HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

FCA, il segretario generale della UGLM, A. Spera sul futuro di Melfi

11/08/2017

“E’ vero, non ci nascondiamo assolutamente, come organizzazione siamo molto vigili sul comparto auto. Ancora oggi l’Ugl ritiene che lo stabilimento lucano non è assolutamente a rischio ma vogliamo un progetto di rilancio a garanzia della produzione e dei livelli occupazionali, priorità fondamentali in un momento così difficile. Il futuro del sito di Melfi e di tutti i livelli occupazionali compreso il comparto dell’indotto collegato allo stabilimento Fca vanno e saranno garantiti”.
Lo ha dichiarato il segretario generale della federazione metalmeccanici Ugl, Antonio Spera a margine di un incontro a Potenza che ha visto riuniti tutti i segretari lucani Ugl metalmeccanici e settore industria.
“Grazie al grande senso di responsabilità, la nostra o.s. nel 2015 sottoscrisse un accordo a 360° per la fabbrica automobilistica tecnologicamente avanzata, dopo anni bui ed incertezze, permettendo per tutti i lavoratori degli stabilimenti Fca l'avvio di un periodo di promettente garanzie: un accordo che hanno permesso il salvataggio e il rilancio della fabbrica lucana. Siamo fiduciosi nella politica di rilancia dell’A.D. Marchionne, non abbiamo timori poiché a Melfi sono stati effettuati investimenti sullo stabilimento per circa un miliardo di euro collegati alla creazione e relativo incremento occupazionale ed e' stato assicurato che entro il 2018 tutti gli stabilimenti del Paese saranno a regime”. Sulla situazione in generale Fca, con siti industriali in cassa integrazione in via di diminuzione, Spera ha rassicurato come nell’incontro con l’amministratore delegato Fca Marchionne sia stato sottolineato più volte che “si continuerà a puntare e a investire come si è sempre fatto, nonostante il momento particolare in seguito alle vicissitudini di una instabilità politica industriale nazionale e internazionale. “Siamo fiduciosi e convinti sostenitori sul piano di rilancio Fca con previsioni che al 2018 tutti gli stabilimenti vadano a pieno regime, con una piena saturazione: una buona parte sono già al 70-80%, sulla buona strada, dunque, per annullare la cassa integrazione. Oltre a Fca Melfi – ha aggiunto Spera - un breve sguardo anche al resto d’Italia: con riferimento alla Fca di Pratola Serra (AV) non vediamo perplessità, il Lingotto ha cantierizzato lavori che sono in via di esecuzione durante le ferie con una spesa di altri 15 milioni di euro così augurandoci che per fine 2017 inizio 2018 venga azzerato il sostegno al reddito di solidarietà per tutti i dipendenti e si vada a pieno regime. Per Pomigliano d’Arco (NA) è giunto il momento di assegnare una nuova vettura di alta gamma per saturare gli impianti. Ci siamo su tutto l’impianto – ha concluso infine Spera, – lo stiamo monitorando, le difficoltà ci sono, ma siamo costantemente sui territori”.



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
21/08/2017 - Incidente Melfi,Grippo (Ugl Penitenziaria):”pronta guarigione ai colleghi”

“Solidarietà e augurio di una pronta guarigione ai due agenti della Polizia Penitenziaria in servizio nel Carcere di Melfi (PZ) per il brutto incidente che li ha visti coinvolti nella cittadina federiciana. Il nostro auspicio è che si faccia piena luce sull’accaduto, poteva ...-->continua

21/08/2017 - Leggieri M5s sullo smembramento del Corpo Forestale

Era il 13 luglio quando dichiaravo che la riforma Madia che ha di fatto smembrato il corpo della guardia forestale, avrebbe prodotto effetti disastrosi sul territorio italiano, in special modo quello appeninico meridionale.
I segnali di una stagione disast...-->continua

19/08/2017 - Cordoglio di Speranza per la scomparsa di Sileo,storico dirigente PCI e CGIL

Ho appreso con dolore e commozione la notizia della scomparsa di Antonio Sileo, storico dirigente del PCI e della Cgil di Forenza; un appassionato protagonista ed un generoso militante della sinistra lucana, nonché un profondo conoscitore della sua terra ed un...-->continua

19/08/2017 - Montescaglioso: attuazione Decreto Minniti festività patronali

In attuazione al Decreto Minniti (Circolare del 7 giugno 2017 del Ministero dell’Interno - Dipartimento della Pubblica Sicurezza, NR. 555/OP/0001991/2017/1 firmata dal Capo della Polizia Franco Gabrielli), con cui il Ministro dell’Interno, dopo i tragici fat...-->continua

19/08/2017 - Fondi europei diretti: workshop base sulla progettazione in Basilicata

Da venerdì 29 Settembre 2017 a domenica 1 Ottobre 2017 Rosa D’Amato, Portavoce al Parlamento Europeo in collaborazione con il gruppo regionale M5S Basilicata, Organizza il Workshop Base sulla progettazione con i fondi europei diretti. L’Intervento di formazion...-->continua

19/08/2017 - Rosella (Idv): 'alzare qualità della concertazione sociale'

L’invito del consigliere regionale Pd Piero Lacorazza, a nome della componente del Pd Fronte Democratico, ad aprire quello che definisce un vero confronto con i sindacati, almeno per noi, sfonda una porta aperta e diventa un motivo in più per alzare la qualità...-->continua

18/08/2017 - Ugl e Cittadinanza Attiva sul carcere di Matera

“Conosciamo bene le problematiche e le difficoltà delle persone che quotidianamente lavorano nel carcere di Matera: è solo grazie alla dedizione che operatori socio-sanitari, educatori e agenti della polizia penitenziaria mettono nel loro lavoro che l’istituto...-->continua







WEB TV

Warning: mysql_data_seek(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in D:\inetpub\webs\lasiritideit\canestro.php on line 628
Frana di Senise, 31 anni fa. Non crollò solo una collina
di Mariapaola Vergallito

Un anno fa, in occasione del trentesimo anniversario della frana di collina Timpone, a monte dell’abitato di Senise, la parrocchia intese commemorare le 8 vittime, tra queste 4 bambini, con una semplice e significativa immagine: ai piedi dell’altare della chiesa di San Francesco, dove anche oggi si commemoreranno le vittime, un telo bianco posto a più livelli e 8 candele, accese nei punti in cui vivevano, sulla collina, le persone che non ci sono più. Quelle candele accese devono continuare ad emanare luce e calore in chi resta. Soprattutto in tanti giovani, molti dei quali nel 1986 non erano neppure nati, che devono così essere accompagnati nel ricordo di quanto accaduto. Per dovere. E per necessità. L’intima necessità che tali tragedie non si ripetan...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo