HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Canterino FdI-AN sulla festa della CGIL

12/09/2017

L’ultima festa della CGIL tenutasi fino a domenica scorsa, a Potenza, per quanto reclamizzata con ogni possibile mezzo (finanche centinaia di bandiere “abusive” infisse in tutta la città), conferma la morte del sindacato come luogo di difesa e di promozione del lavoro. Una festa disertata dai lavoratori, alla quale hanno assistito quasi esclusivamente anziani, e che si è movimentata solo all’apertura degli eventi musicali.

Non siamo sorpresi del fatto che la CGIL abbia oramai un aspetto così rugginoso e impopolare. Aver sostenuto o tollerato quasi tutte le riforme degli ultimi governi (e tutte le sciagurate decisioni del governo regionale) ha fatto allontanare dal sindacato - e dall'importantissimo ruolo che esso dovrebbe interpretare - i giovani, gli operai, i precari, i lavoratori autonomi, ecc. Cioè chi necessita di maggiore tutela in questo periodo di forte crisi. Difatti, solo combattendo l'erosione di salari e guadagni di questi soggetti è possibile non solo restaurare la giustizia sociale, ma anche dare nuovo impulso all'economia, ricostituendo quella classe media che (un tempo) era la base della ricchezza nazionale.

Purtroppo, le uniche battaglie che la CGIL ancora patrocina - con grande energia, bisogna riconoscerlo - sono quelle legate agli immigrati, ai LGBT e alla cannabis; il che, evidentemente, non basta per attirare i lavoratori. A ciò si aggiunga che la CGIL Basilicata è del tutto complice del “sistema” che governa la Regione, mentre poche persone libere - tra cui certamente i militanti e i simpatizzanti di Fratelli d'Italia - denunciano quotidianamente lo sfascio economico, la mancanza di programmazione e di sviluppo, e l'utilizzo di risorse pubbliche per fini elettorali che sta distruggendo le nostre comunità.

Consigliamo vivamente ai vertici della CGIL (ma anche agli altri sindacati) di farsi un esame di coscienza e di dare spazio al rinnovamento dei propri quadri dirigenti. Soprattutto, consigliamo ai responsabili della CGIL lucana di portare nelle sedi romane del sindacato l'esempio del degrado del "Modello Basilicata", il dramma della povertà crescente, la disoccupazione dilagante, la tragedia dell'emigrazione del capitale umano rappresentato dai nostri giovani, l'abbandono dell'agricoltura e dell'industria, le difficoltà del terziario, le tangenti per lavorare, lo sfruttamento salariale, il caporalato, le congestioni del modello FCA, l’insalubrità ambientale che costerna il lavoro, ecc. Azioni necessarie affinché si apra finalmente il dibattito su un europeismo critico e ragionato, per riconsiderare le politiche liberiste che impoveriscono i lavoratori, per studiare ed implementare un nuovo modello di società sostenibile, e per tornare finalmente ad essere parte attiva della dialettica socio-economica, ruolo che oramai non ci appartiene da tempo.

Potenza, 11/09/2017

Giuseppangelo Canterino, Responsabile Dipartimento “Politiche del Lavoro” Fratelli d’Italia-AN Basilicata



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
20/02/2019 - Mattia M5s:i 10 punti della svolta in distribuzioni alle famiglie

È in corso in tutti i comuni lucani la distribuzione di un pieghevole di quattro facciate e la presentazione nel corso di eventi pubblici, dei 10 punti principali del programma regionale del M5S.

La campagna di comunicazione del candidato presidente Antonio Mattia s...-->continua

20/02/2019 - Dissesto, Lezzi: da Regioni collaborazione per cooperazione rafforzata

“Oggi a Roma ho incontrato tutte le Regioni per avviare, insieme al Ministro Costa, una cooperazione rafforzata con la Commissione europea. Questo strumento è stato già efficacemente adottato per accelerare la spesa dei fondi strutturali europei e sono certa c...-->continua

20/02/2019 - Agricoltura sociale, coltivare valori e offrire servizi

Al lavoro per l’integrazione delle varie competenze al fine di creare percorsi virtuosi in Basilicata

L’articolazione della Legge regionale n. 53 "Disposizioni in materia di agricoltura sociale” è stata presentata presso la Coop. Sociale "Fratello Sol...-->continua

19/02/2019 - Consiglio regionale, riunione rinviata a mercoledì 27/2

La riunione del Consiglio regionale prevista per le ore 15,00 di oggi è stata rinviata a mercoledì 27 febbraio 2019, alle ore 10,00, e si svolgerà come sempre nell’aula Dinardo al piano terra del palazzo della Giunta regionale (Viale Verrastro n. 4 – Potenza)....-->continua

19/02/2019 - Po-Fse, a Potenza incontro su trattamento dati personali nel welfare

Il Workshop dal titolo “L’impatto del regolamento (GDPR) UE n.679/2016 sul trattamento dei dati nella gestione degli avvisi pubblici con valenza sociale del PO FSE Basilicata 2014/2020” si è tenuto oggi nella sala Inguscio della Regione


Il tratt...-->continua

19/02/2019 - ROSPI M5S.: Nuovi modelli di sviluppo sociale ed economico per costa ionica

Sabato prossimo 23 febbraio alle 10, nella Sala Consiliare del Comune di Policoro (Mt), il convegno “Nuovi modelli di sviluppo sociale ed economico per il rilancio della costa ionica lucana”. Sarà l’occasione per rimarcare che la Basilicata, negli ultimi due a...-->continua

19/02/2019 - Appalti, la Cisl propone un protocollo d'intesa alla Regione

La Cisl Basilicata lancia l'idea di un protocollo d'intesa con le stazioni appaltanti per la qualità e la tutela del lavoro negli appalti di lavori, servizi e forniture. La proposta sarà presentata venerdì 22 febbraio alle 9:30 nella sala Ugo Bianchi della Cis...-->continua







WEB TV
Noi e quella sacrosanta ''cultura del territorio''
di Mariapaola Vergallito

“I lucani conoscono la frana. I contadini lucani sono vissuti da sempre con la frana, l’orecchio teso a quel fremito oscuro, l’occhio attento a scrutare le rughe della terra. Ma un tempo nessuno la violentava la terra. La temevano, la rispettavano. Istintivamente si tramandavano quella che modernamente si è poi chiamata “cultura del territorio”. Oggi, nell’era della scienza, è proprio quella cultura che è venuta meno. Dalle paure ancestrali si è passati al saccheggio dell’ambiente naturale”.
All’indomani della frana che si è portata via mezzo quartiere nell’antico borgo di Pomarico e che, per fortuna, non ha causato vittime, ho recuperato un editoriale che la Gazzetta pubblicò quasi 33 anni fa, il 27 luglio del 1986. Ventiquattrore prima collina T...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo