HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

G.Rosa sulla gestione Acquedotto Lucano

20/10/2017

Il modello organizzativo di Acquedotto Lucano S.p.a. è stato oggetto di nostre osservazioni già qualche mese fa. Oggi ritorniamo sulla questione chiedendo pubblicamente conto, con un’interrogazione, della macchina amministrativa della Società che sembra insistere sull’equivalenza: Ente pubblico = Carrozzone politico.

Acquedotto Lucano, lo ricordiamo, è una società per azioni controllata da Regione e Comuni. Dal 3 Luglio 2015 si è deciso per un cambio di governance passando da un Consiglio di Amministrazione a 5 componenti ad un Amministratore Unico. Una scelta tutta politica che, a distanza di due anni, non ha fatto fare quel salto di qualità e modernità annunciato. Anzi.

Nell’arco di questi ultimi anni si è assistito a un continuo ampliamento dell’organigramma aziendale (ultimo aggiornamento con Delibera dell’Amministratore Unico n. 34 del 16/03/2017) che ha visto crescere il numero di aree/settori/uffici nella pianta organica e, nel contempo, dei relativi responsabili.

Aumentano gli uffici, aumentano i responsabili, aumentano le posizioni amministrative insomma. Come da ‘buona tradizione’ di tutti gli Enti pubblici in Basilicata. Un abuso i cui costi di gestione vanno ad incidere sul bilancio della Società, a discapito di investimenti più virtuosi, come lo sviluppo di infrastrutture e di, sempre più carenti, opere di manutenzione

Non solo. Da notizie informali, apprendiamo che, per l’assegnazione di ruoli di responsabilità, sono state riscontrate procedure anomale di progressione nelle carriere verticali dei dipendenti nominati, con doppi/tripli salti di livello e conseguenti adeguamenti dei rispettivi livelli retributivi, nonché elargizione di ‘premi ad personam’ senza criteri oggettivi.

Con l’intento di verificare quanto denunciato, abbiamo presentato un’interrogazione in cui chiediamo di conoscere l’elenco dettagliato delle progressioni di carriera del personale di Acquedotto Lucano S.p.A., con i relativi scatti di livello contrattuale, a partire dal 3 Luglio 2015 fino ad oggi e la pianta organica aggiornata e mansionata della Società con evidenza delle modifiche introdotte.

Se davvero si tratta di aumento ingiustificato della spesa pubblica, bisogna che la Società ne dia conto, prima di spalmare i costi sui bilanci futuri e, allo stesso tempo, che la Regione vigili attentamente prima di coprire ciecamente i buchi di bilancio.

Potenza, 20 Ottobre 2017

Gianni Rosa, Fratelli d’Italia - Alleanza Nazionale



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
25/06/2018 - XXI Festa della famiglia a Potenza

Si è svolta nel fine settimana la XXI edizione della Festa della famiglia 2018, promossa dal gruppo di volontariato “Solidarietà” di Potenza, da sempre impegnato nell’attività formativa rivolta alle famiglie adottive disponibili all’adozione internazionale.
A prendere p...-->continua

25/06/2018 - Appello centro destra: una nuova italia-basilicata disponibile a percorso comune

La “Nuova Italia-Basilicata”, movimento presente in numerose regioni e che di recente ha contribuito all’elezione di un consigliere regionale di centrodestra in Molise, accoglie il vostro appello ed è disponibile ad avviare un comune percorso verso le elezioni...-->continua

24/06/2018 - Iallorenzi:i cittadini di Satriano sono un bancomat elettorale

I Cittadini di Satriano sono diventati un bancomat per la giunta che amministra il paese. Lo dico dal 2013, le scelte in materia finanziaria e contributiva su alcuni ambiti quali, Rifiuti e servizi a domanda semplice, hanno tassato i cittadini di Satriano piu’...-->continua

23/06/2018 - I lavori del consiglio comunale di Pisticci

Il Consiglio Comunale di Pisticci si è riunito a Marconia per una seduta ordinaria incentrata su ben nove punti all’ordine del giorno: la massima assise cittadina si è aperta con un minuto di silenzio per la prematura scomparsa di un giovane pisticcese, travol...-->continua

23/06/2018 - Il parco risponde all’ennesimo attacco di Legambiente

“L’attenzione riservata da Legambiente Basilicata, e dal responsabile delle aree protette, al Parco Nazionale dell’Appennino Lucano è giunta ormai ai livelli della insostenibilità, sia per le falsità con le quali si riempiono giornali e dossier (nei quali l’as...-->continua

22/06/2018 - L’Ordine dei Giornalisti della Basilicata su scomparsa di Leonardo Sacco

La scomparsa di Leonardo Sacco lascia un vuoto enorme nel mondo della cultura in Basilicata.
Studioso, giornalista, ma soprattutto memoria storica e coscienza critica di Matera, della Basilicata, del Mezzogiorno d’Italia, Sacco è stato un grande testimone ...-->continua

22/06/2018 - Comitato Metasiris: parte anche la raccolta firme su Change.org

“Ciò che è emerso dalla risposta della Rai al Consigliere Regionale Gianni Leggieri è una verità che da tempo stiamo evidenziando. Tante persone, senza ragione ma per voci non fondate e non sancite da alcun atto formale, davano per scontato il Capodanno a Veno...-->continua






WEB TV
Dice che era un bel torrente ma non andava più al mare
di Mariapaola Vergallito

“Dice che era un bel progetto e serviva a creare/ la deviazione di un torrente per distrarlo dal mare; ma dall’idea alla realizzazione passarono 40 anni, giusto il tempo di essere deviata e l’acqua cominciò a far danni”.

Scusate, non ho resistito. E’ 4 marzo, del resto, e chiedo scusa a Lucio Dalla per questa scapestrata citazione. C’è qualcun altro, però, che dovrebbe chiedere scusa, oggi. Proprio oggi che il torrente Sarmento, deviato in parte dal suo corso naturale, immette un bottino idrico di 80 milioni di metri cubi in più all’anno nel grande invaso di Montecotugno. Serve a completare lo schema idrico del Sinni, per un progetto cominciato negli anni Settanta, quando la Democrazia Cristiana e il Partito Comunista erano i due grandi partit...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo