HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Leggieri M5s sullo smembramento del Corpo Forestale

21/08/2017

Era il 13 luglio quando dichiaravo che la riforma Madia che ha di fatto smembrato il corpo della guardia forestale, avrebbe prodotto effetti disastrosi sul territorio italiano, in special modo quello appeninico meridionale.
I segnali di una stagione disastrosa sotto l’aspetto della gestione dell’emergenza incendi erano chiari e precisi sin dall’inizio dell’estate, con diversi incendi in Basilicata, Calabria, Sicilia e Campania.
Lo smembramento, oltre che sbagliato, è stato attuato in modo selvaggio, senza alcuna previsione sulla gestione dei mezzi antincendio in dote alla forestale e senza stabilire in principio come si doveva impiegare il personale addestrato proprio a tali attività, di importanza vitale per tenere sotto controllo il fenomeno dei piromani o delle azioni incendiarie delle varie organizzazioni criminali presenti localmente su tutto il territorio del sud.
Oggi il Governo dovrebbe fare una stima dei danni, chiedere ancora una volta scusa agli italiani e dare le dimissioni immediatamente dopo.
La notizia del TAR Abruzzo che rimanda alla Corte Costituzionale il giudizio di legittimità su 5 punti della riforma Madia ha il solito sapore amaro dovuto al fatto che il popolo italiano ancora una volta paga le incompetenze di un Governo che si vede dichiarare incostituzionali, una dopo l’altra, le proprie riforme.
Secondo i giudici di Pescara vi sarebbero chiare violazioni di diversi articoli della Costituzione.
In primis l’articolo 2 in riferimento al mancato rispetto del principio di autodeterminazione determinato dall’assunzione non pienamente volontaria dello status di militare da parte del personale del Corpo Forestale. Sarebbe stato violato l’articolo 4, laddove il rapporto di impiego e di servizio appare radicalmente mutato con l’assunzione dello status di militare, pur in mancanza di una scelta pienamente libera e volontaria da parte del medesimo personale del Corpo Forestale.
A seguire, il TAR abruzzese ha stabilito che la riforma impugnata mancherebbe di razionalizzazione ed efficientamento della pubblica amministrazione e che non trova nel mero risparmio economico una giustificazione, ma viola di fatto la tutela dell’ambiente sancita dalla stessa Costituzione.
Insomma una critica durissima che in altri governi avrebbe determinato le dimissioni quanto meno del Ministro pasticcione (con questa siamo alla terza dichiarazione di incostituzionalità delle sue riforme).
Dalla decisione del TAR si legge che la “militarizzazione” di un corpo di polizia (o l’assorbimento del personale di un corpo di polizia civile in uno militare che è cosa analoga) si pone ancora una volta in contrasto ai principi generali della nostra Carta fondamentale.
In Basilicata abbiamo provato a salvare almeno la dignità della regione contro una prevedibile debacle della riforma in questione chiedendo, il 19 ottobre scorso, alla Giunta Regionale, di ricorrere alla Corte Costituzionale contro il famigerato Decreto Legislativo N. 177 del 19 Agosto 2016.
Nulla da fare.
Agli italiani non resterà che leccarsi ancora una volta le ferite, tanto chi pagherà i danni subiti dallo Stato italiano per una stagione che ci ha visto del tutto impreparati ad affrontare l’emergenza incendi di certo non i rappresentanti di questo governo.

Gianni Leggieri
Capogruppo M5S Basilicata



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
24/06/2018 - Iallorenzi:i cittadini di Satriano sono un bancomat elettorale

I Cittadini di Satriano sono diventati un bancomat per la giunta che amministra il paese. Lo dico dal 2013, le scelte in materia finanziaria e contributiva su alcuni ambiti quali, Rifiuti e servizi a domanda semplice, hanno tassato i cittadini di Satriano piu’ di quanto acca...-->continua

23/06/2018 - I lavori del consiglio comunale di Pisticci

Il Consiglio Comunale di Pisticci si è riunito a Marconia per una seduta ordinaria incentrata su ben nove punti all’ordine del giorno: la massima assise cittadina si è aperta con un minuto di silenzio per la prematura scomparsa di un giovane pisticcese, travol...-->continua

23/06/2018 - Il parco risponde all’ennesimo attacco di Legambiente

“L’attenzione riservata da Legambiente Basilicata, e dal responsabile delle aree protette, al Parco Nazionale dell’Appennino Lucano è giunta ormai ai livelli della insostenibilità, sia per le falsità con le quali si riempiono giornali e dossier (nei quali l’as...-->continua

22/06/2018 - L’Ordine dei Giornalisti della Basilicata su scomparsa di Leonardo Sacco

La scomparsa di Leonardo Sacco lascia un vuoto enorme nel mondo della cultura in Basilicata.
Studioso, giornalista, ma soprattutto memoria storica e coscienza critica di Matera, della Basilicata, del Mezzogiorno d’Italia, Sacco è stato un grande testimone ...-->continua

22/06/2018 - Comitato Metasiris: parte anche la raccolta firme su Change.org

“Ciò che è emerso dalla risposta della Rai al Consigliere Regionale Gianni Leggieri è una verità che da tempo stiamo evidenziando. Tante persone, senza ragione ma per voci non fondate e non sancite da alcun atto formale, davano per scontato il Capodanno a Veno...-->continua

22/06/2018 - Psr: due milioni di euro ai Comuni, firmati i decreti della misura 7.4

“Si parte con l’attuazione delle 21 progettualità finanziabili con le risorse appostate relative ai servizi nei comuni. Firmati oggi i decreti di concessione della Misura 7.4 del Psr Basilicata 2014-2020”.
Lo comunica l’assessore regionale alle Politiche a...-->continua

22/06/2018 - ‘La Provincia di Potenza non dimentichi la periferia dell'impero’

E' la storia di sempre che si ripete. Più lontani si è dal sole e meno ci si conta. E la Provincia di Potenza e suoi comuni di competenza non sfuggono a questa ferrea legge del "sole che scalda chi è più vicino".
Se poi mettiamo che Terranova del Pollino è...-->continua






WEB TV
Dice che era un bel torrente ma non andava più al mare
di Mariapaola Vergallito

“Dice che era un bel progetto e serviva a creare/ la deviazione di un torrente per distrarlo dal mare; ma dall’idea alla realizzazione passarono 40 anni, giusto il tempo di essere deviata e l’acqua cominciò a far danni”.

Scusate, non ho resistito. E’ 4 marzo, del resto, e chiedo scusa a Lucio Dalla per questa scapestrata citazione. C’è qualcun altro, però, che dovrebbe chiedere scusa, oggi. Proprio oggi che il torrente Sarmento, deviato in parte dal suo corso naturale, immette un bottino idrico di 80 milioni di metri cubi in più all’anno nel grande invaso di Montecotugno. Serve a completare lo schema idrico del Sinni, per un progetto cominciato negli anni Settanta, quando la Democrazia Cristiana e il Partito Comunista erano i due grandi partit...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo