HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Ramunno FdI-AN ritorna sulla vicenza del murales

20/10/2017

Più che muro della speranza io proporrei di ribattezzarlo il muro del pianto.

La vicenda del Murales con la raffigurazione del Presidente Pittella si tinge di risvolti grotteschi, grazie alle giustificazioni di chi, pare, abbia partorito l’idea relativa alla realizzazione del muro e del murales e cioè del Signor Sindaco di Rivello, Antonio Manfredelli.

In politica la forma è sostanza e a volte la toppa è peggio del buco. Bastava chiedere semplicemente scusa a tutta la comunità Lucana e dire ci siamo sbagliati. Lo spessore degli uomini si misura anche dalla capacità di riconoscere i propri errori e i propri difetti e dal coraggio di fare autocritica.

Ma andiamo per gradi. Primo: spendere i soldi delle royalties del petrolio per la realizzazione di un muro e di un murales, qualunque sia il soggetto raffigurato, anziché utilizzarli per creare sviluppo e lavoro, significa, per quanto ci riguarda, sperperare danaro pubblico. Secondo: pensare che un murales, da chiunque sia realizzato, possa essere un attrattore turistico, significa non aver capito nulla di promozione turistica, di marketing del territorio, di valorizzazione della nostra Terra. Terzo: Dire, sorridendo, di non sentirsi come il dittatore della repubblica nordcoreana è smentito dalla sostanza di questa triste vicenda. Il culto della personalità di qualcuno è degno solo delle peggiori dittature.

Quarto: dichiarare di non far più parte del PD e di stare nel partito di Speranza, non si capisce bene che tipo di giustificazione sarebbe: le idee sbagliate e gli errori, si commettono a prescindere dal partito di appartenenza; in questo caso le dichiarazioni del Sindaco sono la dimostrazione che PD e MDP sono due facce della stessa medaglia.

Quinto: giustificare la presenza del Governatore sul murales con la richiesta di un finanziamento è l’emblema del servilismo compiacente di alcuni amministratori lucani, a prescindere dal partito di appartenenza.

Sesto: accostare la storia della nostra meravigliosa e amata Regione, con la raffigurazione di un patto scellerato, attraverso cui si vuol trasformare la nostra terra in un ghetto di immigrati clandestini è semplicemente disgustoso.

In ultimo, considerato che si sono tirate in ballo anche le scuole e il carattere didattico di questa “opera”, vorrei sommessamente ricordare che le scuole lucane stanno cadendo letteralmente a pezzi, come la scuola di Rionero in Vulture in cui l’amministrazione è stata costretta a trasformare il centro sociale in edificio scolastico e in altri posti, come Muro Lucano, non è garantito il trasporto pubblico degli studenti per mancanza di fondi pari a 30 mila euro.

C’è bisogno di aggiungere altro? Si: VERGOGNATEVI!

Potenza, 20 Ottobre 2017

Donato Ramunno

Dirigente Nazionale Fratelli d’Italia – AN




archivio

ALTRI

La Voce della Politica
9/12/2018 - 9 Dicembre Giornata mondiale contro la corruzione

Il 9 dicembre si celebra la Giornata Internazionale contro la Corruzione
Indetta dalle Nazioni Unite, con lo scopo di sensibilizzare le persone su questo fenomeno distruttivo e sugli effetti che può avere nella società.

La corruzione è un fenomeno sociale, poli...-->continua

9/12/2018 - Autismo, Gemmato (fdi): "accolto come raccomandazione il mio odg al dl bilancio"

"È stato accolto come raccomandazione il mio odg al dl Bilancio con cui si impegnava il Governo a valutare l'opportunità di aumentare le risorse del Fondo per l'Autismo per garantire la tutela costituzionale della salute, il miglioramento delle condizioni di v...-->continua

9/12/2018 - Med NoTRiv: Sindyal rinuncia all’impianto chimico di trattamento

E’ con vera soddisfazione che gli attivisti di Mediterraneo No Triv , in particolare l’avv. Giovanna Bellizzi, l’ing. Antonio Alberti e l’avv. Antonio Grazia Romano, informano tutti i cittadini Lucani , ed in particolare della Val D’Agri, che in data 23 Novemb...-->continua

9/12/2018 - Salvini si dice pronto per la Basilicata

Straordinario successo lo scorso 8 dicembre, in Piazza del Popolo a Roma, per l’evento organizzato dalla Lega del Capitano Matteo Salvini. Migliaia le persone, famiglie, donne, bimbi, che sono accorse da tutta Italia con ogni mezzo, per rispondere all’appello ...-->continua

9/12/2018 - Confesercenti: a Potenza vendite natalizie in calo tra il 10 e il 12 p.c.

Non sarà certamente il “dono natalizio” del sindaco di Potenza De Luca che rigurda la defiscalizzazione delle attività commerciali del centro storico a salvare il Natale dei commercianti potentini. E’ il commento del presidente provinciale di Potenza di Confes...-->continua

8/12/2018 - Fim Cisl, lunedì 10 dicembre a Matera convegno sul futuro del lavoro

Come sarà il lavoro del futuro? Quali saranno le competenze necessarie per non restare esclusi dalla quarta rivoluzione industriale? E come dovrà cambiare il sindacato per rappresentare le nuove forme del lavoro? Sono alcune delle domande che saranno al centro...-->continua

8/12/2018 - Agricoltura: ecco le novità previste dalla legge di bilancio

Fermo pesca, catasto ortofrutticolo, controlli antifrode, riduzione accise per i birrifici artigianali, apicoltura nonché sostegno alla filiera del legno e al contrasto alla Xylella. Il deputato L’Abbate (M5S) illustra le misure approvate dalla Camera per il p...-->continua






WEB TV
La vita raccolta in due ore e divisa in dieci scatoloni
di Mariapaola Vergallito

Chissà in che misura le nostre case sono fatte di oggetti accumulati che non guardiamo più e dei quali, forse, ci ricordiamo soltanto quando dobbiamo spolverare. Eppure c’è stato un momento, vicino o lontano non importa ma preciso, in cui la nostra mano ha posato quell’oggetto su quella mensola, nel cassetto, in un armadio, su un comò. Ci pensavo in queste ultime ore, guardandomi intorno nella casa in cui vivo appena da quattro anni; ma guardando anche i particolari della casa dei miei genitori, per esempio. O ricordando la stanza che ho vissuto a Roma da universitaria. Ci pensavo mentre ascoltavo le parole dei cittadini di Genova che sono costretti a fare inumana sintesi di quegli oggetti. Limitando una vita intera nel tempo e nello spazio. Il tempo ...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo