HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Mediterrano no scorie. Incidente Basentana: l'olio esausto e' ancora tutto lì?

13/11/2017

Il giorno 7 novembre avevamo subito segnalato la gravita dell’incidente accaduto sulla Basentana all’altezza dell’incrocio tra Salandra e Grassano e dove un’autocisterna che trasportava olio esausto si è ribaltata e svernando il rifiuto pericoloso sulla strada e di conseguenza nelle cunette.
( fonte:clicca per l'articolo su sassilive.it
).
Non era difficile immaginare l’enorme impatto che la perdita di rifiuti estremamente pericolosi avrebbe avuto per l’ambiente eppure dal reportage di JonicaTV (https://www.youtube.com/watch?v=pU7slVNSvHE&feature=youtu.be) apprendiamo che il rifacimento dell’asfalto è stato eseguito seppur con grave disagio per il traffico interrotto per molte ore ma, purtroppo, l’olio esausto che si è svernato nelle cunette è rimasto ancora lì.
Dal video emerge chiaramente la presenza di macchie nere in grande quantità nelle cunette ai lati della carreggiata.
Si tratta di terreno inquinato che nessuno ha rimosso e che rimane lì, situazione che è  estremamente pericolosa perché con il sopraggiungere delle piogge il rifiuto pericoloso potrebbe espandersi ancor di più.
Si deve intervenire con urgenza e immediatezza rimuovendo il terreno contaminato per scongiurare altri e più pericolose conseguenze per l’ambiente, per la salute dei cittadini ma anche per la loro sicurezza.
Inoltre, la denuncia del Sindaco di Salandra che precisa di non essere stato in alcun modo informato della gravità dell’accaduto, evidenzia l’anomalia tutta Lucana e relativa al continuo corto circuito tra le istituzioni.
Eppure i Sindaci sono la massima autorità sanitaria e dovrebbero sapere sempre cosa accade nel loro territorio soprattutto quando si tratta di questioni che possono avere impatti per la salute e la sicurezza dei cittadini.
Non è più possibile rinviare l’attuazione del Piano dei Trasporti dei rifiuti pericolosi che transitano sulle strade lucane al fine di consentire a tutti i Sindaci di avere una puntuale e rigorosa informazione e soprattutto per poter garantire la sicurezza e l’incolumità dei cittadini e quindi anche la loro salute.
Il terreno contaminato dal ribaltamento dell’autocisterna che trasportava olio esausto, la mancata tempestiva informazione ai sindaci, il fatto che il terreno contaminato sia ancora lì dimostra che in Basilicata vi è assoluta approssimazione nell’affrontare situazioni estremamente pericolose.
Intanto, la Regione deve dare subito informazioni puntuali alle istituzioni locali e ai cittadini in merito ai tempi di bonifica del terreno e soprattutto deve procedere immediatamente al monitoraggio delle falde acquifere e dei terreni.
L’autorità giudiziaria dal canto suo, dovrebbe verificare le responsabilità non solo dell’incidente ma anche delle eventuali omesse informazioni in materia di sicurezza per i cittadini e di tutela per l’ambiente.

MEDITERRANO NO SCORIE ( già Mediterrnaneo No triv)



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
24/11/2017 - Braia: pagamenti Vie Blu e approvazione completamento progetti Ivam e Greenriver

“Approvati i provvedimenti volti ad assicurare il pagamento delle giornate effettuate e delle mensilità in ritardo agli addetti forestali dei progetti speciali Vie Blu e per il completamento dei progetti Ivam e Greenriver.”
Lo comunica l’Assessore alle Politiche Agricol...-->continua

24/11/2017 - Braia: forestazione, ufficializzata graduatoria provvisoria per circa 10 Meuro

“Come annunciato nei giorni scorsi, in linea con gli impegni presi, sono state completate da parte dell’ufficio Foreste, le istruttorie dei progetti a valere sul bando misura 8.5 del Psr Basilicata 2014-2020, che finanzia “investimenti diretti ad accrescere la...-->continua

24/11/2017 - Poli innovativi per l’infanzia, approvata graduatoria

La Giunta regionale ha approvato la graduatoria relativa al bando “Inail – Poli innovativi per l’infanzia”. Lo rende noto l’assessore regionale alle Attività produttive, Roberto Cifarelli.
A risultare primo in graduatoria è il Comune di Policoro che ha ric...-->continua

24/11/2017 - G.Rosa sulla frana di Montescaglioso

Il progetto per la messa in sicurezza della frana di Montescaglioso è fuori dagli interventi urgenti e prioritari per la mitigazione del rischio idrogeologico. Non verrà finanziato.

Abbiamo presentato un’interrogazione a risposta immediata per chieder...-->continua

24/11/2017 - Petrullo FdI-AN sulla vicenda Santarsiero

Il candidato alla segreteria del PD Santarsiero invoca coerenza di partito nelle vicende comunali, concludendo con una chiara richiesta all’assessore Celi di uscire dalla giunta.

La Celi non ci sente non riconoscendo a Santarsiero un potere di diretti...-->continua

24/11/2017 - Idv: a Senise prosegue impegno per annullare cartelle esattoriali agricoltori

L’ annullamento delle cartelle esattoriali emesse per conto del Consorzio di Bonifica Val d’Agri nei confronti di numerosi agricoltori di Senise continua ad essere per IdV una battaglia prioritaria perché riguarda aspetti formali – un tributo che, come h...-->continua

24/11/2017 - A Matera una giornata formativa su “Film education”

La Regione Basilicata, Ufficio Sistemi culturali e turistici, insieme al Creative Europe Desk Media Italia - Ufficio di Bari e alla Lucana Film Commission, ha promosso per il 5 dicembre a partire dalle 9.30, nella mediateca di Matera, in piazza Vittorio Veneto...-->continua







WEB TV

Warning: mysql_data_seek(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in D:\inetpub\webs\lasiritideit\canestro.php on line 628
Se la tecnologia aumenta il baratro tra le generazioni
di Mariapaola Vergallito

Poco tempo fa mi ha fatto riflettere lo slogan usato a chiosa di una pubblicità della Samsung sulla realtà virtuale. Per intenderci: quello spot (molto bello, per la verità) in cui si vedono alcuni studenti correre su una pianura in mezzo ai dinosauri ma, in realtà, sono nella loro classe. Alla fine di quello spot lo slogan recitava più o meno così: quello che per la generazione precedente era impossibile, la generazione successiva lo ha già realizzato. Vero e inquietante.

Sono nata all’inizio degli anni Ottanta. Ho vissuto la mia infanzia e la mia adolescenza, periodi cruciali per la vita di ognuno, tra gli anni Ottanta e gli anni Novanta, anni in cui gli strumenti che avevamo per approcciarci al mondo e, soprattutto, per far entrare il mon...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo