HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Da Castelluccio Inferiore:ultimati i lavori sulla ex SS 19 delle Calabrie e iniziate a Castelluccio

12/10/2017

Paolo Campanella, sindaco del Comune di Castelluccio Inferiore, ha reso nota la consegna dei lavori sulla strada 19 delle Calabrie da parte della Provincia di Potenza.
Riportiamo di seguito il comunicato del primo cittadino.
«Tutto iniziò poco più di un anno fa, quando all’indomani delle elezioni della nuova Amministrazione Comunale, guidata dal primo cittadino Paolo Francesco Campanella, si presentava al nuovo gruppo alla guida del paese, un problema ormai diventato vecchio per la cittadinanza, quello della S.S.19.
Ma per capire l’entità del problema che da anni aveva pesanti ripercussioni sulla vita e sull’incolumità dell’intera cittadinanza di Castelluccio Inferiore, dobbiamo fare un passo indietro.
Un evento franoso aveva compromesso la stabilità della Strada Statale 19, al km 150 + 500, e causato la chiusura al traffico nel Febbraio 2015, comportando di riflesso un carico veicolare straordinario sulla strada "Galdo-Pollino", interessata, in particolare dalla circolazione di mezzi pesanti a servizio di importanti attività economiche operanti nel comprensorio quali la Società San Benedetto di Viggianello e la Centrale a biomasse di Enel nella Valle del Mercure.
Dopo anni di disinteresse, il Sindaco Campanella, il 19 Agosto 2016, emana l’ordinanza comunale in cui, avvalendosi di studi geologici, evidenziava situazioni di criticità sulla strada "Galdo-Pollino"interessata da "numerose e diffuse forme di dissesto del sottofondo dovuto a mezzi pesanti, oltre a vere e proprie forme di dissesto delle scarpate, che hanno coinvolto il sottofondo stradale e dunque parte della carreggiata." Premesso che l'eventuale dissesto della strada "Galdo-Pollino", avrebbe portato all'isolamento dell'intero abitato di Castelluccio Inferiore, l'Amministrazione Comunale chiedeva al Presidente della Provincia di Potenza, di provvedere con immediatezza, all’effettuazione di tutti i lavori necessari al fine di ripristinare la circolazione stradale.
Iniziavano così, finalmente, i primi sopralluoghi per il ripristino della strada provinciale, ex strada statale 19, al km 150 + 500.
Stanziati dalla Regione Basilicata i fondi destinati alla Provincia di Potenza per il ripristino dell’arteria stradale, gli stessi si erano di fatto “congelati” a causa della non approvazione del bilancio provinciale.
Decisiva fu a questo punto, ancora una volta, l’azione politica di Campanella, che insieme al Presidente della Provincia ed alla Regione Basilicata riuscì a mettere in atto un provvedimento grazie al quale i fondi vennero di fatto sbloccati e si è potuti procedere così alla Gara d’Appalto.
Nel Luglio scorso, il Sindaco Campanella annunciava in un comunicato pubblico che, essendo stati appaltati i lavori, in tempi brevi sarebbero iniziati i lavori che avrebbero portato al ripristino della Strada 19 delle Calabrie, interessata in località San Michele, da ormai 3 anni, dall’evento franoso.
Oggi, siamo felici di annunciare all’intera cittadinanza di Castelluccio Inferiore che il forte impegno politico, ha portato ad un altro grande risultato in materia di viabilità. La promessa del Sindaco Campanella e della sua compagine amministrativa è stata mantenuta, e nella mattinata di oggi, giovedì 12 Ottobre, la Provincia di Potenza ha provveduto ufficialmente alla consegna dei lavori della Strada Statale 19, che torna così ad essere arteria stradale di riferimento per tutto l’area».



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
23/06/2018 - Il parco risponde all’ennesimo attacco di Legambiente

“L’attenzione riservata da Legambiente Basilicata, e dal responsabile delle aree protette, al Parco Nazionale dell’Appennino Lucano è giunta ormai ai livelli della insostenibilità, sia per le falsità con le quali si riempiono giornali e dossier (nei quali l’associazione dime...-->continua

22/06/2018 - L’Ordine dei Giornalisti della Basilicata su scomparsa di Leonardo Sacco

La scomparsa di Leonardo Sacco lascia un vuoto enorme nel mondo della cultura in Basilicata.
Studioso, giornalista, ma soprattutto memoria storica e coscienza critica di Matera, della Basilicata, del Mezzogiorno d’Italia, Sacco è stato un grande testimone ...-->continua

22/06/2018 - Comitato Metasiris: parte anche la raccolta firme su Change.org

“Ciò che è emerso dalla risposta della Rai al Consigliere Regionale Gianni Leggieri è una verità che da tempo stiamo evidenziando. Tante persone, senza ragione ma per voci non fondate e non sancite da alcun atto formale, davano per scontato il Capodanno a Veno...-->continua

22/06/2018 - Psr: due milioni di euro ai Comuni, firmati i decreti della misura 7.4

“Si parte con l’attuazione delle 21 progettualità finanziabili con le risorse appostate relative ai servizi nei comuni. Firmati oggi i decreti di concessione della Misura 7.4 del Psr Basilicata 2014-2020”.
Lo comunica l’assessore regionale alle Politiche a...-->continua

22/06/2018 - ‘La Provincia di Potenza non dimentichi la periferia dell'impero’

E' la storia di sempre che si ripete. Più lontani si è dal sole e meno ci si conta. E la Provincia di Potenza e suoi comuni di competenza non sfuggono a questa ferrea legge del "sole che scalda chi è più vicino".
Se poi mettiamo che Terranova del Pollino è...-->continua

21/06/2018 - Policoro: Modarelli (Fi) su accesso spiagge diversamente abili

Mare, sole e spiaggia, durante le stagione estiva, sono sinonimo di riposo e divertimento, ma non per tutti è così. La stagione estiva è ormai iniziata ma per le persone diversamente abili sembra solo un’utopia. Le persone con difficoltà motorie ed affette d...-->continua

21/06/2018 - Melfi:Angela Bisogno (M5s) su "Variazione nome piazza Craxi"

Nella giornata di oggi (21/06/2018) il Movimento 5 Stelle di Melfi ha depositato una richiesta per la modifica del nome di Piazza Bettino Craxi.
La piazza è interessata, da alcune settimane, da lavori di rifacimento di parte del manto per la realizzazione,...-->continua






WEB TV
Dice che era un bel torrente ma non andava più al mare
di Mariapaola Vergallito

“Dice che era un bel progetto e serviva a creare/ la deviazione di un torrente per distrarlo dal mare; ma dall’idea alla realizzazione passarono 40 anni, giusto il tempo di essere deviata e l’acqua cominciò a far danni”.

Scusate, non ho resistito. E’ 4 marzo, del resto, e chiedo scusa a Lucio Dalla per questa scapestrata citazione. C’è qualcun altro, però, che dovrebbe chiedere scusa, oggi. Proprio oggi che il torrente Sarmento, deviato in parte dal suo corso naturale, immette un bottino idrico di 80 milioni di metri cubi in più all’anno nel grande invaso di Montecotugno. Serve a completare lo schema idrico del Sinni, per un progetto cominciato negli anni Settanta, quando la Democrazia Cristiana e il Partito Comunista erano i due grandi partit...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo