HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Ramunno FdI-AN ritorna sulla vicenza del murales

20/10/2017

Più che muro della speranza io proporrei di ribattezzarlo il muro del pianto.

La vicenda del Murales con la raffigurazione del Presidente Pittella si tinge di risvolti grotteschi, grazie alle giustificazioni di chi, pare, abbia partorito l’idea relativa alla realizzazione del muro e del murales e cioè del Signor Sindaco di Rivello, Antonio Manfredelli.

In politica la forma è sostanza e a volte la toppa è peggio del buco. Bastava chiedere semplicemente scusa a tutta la comunità Lucana e dire ci siamo sbagliati. Lo spessore degli uomini si misura anche dalla capacità di riconoscere i propri errori e i propri difetti e dal coraggio di fare autocritica.

Ma andiamo per gradi. Primo: spendere i soldi delle royalties del petrolio per la realizzazione di un muro e di un murales, qualunque sia il soggetto raffigurato, anziché utilizzarli per creare sviluppo e lavoro, significa, per quanto ci riguarda, sperperare danaro pubblico. Secondo: pensare che un murales, da chiunque sia realizzato, possa essere un attrattore turistico, significa non aver capito nulla di promozione turistica, di marketing del territorio, di valorizzazione della nostra Terra. Terzo: Dire, sorridendo, di non sentirsi come il dittatore della repubblica nordcoreana è smentito dalla sostanza di questa triste vicenda. Il culto della personalità di qualcuno è degno solo delle peggiori dittature.

Quarto: dichiarare di non far più parte del PD e di stare nel partito di Speranza, non si capisce bene che tipo di giustificazione sarebbe: le idee sbagliate e gli errori, si commettono a prescindere dal partito di appartenenza; in questo caso le dichiarazioni del Sindaco sono la dimostrazione che PD e MDP sono due facce della stessa medaglia.

Quinto: giustificare la presenza del Governatore sul murales con la richiesta di un finanziamento è l’emblema del servilismo compiacente di alcuni amministratori lucani, a prescindere dal partito di appartenenza.

Sesto: accostare la storia della nostra meravigliosa e amata Regione, con la raffigurazione di un patto scellerato, attraverso cui si vuol trasformare la nostra terra in un ghetto di immigrati clandestini è semplicemente disgustoso.

In ultimo, considerato che si sono tirate in ballo anche le scuole e il carattere didattico di questa “opera”, vorrei sommessamente ricordare che le scuole lucane stanno cadendo letteralmente a pezzi, come la scuola di Rionero in Vulture in cui l’amministrazione è stata costretta a trasformare il centro sociale in edificio scolastico e in altri posti, come Muro Lucano, non è garantito il trasporto pubblico degli studenti per mancanza di fondi pari a 30 mila euro.

C’è bisogno di aggiungere altro? Si: VERGOGNATEVI!

Potenza, 20 Ottobre 2017

Donato Ramunno

Dirigente Nazionale Fratelli d’Italia – AN




archivio

ALTRI

La Voce della Politica
24/11/2017 - Braia: pagamenti Vie Blu e approvazione completamento progetti Ivam e Greenriver

“Approvati i provvedimenti volti ad assicurare il pagamento delle giornate effettuate e delle mensilità in ritardo agli addetti forestali dei progetti speciali Vie Blu e per il completamento dei progetti Ivam e Greenriver.”
Lo comunica l’Assessore alle Politiche Agricol...-->continua

24/11/2017 - Braia: forestazione, ufficializzata graduatoria provvisoria per circa 10 Meuro

“Come annunciato nei giorni scorsi, in linea con gli impegni presi, sono state completate da parte dell’ufficio Foreste, le istruttorie dei progetti a valere sul bando misura 8.5 del Psr Basilicata 2014-2020, che finanzia “investimenti diretti ad accrescere la...-->continua

24/11/2017 - Poli innovativi per l’infanzia, approvata graduatoria

La Giunta regionale ha approvato la graduatoria relativa al bando “Inail – Poli innovativi per l’infanzia”. Lo rende noto l’assessore regionale alle Attività produttive, Roberto Cifarelli.
A risultare primo in graduatoria è il Comune di Policoro che ha ric...-->continua

24/11/2017 - G.Rosa sulla frana di Montescaglioso

Il progetto per la messa in sicurezza della frana di Montescaglioso è fuori dagli interventi urgenti e prioritari per la mitigazione del rischio idrogeologico. Non verrà finanziato.

Abbiamo presentato un’interrogazione a risposta immediata per chieder...-->continua

24/11/2017 - Petrullo FdI-AN sulla vicenda Santarsiero

Il candidato alla segreteria del PD Santarsiero invoca coerenza di partito nelle vicende comunali, concludendo con una chiara richiesta all’assessore Celi di uscire dalla giunta.

La Celi non ci sente non riconoscendo a Santarsiero un potere di diretti...-->continua

24/11/2017 - Idv: a Senise prosegue impegno per annullare cartelle esattoriali agricoltori

L’ annullamento delle cartelle esattoriali emesse per conto del Consorzio di Bonifica Val d’Agri nei confronti di numerosi agricoltori di Senise continua ad essere per IdV una battaglia prioritaria perché riguarda aspetti formali – un tributo che, come h...-->continua

24/11/2017 - A Matera una giornata formativa su “Film education”

La Regione Basilicata, Ufficio Sistemi culturali e turistici, insieme al Creative Europe Desk Media Italia - Ufficio di Bari e alla Lucana Film Commission, ha promosso per il 5 dicembre a partire dalle 9.30, nella mediateca di Matera, in piazza Vittorio Veneto...-->continua







WEB TV

Warning: mysql_data_seek(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in D:\inetpub\webs\lasiritideit\canestro.php on line 628
Se la tecnologia aumenta il baratro tra le generazioni
di Mariapaola Vergallito

Poco tempo fa mi ha fatto riflettere lo slogan usato a chiosa di una pubblicità della Samsung sulla realtà virtuale. Per intenderci: quello spot (molto bello, per la verità) in cui si vedono alcuni studenti correre su una pianura in mezzo ai dinosauri ma, in realtà, sono nella loro classe. Alla fine di quello spot lo slogan recitava più o meno così: quello che per la generazione precedente era impossibile, la generazione successiva lo ha già realizzato. Vero e inquietante.

Sono nata all’inizio degli anni Ottanta. Ho vissuto la mia infanzia e la mia adolescenza, periodi cruciali per la vita di ognuno, tra gli anni Ottanta e gli anni Novanta, anni in cui gli strumenti che avevamo per approcciarci al mondo e, soprattutto, per far entrare il mon...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo