HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Ramunno FdI-AN ritorna sulla vicenza del murales

20/10/2017

Più che muro della speranza io proporrei di ribattezzarlo il muro del pianto.

La vicenda del Murales con la raffigurazione del Presidente Pittella si tinge di risvolti grotteschi, grazie alle giustificazioni di chi, pare, abbia partorito l’idea relativa alla realizzazione del muro e del murales e cioè del Signor Sindaco di Rivello, Antonio Manfredelli.

In politica la forma è sostanza e a volte la toppa è peggio del buco. Bastava chiedere semplicemente scusa a tutta la comunità Lucana e dire ci siamo sbagliati. Lo spessore degli uomini si misura anche dalla capacità di riconoscere i propri errori e i propri difetti e dal coraggio di fare autocritica.

Ma andiamo per gradi. Primo: spendere i soldi delle royalties del petrolio per la realizzazione di un muro e di un murales, qualunque sia il soggetto raffigurato, anziché utilizzarli per creare sviluppo e lavoro, significa, per quanto ci riguarda, sperperare danaro pubblico. Secondo: pensare che un murales, da chiunque sia realizzato, possa essere un attrattore turistico, significa non aver capito nulla di promozione turistica, di marketing del territorio, di valorizzazione della nostra Terra. Terzo: Dire, sorridendo, di non sentirsi come il dittatore della repubblica nordcoreana è smentito dalla sostanza di questa triste vicenda. Il culto della personalità di qualcuno è degno solo delle peggiori dittature.

Quarto: dichiarare di non far più parte del PD e di stare nel partito di Speranza, non si capisce bene che tipo di giustificazione sarebbe: le idee sbagliate e gli errori, si commettono a prescindere dal partito di appartenenza; in questo caso le dichiarazioni del Sindaco sono la dimostrazione che PD e MDP sono due facce della stessa medaglia.

Quinto: giustificare la presenza del Governatore sul murales con la richiesta di un finanziamento è l’emblema del servilismo compiacente di alcuni amministratori lucani, a prescindere dal partito di appartenenza.

Sesto: accostare la storia della nostra meravigliosa e amata Regione, con la raffigurazione di un patto scellerato, attraverso cui si vuol trasformare la nostra terra in un ghetto di immigrati clandestini è semplicemente disgustoso.

In ultimo, considerato che si sono tirate in ballo anche le scuole e il carattere didattico di questa “opera”, vorrei sommessamente ricordare che le scuole lucane stanno cadendo letteralmente a pezzi, come la scuola di Rionero in Vulture in cui l’amministrazione è stata costretta a trasformare il centro sociale in edificio scolastico e in altri posti, come Muro Lucano, non è garantito il trasporto pubblico degli studenti per mancanza di fondi pari a 30 mila euro.

C’è bisogno di aggiungere altro? Si: VERGOGNATEVI!

Potenza, 20 Ottobre 2017

Donato Ramunno

Dirigente Nazionale Fratelli d’Italia – AN




archivio

ALTRI

La Voce della Politica
25/06/2018 - XXI Festa della famiglia a Potenza

Si è svolta nel fine settimana la XXI edizione della Festa della famiglia 2018, promossa dal gruppo di volontariato “Solidarietà” di Potenza, da sempre impegnato nell’attività formativa rivolta alle famiglie adottive disponibili all’adozione internazionale.
A prendere p...-->continua

25/06/2018 - Appello centro destra: una nuova italia-basilicata disponibile a percorso comune

La “Nuova Italia-Basilicata”, movimento presente in numerose regioni e che di recente ha contribuito all’elezione di un consigliere regionale di centrodestra in Molise, accoglie il vostro appello ed è disponibile ad avviare un comune percorso verso le elezioni...-->continua

24/06/2018 - Iallorenzi:i cittadini di Satriano sono un bancomat elettorale

I Cittadini di Satriano sono diventati un bancomat per la giunta che amministra il paese. Lo dico dal 2013, le scelte in materia finanziaria e contributiva su alcuni ambiti quali, Rifiuti e servizi a domanda semplice, hanno tassato i cittadini di Satriano piu’...-->continua

23/06/2018 - I lavori del consiglio comunale di Pisticci

Il Consiglio Comunale di Pisticci si è riunito a Marconia per una seduta ordinaria incentrata su ben nove punti all’ordine del giorno: la massima assise cittadina si è aperta con un minuto di silenzio per la prematura scomparsa di un giovane pisticcese, travol...-->continua

23/06/2018 - Il parco risponde all’ennesimo attacco di Legambiente

“L’attenzione riservata da Legambiente Basilicata, e dal responsabile delle aree protette, al Parco Nazionale dell’Appennino Lucano è giunta ormai ai livelli della insostenibilità, sia per le falsità con le quali si riempiono giornali e dossier (nei quali l’as...-->continua

22/06/2018 - L’Ordine dei Giornalisti della Basilicata su scomparsa di Leonardo Sacco

La scomparsa di Leonardo Sacco lascia un vuoto enorme nel mondo della cultura in Basilicata.
Studioso, giornalista, ma soprattutto memoria storica e coscienza critica di Matera, della Basilicata, del Mezzogiorno d’Italia, Sacco è stato un grande testimone ...-->continua

22/06/2018 - Comitato Metasiris: parte anche la raccolta firme su Change.org

“Ciò che è emerso dalla risposta della Rai al Consigliere Regionale Gianni Leggieri è una verità che da tempo stiamo evidenziando. Tante persone, senza ragione ma per voci non fondate e non sancite da alcun atto formale, davano per scontato il Capodanno a Veno...-->continua






WEB TV
Dice che era un bel torrente ma non andava più al mare
di Mariapaola Vergallito

“Dice che era un bel progetto e serviva a creare/ la deviazione di un torrente per distrarlo dal mare; ma dall’idea alla realizzazione passarono 40 anni, giusto il tempo di essere deviata e l’acqua cominciò a far danni”.

Scusate, non ho resistito. E’ 4 marzo, del resto, e chiedo scusa a Lucio Dalla per questa scapestrata citazione. C’è qualcun altro, però, che dovrebbe chiedere scusa, oggi. Proprio oggi che il torrente Sarmento, deviato in parte dal suo corso naturale, immette un bottino idrico di 80 milioni di metri cubi in più all’anno nel grande invaso di Montecotugno. Serve a completare lo schema idrico del Sinni, per un progetto cominciato negli anni Settanta, quando la Democrazia Cristiana e il Partito Comunista erano i due grandi partit...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo