HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Carcere Matera, Grippo (Ugl Polizia Penitenziaria):”Situazione allarmante”

10/08/2017

“Il carcere di Matera è in uno stato di emergenza perenne, la carenza di personale di Polizia Penitenziaria, sta mettendo a dura prova le pochissime unità che espletano il servizio con la copertura di doppio e triplo posto di servizio con relativi accorpamenti dei reparti detentivi: la gestione detenuti stà diventando ingestibile e rischiosa”.
Forte è la denuncia del segretario regionale dell’Ugl Basilicata Polizia Penitenziaria, Giovanni Grippo per il quale, “I baschi verdi sono stanchi, sono vittime di una gestione non più sopportabile e rinviabile. Una sola unità nello stesso turno si trova ad espletare alcuni posti di servizio come: Addetto avvocati e magistrati, Addetto infermeria, Addetto vigilanza educatori, psicologo, ministro FI culto, Addetto Attività Sportive e ricreative detenuti, perquisizione detenuti in arrivo e in partenza, Addetto Cucina detenuti e sezione nuovi giunti, e chi più ne ha più ne metta. Altra situazione particolare e pericolosa, proprio per la specificità del servizio – prosegue Grippo - è l'espletamento della Sorveglianza Generale assegnata agli Assistenti Capo, quest'ultimi non titolati a svolgere tale servizio: gli accordi sottoscritti tra le parti nel PIL di Marzo 2016 imponeva la copertura del posto di servizio della Sorveglianza Generale h/24 a personale del ruolo dei sottufficiali, in particolare esigenze di servizio. Tale presenza doveva essere assicurata dalle ore 08,00/24,00, in quest'ultimo periodo la presenza dei sottufficiali è completamente sparita sia nei turni notturni, sia nei turni pomeridiani. Adesso si è colmi, siamo alla frutta, sono spariti anche nel turno di mattina, accollando la Sorveglianza Generale agli Assistenti Capo. Altra situazione preoccupante, è la carenza di personale Addetti ai colloqui familiari detenuti il quale trovano difficoltà a svolgere tale servizio e a tutto ciò si aggiunge la continua richiesta da parte della Sorveglianza Generale a trattenere giornalmente il personale oltre le otto ore di servizio fino a dodici/tredici ore dei servizio, in netto contrasto con le norme che disciplinano l'orario lavorativo dei dipendeti, ad aumenterebbe stress e frizioni tra il personale. Esiste una cronica mancanza di climatizzatori nei corpi di guardia del personale dove alcuni di questi sono dei veri e propri ‘loculi di cimitero’ privi di finestra che con queste temperature diventano forni crematori, ( personale di Polizia Penitenziaria torturati nella dignità professionale). Termino – dichiara il segretario Grippo - chiedendo alla Segreteria Nazionale Ugl, al Sig. Prefetto di Matera, al Provveditore Regionale della Puglia/Basilicata, al Direttore della Casa Circondariale di Matera, di intervenire con urgenza al fine di sanare definitivamente tutte queste situazioni denunciate prima che accade l'irreparabile”.




archivio

ALTRI

La Voce della Politica
11/12/2017 - Braia: Arieti merinizzati italiani, Basilicata punta su miglioramento genetico

“Grande l’interesse mostrato dagli oltre 200 allevatori partecipanti all’asta svoltasi presso il Centro Selezione di Laurenzana, punta di orgoglio della zootecnia lucana che mira a rafforzare le attività di miglioramento genetico non solo per la razza podolica, ma anche pe...-->continua

10/12/2017 - G.Rosa su assemblea FdI di Policoro

Si è tenuta ieri, a Policoro, l'assemblea cittadina di FdI. Dopo il grande successo del congresso nazionale, riprende l'attività di strutturazione sul territorio per garantire la democrazia e la funzionalità delle articolazioni territoriali del partito.
<...-->continua

9/12/2017 - Fronte Democratico su FCA Melfi

Dopo la richiesta di Lacorazza e Giuzio, che segue altre iniziative consiliari di cui sempre con il consigliere Lacorazza siamo stati promotori, la giunta presenterà, il prossimo 13 dicembre, una comunicazione sulla situazione dello stabilimento di Melfi FCA. ...-->continua

9/12/2017 - Rocco Tauro (FdI) su certificazione antimafia

Ma è possibile che la burocrazia italiana non ha mai un limite, e che gli stessi legislatori fanno di tutto per aumentare le difficoltà ai cittadini, quando questi sono costretti a venire a contatto con essa?
Ultima in ordine di tempo è la decisione pr...-->continua

8/12/2017 - Braia: Cultura, educazione alimentare, ambiente e salute: verso la carta di Mate

“Nella sfida di investire di più e meglio sia sull’uso razionale del bene terra e delle risorse naturali e sull’uso consapevole del cibo per contrastare lo spreco alimentare, il comparto agricoltura gioca un ruolo chiave per chi il cibo lo produce e per chi lo...-->continua

8/12/2017 - No triv su permesso ricerca Masseria La Rocca

La Regione Basilicata in queste ultime settimane ha dato un altro assaggio della sua insipienza politico-amministrativa che, specie nel settore della tutela ambientale, sappiamo essere decisamente profonda. Infatti, nonostante siano decorsi oltre sei mesi dall...-->continua

7/12/2017 - G.Rosa su assunzioni manager Appule Lucane

È di qualche giorno fa la denuncia a mezzo stampa di una sigla sindacale che evidenzia gravi anomalie nelle assunzioni delle Fal S.r.l che rischiano di avere ripercussioni sui servizi ai cittadini, come se non bastassero i disservizi dovuti ai ritardi nei lavo...-->continua







WEB TV

Warning: mysql_data_seek(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in D:\inetpub\webs\lasiritideit\canestro.php on line 628
Se la tecnologia aumenta il baratro tra le generazioni
di Mariapaola Vergallito

Poco tempo fa mi ha fatto riflettere lo slogan usato a chiosa di una pubblicità della Samsung sulla realtà virtuale. Per intenderci: quello spot (molto bello, per la verità) in cui si vedono alcuni studenti correre su una pianura in mezzo ai dinosauri ma, in realtà, sono nella loro classe. Alla fine di quello spot lo slogan recitava più o meno così: quello che per la generazione precedente era impossibile, la generazione successiva lo ha già realizzato. Vero e inquietante.

Sono nata all’inizio degli anni Ottanta. Ho vissuto la mia infanzia e la mia adolescenza, periodi cruciali per la vita di ognuno, tra gli anni Ottanta e gli anni Novanta, anni in cui gli strumenti che avevamo per approcciarci al mondo e, soprattutto, per far entrare il mon...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo