HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Ramunno FdI-AN ritorna sulla vicenza del murales

20/10/2017

Più che muro della speranza io proporrei di ribattezzarlo il muro del pianto.

La vicenda del Murales con la raffigurazione del Presidente Pittella si tinge di risvolti grotteschi, grazie alle giustificazioni di chi, pare, abbia partorito l’idea relativa alla realizzazione del muro e del murales e cioè del Signor Sindaco di Rivello, Antonio Manfredelli.

In politica la forma è sostanza e a volte la toppa è peggio del buco. Bastava chiedere semplicemente scusa a tutta la comunità Lucana e dire ci siamo sbagliati. Lo spessore degli uomini si misura anche dalla capacità di riconoscere i propri errori e i propri difetti e dal coraggio di fare autocritica.

Ma andiamo per gradi. Primo: spendere i soldi delle royalties del petrolio per la realizzazione di un muro e di un murales, qualunque sia il soggetto raffigurato, anziché utilizzarli per creare sviluppo e lavoro, significa, per quanto ci riguarda, sperperare danaro pubblico. Secondo: pensare che un murales, da chiunque sia realizzato, possa essere un attrattore turistico, significa non aver capito nulla di promozione turistica, di marketing del territorio, di valorizzazione della nostra Terra. Terzo: Dire, sorridendo, di non sentirsi come il dittatore della repubblica nordcoreana è smentito dalla sostanza di questa triste vicenda. Il culto della personalità di qualcuno è degno solo delle peggiori dittature.

Quarto: dichiarare di non far più parte del PD e di stare nel partito di Speranza, non si capisce bene che tipo di giustificazione sarebbe: le idee sbagliate e gli errori, si commettono a prescindere dal partito di appartenenza; in questo caso le dichiarazioni del Sindaco sono la dimostrazione che PD e MDP sono due facce della stessa medaglia.

Quinto: giustificare la presenza del Governatore sul murales con la richiesta di un finanziamento è l’emblema del servilismo compiacente di alcuni amministratori lucani, a prescindere dal partito di appartenenza.

Sesto: accostare la storia della nostra meravigliosa e amata Regione, con la raffigurazione di un patto scellerato, attraverso cui si vuol trasformare la nostra terra in un ghetto di immigrati clandestini è semplicemente disgustoso.

In ultimo, considerato che si sono tirate in ballo anche le scuole e il carattere didattico di questa “opera”, vorrei sommessamente ricordare che le scuole lucane stanno cadendo letteralmente a pezzi, come la scuola di Rionero in Vulture in cui l’amministrazione è stata costretta a trasformare il centro sociale in edificio scolastico e in altri posti, come Muro Lucano, non è garantito il trasporto pubblico degli studenti per mancanza di fondi pari a 30 mila euro.

C’è bisogno di aggiungere altro? Si: VERGOGNATEVI!

Potenza, 20 Ottobre 2017

Donato Ramunno

Dirigente Nazionale Fratelli d’Italia – AN




archivio

ALTRI

La Voce della Politica
22/09/2018 - Atreju 2018, la Lucania presente negli incontri: politica, potere e Petrolio

È iniziata ieri la tre giorni di Atreju, la festa della destra italiana. Nata con l’intento di essere la fucina di idee della nuova generazione dell’alternativa alla sinistra, Atreju è da sempre l’occasione per riunire il centrodestra e parlare di programmi.

Non è m...-->continua

22/09/2018 - Il Parco Appennino Lucano risponde all’ennesimo attacco da parte di Legambiente

Continua il tentativo sistematico da parte di Legambiente di screditare l’operato del Parco Nazionale dell’Appennino Lucano e dei suoi vertici. È ormai sotto gli occhi di tutti il fatto che l’associazione ambientalista ha come unico scopo in Basilicata la lott...-->continua

22/09/2018 - COVELLA (VenosaPensa): su “Masseria La Rocca" il M5S si gioca la faccia

Dopo la sentenza del Consiglio di Stato che annulla i provvedimenti con cui la Regione Basilicata aveva bloccato l’iter autorizzativo del permesso di ricerca di idrocarburi denominato “Masseria La Rocca”, si apre una partita molto significativa per la politica...-->continua

22/09/2018 - Leggieri M5s su nuovo pericolo FORSU a San Nicola di Melfi

Un nuovo impianto per il trattamento della frazione organica di rifiuti solidi urbani potrebbe essere realizzato nella zona industriale di San Nicola di Melfi.

Come ho denunciato più volte in questi anni, l'area del Vulture e l'intera Basilicata hanno...-->continua

22/09/2018 - Castelluccio:su annuncio Salvini stazione carabinieri Scanzano

L’auspicio è che l’annuncio del Ministro Salvini di dotare Scanzano Jonico, finalmente, della stazione dei carabinieri, non faccia la fine di quello del precedente viceministro all’Interno Bubbico dei Governi Renzi-Gentiloni. E’ il commento del consigliere reg...-->continua

22/09/2018 - Braia: #GustoBasilicata da Terra Madre il buon cibo verso Matera 2019

“Cibo, turismo e salute sono le direttrici dell’agroalimentare del futuro. Sarà proprio la Capitale Europea della cultura 2019 ospitata a Matera il luogo prioritario dove veicolare i messaggi forti che abbiamo voluto far partire proprio dalla riflessione sulla...-->continua

22/09/2018 - Fame di DIRITTI, DEMOCRAZIA, CONOSCENZA, DIBATTITO, STATO DI DIRITTO, GIUSTIZIA.

Di Maurizio Bolognetti, segretario di Radicali Lucani (in sciopero della fame dalle ore 23.59 dell’11 settembre)

Dialogo, questo è la nonviolenza (non staccato). Io non minaccio "estreme conseguenze", non ricatto, provo solo a dar corpo alla mia fame ...-->continua






WEB TV
L'eredità di Angela
di Mariapaola Vergallito

Angela Ferrara viveva in un paese, Cersosimo, che siamo abituati a raccontare soltanto spulciando le colonnine infinite dei dati sullo spopolamento. Un paese incastonato tra le montagne del Pollino, in una valle bellissima; uno di quei borghi che non vedi da lontano, ma solo quando esci dalla statale per aggrapparti nei tornanti che collegano l’entroterra lucano a quello calabrese. Negli anni saranno stati tanti i giovani che hanno guardato questo paese con un presentimento di sconfitta. Angela Ferrara no. Lo dimostrava con i fatti, non con le parole. Anche se le parole erano compagne preziose. Quelle con le quali Angela amava giocare per raccontare il mondo attraverso la bellezza della poesia e attraverso i suoi racconti. Quelle che, in queste ore, ...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo