HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Mobilitazione della Fai Cisl a sostegno di un'agenda di riforme

12/10/2017

Una raccolta firme su tutto il territorio nazionale e, sabato 28 ottobre, una giornata di manifestazioni, presidi e sit in di fronte a tutte le Prefetture d'Italia: parte così la mobilitazione della Fai Cisl a sostegno di un'agenda di riforme su previdenza, occupazione, retribuzioni e contrasto allo sfruttamento nei comparti agroalimentari e ambientali.
Ad annunciarla Luigi Sbarra, segretario generale della Federazione, intervenuto a Matera nell'ambito del Comitato Esecutivo Nazionale della Categoria.
“Bisogna mettere in piedi un Patto generazionale – ha detto – che favorisca l’ingresso di tanti giovani nel mercato del lavoro e restituisca il diritto a una pensione serena a lavoratori impegnati in comparti tremendamente logoranti”. Per questo la Fai avanza proposte di riforma che "puntano, prima di tutto, ad abbassare l'età pensionabile dei lavoratori agricoli, degli addetti imbarcati della pesca, degli operai alimentaristi del comparto forestale e della bonifica, riconoscendo loro lo status di lavoro usurante". Condizione che permetterebbe di andare oltre la Legge Fornero, "consentendo il pensionamento con 35 anni di contributi".
Nella piattaforma Fai, anche "ammortizzatori sociali rafforzati e davvero universali, anche per le aziende sotto i quindici dipendenti, con il riconoscimento della disoccupazione agricola anche ai lavoratori agricoli a tempo indeterminato e il consolidamento della durata e dell’importo della Naspi, senza decalage".
Sotto il profilo contrattuale, la Fai Cisl invoca inoltre "l’innalzamento delle retribuzioni per i contratti agricoli di prestazione occasionale al livello della media dei contratti provinciali e la piena attuazione della Legge 199 contro il caporalato, con maggiori affidamenti bilaterali per il buon governo del mercato del lavoro agricolo".
Centrale, nei comparti ambientali, "la realizzazione di un piano nazionale contro il dissesto idrogeologico e di una legge per rilanciare il patrimonio forestale e ambientale italiano che individui anche una solida controparte pubblica per il rinnovo del contratto nazionale dei lavoratori forestali, atteso ormai da cinque lunghi anni".
"I settori agroalimentari e ambientali - ha concluso Sbarra - si reggono più di altri sulla qualità e sulla dignità del lavoro. Accogliere i punti della nostra piattaforma, allora, vuol dire non solo puntare al miglioramento delle condizioni dei lavoratori, ma anche al riscatto civile, morale, economico del Paese".



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
19/10/2017 - Sanità: oggi incontro a Lauria promosso dal Partito Democratico

Questo pomeriggio alle ore 18.00 a Lauria si terrà l'incontro "Sostenibilità del sistema salute. Sanità tra ospedale e territorio: opportunità e aspettative alla luce del riordino del Servizio Sanitario Regionale della Basilicata" , presso la Saletta Convegni (Ex Discoteca) ...-->continua

19/10/2017 - Adoc Basilicata offre assistenza per rimborso per ritardi di Poste italiane

Poste Italiane provvederà al rimborso delle spese di spedizione per i ritardi rispetto agli obiettivi stabiliti per ogni prodotto, nonché ovviamente per danneggiamento, perdita o smarrimento della spedizione, riconducibili agli eventi che hanno portato al bloc...-->continua

18/10/2017 - Agricoltura: ecco le novità previste con la revisione della PAC

Pronto per la votazione del 9 novembre al Parlamento europeo il Regolamento Omnibus della Politica Agricola Comune. Per L’Abbate (M5S), “raggiunti importanti obiettivi ma manca la visione futura della PAC post 2020”

La revisione di medio termine della...-->continua

18/10/2017 - 'Muro della speranza': dipartimento programmazione risponde a Rosa

In riferimento al comunicato stampa del consigliere Rosa (FdI) sul progetto il "Muro della Speranza" si precisa quanto segue.
L'Ufficio Programmazione della Regione Basilicata ha inteso accogliere l'utilità dell'iniziativa ritenendo positivo il coinvolgim...-->continua

18/10/2017 - Coldiretti: per il latte scatta obbligo etichetta made in italy

L’invito ai consumatori lucani è di verificare l'obbligo di indicazione di origine del latte
E’ ormai definitivo l'obbligo di indicare obbligatoriamente in etichetta l'origine del latte e dei prodotti lattiero-caseari come burro, formaggi, yogurt per impe...-->continua

18/10/2017 - G.Rosa sulla realizzazione di un murales,monumeto all'invasione

“Le dittature del '900 si impadronirono della semantica monumentale, gestendo la retorica del ricordo di pietra.”, scriveva qualcuno. È il culto della personalità, idolatria sociale che passa attraverso il dominare le menti per dominare un popolo. Una specie d...-->continua

18/10/2017 - LEGGIERI (M5s): le verità nascoste dell’Ospedale di Melfi

Il consiglio comunale aperto che si è svolto nei giorni scorsi a Melfi è stata l’ennesima occasione per il nostro Presidente di Regione per portarsi avanti con la campagna elettorale e soprattutto per raccontare frottole ai cittadini lucani. Un consiglio comun...-->continua







WEB TV

Warning: mysql_data_seek(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in D:\inetpub\webs\lasiritideit\canestro.php on line 628
Se la tecnologia aumenta il baratro tra le generazioni
di Mariapaola Vergallito

Poco tempo fa mi ha fatto riflettere lo slogan usato a chiosa di una pubblicità della Samsung sulla realtà virtuale. Per intenderci: quello spot (molto bello, per la verità) in cui si vedono alcuni studenti correre su una pianura in mezzo ai dinosauri ma, in realtà, sono nella loro classe. Alla fine di quello spot lo slogan recitava più o meno così: quello che per la generazione precedente era impossibile, la generazione successiva lo ha già realizzato. Vero e inquietante.

Sono nata all’inizio degli anni Ottanta. Ho vissuto la mia infanzia e la mia adolescenza, periodi cruciali per la vita di ognuno, tra gli anni Ottanta e gli anni Novanta, anni in cui gli strumenti che avevamo per approcciarci al mondo e, soprattutto, per far entrare il mon...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo