HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

FCA, il segretario generale della UGLM, A. Spera sul futuro di Melfi

11/08/2017

“E’ vero, non ci nascondiamo assolutamente, come organizzazione siamo molto vigili sul comparto auto. Ancora oggi l’Ugl ritiene che lo stabilimento lucano non è assolutamente a rischio ma vogliamo un progetto di rilancio a garanzia della produzione e dei livelli occupazionali, priorità fondamentali in un momento così difficile. Il futuro del sito di Melfi e di tutti i livelli occupazionali compreso il comparto dell’indotto collegato allo stabilimento Fca vanno e saranno garantiti”.
Lo ha dichiarato il segretario generale della federazione metalmeccanici Ugl, Antonio Spera a margine di un incontro a Potenza che ha visto riuniti tutti i segretari lucani Ugl metalmeccanici e settore industria.
“Grazie al grande senso di responsabilità, la nostra o.s. nel 2015 sottoscrisse un accordo a 360° per la fabbrica automobilistica tecnologicamente avanzata, dopo anni bui ed incertezze, permettendo per tutti i lavoratori degli stabilimenti Fca l'avvio di un periodo di promettente garanzie: un accordo che hanno permesso il salvataggio e il rilancio della fabbrica lucana. Siamo fiduciosi nella politica di rilancia dell’A.D. Marchionne, non abbiamo timori poiché a Melfi sono stati effettuati investimenti sullo stabilimento per circa un miliardo di euro collegati alla creazione e relativo incremento occupazionale ed e' stato assicurato che entro il 2018 tutti gli stabilimenti del Paese saranno a regime”. Sulla situazione in generale Fca, con siti industriali in cassa integrazione in via di diminuzione, Spera ha rassicurato come nell’incontro con l’amministratore delegato Fca Marchionne sia stato sottolineato più volte che “si continuerà a puntare e a investire come si è sempre fatto, nonostante il momento particolare in seguito alle vicissitudini di una instabilità politica industriale nazionale e internazionale. “Siamo fiduciosi e convinti sostenitori sul piano di rilancio Fca con previsioni che al 2018 tutti gli stabilimenti vadano a pieno regime, con una piena saturazione: una buona parte sono già al 70-80%, sulla buona strada, dunque, per annullare la cassa integrazione. Oltre a Fca Melfi – ha aggiunto Spera - un breve sguardo anche al resto d’Italia: con riferimento alla Fca di Pratola Serra (AV) non vediamo perplessità, il Lingotto ha cantierizzato lavori che sono in via di esecuzione durante le ferie con una spesa di altri 15 milioni di euro così augurandoci che per fine 2017 inizio 2018 venga azzerato il sostegno al reddito di solidarietà per tutti i dipendenti e si vada a pieno regime. Per Pomigliano d’Arco (NA) è giunto il momento di assegnare una nuova vettura di alta gamma per saturare gli impianti. Ci siamo su tutto l’impianto – ha concluso infine Spera, – lo stiamo monitorando, le difficoltà ci sono, ma siamo costantemente sui territori”.



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
20/07/2018 - Sanità, Ugl Matera: “Continueremo ad abbaiare alla luna”

“La sanità lucana risulta fanalino di coda tra le Regioni italiane, come evidenziato da un Rapporto de la Repubblica in riferimento ai tempi di risposta alle chiamate del 118. Questo dato negativo si aggiunge ai lunghi tempi di attesa per l’erogazione delle prestazione sanit...-->continua

20/07/2018 - Rocco Tauro -FdI.Consorzio di Bonifica: Governo regionale imbranato!

"Annus horribilis" questo anno 2018 per il governo regionale.
Dopo il ritardo nella approvazione del bilancio di previsione corrente, dopo il terremoto giudiziario, ancora nel suo momento più vivo, e tante altre disavventure, altra mazzata micidiale per lo...-->continua

19/07/2018 - Fca, Spera (Ugl): “Importante accordo per Pomigliano d’Arco e Nola”

“Oggi, presso il ministero del Lavoro, è stato raggiunto un importante accordo per la proroga degli ammortizzatori sociali di ulteriori 12 mesi per gli stabilimenti FCA di Pomigliano D’Arco e Nola”.
Lo afferma il Segretario Generale Ugl Metalmeccanici, An...-->continua

19/07/2018 - Sequestro eliambulanze: riunione operativa presieduta da Franconi

La vice presidente e assessore alle Politiche della Persona della Regione Basilicata, Flavia Franconi, ha presieduto questo pomeriggio a Potenza una riunione operativa convocata d’urgenza a seguito del sequestro preventivo disposto dalla Procura della Repubbli...-->continua

19/07/2018 - L’Abbate (M5S) su direttiva UE pratiche commerciali sleali

Audizione del vicepresidente della Commissione Agricoltura Ue De Castro alla Camera dei Deputati. L’Abbate (M5S): direttiva che va nella giusta direzione di difesa della parte debole della filiera alimentare, gli agricoltori

Si è tenuta nelle commissi...-->continua

19/07/2018 - Valvano (Melfi)-inceneritore Rendina ex Fnice: forse siamo di fronte a una svolt

“Finalmente una buona notizia sull’inceneritore di Melfi. Dopo numerosi scontri, contenziosi, denunce e richieste di sequestro che Io stesso ho presentato all’autorità giudiziaria (l’ultima segnalazione risale al 04/05/2018), il provvedimento di sequestro disp...-->continua

19/07/2018 - Fenice, Bolognetti: Bene sequestro impianti

Non posso che plaudire alla decisione del Gip del Tribunale di Potenza, che ha disposto il sequestro degli impianti di messa in sicurezza e bonifica dello stabilimento Rendina Ambiente, ex Fenice. Meglio tardi che mai, verrebbe da aggiungere. Da quasi venti an...-->continua






WEB TV
Dice che era un bel torrente ma non andava più al mare
di Mariapaola Vergallito

“Dice che era un bel progetto e serviva a creare/ la deviazione di un torrente per distrarlo dal mare; ma dall’idea alla realizzazione passarono 40 anni, giusto il tempo di essere deviata e l’acqua cominciò a far danni”.

Scusate, non ho resistito. E’ 4 marzo, del resto, e chiedo scusa a Lucio Dalla per questa scapestrata citazione. C’è qualcun altro, però, che dovrebbe chiedere scusa, oggi. Proprio oggi che il torrente Sarmento, deviato in parte dal suo corso naturale, immette un bottino idrico di 80 milioni di metri cubi in più all’anno nel grande invaso di Montecotugno. Serve a completare lo schema idrico del Sinni, per un progetto cominciato negli anni Settanta, quando la Democrazia Cristiana e il Partito Comunista erano i due grandi partit...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo