HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Canterino FdI-AN sulla festa della CGIL

12/09/2017

L’ultima festa della CGIL tenutasi fino a domenica scorsa, a Potenza, per quanto reclamizzata con ogni possibile mezzo (finanche centinaia di bandiere “abusive” infisse in tutta la città), conferma la morte del sindacato come luogo di difesa e di promozione del lavoro. Una festa disertata dai lavoratori, alla quale hanno assistito quasi esclusivamente anziani, e che si è movimentata solo all’apertura degli eventi musicali.

Non siamo sorpresi del fatto che la CGIL abbia oramai un aspetto così rugginoso e impopolare. Aver sostenuto o tollerato quasi tutte le riforme degli ultimi governi (e tutte le sciagurate decisioni del governo regionale) ha fatto allontanare dal sindacato - e dall'importantissimo ruolo che esso dovrebbe interpretare - i giovani, gli operai, i precari, i lavoratori autonomi, ecc. Cioè chi necessita di maggiore tutela in questo periodo di forte crisi. Difatti, solo combattendo l'erosione di salari e guadagni di questi soggetti è possibile non solo restaurare la giustizia sociale, ma anche dare nuovo impulso all'economia, ricostituendo quella classe media che (un tempo) era la base della ricchezza nazionale.

Purtroppo, le uniche battaglie che la CGIL ancora patrocina - con grande energia, bisogna riconoscerlo - sono quelle legate agli immigrati, ai LGBT e alla cannabis; il che, evidentemente, non basta per attirare i lavoratori. A ciò si aggiunga che la CGIL Basilicata è del tutto complice del “sistema” che governa la Regione, mentre poche persone libere - tra cui certamente i militanti e i simpatizzanti di Fratelli d'Italia - denunciano quotidianamente lo sfascio economico, la mancanza di programmazione e di sviluppo, e l'utilizzo di risorse pubbliche per fini elettorali che sta distruggendo le nostre comunità.

Consigliamo vivamente ai vertici della CGIL (ma anche agli altri sindacati) di farsi un esame di coscienza e di dare spazio al rinnovamento dei propri quadri dirigenti. Soprattutto, consigliamo ai responsabili della CGIL lucana di portare nelle sedi romane del sindacato l'esempio del degrado del "Modello Basilicata", il dramma della povertà crescente, la disoccupazione dilagante, la tragedia dell'emigrazione del capitale umano rappresentato dai nostri giovani, l'abbandono dell'agricoltura e dell'industria, le difficoltà del terziario, le tangenti per lavorare, lo sfruttamento salariale, il caporalato, le congestioni del modello FCA, l’insalubrità ambientale che costerna il lavoro, ecc. Azioni necessarie affinché si apra finalmente il dibattito su un europeismo critico e ragionato, per riconsiderare le politiche liberiste che impoveriscono i lavoratori, per studiare ed implementare un nuovo modello di società sostenibile, e per tornare finalmente ad essere parte attiva della dialettica socio-economica, ruolo che oramai non ci appartiene da tempo.

Potenza, 11/09/2017

Giuseppangelo Canterino, Responsabile Dipartimento “Politiche del Lavoro” Fratelli d’Italia-AN Basilicata



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
16/10/2018 - Cestari (winfly) conferma disponibilità a ridare operatività alla pista Mattei

‘Siamo disponibili a ridare piena operatività alla pista Mattei di Pisticci: grazie alla nostra esperienza sul campo, infatti, siamo in grado di riaprirla in tempi celeri e dare, così, un’opportunità in più alla Basilicata e al Metapontino, anche e soprattutto in ottica Mate...-->continua

16/10/2018 - Polese su misura a sostegno famiglie con malati gravi

“Ottima notizia la decisione di aiutare economicamente le famiglie lucane con malati gravi. La Basilicata guidata dal centrosinistra si dimostra ancora una volta attenta ai bisogni reali della comunità con azioni concrete. Misure reali a favore dei cittadini,...-->continua

16/10/2018 - Flavia Franconi scrive a Rai Com su Capodanno

In una lettera indirizzata oggi all’Amministratore delegato di Rai Com, Gianpaolo Tagliavia, la vice presidente della Regione Basilicata, Flavia Franconi, ha preso atto della volontà dei vertici della televisione di Stato di trasmettere da Matera l’evento “L’a...-->continua

16/10/2018 - Capodanno Rai a Matera, Franconi scrive a Rai Com

L’assessore ha partecipato alla cerimonia di apertura al traffico della strada, che “rappresenta per la Basilicata una porta verso la Campania”

In una lettera indirizzata oggi all’Amministratore delegato di Rai Com, Gianpaolo Tagliavia, la vice presi...-->continua

16/10/2018 - A Montescaglioso partirà il servizio di refezione scolastica

Nella giornata di lunedì 22 ottobre parte ufficialmente il servizio di refezione scolastica ed, allo stesso tempo, il servizio di assistenza agli alunni diversamente abili. Grazie allo sforzo dell’Assessore Francesca Fortunato e del Consigliere Pietro Buonsant...-->continua

16/10/2018 - Salvini, 'in Basilicata 33 nuovi agenti'

In Basilicata l'organico effettivo della polizia di Stato è di 678 unità. Il progetto di potenziamento 2018-2019 del ruolo organico prevede entro febbraio 2019 l'invio di 33 nuovi agenti, parte dei quali già operativi. In tutta la Regione sono presenti 1.580 ...-->continua

16/10/2018 - Covella (Venosa Pensa): i cittadini di Venosa sono stati ingannati

La decisione della Rai di spostare l’evento di Capodanno “L’Anno che Verrà” nella città di Matera è una vera ingiustizia che risponde a logiche politiche aberranti. I cittadini di Venosa e di tutto il Vulture ancora una volta vengono penalizzati da una classe ...-->continua






WEB TV
L'eredità di Angela
di Mariapaola Vergallito

Angela Ferrara viveva in un paese, Cersosimo, che siamo abituati a raccontare soltanto spulciando le colonnine infinite dei dati sullo spopolamento. Un paese incastonato tra le montagne del Pollino, in una valle bellissima; uno di quei borghi che non vedi da lontano, ma solo quando esci dalla statale per aggrapparti nei tornanti che collegano l’entroterra lucano a quello calabrese. Negli anni saranno stati tanti i giovani che hanno guardato questo paese con un presentimento di sconfitta. Angela Ferrara no. Lo dimostrava con i fatti, non con le parole. Anche se le parole erano compagne preziose. Quelle con le quali Angela amava giocare per raccontare il mondo attraverso la bellezza della poesia e attraverso i suoi racconti. Quelle che, in queste ore, ...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo