HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

M5S: su ennesima mancanza numero legale del consiglio regionale di Basilicata

6/12/2017

All’indomani delle elezioni del nuovo segretario del PD lucano, c’è l’ennesima dimostrazione della totale disattenzione e mancanza di rispetto della maggioranza pittelliana verso i lucani. Per Pittella, Polese e soci, evidentemente, contano solo i problemi interni al Partito Democratico lucano. Problemi di equilibri tra correnti e spartizione di poltrone che stanno paralizzando da mesi l’attività del Consiglio Regionale e la macchina amministrativa: uno spettacolo indegno e inaccettabile soprattutto quando in discussione ci sono atti che interessano i cittadini e non i sodali del sistema pittelliano. La Giunta regionale ritiene di poter procedere ancora nella navigazione a vista sotto la bandiera del “tutto a posto”: uno stile di governo che condanna la Basilicata alla deriva.

Esausti per la lotta interna al PD, gli esponenti della maggioranza hanno deciso di ridurre al minimo i lavori del Consiglio, privandoci della possibilità di discutere di provvedimenti importanti scritti solo nell’interesse del popolo lucano. Sul senso di responsabilità continua a prevalere l’ingordigia delle correnti e fazioni interne al PD e delle altre “microcomponenti” della maggioranza: si ripetono assenze tattiche che fanno mancare i numeri in aula consiliare, nel corso delle sedute, paralizzando le prerogative ispettive e legislative dei consiglieri soprattutto di opposizione.

Purtroppo, anche in questa seduta, non c’è stato il tempo per discutere e far votare la nostra mozione sul futuro di Fca di San Nicola di Melfi e la nostra proposta di legge c.d “Zero Privilegi”. Anche se a parole, tutti mostrano di essere sensibili verso queste tematiche care al Movimento 5 Stelle ma, nei fatti, la vecchia classe politica lucana appare essere interessata esclusivamente alla propria sopravvivenza.

I cittadini lucani con il fardello quotidiano, sempre più gravoso di problemi che portano sulle spalle, devono rassegnarsi ad attendere tempi migliori, mentre gli avvoltoi della politica nostrana terminano il loro pasto con quello che rimane della carcassa regionale.

Sarebbe probabilmente opportuno che, considerata la conclamata impossibilità di continuare a espletare compiutamente il proprio mandato, Pittella ne traesse le conseguenze, dimettendosi, e ponendo la parola “fine” a questo esasperante e puerile “gioco delle parti”. Per i lucani, vittime di decenni di malgoverno, sarebbe la sospirata liberazione dal giogo della malapolitica.

Solo con il M5S alla guida della Regione si avrà la possibilità di far governare la Basilicata ai cittadini, esautorando i ras di partito e le note e fameliche lobby e multinazionali di ogni sorta.



Gianni Perrino

Gianni Leggieri

Portavoce M5S Basilicata – Consiglio Regionale



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
23/06/2018 - I lavori del consiglio comunale di Pisticci

Il Consiglio Comunale di Pisticci si è riunito a Marconia per una seduta ordinaria incentrata su ben nove punti all’ordine del giorno: la massima assise cittadina si è aperta con un minuto di silenzio per la prematura scomparsa di un giovane pisticcese, travolto da un tir su...-->continua

23/06/2018 - Il parco risponde all’ennesimo attacco di Legambiente

“L’attenzione riservata da Legambiente Basilicata, e dal responsabile delle aree protette, al Parco Nazionale dell’Appennino Lucano è giunta ormai ai livelli della insostenibilità, sia per le falsità con le quali si riempiono giornali e dossier (nei quali l’as...-->continua

22/06/2018 - L’Ordine dei Giornalisti della Basilicata su scomparsa di Leonardo Sacco

La scomparsa di Leonardo Sacco lascia un vuoto enorme nel mondo della cultura in Basilicata.
Studioso, giornalista, ma soprattutto memoria storica e coscienza critica di Matera, della Basilicata, del Mezzogiorno d’Italia, Sacco è stato un grande testimone ...-->continua

22/06/2018 - Comitato Metasiris: parte anche la raccolta firme su Change.org

“Ciò che è emerso dalla risposta della Rai al Consigliere Regionale Gianni Leggieri è una verità che da tempo stiamo evidenziando. Tante persone, senza ragione ma per voci non fondate e non sancite da alcun atto formale, davano per scontato il Capodanno a Veno...-->continua

22/06/2018 - Psr: due milioni di euro ai Comuni, firmati i decreti della misura 7.4

“Si parte con l’attuazione delle 21 progettualità finanziabili con le risorse appostate relative ai servizi nei comuni. Firmati oggi i decreti di concessione della Misura 7.4 del Psr Basilicata 2014-2020”.
Lo comunica l’assessore regionale alle Politiche a...-->continua

22/06/2018 - ‘La Provincia di Potenza non dimentichi la periferia dell'impero’

E' la storia di sempre che si ripete. Più lontani si è dal sole e meno ci si conta. E la Provincia di Potenza e suoi comuni di competenza non sfuggono a questa ferrea legge del "sole che scalda chi è più vicino".
Se poi mettiamo che Terranova del Pollino è...-->continua

21/06/2018 - Policoro: Modarelli (Fi) su accesso spiagge diversamente abili

Mare, sole e spiaggia, durante le stagione estiva, sono sinonimo di riposo e divertimento, ma non per tutti è così. La stagione estiva è ormai iniziata ma per le persone diversamente abili sembra solo un’utopia. Le persone con difficoltà motorie ed affette d...-->continua






WEB TV
Dice che era un bel torrente ma non andava più al mare
di Mariapaola Vergallito

“Dice che era un bel progetto e serviva a creare/ la deviazione di un torrente per distrarlo dal mare; ma dall’idea alla realizzazione passarono 40 anni, giusto il tempo di essere deviata e l’acqua cominciò a far danni”.

Scusate, non ho resistito. E’ 4 marzo, del resto, e chiedo scusa a Lucio Dalla per questa scapestrata citazione. C’è qualcun altro, però, che dovrebbe chiedere scusa, oggi. Proprio oggi che il torrente Sarmento, deviato in parte dal suo corso naturale, immette un bottino idrico di 80 milioni di metri cubi in più all’anno nel grande invaso di Montecotugno. Serve a completare lo schema idrico del Sinni, per un progetto cominciato negli anni Settanta, quando la Democrazia Cristiana e il Partito Comunista erano i due grandi partit...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo