HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Fonti rinnovabili, la Regione modifica la disciplina

11/08/2017

Al fine di assicurare la tutela dei beni paesaggistici presenti nel territorio regionale, nonché per conciliare le politiche di tutela dell’ambiente e del paesaggio con quelle di sviluppo e valorizzazione delle energie rinnovabili la Regione Basilicata sta provvedendo a modificare le leggi regionali disciplinanti il corretto inserimento nel territorio regionale degli impianti alimentati da fonti rinnovabili.
Lo fa sapere l’assessore all’Ambiente, Francesco Pietrantuono.
Nel sottolineare la necessità di garantire una corretta applicazione delle norme regionali vigenti emanate per tutelare l’ambiente, per soddisfare gli obiettivi delle politiche energetiche regionali e nazionali e per assicurare l’approvvigionamento energetico, l’esponente della Giunta Pittella tiene ad evidenziare che la Regione ha esercitato e vuole continuare ad esercitare tutti i poteri conferiti dalle leggi nazionali per lo sviluppo delle fonti rinnovabili senza omettere di tutelare l’ambiente, i cittadini e il paesaggio.
Infatti già con la legge regionale n. 1/2010 ha approvato il PIEAR, unico strumento di programmazione teso alla individuazione delle aree idonee e non idonee, che seppure redatto prima dell’emanazione delle linee guida nazionali anticipava le previsioni ivi indicate, integrato con le successive leggi regionali da ultimo la n. 54/2015.
La Regione - aggiunge Pietrantuono - ha mostrato sempre particolare attenzione alla salvaguardia del territorio e dei cittadini assumendo atti e provvedimenti amministrativi tesi allo sviluppo sostenibile che purtroppo talvolta non hanno conseguito i risultati auspicati.
Nonostante ciò è intenzione di questa Amministrazione regionale - dice Pietrantuono -continuare a tutelare e proteggere il proprio territorio e i suoi abitanti con l’attività legislativa ed amministrativa che si sta apprestando a fare modificando al legge regionale n. 8/2012 restringendo l’estensione dell’utilizzo della procedura abilitativa semplificata (P.A.S. ) agli impianti alimentati da fonti rinnovabili fino a 200kW e dettando ulteriori prescrizioni, già contenute nel PIEAR , approvato con la L.r. n. 1/2010 e integrato con la L.R. n. 54/2015. Prescrizioni che si sostanziano nella individuazione della possibile ubicazione degli impianti delle caratteristiche dimensionali che devono avere gli stessi per utilizzare la PAS che nell’ipotesi di mancato rispetto delle condizioni stabilite per l’ utilizzo della PAS troverebbe applicazione della procedura di autorizzazione Unica ( AU) sancita dall’art. 6 comma 9 del Dlgs 28/2011.
Con la modifica della legge regionale n. 8/2012 si è voluto disciplinare anche il corretto inserimento nel territorio regionale degli impianti aventi potenza nominale inferiore ai limiti stabiliti dalla tabella A) dell’art. 12 comma 5 del D.lgs 387/2003 per i quali è prevista la sola procedura abilitativa semplificata ai sensi dell’art. 6 del D.lgs 28/2011.
Per le stesse finalità si è proceduto a modificare la legge regionale n. 1/2010 in particolare l’appendice A) e la legge regionale n. 54/2015 sottolineando che gli allegati della L.R. 54/2015 relative alle aree e siti non idonei costituisco parte integrante e sostanziale del PIAER.



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
20/07/2018 - Sanità, Ugl Matera: “Continueremo ad abbaiare alla luna”

“La sanità lucana risulta fanalino di coda tra le Regioni italiane, come evidenziato da un Rapporto de la Repubblica in riferimento ai tempi di risposta alle chiamate del 118. Questo dato negativo si aggiunge ai lunghi tempi di attesa per l’erogazione delle prestazione sanit...-->continua

20/07/2018 - Rocco Tauro -FdI.Consorzio di Bonifica: Governo regionale imbranato!

"Annus horribilis" questo anno 2018 per il governo regionale.
Dopo il ritardo nella approvazione del bilancio di previsione corrente, dopo il terremoto giudiziario, ancora nel suo momento più vivo, e tante altre disavventure, altra mazzata micidiale per lo...-->continua

19/07/2018 - Fca, Spera (Ugl): “Importante accordo per Pomigliano d’Arco e Nola”

“Oggi, presso il ministero del Lavoro, è stato raggiunto un importante accordo per la proroga degli ammortizzatori sociali di ulteriori 12 mesi per gli stabilimenti FCA di Pomigliano D’Arco e Nola”.
Lo afferma il Segretario Generale Ugl Metalmeccanici, An...-->continua

19/07/2018 - Sequestro eliambulanze: riunione operativa presieduta da Franconi

La vice presidente e assessore alle Politiche della Persona della Regione Basilicata, Flavia Franconi, ha presieduto questo pomeriggio a Potenza una riunione operativa convocata d’urgenza a seguito del sequestro preventivo disposto dalla Procura della Repubbli...-->continua

19/07/2018 - L’Abbate (M5S) su direttiva UE pratiche commerciali sleali

Audizione del vicepresidente della Commissione Agricoltura Ue De Castro alla Camera dei Deputati. L’Abbate (M5S): direttiva che va nella giusta direzione di difesa della parte debole della filiera alimentare, gli agricoltori

Si è tenuta nelle commissi...-->continua

19/07/2018 - Valvano (Melfi)-inceneritore Rendina ex Fnice: forse siamo di fronte a una svolt

“Finalmente una buona notizia sull’inceneritore di Melfi. Dopo numerosi scontri, contenziosi, denunce e richieste di sequestro che Io stesso ho presentato all’autorità giudiziaria (l’ultima segnalazione risale al 04/05/2018), il provvedimento di sequestro disp...-->continua

19/07/2018 - Fenice, Bolognetti: Bene sequestro impianti

Non posso che plaudire alla decisione del Gip del Tribunale di Potenza, che ha disposto il sequestro degli impianti di messa in sicurezza e bonifica dello stabilimento Rendina Ambiente, ex Fenice. Meglio tardi che mai, verrebbe da aggiungere. Da quasi venti an...-->continua






WEB TV
Dice che era un bel torrente ma non andava più al mare
di Mariapaola Vergallito

“Dice che era un bel progetto e serviva a creare/ la deviazione di un torrente per distrarlo dal mare; ma dall’idea alla realizzazione passarono 40 anni, giusto il tempo di essere deviata e l’acqua cominciò a far danni”.

Scusate, non ho resistito. E’ 4 marzo, del resto, e chiedo scusa a Lucio Dalla per questa scapestrata citazione. C’è qualcun altro, però, che dovrebbe chiedere scusa, oggi. Proprio oggi che il torrente Sarmento, deviato in parte dal suo corso naturale, immette un bottino idrico di 80 milioni di metri cubi in più all’anno nel grande invaso di Montecotugno. Serve a completare lo schema idrico del Sinni, per un progetto cominciato negli anni Settanta, quando la Democrazia Cristiana e il Partito Comunista erano i due grandi partit...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo