HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Interrogazione Pedicini M5s su prestito di circa 250 milioni alla Reg.ne Basilic

17/07/2017

L'eurodeputato del M5S Piernicola Pedicini ha presentato un'interrogazione dedicata al prestito di circa 250 milioni di euro che la Bei (Banca europea per gli investimenti) a febbraio 2016 ha concesso alla Regione Basilicata per finanziare una serie di interventi nel settore della difesa del suolo e del dissesto idrogeologico.
L'europarlamentare ha chiesto alla Commissione europea di sollecitare la Bei affinché renda maggiori informazioni pubbliche sulle caratteristiche precise degli interventi previsti dal programma finanziato dal prestito, sulle modalità di monitoraggio che verranno eseguite per controllare l'esecuzione dei lavori e sui risultati che si otterranno.
Pedicini ha specificato che l'interrogazione è stata presentata a seguito di ripetute denunce, presentate nel corso degli anni, riguardo lo sperpero di denaro pubblico nel settore dei lavori per i dissesti idrogeologici e sull’uso irresponsabile dei fondi nella regione Basilicata.
Pertanto - ha scritto - è necessario rafforzare l’attività di comunicazione della Banca europea nei confronti dei cittadini, visto quanto già espresso in una Risoluzione del Parlamento europeo sulla Relazione annuale relativa al controllo delle attività finanziarie della Bei per il 2015.
Negli anni Ottanta - ha specificato l'eurodeputato - la Basilicata usufruì di un piano di finanziamenti di circa 400 miliardi di lire rivenienti dal Fio (Fondo per gli investimenti e l’occupazione), per la messa in sicurezza dei fiumi lucani e per il dissesto idrogeologico. Già allora, durante e dopo i lavori, ci furono numerose segnalazioni che misero in evidenza l’assenza di trasparenza nell’utilizzo dei fondi, la mancanza di controlli relativi ai reali interventi, la negligenza nella esecuzione dei lavori e un evidente e sostanziale spreco di soldi pubblici.
Inoltre - ha precisato Pedicini - a causa di alcuni interventi sbagliati e inopportuni fu provocata la distruzione di numerose e fiorenti attività agricole, di località Giardini nel comune di Grassano, che ricadevano nei terreni a ridosso del fiume Basento e rappresentavano un’importante fonte di reddito per decine di famiglie.
L'interruzione delle attività agricole si verificò, nel corso degli anni, dopo che il Consiglio regionale della Basilicata, con una delibera dell'anno 2002, decise che doveva essere interrotta l’attività estrattiva di materiale inerte dal letto del Basento nel tratto del comune di Grassano. Tale scelta provocò la mancata manutenzione del fiume e la mancata rimozione del materiale in eccesso, fino al punto che i terreni vennero invasi dai detriti e dall'acqua.

PIERNICOLA PEDICINI - Eurodeputato del M5S



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
24/06/2018 - Iallorenzi:i cittadini di Satriano sono un bancomat elettorale

I Cittadini di Satriano sono diventati un bancomat per la giunta che amministra il paese. Lo dico dal 2013, le scelte in materia finanziaria e contributiva su alcuni ambiti quali, Rifiuti e servizi a domanda semplice, hanno tassato i cittadini di Satriano piu’ di quanto acca...-->continua

23/06/2018 - I lavori del consiglio comunale di Pisticci

Il Consiglio Comunale di Pisticci si è riunito a Marconia per una seduta ordinaria incentrata su ben nove punti all’ordine del giorno: la massima assise cittadina si è aperta con un minuto di silenzio per la prematura scomparsa di un giovane pisticcese, travol...-->continua

23/06/2018 - Il parco risponde all’ennesimo attacco di Legambiente

“L’attenzione riservata da Legambiente Basilicata, e dal responsabile delle aree protette, al Parco Nazionale dell’Appennino Lucano è giunta ormai ai livelli della insostenibilità, sia per le falsità con le quali si riempiono giornali e dossier (nei quali l’as...-->continua

22/06/2018 - L’Ordine dei Giornalisti della Basilicata su scomparsa di Leonardo Sacco

La scomparsa di Leonardo Sacco lascia un vuoto enorme nel mondo della cultura in Basilicata.
Studioso, giornalista, ma soprattutto memoria storica e coscienza critica di Matera, della Basilicata, del Mezzogiorno d’Italia, Sacco è stato un grande testimone ...-->continua

22/06/2018 - Comitato Metasiris: parte anche la raccolta firme su Change.org

“Ciò che è emerso dalla risposta della Rai al Consigliere Regionale Gianni Leggieri è una verità che da tempo stiamo evidenziando. Tante persone, senza ragione ma per voci non fondate e non sancite da alcun atto formale, davano per scontato il Capodanno a Veno...-->continua

22/06/2018 - Psr: due milioni di euro ai Comuni, firmati i decreti della misura 7.4

“Si parte con l’attuazione delle 21 progettualità finanziabili con le risorse appostate relative ai servizi nei comuni. Firmati oggi i decreti di concessione della Misura 7.4 del Psr Basilicata 2014-2020”.
Lo comunica l’assessore regionale alle Politiche a...-->continua

22/06/2018 - ‘La Provincia di Potenza non dimentichi la periferia dell'impero’

E' la storia di sempre che si ripete. Più lontani si è dal sole e meno ci si conta. E la Provincia di Potenza e suoi comuni di competenza non sfuggono a questa ferrea legge del "sole che scalda chi è più vicino".
Se poi mettiamo che Terranova del Pollino è...-->continua






WEB TV
Dice che era un bel torrente ma non andava più al mare
di Mariapaola Vergallito

“Dice che era un bel progetto e serviva a creare/ la deviazione di un torrente per distrarlo dal mare; ma dall’idea alla realizzazione passarono 40 anni, giusto il tempo di essere deviata e l’acqua cominciò a far danni”.

Scusate, non ho resistito. E’ 4 marzo, del resto, e chiedo scusa a Lucio Dalla per questa scapestrata citazione. C’è qualcun altro, però, che dovrebbe chiedere scusa, oggi. Proprio oggi che il torrente Sarmento, deviato in parte dal suo corso naturale, immette un bottino idrico di 80 milioni di metri cubi in più all’anno nel grande invaso di Montecotugno. Serve a completare lo schema idrico del Sinni, per un progetto cominciato negli anni Settanta, quando la Democrazia Cristiana e il Partito Comunista erano i due grandi partit...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo