il Con...-->continua

13/12/2017 - Pittella ha incontrato delegazione Consiglio Montescaglioso sulla vicenda frana

Nella giornata di martedì 12 dicembre, presso la Sala Giunta della Regione Basilicata, il Governatore Marcello Pittella ha ricevuto la delegazione del Consiglio Comunale di Montescaglioso, del Cottam e della Confapi - Matera, al fine di garantire una risoluzio...-->continua

13/12/2017 - M5s Venosa sul futuro dell’Ospedale di Venosa

A seguito dell’interrogazione presentata nei giorni scorsi dal Movimento 5 Stelle Venosa sulla situazione dell’Oculistica e, più in generale, sulle prospettive future del nosocomio venosino, ieri sera si è tenuto un consiglio comunale aperto che ha visto la pa...-->continua







WEB TV

Warning: mysql_data_seek(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in D:\inetpub\webs\lasiritideit\canestro.php on line 628
Se la tecnologia aumenta il baratro tra le generazioni
di Mariapaola Vergallito

Poco tempo fa mi ha fatto riflettere lo slogan usato a chiosa di una pubblicità della Samsung sulla realtà virtuale. Per intenderci: quello spot (molto bello, per la verità) in cui si vedono alcuni studenti correre su una pianura in mezzo ai dinosauri ma, in realtà, sono nella loro classe. Alla fine di quello spot lo slogan recitava più o meno così: quello che per la generazione precedente era impossibile, la generazione successiva lo ha già realizzato. Vero e inquietante.

Sono nata all’inizio degli anni Ottanta. Ho vissuto la mia infanzia e la mia adolescenza, periodi cruciali per la vita di ognuno, tra gli anni Ottanta e gli anni Novanta, anni in cui gli strumenti che avevamo per approcciarci al mondo e, soprattutto, per far entrare il mon...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo